Lugo. Nasce una favola dai gruppi di lavoro del laboratorio Labassaromagna2020.

Lugo. Nasce una favola dai gruppi di lavoro del laboratorio Labassaromagna2020.
mi dai una spinta?

LUGO. La favola nasce come idea all’interno dei gruppi di lavoro del laboratorio partecipativo Labassaromagna2020 promosso nel 2014 dall’Area Welfare dell’Unione dei comuni della Bassa Romagna nell’ambito della sperimentazione regionale ‘Community Lab‘, metodologie per innovare la pubblica amministrazione e di programmazione partecipata per un welfare di comunità.

Nella mattinata, dopo la lettura animata del libro sono previsti interventi sui temi della programmazione sociale, della cura e dell’integrazione socio-sanitaria, testimonianze di affido e laboratori ludici-espressivi per bambini con letture animate. Parteciperanno al dibattito tra gli altri Augusta Nicoli (Agenzia sanitaria e sociale della Regione Emilia-Romagna), Marisa Bianchin (distretto sanitario di Lugo), Elena Zannoni (associazione Bambini dal mondo), Chiara Alluisini (Fondazione Marcegaglia onlus), Monica Pedroni (Servizio Politiche familiari infanzia e adolescenza della Regione Emilia-Romagna). Saranno presenti anche gli autori del libro.

Affido e accoglienza sono temi di cui si parla poco e in modi che spesso spaventano e allontanano dai servizi le persone che potrebbero avere il desiderio di mettersi in gioco: il gruppo che ha lavorato a questo progetto era composto dalle associazioni del territorio che si occupano di affido e accoglienza, operatori sociali e pedagogisti, famiglie affidatarie, famiglie di origine e ragazzi che hanno vissuto questa esperienza.

All’interno del gruppo è maturata l’idea che una favola potesse essere il mezzo giusto per parlare di affido, promuoverne la cultura nella comunità e raccontare la storia di una bambina e della famiglia affidataria che l’ha accolta. L’obiettivo era avere tra le mani un libro da leggere ai bambini, alle famiglie e alle persone per iniziare a parlare di questo argomento in situazioni e contesti diversi facendo quindi crescere la cultura e la conoscenza rispetto a questa preziosa forma di solidarietà. Ascoltando le narrazioni delle storie personali dei partecipanti, il gruppo, con l’aiuto degli autori e dell’illustratore, ha trasformato in parole e immagini le cose ascoltate e raccontate.

Il libro sarà distribuito gratuitamente nelle scuole, nei servizi, nelle biblioteche dell’Unione e potrà essere acquistato durante la giornata e successivamente nelle librerie. Redazione e stampa del libro sono stati realizzati in collaborazione con l’associazione Bambini dal Mondo e la cooperativa Zerocento. Il progetto è stato finanziato anche dalla Fondazione Marcegaglia Onlus.

Ti potrebbe interessare anche...