Emilia Romagna. Gambettola. Le ‘radici’ gambettolesi di Federico Fellini al Teatro comunale.

Emilia Romagna. Gambettola. Le ‘radici’ gambettolesi di Federico Fellini al Teatro comunale.
Le radci di Fellini copertina

Gambettola.  Federico Fellini, l’artista italiano del Novecento, se non più importante più famoso nel mondo, e i suoi legami con Gambettola. Di questo si parlerà giovedì 23 febbraio alle ore 21,00 a Gambettola al Teatro comunale con la presentazione del volume ‘Le radici di Fellini romagnolo del mondo di Gianfranco Miro Gori, edito da Il Ponte Vecchio, alla presenza dell’autore e con l’introduzione del sindaco Sanulli.

Il favoloso regista amato dai critici più sofisticati e dal pubblico comune, da una parte, e il piccolo paese della provincia romagnola, che Fellini seppe rendere universale grazie al linguaggio del cinema, dall’altra. Il perché di questo rapporto, sviscerato anche nel volume di Miro Gori, è presto detto: la famiglia paterna di Fellini era originaria di Gambettola. Fellini parlò spesso dei periodi dell’infanzia trascorsi a Gambettola e della nonna paterna Fraschina e di tutti gli episodi legati alla sua infanzia quando durante l’estate tornava al Bosco. Episodi fondamentali, riportati e trascritti ma soprattutto trasposti cinematograficamente, con le pellicole dove trova spazio la casa dei nonni, ancora oggi esistente in via Soprarigossa.È infatti nel film 8½ che Federico Fellini mette in scena il casolare di campagna di Gambettola che lo vede nei panni del protagonista bambino, insieme alla nonna, altre donne e bambini, tutta parlata in dialetto con un memorabile monologo della nonna. Un film universale che trova le sue radici in Romagna, a Gambettola.

L’invincibile desiderio di ritornare nella piccola patria, una volta trasferitosi a Roma a Cinecittà, troverà espressione dunque nei film di Fellini che rendono omaggio alla sua terra attraverso il ricordo dell’infanzia e della giovinezza. E proprio il libro che sarà presentato racconta le immagini e i suoni di questa storia, che tra l’altro trova il suo apice in Amarcord, scritto con un altro grande romagnolo, Tonino Guerra, ma che possiamo ritrovare in tutta la filmografia del regista.

A Gambettola dunque una serata, patrocinata dal comune di Gambettola, per rendere omaggio alle radici gambettolesi del grande Federico Fellini, romagnolo nel mondo.

Ti potrebbe interessare anche...