Emilia Romagna, credito d’imposta al 50% per le imprese che rimuovono l’amianto.

Emilia Romagna, credito d’imposta al 50%  per le imprese che rimuovono l’amianto.
bonifica amianto. immagine di repertorio

IMOLA.La Cia Agricoltori Italiani di Imola informa che tutte le imprese che effettueranno interventi per la bonifica dell’amianto su fabbricati e capannoni nella loro area produttiva potranno accedere a un credito d’imposta pari al 50%. La Commissione Ambiente del Senato, infatti, ha approvato un emendamento al Collegato Ambiente con l’obiettivo di incentivare le operazioni di bonifica dall’amianto nelle aree produttive che nel corso degli anni non si sono ancora adeguate alla normativa.

Possono beneficiare del credito d’imposta i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali e dal regime contabile adottato, che effettuano interventi di bonifica dall’amianto, su beni e strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2016. I fondi disponibili ammontano a 17 milioni di euro.

Sono ammessi al credito d’imposta gli interventi di rimozione e smaltimento, anche previo trattamento in impianti autorizzati, dell’amianto presente in coperture e manufatti di beni e strutture produttive ubicati nel territorio nazionale effettuati nel rispetto della normativa ambientale e di sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono ammesse, inoltre, le spese di consulenze professionali e perizie tecniche. Sono considerate eleggibili le spese per la rimozione e lo smaltimento, anche previo trattamento in impianti autorizzati, di lastre di amianto piane o ondulate, coperture in eternit; tubi, canalizzazioni e contenitori per il trasporto e lo stoccaggio di fluidi, ad uso civile e industriale in amianto; sistemi di coibentazione industriale in amianto.

Il credito d’imposta è riconosciuto nella misura del 50% delle spese sostenute per gli interventi effettuati dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 e spetta a condizione che la spesa complessiva sostenuta in relazione a ciascun progetto di bonifica, unitariamente considerato, sia almeno pari a 20.000 euro.

L’ammontare totale dei costi eleggibili è, in ogni caso, limitato all’importo di 400.000 euro per ciascuna impresa.

Le domande al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare devono essere presentate, esclusivamente on line, dal 16 novembre 2016 al 31marzo 2017.

 

Ti potrebbe interessare anche...