Emilia Romagna. Successo di ‘Cesena 2017′, con campo di addestramento della Protezione civile.

Emilia Romagna. Successo di ‘Cesena 2017′, con campo di addestramento della Protezione civile.
Prot Civ addestramento 5

CESENA. Adesso a Cesena ci sono circa 150 nuovi giovanissimi ‘Aspiranti volontari della Protezione civile’. Sono gli studenti delle classi terze della scuola secondaria di I grado ‘Viale della Resistenza’ che hanno conquistato la qualifica sul campo, partecipando a tutte le fasi del progetto “Cresciamo sicuri insieme”, a cura del Gruppo comunale volontari di Protezione civile.

 Partito nel gennaio scorso, il progetto ha visto i ragazzi affrontare cinque giornate di addestramento, ognuna contraddistinta da un tema diverso: ‘Terra’ (con il terremoto e la ricerca con le unità cinofile), ‘Fuoco’ (attraverso la conoscenza dei pericoli legati agli incendi e le prove di spegnimento e di evacuazione), ‘Aria (imparando le regole nella vita all’aria aperta e i pericoli della strada), ‘Acqua’ (apprendendo cos’è una alluvione e sperimentando le tecniche di salvamento), ‘Persona’ (parlando della cultura della legalità, del bullismo e della solidarietà ed aiuto verso gli altri).
Ma il percorso è terminato con una prova davvero speciale (e impegnativa): sperimentare la vita nel campo di accoglienza per sfollati allestito lo scorso fine settimana a Pievesestina, nell’ambito del’addestramento congiunto ‘Cesena2017′organizzato dal Gruppo comunale volontari Protezione civile – Cesena con la collaborazione dell’ufficio Protezione civile del comune di Cesena e dell’Unione comuni Valle del Savio, insieme alle principali associazioni di volontariato locali. Così, i ragazzi hanno dormito in tenda, utilizzato i moduli prefabbricati per i servizi, fatto la fila per la mensa, dove hanno consumato i pasti predisposti dalla cucina da campo. E per due giorni hanno fatto a meno dei telefonini! Non sono mancati momenti ricreativi, con la partecipazione giochi di gruppo a tema, organizzati dai volontari del settore Scuole del gruppo comunale di Protezione civile.

LA PARTECIPAZIONE. La partecipazione dei ragazzi della scuola di viale della Resistenza è stato solo uno degli elementi che hanno caratterizzato l’allestimento del campo, mirato all’addestramento delle strutture operative e del volontariato locali. In pratica, con questa iniziativa, i vari soggetti coinvolti hanno svolto la ‘prova generale’ delle operazioni necessarie in caso di emergenza.
L’esperienza ha consentito di testare la risposta degli interventi di soccorso alla popolazione effettuati dalle varie componenti del volontariato: fra i partecipanti, accanto al  Gruppo comunale volontari Protezione civile – Cesena, organizzatore dell’addestramento, figurano la Croce rossa italiana – comitato locale di Cesena, il Gruppo Alpini A.N.A. sezione di Cesena, il Centro soccorso sub ‘Roberto Zocca’, l’A.R.I. associazione Radioamatori italiani – sezione di Cesena, la Fraternità di Misericordia Valle Savio, la Croce Verde Cesena, il Gruppo comunale volontari Protezione civile Savignano sul Rubicone. E’ arrivata in visita anche l’Associazione volontari Val Vibrata di Sant’Omero (in provincia di Terni) che ha partecipato attivamente all’addestramento.

I NUMERI DEL CAMPO. Questi i numeri del campo Cesena2017′. In 96 ore di simulazione dell’emergenza sono stati impiegati circa 150 volontari su più turni: i volontari delle varie Associazioni assegnati alla logistica hanno movimentato una ventina di mezzi, allestito e gestito con presidio continuo circa 160 posti letto in tenda (100 per gli sfollati e 60 per i volontari in servizio), una cucina da campo da 400 pasti al giorno (200 pranzo e 200 cena), e ancora la tenda mensa, la tenda comando, quella per la segreteria di emergenza e quella per le radiocomunicazioni, la carraia per il controllo degli accessi al campo.

Da sottolineare che l’allestimento del campo è stato preceduto da puntuali studi e pianificazioni e accompagnato da una attenta programmazione dei turni di vigilanza volti a garantire la massima sicurezza degli ospiti della struttura: un servizio di primo soccorso è stato garantito H24 dal Comitato locale della Croce rossa italiana tramite una ambulanza e una tenda medica.

Particolarmente toccante il momento dell’alzabandiera di domenica mattina, con la deposizione di una corona di fiori in memoria delle vittime del terremoto in Centro Italia, oltre all’apertura del campo alle famiglie dei ragazzi ospitati ed alla popolazione con visione delle diverse specializzazioni delle varie associazioni presenti con dimostrazioni, stand informativi ed esposizione mezzi e attrezzature.

I COMMENTI. “A campo concluso – commentano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore alla Protezione civile Francesca Lucchi – si può affermare che gli obiettivi principali dell’addestramento sono stati raggiunti: sono state coinvolte ed impiegate sinergicamente le tante e diverse forze che entrano in campo non solo in simulazioni come questa, ma soprattutto  i casi di una emergenza reale, e tutti hanno dato il loro apporto in un clima di aperta e proficua collaborazione, pur mantenendo ciascuno propri specifici ruoli e specializzazioni. Quello che dieci anni fa è cominciato come progetto sperimentale, con modalità che si sono via via consolidate nelle iniziative successive organizzate dal comune di Cesena, oggi è diventato uno standard esercitativo valido ed efficace, che da molti è già stato definito ‘Modello Cesena’.
Siamo lieti che questa esercitazione abbia coinvolto anche i 150 studenti della scuola di viale della Resistenza: sicuramente per loro è stato un momento molto significativo, che hanno affrontato con entusiasmo e vero interesse, imparando a conoscere i rischi che possono incontrare quotidianamente e le cosiddette ‘misure di autoprotezione‘, ma anche valori importanti come la solidarietà, la convivenza civile e la cittadinanza attiva. E ci piace sottolineare come il progetto ‘Cresciamo sicuri insieme sia scaturito dall’impegno del settore Scuola del gruppo comunale Volontari di Protezione civile Cesena, con la preziosa collaborazione dei Volontari di tutti gli altri settori: per tutti coloro che hanno contribuito si ringrazia la referente del progetto Silvia Zanotti e il dirigente scolastico Marco Ruscelli, che ha creduto fortemente nel progetto”.

“Più in generale, – proseguono Sindaco e Assessore – un grande ringraziamento va rivolto ai tantissimi volontari che hanno partecipato all’addestramento, a cominciare dal coordinatore del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Cesena, Pierpaolo Ferranti, che ha messo a disposizione la sua competenza e grande esperienza, e a tutti i soggetti che hanno contribuito alla buona riuscita del campo”.

Fra loro, l’Agenzia regionale sicurezza territoriale Protezione civileServizio Area Romagna ed il Coordinamento provinciale del volontariato di Forlì-Cesena, oltre che la prefettura di Forlì-Cesena che ha accordato la partecipazione al progetto ‘Cresciamo sicuri insieme’ delle forze di Polizia e dei Vigili del fuoco della provincia di Forlì-Cesena.

Si ricorda anche l’indispensabile supporto del presidente e del Consiglio del quartiere Oltresavio, della scuola secondaria di I grado ‘Viale della Resistenza‘ e dell’associazione Dante Alighieri, la disponibilità delle associazioni sportive ‘A.S.D. Torresavio Futsal Cesena‘ e ‘A.S.D. Torre del Moro‘, il coordinamento dell’ufficio Protezione civile del comune di Cesena, la Polizia municipale e l’ufficio Strade del Comune. Hanno collaborato anche le ditte Orogel, C.E.M., Centrale del Latte, Economy, La Cesenate, Salumificio Faggioli, Salumificio Del Vecchio, ‘I tesori del Rubicone‘, impresa Vincenzo Lembo, Biondi Giulio.

 

Ti potrebbe interessare anche...