Calcio ravennate. Dopo Broso, Lelj. Per la seconda volta, il Ravenna trova gol decisivi nel recupero.

16 gennaio 2017 0 commenti
Calcio ravennate. Dopo Broso, Lelj. Per la seconda volta, il Ravenna trova gol decisivi nel recupero.
Le due formazioni schierate

RAVENNA. Dopo Broso, Lelj. Per la seconda domenica di fila, il Ravenna trova gol decisivi nel recupero. E se quella di Rignano è servita ad evitare la sconfitta, la rete di oggi ha permesso di battere un coriaceo Fiorenzuola, sceso al Benelli con una serie aperta di tre vittorie, e capace di far soffrire il Ravenna e costringerlo a subire una lunga pressione per quasi tutta la ripresa. Vittoria pesantissima, questa, perché permette ai giallorossi di incasellare il decimo risultato utile consecutivo e di ridurre a tre i punti di distacco dalla vetta in attesa del recupero Imolese-Delta Rovigo.

La cronaca E’ proprio di Lelj la prima incursione in area del match, il Fiorenzuola si salva in angolo. Al 10’ Bouhali solca la fascia destra, entra in area e tira in porta: Venturi c’è. Al 18’ il Ravenna passa: cross col contagiri di Ballardini, Luzzi annulla i centimetri di differenza prendendo il tempo a tutti e insaccando di testa. L’imbattibilità di Vagge si ferma a 307’. Lo stesso Luzzi ci prova un minuto dopo su azione fotocopia (il suggerimento questa volta è di Broso) ma al momento dello stacco viene forse ostacolato e manca l’impatto col pallone. Le azioni del primo tempo finiscono qui, ma non sfugge come il Fiorenzuola stia prendendo campo e salendo di tono. La seconda frazione si apre col blitz di Broso che al 2’ calcia sul fondo un invitante pallone in piena area.
Il Fiorenzuola accentua la pressione, trasformandola in un vero e proprio assedio alla porta giallorossa, messa in pericolo dai tiri di Contini e Guglieri, salvata letteralmente da Ballardini che al 21’ allontana sulla linea il pallone ripreso da Storchi, e precedentemente respinto da Venturi, ma poi costretta a capitolare al 41’ quando su un imperfetto rilancio della difesa di casa, la palla arriva a Napoli che serve Delporto, libero di calciare a rete. Venturi lo stende in area: rigore solare che Arati trasforma. Sembra finita ma come a Rignano domenica scorsa, il Ravenna trasforma i minuti di recupero nel suo terreno di caccia. Sugli sviluppi di un angolo, Selleri manda in area un pallone su cui Vagge e Pizza combinano la frittata, il pallone arriva a Lelj, dopo il tocco di Pregnolato, che insacca con un tiro lento. Esplode la gioia dei giallorossi e il decimo risultato utile di fila porta con sé la “lode” del distacco ridotto dalla vetta.

Il commento del mister “Abbiamo sofferto tanto, troppo – sono le prime parole di Ivan Piccoli, per il terzo e ultimo turno a sostituire in panchina lo squalificato Antonioli – ma la squadra ha lottato fino all’ultimo secondo e non ha mai smesso di credere nella possibilità di vincere. Il Fiorenzuola si è rivelato un avversario tosto, in forma, con valori importanti e nel secondo tempo ci ha messo in grossa difficoltà. In queste prime due partite del ritorno non ci siamo espressi al meglio sul piano del gioco, ma sono arrivati quattro punti importanti. Dobbiamo analizzare, a partire da martedì, tutto ciò che non è andato bene e lavorare per non commettere più errori, però i ragazzi meritano grandi elogi e complimenti; hanno dato il massimo, messo in campo grande spirito di sacrificio e voglia di lottare. E questa vittoria è il premio per i loro sforzi”.

 

Il tabellino della partita

Ravenna-Fiorenzuola 2-1

RAVENNA (4-3-1-2): Venturi; Ballardini, Mandorlini, Giacomoni (43’ st Graziani), Rrapaj; Guagneli (38’ st Boschetti), Lelj, Selleri; Sabba (9’ st Pregnolato); Luzzi, Broso. A disp.: Spurio, Mingozzi, Voria, Ambrogetti, Grandoni, Innocenti. All.: Piccoli (Antonioli squalif.).
FIORENZUOLA (4-3-3): Vagge; Bouhali, Pizza, Messina, Contini; Pessagno (38’ st Napoli), Arati, Buffagni (13’ st Guglieri); Storchi, Pezzi (32’ st Delporto), Lari. A disp.: Ballerini, Reggiani, Koliatko, Fucarino, Fany Thima, Botchway. All.: Ciceri.

ARBITRO: Paolucci di Lanciano.
RETI: 18’ pt Luzzi, 41’ st rig. Arati, 46’ st Lelj.
NOTE: Ammoniti: Guagneli, Buffagni, Messina, Pregnolato, Arati, Rrapaj, Contini. Spettatori circa 700. Angoli: 3-2. Recupero: 0’ e 3’.

 

Articoli più letti