Emilia Romagna. Apre ai privati la compagine sociale di Cesena Fiera. Cedute 1mln e 200 mila azioni.

Emilia Romagna. Apre ai privati la compagine sociale di Cesena Fiera. Cedute 1mln e 200 mila azioni.
gente MacFrut

CESENA. Con la pubblicazione del bando di vendita delle azioni, è arrivato al rush finale il percorso per aprire ai privati la compagine sociale di Cesena Fiera. L’operazione, approvata dal Consiglio comunale nell’autunno scorso, prevede la cessione di 1 milione e 200 mila azioni (pari al 60% del capitale sociale), di cui la maggior parte – esattamente  1 milione e 95.675 -  di  proprietà del comune di Cesena; a completare il pacchetto  1.034 azioni del comune di Longiano e 103.291 azioni della provincia di Forlì-Cesena, che in questo modo alieneranno l’intera quota in loro possesso.

UNA TAPPA FONDAMENTALE. “Con questo provvedimento  – sottolineano  gli amministratori– arriviamo a una tappa fondamentale nel processo di rilancio di Cesena Fiera, dopo il decollo del progetto di Macfrut International, l’aumento del capitale sociale, la riqualificazione dei padiglioni fieristici di Pievesestina.
La decisione di aprire la compagine sociale ai privati (pensando  in particolare ai rappresentanti della filiera ortofrutticola e ai player territoriali)  è stata dettata dalla duplice volontà, da un lato, di  rafforzare ulteriormente il legame fra Cesena Fiera e il tessuto imprenditoriale, e dall’altro, di  sviluppare tutte le potenzialità connesse con un importante serbatoio di idee, contributi e progettualità. Per questo abbiamo previsto che la fetta più consistente sia ceduta in pacchetti di dimensioni limitate, in modo da favorire un’ampia diversificazione della basa societaria e un ampio coinvolgimento”.

IL BANDO. Il bando prevede che le azioni poste in vendita siano cedute con due diverse modalità. Un pacchetto di 400.000 azioni, pari al 20% del capitale sociale sarà ceduto in blocco ad un unico soggetto in possesso di una specializzazione imprenditoriale adeguata per sviluppare il core business di Cesena Fiera. La restanti 800 mila azioni messe in vendita – pari al 40% del capitale sociale – saranno suddivise in pacchetti di dimensioni più contenute, da un minimo di 20 mila (pari all’1% del capitale sociale) a un massimo di 100mila (5% del capitale sociale), e messe a disposizione di qualsiasi alto tipo di investitore.

Il prezzo a base d’asta per ogni singola azione ammonta a 1,6 euro, sulla base della perizia predisposta  dalla dottoressa Ester Castagnoli, per un valore complessivo di 1 milione e 920mila euro. Quindi, per quanto riguarda la cessione del pacchetto da 20%, le offerte dovranno essere di importo  complessivo pari o superiore ai 640.000 euro.
Entrambe le tipologie di offerta dovranno essere presentate entro il 28 febbraio, secondo le modalità previste dal disciplinare di gara.
L’apertura delle buste si terrà in seduta pubblica comune di Longiano 0,0517%; comune di Roncofreddo 0,02585%. Con il futuro assetto il comune di Cesena scenderà al 32,3% , ma rimarrà comunque l’azionista con la quota più consistente.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...