A Cesena attese opere pubbliche per 110 milioni di euro nel prossimo triennio

A Cesena attese opere pubbliche per 110 milioni di euro nel prossimo triennio
Edificio-Ingegneria-Architettura cesena. immagine di repertorio

CESENA.  Ammonta a oltre 110 milioni di euro – di cui 53 milioni per l’area urbana propriamente intesa –  il programma di opere pubbliche che verranno realizzate nel territorio di Cesena – non solo dal Comune ma anche da altri enti – da qui al 2019.

E’ quanto emerge dal prospetto sugli interventi nel città e nelle periferie che l’Amministrazione comunale ha presentato nei giorni scorsi in occasione di due riunioni con i Presidenti dei Quartieri.

“Abbiamo voluto – spiegano il Sindaco Paolo Lucchi e le Assessore Simona Benedetti (Partecipazione) e Maura Miserocchi (Lavori Pubblici) –  mettere a fuoco l’assetto complessivo e armonico di tutti i principali progetti che  i vari soggetti pubblici concretizzeranno a Cesena  entro questa legislatura, per condividere con i Quartieri le prospettive che interesseranno la città nel prossimo futuro e confrontarci su di esse. Per questo già previsto di avviare, a partire dalla prossima settimana, un’ulteriore serie di incontri con tutti i consigli di quartiere, per approfondire con loro questo programma”.

In tutto sono 75 – conteggiando anche alcuni cantieri già avviati -  gli interventi previsti nel triennio 2017-2019. Di questi 24 si riferiscono all’area del centro urbano, mentre gli altri sono distribuiti sul resto del territorio comunale.

Per il centro urbano l’intervento  più corposo, non solo da un punto di vista finanziario è quello per il completamento del Campus Universitario (39 milioni di euro) promosso dall’Alma Mater Studiorum di Bologna.

Consistente anche il pacchetto varato dal Comune per la riqualificazione degli spazi pubblici, per un importo di 8,8 milioni di euro:  sotto questa voce si trovano il 3° lotto della Malatestiana, la riqualificazione delle tre piazze, il recupero di Casa Bufalini, ma anche la sistemazione di via Pescheria.

E ricadono nell’ambito del centro anche due importanti interventi legati alla sicurezza, vale a dire la creazione nella palazzina dell’ex tribunale della nuova sede della Polizia Municipale (1,2 milioni di euro a carico del Comune) e, soprattutto, la realizzazione del nuovo Commissariato all’interno del Caps (ad opera del Provveditorato interregionale per le Opere Pubbliche per 2,4 milioni di euro). A completare il quadro il progetto scaturito dall’accordo di programma con Cia – Conad per la nuova caserma dei Carabinieri (per una spesa di 4,4 milioni di euro), che però, com’è noto, ricade nel comparto Montefiore.

Fra le opere per così dire ‘minori’ previste nell’area urbana, vale la pena di segnalare alcuni interventi di bonifica della rete idrica e di risanamento fognario nel centro storico programmati da Atersir, con uno stanziamento complessivo di poco più di 200mila euro, e di migliorie energetiche sul alcuni edifici pubblici promosse da Energie per la città con una previsione di 363mila euro (fra essil’intallazione di impianti fotovoltaici sul complesso scolastico Carducci e sulla nuova sede della Polizia Municipale).

Allargando lo sguardo all’intero territorio comunale, il capitolo economicamente più corposo è quello delle strade: quasi 15 milioni di euro che serviranno al Comune per vari interventi, fra cui spicca la manutenzione del viadotto Kennedy (1,5 milioni di euro), la rotonda prevista a Borgo Paglia all’altezza dello svincolo dell’E45 (1 milione di euro) e la rotonda di San Cristoforo (450mila euro).

Importanti le previsioni riguardanti l’edilizia scolastica, con un pacchetto di opere per un importo complessivo di 13 milioni e 835mila euro, nel quale spiccano la nuova palestra di San Giorgio (2 milioni di euro) e gli interventi sulle scuole elementari di Martorano (1 milione e 65mila euro) S. Egidio (2,5 milioni di euro), di San Vittore  (3 milioni e 870mila euro)

Ammonta a oltre 9 milioni di euro l’impegno economico per interventi di risanamento idrico programmati nel prossimo triennio da Atersir: i progetti più significativi sono quelli relativi alla nuova fogna nera di Pievesestina con contestuale collegamento al depuratore centrale (5,3 milioni) e il risanamento delle fognature di Pioppa e Calabrina, per un importo di 2 milioni e 160mila euro.

Sono una ventina  gli impianti fotovoltaici e solari che Energie per la Città intende installare sui tetti delle scuole cesenati nei prossimi 3 anni, con un impegno economico di 597mila euro. Infine, ma non ultimo per importanza, vale la pena di ricordare la prossima nascita del nuovo Parco Urbano Novello, all’interno dell’omonimo quartiere (2 milioni di euro)

Ti potrebbe interessare anche...