Gambettola. Nasce la Bottega del Carnevale.

Gambettola. Nasce la Bottega del Carnevale.
foto inaugurazione

Gambettola (FC). Sabato 1 ottobre è stata inaugurata la nuova sede di Gambettola Eventi e della scuola della cartapesta nell’area dei capannoni del Carnevale. Un nuovo spazio di circa 250 mq dove realizzare attività di formazione a disposizione dei gambettolesi.

“Abbiamo deciso di investire – dichiara il sindaco Roberto Sanulli – 80 mila euro per rendere fruibili i locali attigui ai capannoni del carnevale e far si che questi nuovi spazi, oltre ad ospitare la sede stabile della scuola di cartapesta, siano una risposta alle esigenze di tutte quelle associazioni che organizzano attività formative rivolte ai giovani. Penso che questi nuovi gli spazi debbano rappresentare un punto di riferimento fruibile tutto l’anno, una ulteriore opportunità a disposizione dei gambettolesi”.

“Considero – continua il sindaco – particolarmente appropriato il nome individuato per questa nuova struttura: la Bottega del Carnevale; almeno per due ragioni. La prima, il richiamo al Carnevale di Primavera, che affonda le proprie radici in 130 anni di storia e rappresenta un’eccellenza gambettolese, che ha contribuito a far apprezzare e conoscere la nostra città oltre i confini della Romagna e della Regione. La seconda, il termine Bottega; il luogo dove nella tradizione artigiana si impara un mestiere, si sviluppa la creatività e soprattutto si usano le mani, per favorire la consapevolezza di essere capaci di avvalersi delle proprie mani, un modo per contribuire a ridare dignità alla manualità, al lavoro manuale coinvolgendo i più giovani”.

“Con l’inaugurazione di oggi – conclude il sindaco – si avvia una nuova fase, che considero ricca di opportunità. Una nuova sfida per Gambettola Eventi e per Anton Roca, anima instancabile della scuola della cartapesta. In questi anni la scuola della cartapesta ha saputo coinvolgere gli alunni delle scuole gambettolesi, dalle materne alle medie; adesso, oltre che continuare l’ottimo lavoro con le scuole, si tratta di riuscire a coinvolgere una platea più ampia che va dagli adolescenti agli adulti”.

Ti potrebbe interessare anche...