Cattolica. In arrivo i primi grandi ospiti della kermesse sportiva. Da oggi a sabato prossimo.

Cattolica. In arrivo i primi grandi ospiti della kermesse sportiva. Da oggi a sabato prossimo.
Cattolica

CATTOLICA. Si ricorda infatti che – come da comunicato stampa inviato sabato scorso – avrà luogo questa sera l’apertura ufficiale della IV edizione dei Giochi della Legalità – Primo Festival Nazionale della Cultura Sportiva, organizzati dall’Associazione Culturale ‘Rimbalzi Fuori Campo’.

Nell’invitare Vostri operatori e – o fotocineoperatori all’evento, che consisterà nell’inaugurazione della mostra ‘La Leggenda Granata’ presso il Palazzo del Turismo (via Mancini, 24 – Cattolica) e nella successiva presentazione del festival presso il vicino Mondadori Corner, con la partecipazione, tra gli altri, di amministratori locali, di Giorgio Comaschi ed Eraldo Pecci, dei vertici dell’Associazione e di altri importanti ospiti, si informa che entro le ore 19:30 sarà inviata una fotonotizia con alcuni brevi cenni relativi all’evento.

Si ricorda che sempre stasera, dalle ore 21, in piazza Primo Maggio, si svolgerà un talk show sul ‘Grande Torino’ con Luciano Castellini, Francesco Graziani, Eraldo Pecci, Patrizio Sala, Gian Paolo Ormezzano. Presenti le telecamere di Sky Sport.

I PERSONAGGI DEL GIORNO

Luciano Castellini. Cresciuto nelle file del Monza dove ha militato in Serie B e Serie C, Nel 1970 va al Torino ed è subito titolare. Coi granata resta otto stagioni vincendo scudetto e coppa Italia. Nel 1978 il Torino, dopo aver acquistato l’anno precedente Giuliano Terraneo, cede Castellini al Napoli. Coi partenopei gioca sette stagioni, con al suo attivo 202 gettoni di campionato, ritirandosi nel 1985. Detiene inoltre il record di imbattibilità interna della storia del campionato di Serie A, conseguito sempre con la maglia napoletana.

Francesco ‘Ciccio’ Graziani. Cresciuto nel Bettini Quadraro, passa all’Arezzo e poi al Torino nel 1973. Con la società granata Graziani disputò otto stagioni, esordendo in Serie A il 18 novembre 1973 contro la Sampdoria. 289 partite con il Torino segnando 122 gol e vincendo lo scudetto nella stagione 1975-76. Formò, in quegli anni, la celebre coppia detta dei Gemelli del gol col compagno di reparto Paolo Pulici (soprannominato Puliciclone). Lasciò i colori granata nel 1981 quando, con il compagno Pecci, raggiunse la Fiorentina dove militò per due stagioni. Campione del mondo con la Nazionale nel 1982. Nel 1983 fu ingaggiato dalla Roma. Dopo due stagioni nelle file dell’Udinese ed un campionato australiano nelle file dell’APIA Leichhardt, chiuse l’attività agonistica.

Eraldo Pecci. Iniziò a giocare a calcio nel Superga 63[1] di Cattolica prima di passare nelle giovanili del Bologna, squadra con cui debuttò in Serie A nel 1972.Affermatosi come centrocampista di regia, nell’estate del 1975 fu acquistato dal Torino. Con i granata vinse lo scudetto nel 1975-1976, collezionando 203 presenze e segnando 16 gol. Nel 1981 lascia Torino e passa alla Fiorentina, insieme al bomber Graziani. A Firenze Pecci milita per quattro stagioni. Nel 1985 viene ceduto al Napoli per poi ritornare la stagione successiva nella squadra che l’aveva visto nascere calcisticamente, il Bologna dove restò fino all’autunno del 1989

Patrizio Sala. Cresciuto nelle giovanili del Monza disputò due campionati di serie C prima di approdare nel 1975 al Torino. È grazie anche al suo apporto dinamico, unitamente alle intelligenti geometrie di Eraldo Pecci e la sagacia tattica di Renato Zaccarelli, che il Torino poté contare sul miglior centrocampo della Serie A aggiudicandosi così lo storico scudetto 1976.
La grande stagione 1975-76 gli spalancò le porte della nazionale, ma in azzurro ebbe sempre poco spazio, chiuso irrimediabilmente da Romeo Benetti. Per esigenze di bilancio venne ceduto alla Sampdoria in Serie B nel 1981. Dopo alcuni anni tra Toscana, Fiorentina (1982-1983) e Pisa (1983-1984), l’approdo a Cesena ove militò per quattro anni (dal 1984 al 1988), tornando in serie A. Concluse la sua carriera nel Parma in serie B.

Gian Paolo Ormezzano. Giornalista, scrittore e personaggio televisivo, è stato direttore responsabile di Tuttosport, editorialista de La Stampa, ed è tuttora commentatore di molte trasmissioni televisive in qualità di giornalista nonché convinto tifoso del Torino. Da settembre 2015 è opinionista per 90º minuto.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI DOMANI, MARTEDÌ 12 LUGLIO

Si parte alle 10 presso il Mondadori Corner con ‘Colazione con Eraldo’: Eraldo Pecci, mitico calciatore del Torino, del Bologna e della Nazionale, insieme a Giorgio Comaschi, giornalista, scrittore, grande amante dello sport e direttore artistico del Festival, chiacchiererà con tutti coloro che avranno voglia di fargli qualche domanda sorseggiando un buon caffè: un appuntamento che si ripeterà tutti i giorni fino a sabato. Stessa location alle ore 18 con la presentazione del libro ‘La tifosa di Messi’, con Francesca Mazzei e la ‘sua’ Nazionale Italiana Calcio Amputati. Quindi alle ore 21 spostamento in piazza Primo Maggio per due eventi uno in fila all’altro: prima ‘I Cantaglorie’ con Ormezzano, poi, alle 22, uno spettacolo teatrale scritto e interpretato dal giornalista stesso.

Ti potrebbe interessare anche...