Bassa Romagna. Nuova strategia di comunicazione. Per una migliore promozione del territorio.

Bassa Romagna. Nuova strategia di comunicazione. Per una migliore promozione del territorio.
Un momento della conferenza stampa

BASSA ROMAGNA. La Bassa Romagna si racconta attraverso i grandi eventi del 2018. Un nuovo modo di promuovere il territorio che fa leva sul valore delle esperienze legate all’identità e autenticità del territorio. Un cartellone unico di eventi che tiene insieme tradizione e innovazione: arene di paglia, labirinti effimeri, armonie rossiniane, performance musicali, installazioni di arte contemporanea, eroi del cielo e ottimo cibo per sorprendere il pubblico.

La nuova strategia di comunicazione è stata illustrata in conferenza stampa lunedì 26 marzo nel Salone estense della Rocca di Lugo. Per l’occasione sono intervenuti il presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Luca Piovaccari, il sindaco con delega al Turismo dell’Unione dei comuni della Bassa Romagna Nicola Pasi e la dirigente del Servizio promozione territoriale, Governance e Comunicazione dell’Ucbr Nadia Carboni.

 I CONTENUTI. “L’Unione dei comuni della Bassa Romagna sta costruendo da tempo una strategia comune di promozione turistica – ha dichiarato Luca Piovaccari -. Proprio per questo abbiamo realizzato una brochure che illustri gli eventi maggiori ospitati dal nostro territorio, che verrà distribuita in 300 strutture tra alberghi, residence e uffici Iat della Riviera, oltre che in Bassa Romagna stessa.
Pensiamo che questo nuovo strumento di comunicazione sia un salto di qualità perché conferma la nostra strategia comune sul tema. Testimonianza ne è la scelta di concentrarci solo sugli eventi principali previsti nei nove Comuni dell’Unione, in cui è stata fondamentale una sinergia tra tutti i nostri territori. Pensiamo che questo nuovo strumento porterà nuove persone sul territorio per godersi oltre agli eventi anche i suoi centri urbani. È inoltre un’occasione di promozione anche per le attività commerciali del territorio. Questo è solo un pezzo, anche se molto importante, della nostra strategia, che si aggiunge alle attività già in programma per la promozione turistica”.

“Siamo molto soddisfatti di questa nuova strategia di promozione – ha aggiunto Nicola Pasi -. Abbiamo portato a termine un progetto collettivo, in cui abbiamo agito come territorio unico e non come nove diversi Comuni. Questa brochure non racconta solo gli eventi, ma anche chi siamo. Sfogliando questo materiale si possono infatti scoprire i nostri valori, tradizioni e luoghi. Per noi il turismo è molto importante, come testimoniano le attività che abbiamo previsto, è importante che anche il mondo delle imprese investa su questo”.
“In questo nuovo prodotto editoriale abbiamo deciso di puntare molto sui contenuti visivi: foto capaci di suscitare curiosità ed emozione, facendo leva sul valore dell’esperienza che nasce dal genius loci e dall’autenticità dei luoghi – ha spiegato Nadia Carboni -. Quest’ultimo aspetto in particolare, ci dicono i dati, è una delle dimensioni più ricercate oggi dai turisti: il turismo non è di fatto più ‘cosa mi offri’, ma ‘come mi fai sentire’.
Le immagini sono accompagnate da un breve testo e dai codici Qr che permettono di collegarsi direttamente con i siti web e le pagine Facebook di riferimento. Contemporaneo infatti è lo stile della brochure, a partire dal titolo, l’hashtag ‘bassaromagnamia’ che è anche il canale Instagram aperto in questi mesi dall’Unione e che sta riscuotendo un buon successo di foto scattate dagli utenti anche grazie al contest dedicato”.

GLI EVENTI. Nei prossimi mesi i nove Comuni dell’Unione ospiteranno infatti diversi appuntamenti, che accompagneranno per tutto l’anno residenti e turisti. Si alterneranno mostre, concerti, fiere, spettacoli, arte contemporanea, storia, cultura, natura e buon cibo. Tra gli eventi in programma, spicca la novità della prima edizione del Festival della Land Art che si terrà dal 21 giugno al 28 luglio. ‘Terrena’ è il titolo e la visione artistica del festival che attraverserà il territorio nel periodo estivo con installazioni e appuntamenti culturali e musicali che nascono dall’incontro tra arte e paesaggio.
La Bassa Romagna si trasformerà in un suggestivo percorso artistico, diventando una grande esposizione a cielo aperto di composizioni d’arte che saranno palcoscenico per incontri musicali, performance di danza e di teatro contemporaneo.
La programmazione continua in primavera con il Lugo Vintage Festival, che animerà le strade del centro sabato 14 e domenica 15 aprile. La moda, la musica e lo spettacolo si incontrano nel cuore di Lugo con l’evento dedicato alla passione per il vintage: un tuffo nel passato attraverso capi d’abbigliamento, accessori, oggettistica e intrattenimento d’antan con mostre espositive ed eventi musicali. L’iniziativa tornerà poi, come da tradizione, in autunno, con appuntamento sabato 20 e domenica 21 ottobre.
Per ricordare la Liberazione dal nazifascismo, mercoledì 25 aprile è invece prevista una giornata per celebrare la Battaglia del Senio, la Resistenza e la Costituzione con un percorso lungo l’argine del fiume Senio, da esplorare a piedi o in bicicletta, arricchito da incursioni teatrali, letture, poesia, musica, storie e racconti. La memoria della Seconda guerra mondiale è inoltre raccontata nei Musei, nei monumenti celebrativi e nei cimiteri militari della Bassa Romagna.

Il 2018 è l’anno dedicato alle celebrazioni per il centenario dalla morte di Francesco Baracca, avvenuta il 19 giugno 1918. Lugo, città natale del celebre asso dei cieli, che è stato personaggio cruciale per la storia dell’aviazione e del Novecento italiano, ne celebra la figura con un ricco calendario di eventi, mostre e iniziative.
Tanti appuntamenti sono in programma anche per ricordare un altro personaggio legato a Lugo: Gioachino Rossini. Nel 2018 cade infatti il 150esimo anniversario dalla morte del celebre compositore. Il teatro lughese a lui dedicato ospita un fitto calendario di eventi musicali per promuovere l’opera e la figura del compositore di fama internazionale che proprio a Lugo trascorse una fase fondamentale della sua formazione.
Da giovedì 28 giugno a domenica 1 luglio le mura di Bagnara di Romagna torneranno a ospitare il Popoli Pop Cult Festival. L’evento sarà l’occasione per riunire e conoscere oltre venti nazioni, facendo un viaggio tra le diverse culture attraverso spettacoli, mostre, artisti di strada e stand gastronomici, con un focus speciale sul tema dell’Europa.
L’estate prosegue con la musica del Riot Fest, con concerti nel centro di Massa Lombarda giovedì 5 e venerdì 6 luglio. In programma due giorni di musica e divertimento in pieno centro storico con quattro palchi, concerti non stop fino a tarda notte, stand gastronomici, mercatini vintage e creativi, Riot Expo, mostre, esposizioni e dj set.

IL CIBO. In Bassa Romagna non mancherà anche il buon cibo con appuntamenti all’insegna dei sapori della tradizione enogastronomica. Dal 23 al 29 agosto torna la sfida in cucina a colpi di mattarello per preparare pasta e tagliatelle “alla vecchia maniera” con la Sagra delle sfogline. Dalla pasta fatta in casa al ranocchio, protagonista dei piatti protagonisti della Sagra del ranocchio, a Conselice dal 13 al 17 settembre.

NATURA E TRADIZIONE. La natura e la tradizione si incontrano nella Sagra delle erbe palustri di Villanova di Bagnacavallo. Dal 7 al 10 settembre torna la rievocazione storica delle tradizionali tecniche di lavorazione delle erbe di valle e del legno nostrano. Nei giorni dell’evento si farà un viaggio nel tempo attraverso laboratori sugli antichi mestieri e botteghe artigiane e nel gusto grazie allo speciale menù a base di ‘strozzapreti e ‘strozzasindaci’.
Dall’8 al 16 settembre l’appuntamento è invece con Bassa Romagna in Fiera, la XXVII edizione della Fiera biennale dell’agricoltura, dell’artigianato e dell’industria. Da sempre votata al commercio, la Bassa Romagna mette in mostra le sue tante eccellenze, i suoi prodotti, la sua cultura e la sua storia, nell’incontro tra innovazione e tradizione, in una splendida cornice ai piedi della Rocca di Lugo.

CONCERTI. Concerti, spettacoli, installazioni di arte contemporanea, musica sacra, mostre e artigianato animeranno Bagnacavallo dal 27 al 30 settembre in occasione della Festa di San Michele. Ad accompagnare i festeggiamenti per il patrono di Bagnacavallo non mancherà il cibo, grazie alle osterie e alle pasticcerie che proporranno il dolce di San Michele, dalla ricetta segreta.

 

Per restare aggiornati sugli eventi in Bassa Romagna è possibile anche vistare le pagine Facebook e Instagram dell’Unione, o consultare i siti www.labassaromagna.it e www.romagnadeste.it.

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...