Emilia Romagna. Forlì: gestione in house dei rifiuti, per un modello a diretto controllo pubblico.

Emilia Romagna. Forlì: gestione in house dei rifiuti, per un modello a diretto controllo pubblico.
Emilia Romagna. Forlì: gestione in house dei rifiuti, per un modello a diretto controllo pubblico.

 FORLI’. PROGETTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI.  “L’atto approvato  dall’Agenzia territoriale dell’Emilia Romagna rappresenta una tappa fondamentale per la costituzione della nuova società in house che gestirà i rifiuti nei 13 Comuni del territorio forlivese. Prende quindi forma, in modo sostanziale, uno dei progetti strategici che abbiamo avviato, nel perimetro dell’Unione dei comuni della Romagna forlivese.
La gestione in house dei rifiuti ci consentirà di realizzare un modello a diretto controllo pubblico, nel segno della sostenibilità ambientale. Si tratta infatti della concreta applicazione di un progetto strutturale che punta a migliorare la qualità della vita dei cittadini in linea con i principi di una economia circolare fondata sul  riciclo, sul riuso e sul contrasto allo spreco”.
Queste le dichiarazioni del sindaco di Forlì Davide Drei al’indomani dell’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio d’ambito di Atersir, l’Autorità regionale competente, del progetto per la costituzione della nuova società in house che gestirà i rifiuti nei 13 Comuni del territorio forlivese che hanno aderito al progetto.
“Sono molto soddisfatto di questo risultato – aggiunge l’assessore all’Ambiente del comune di Forlì, Nevio Zaccarelli – che giunge al termine di un percorso complesso durato un anno e che da oggi ci consentirà di avviare un confronto con i cittadini del territorio forlivese. Desidero ringraziare il Consiglio comunale, i Sindaci e le Amministrazioni coinvolte per il supporto assicurato, che ci ha consentito di raggiungere questo obiettivo.
Un ringraziamento particolare va a Livia Tellus Romagna Holding, nella persona del suo presidente Gianfranco Marzocchi e dei suoi collaboratori, e naturalmente alla società Contarina, per l’apporto determinante nella costruzione del progetto. Ora ci aspetta un anno di intenso lavoro per arrivare alla realizzazione vera e propria della società che intende offrire un buon servizio e un reale risparmio a tutti i cittadini”.
La delibera approvata  dall’Agenzia territoriale dell’Emilia Romagna per i servizi idrici e rifiuti, ad un anno dall’avvio del confronto, è di fatto l’atto preliminare e indispensabile per arrivare alla creazione della società.
Da questo momento, infatti, il progetto potrà essere portato all’esame di tutti i Consigli comunali del Comuni interessati per l’approvazione e per la successiva costituzione della società, nonché per il conferimento alla società stessa dei servizi di gestione dei rifiuti da parte di Atersir. 

Ti potrebbe interessare anche...