Rimini. Ex cinema- teatro Astoria: approvato il progetto per il recupero dello storico contenitore culturale.

Rimini. Ex cinema- teatro Astoria: approvato il progetto per il recupero dello storico contenitore culturale.
cinema-teatro Astoria (immagine editoriale)

RIMINI.  L’edificio, che venne realizzato agli inizi degli anni Settanta dall’ architetto Vinicio Vecchi con linguaggio modernista e con pregevoli dettagli architettonici, all’epoca fu pensato sia come cinema sia come teatro per la città, anche se non ha mai assolto a quest’ultima funzione a causa del mancato completamento di alcune componenti impiantistiche.

Negli anni passati il cinema Astoria è sempre stato un punto di riferimento culturale importante per i cittadini grazie alla sua offerta: le due sale consentivano proiezioni in contemporanea per una capienza complessiva di 1.180 persone, suddivise tra gli 860 posti della sala grande e i 334 posti della sala piccola, oltre ad ulteriori spazi per uso multifunzionale.

Il cinema di via Euterpe è rimasto aperto fino al giugno 2008, data in cui il privato che aveva in gestione la struttura ha cessato l’attività. Lo scorso anno, dopo essere tornata in possesso dell’immobile, l’Amministrazione comunale ha messo in atto un primo intervento di riqualificazione e rifunzionalizzazione del foyer, che ha consentito di ospitare nella struttura laboratori teatrali e altre attività.

Il progetto preliminare ora approvato dalla giunta prevede di utilizzare l’intero foyer (300 mq) come spazio polivalente, mentre la sala piccola al piano terra (334 posti) sarà destinata a proiezioni cinematografiche e rappresentazioni teatrali. Gli altri spazi saranno da adibire a co-working e altre attività artistiche e culturali.

Nello specifico i lavori prevedono la bonifica, la riqualificazione e la rifunzionalizzazione del foyer e della sala; il rifacimento totale della copertura con realizzazione di impianto fotovoltaico da 20 KW circa (finanziato con contributi POR FESR regionali); l’adeguamento alla normativa in materia di abbattimento delle barriere architettoniche e igienico-sanitaria; infine l’adeguamento delle dotazioni impiantistiche e strutturali. Per finanziare i lavori, la Giunta ha stanziato per il 2017 risorse per 500 mila euro.

Ti potrebbe interessare anche...