Non solo sport. Amore vero tra il ‘leone’ e la ‘rossa’. Real: vera gloria o solo ‘ rapina del secolo’?

Non solo sport. Amore vero tra il ‘leone’ e la ‘rossa’. Real:  vera gloria o solo ‘ rapina del secolo’?
Buffon ( repertorio)

LA CRONACA DAL DIVANO. E’ stato un weekend palpitante. Anche oltre misura. Con la Roubaix rattristata dalla morte ( per infarto) del 23enne belga Goolaerts. E la moto avvelenata dal comportamento d’un giovane fenomeno allevato in maniera ( per buona parte ) sbagliata da una generazione ( in molti versi)  sbagliata. Il nostro Vale, a parte l’accenno ad una paura che (probabilmente) manco lo sfiora, non ha fatto altro che elencare una serie (ininterrotta) di comportamenti dell’avversario tutti acclarati, tutti sotto gli oculi di tutti, tutti da chiarire e ( volendo) da stigmatizzare.
Perchè se prevalesse la maniera spregiudicata e cinica di fare gare del catalano, chissà mai quanti lutti e dolori dovrebbero cominciare a mettere in conto quelli delle piste. Non sorprende qui neppure la ‘ debole’ difesa del nostro Ago, super campione d’una epoca in bianco e nero, da noi tutti presa per oro colato, ma che ( in realtà) andrebbe ( amabilmente ) rivisitata anche per  verificare quanto sia  facile  ‘ vivere da grandi’ e ‘ morire da piccoli’.

L’impresa vera è arrivata dalla pista sul deserto. E dove una ‘rossa‘ guidata da un leone alemanno ha (sapientemente) frustrato le aspettative d’un re nero e della sua ‘ freccia d’argento’. Roba d’altri tempi. Che riavvicina le folle del Pianeta  allo sport delle auto da corsa in pista. Riecheggiando storie trascorse. Dimenticate. Fabulose. Come quelle scritte (intorno) agli anni Trenta, quando scendevano a confronto le strabilianti realizzazioni della nascente industria dell’automobile.
Speriamo solo che qualche incolto d’Oltreoceano non venga  ( più di tanto) a graffiare  scarabocchi su un libro abituare a scrivere e cantare storie e personaggi con la penna e la  cetra di Omero.

E adesso rivolgiamoci armi e bagagli sul nostro (tribolato) calcio. Con Roma e Juve che sono state chiamate ad imprese impossibili. La Roma c’è riuscita, la Juve anche ; solo che nel suo caso un ‘ fischietto’ dei tanti ‘ fischietti‘ inviati  a tenere in riga ( più con le cattive che con le buone) le squadre italiane destinate a non varcare confini ( e interessi) prestabiliti,  ha ( beffardamente) deciso ( proprio) allo scoccare del tempo supplementare chi  dovesse passare ai quarti e chi no. Un giornale catalano ha definito l’arbitraria decisione ‘ furto del secolo‘.
Nella protesta seguita alla decisione, lo ‘ arbitro-pattumiera’  inglese s’è addirittura consentito il lusso di espellere Buffon, il più grande del secolo nel suo ruolo, e nella circostanza capitano dei bianconeri con tutto il ( sacrosanto) diritto di chiedere e di protestare davanti ad una decisione che solo gli ‘squali’ del Bernabeu e loro accoliti hanno ritenuto corretta. Fossero stati davvero ‘ i più forti’ avrebbero dovuto accettare quei supplementari che avrebbe indicato qual è ( realmente) ‘la più forte’ del reame calcistico planetario. Eppure,  non solo non hanno auspicato questa soluzione, ma  si sono limitati  ad applaudire gaudenti e festanti  il misfatto.
Perpetrato in uno stadio ‘ porto franco’ e  (dunque )sempre più ‘maledetto‘.  Dove uscir vincitori non è concesso. Davanti a tanta ( codarda e terribile  ) tracotanza, vien da chiedersi se i successi  (accumulati) in ( almeno) quest’ultimi anni dai Blancos, e dal suo celeberrimo ( ma isterico) puntero, siano  ‘ vera gloria‘  oppure solo ‘ sfacciata e continua rapina’  ( ogni anno di più ) consentita ( soprattutto) contro ( i più indifesi ) della gran famiglia del calcio europeo.

Brutto colpo d’arresto allo straordinario turno di Coppe nostrano, è arrivata dalla Lazio in trasferta a Salisburgo per la Uefa. Partita va un 4-2, è andata in vantaggio, s’è fatta travolgere ( in 5 minuti) per 4-1!

SUPERIORI IN TUTTO. ” Vittorie, fatturati, spettatori, giovani, gioco … Il calcio spagnolo ci è superiore in tutto. Chi chiamano ‘ resultadistas’ e ci rimproverano il ‘catenaccio’… “. A mettere in risalto queste righe non è l’ufficio stampa del Ministero del turismo iberico e neppure quello personale del ( chiacchierat0)  Florentino Perez, presidente del Real Madrid, ma la nostra cara ‘rosea’. Proprio lei, sì, questa volta con la sua ( presunta) verità fuori dal vaso. Alla nostra testata non interessa evidentemente cercare il vero grimaldello di così tanti successi iberici, e neppure contestare i tanti soprusi  che quelli compiono ai danni ( non solo) nostri ormai da anni.

Il recente finale dei quarti al Bernabeu tra Real e Juve che altro è se non la dimostrazione dimostrata di questo pensiero, un tempo isolato sospetto, e ora sempre più  certezza  confermata dagli accadimenti? Nella storica serata, i bianconeri sono scesi  nel catino madridista con lo svantaggio di un ( inatteso) 0-3 subito in casa. Un risultato che li umiliava.
E hanno voluto reagire, dimostrando ( vivaiddio!) che il calcio nostrano è tutto fuorchè morto; e, in ispecie, tutto fuorchè inferiore ai forsennati ( e organizzati) corridori iberici, che vincono un po’ alla  Marquez, ovvero ‘ in ogni caso e con tutti i mezzi’. Eppure, dapprima l’umile Roma, eppoi l’orgogliosa Signora, hanno chiarito che le cose stanno ben diversamente. Ora, quelli della ‘rosea’ e loro contigui, si faranno in quattro per dimostrare che i nostri sono ferri da cavallo e non  valori antichi e tuttora vivi e vegeti dello  sport metafora della nostra vita. Donde più che a imparare possiamo insegnare. Sì, perchè da qualche tempo noi balbettiamo mentre gli altri strillano. Senza ritegno.
Anche davanti a lectio magistralis di storica portata. Il bello è che a fornire designazioni arbitrali Uefa è un italiano. Certo Collina, un tempo ottimo arbitro, e ora, come ci ha fatto capire il presidente Agnelli, facitore delle nostre ( più o meno) eclatanti  sventure. Nulla di nuovo sotto il cielo del Belpaese.  Lamentava infatti secoli fa  il sommo poeta: ” Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta...”.

IL PIRLA. Ma chi è quel ‘pirla‘ che ha detto che la F1 può fare senza la ’rossa‘?  La domanda posta nel post di Melbourne, è rimbalzata forte anche nel post del post Baharain. Due discese in pista, due trionfi. Uno però assai diverso dall’altro. E mentre nel primo i soliti esterofili hanno invocato l’aiuto provvidenziale della safety car, qui, non hanno potuto altro che ammettere ob torto collo  la gran sensibilità di guida ( soprattutto verso le gomme) del nostro leone rosso. E così siamo sul 2-0, visto che il re nero ha dovuto accontentarsi di un ‘ modesto’ terzo posto dopo avere ( brillantemente) rimontato dalla settima e aver superato ( con l’aiuto del dio delle piste)   lo ’scoglio’ Verstappen.

Ora si va in Cina. Pista, si dice, pro Mercedes. Dunque pro re nero. Onde per cui non ci si può aspettare altro che la ‘remuntada‘ dell’argentata auto di Stoccarda. Forte, sì, forte, ma questa volta con una avversaria davvero all’altezza. Se poi l’olandese volante invece che a puntare le ‘rosse‘ si mette a rimirar le ‘ frecce d’argento’, chissà mai chi potrà far tornare il sorriso al duo Toto/Niki, al momento, assai triste ?

CLASSIFICA MONDIALE PILOTI F1: Vettel punti 50, Hamilton 33, Bottas 22, Raikkonen 15.

BLOCK NOTES. Appuntamenti Uefa, viaggi a Londra, un ( ri) finanziamento da trovare, parametri da rispettare. Tanti i temi sul tavolo del povero Diavolo, chiamato a risolvere (forse) il passaggio più critico della sua lunga e gloriosa epopea. Intanto gli occhi dei curiosi continuano a scavare  sul delicato momento rossonero. Il Corriere, di recente, ha rivelato che il tribunale del popolo di Shenzhen ha dichiarato il fallimento della società Jie Ande, storicamente citata tra gli asset principali del portafoglio di Li Yonghong. Secondo il Corriere Jie Ande era già insolvente ad aprile 2017, al momento dell’acquisto del Milan.

Rivelazione importante fino ad un certo punto, visto che al Milan si mostrano tranquilli dopo avere accertato che Jie Ande era stato abbandonato da tempo dal ( vero o presunto) ‘magnate’ cinese. Al tutto però s’è aggiunta una delicata anticipazione sul closing del 17 aprile 2017. La Procura di Milano, infatti, avrebbe aperto un fascicolo sulla vendita del Milan. Tecnicamente è un modello 45. Senza ipotesi di reato. Molti però sono corsi con la mente all’inchiesta di qualche tempo fa del New York Times, che ha investigato sul passaggio di proprietà del gi0iello di famiglia di Berlusconi. La magistratura ora vuol capire. Se tutto è filato liscio, oppure se c’è qualche altarino da scoprire.

L’indagine, in particolare, riferisce la ‘rosea’, nasce da un rapporto della Guardia di finanza che comprende ‘ tre segnalzioni di operazioni sospette’ risalenti a dicembre 2017. Fininvest si dichiara tranquilla. Intanto, voci dal campo, danno per certo il rinnovo del contratto per Rino Gattuso. Il giovane Conti, invece, s’infortuna di nuovo, e vola in America per salvare la sua carriera. Ultimissima: è deceduto, all’età di 71 anni, Emiliano Mondonico. A lui, e alla famiglia, il nostro affettuoso saluto e abbraccio.

ALTRO ANCORA. Continua il casting sul prossimo ct della nazionale azzurra. Secondo il vice Costacurta a maggio tutto sarà risolto. Puntando su queste opzioni: o resta il Di Biagio ( da vedere ancora contro l’Inghilterra) o entrano ( uno tra) il Mancio, favorito,  l’Ancellotti e il Conte Dracula. Sempre la Federazione sta allargando le sue collaborazioni. Tra gli interpellati ci sono Pirlo, Maldini e Totti.

CALCIOMERCATO A MODO NOSTRO. Sabatini ha saluto la compagnia Suning. Doveva essere l’uomo mercato dei sogni nerazzurri, è naufragato  invece a poco oltre un anno. “ Avrei voluto un’altra storia” ha commentato. Probabilmente deluso dai mille lacci e lacciuoli che questi cinesi ( diffidenti) spargono un po’ dovunque. E in particolare quando si vanno a chiede soldi ( e autonomia di movimento) per il mercato.

E tuttavia c’è ancora chi sostiene che la ‘rivoluzione‘ cinese avanza. Con effetti appariscenti, già visibili. Addio spese a pioggia e spazio ( solo) ad investimenti mirati. Con un occhio attento ai costi. Il tutto secondo le disposizioni governative che hanno cercato di mettere un freno all’Eldorado d’Oriente. Andando in rotta di collisione con lo spirito liberista di Sabbatini, abituato a cercare talenti in ogni anfratto del Globo. Senza badare ai costi. Beato lui. E comunque con Martinez, De Vrij e Asamoah la via del rigore è iniziata nel migliore dei modi. Sempre che la squadra raggiunta l’accesso alla Champions, con importanti ritorni di cassa.
L’Inter cinese, in poche parole, vuol vivere sull’autofinanziamento. Giusto. Ma autofinanziarsi vorrà dire anche mantenere certi livelli agonistici indispensabili per far risalire la Beneamata tra le big del Pianeta?

LA MADRE DI TUTTE LE BATTAGLIE. E passiamo alla madre di tutte le battaglie. Quella dell’approvvigionamento danari, questa volta in arrivo dalla cessione dei diritti tivù per il triennio 2018/2021  da parte della Lega calcio . Quelli che, per dirla in breve, ci alimentano, e ci alimenteranno per un altro triennio.
Nell’attesa, è ovvio, che intanto qualche dirigente con le dovute palle ci faccia uscire dal tunnel ( si fa per dire) dei deficienti d‘Europa. Magari andando a procurare entrate diverse da quelle tivù.
Ottime, certo,  ma non rassicuranti. Come? Intanto andando ad accelerare sulla costruzione degli stadi, chè senza quelli l’avvenire del pallone resta  plumbeo.
Ma che hanno combinato i nostri eroi in Lega? Hanno affidato alla catalana MediaPro i diritti tivù domestici della Serie A per  il triennio 2018/2021 alla cifra di un miliardo e 50 mln annui, più mille euro simbolici.  E se assommiamo i 1050 mld ai ca 400 mln di Img approdiamo intorno al mld e mezzo, superando la Bundes ( 1,4 mld), raschiando la Liga ( 1,6) e cominciando a far saluti alla Premier ( 3,2 mld, ma con oltre 1,3 mld di esagerati diritti esteri).
Inoltre restano da vendere HighlightsCoppa Italia e Supercoppa. Dire che i nostri eroi ( dopo l’asta andata a vuoto nello scorso giugno) hanno fatto un miracolo è poco. Lo stellone, evidentemente, anche in un mondo miscredente, ci protegge ancora, eccome.
E adesso con cotanta cifra in cassa, tra l’altro mai posseduta, che progetteranno i nostri eroi? Sbafarseli, tra l’uno e l’altro come tradizione italica (spesso) vuole, oppure cercheranno di metterli a profitto, magari puntando su alcune provvidenziali riforme ( campionati, vivai) e su  qualche (nuovo) impianto ( stadi)  in più? Malridotti dall’aspra tenzone  sono usciti Mediaset ( rassegnata) e Sky ( inviperita). L’emittente anglofila che sta imponendo il  ( non indispensabile) calcio inglese ad ogni ora del giorno, diffida tutto e tutti. Anche se resta disponibile a trattare.

Ad acquistare. Anche perchè la sua offerta, con buona pace di quelli d’Albione, poco o nulla vale senza la ( decaduta, bistrattata)  ma pur sempre meravigliosa nostra Serie A .

 

 VANNO E RITORNANO. Come ai tempi dei romani conquistatori del mondo che non appena potevano si concedevano una vacanza-premio nell’ Hellade conquistata, anche i nostri del calcio appena possono valicano l’Alpe e ( più oltre ancora) la Manica, per andarsi ad assestare in uno di quei campionati di cui si va favoleggiando da qualche lustro nel Belpaese. Che sembra aver perso la speranza ( e la stima) di sè. Un po’ dovunque, e non solo nella disciplina regina. Ai nostri giovani, infatti,  pedatori o no che siano,  li si invita ad andarsene, qua e là, dove sono spuntati  Eldoradi luccicanti e ricolmi di speranze.
E così i nostri lasciano i loro  stazzi – parafrasando il poeta d’Abruzzo – per andare verso l’Altrove. Nel pianeta calcio,  una decina d’anni fa autore d’un indimenticabile triplete, la smania è forte. L’avvertono tutti, anche i Montella, e partono, con il loro scarso possesso delle lingue straniere, gli zainetti sulle spalle ricolmi d’ogni raccomandazione paterna/materna, per cercare gloria e danari. In fondo, impedirglielo, che risultato s’otterrebbe? Si rinsavirebbero? Forse no, proprio no. Meglio ( allora) lasciarli fare, meglio ( logico) fargli fare da soli le ossa, meglio seguirli senza abbandonarli al loro destino come padre/madre amorevoli fanno.

Tanto più che le cose poi, gira e rigira, si assestano da sole. Spontaneamente. Date un’occhiata ai migranti del calcio e cominciate a stilare ( aggiornati) resoconti. Con tanto di ( relative)  riflessioni.

Con costoro: Carletto, 58 anni,  al momento fermo, perchè esonerato dal Bayern; Prandelli,  60 anni,  vittima dell’ ennesima sfortunata avventura all’estero,  ( pure lui) esonerato  all’Al Nasr;  Carrera, 53 anni, che dopo aver vinto un campionato russo quest’anno ( a  -8 dalla capolista) difficilmente resterà allo Spartak ;
Montella, fresco fresco finalista di Copa, ma che in Liga viaggia con l’incedere delle luci dell’albero di Natale, un po’ come quand’era al Milan, rendendo problematica una sua lunga  permanenza nell’ambiziosa  Siviglia ; Stramaccioni, 42 anni, allo Spartak Praga dal 2017 , ma che  quest’anno poco brilla al punto che il suo   esonero sembra ( già ) scritto; Tramezzani, 47 anni,  appena quattro mesi sulla panchina del Sion prima d’essere licenziato.

Questi sono solo alcuni dei nostri migranti partiti, tornati o sul punto di tornare. A loro andrebbe  aggiunto il più celebre del momento, quel  Conte Dracula finito prigioniero in Premier  dentro una gabbia dorata, e  che altro non sogna che di tornare a respirare l’aria generosa del suo  Paese. Che quando si parla di calcio, pur con tutte le sventure e i ritardi che tiene  sulla groppa, evidentemente, poco o nulla ha  da invidiare all’Altrove.
Tanto più che i soldi stanno tornando. E allora cari Allegri ( che va scrivendo un’epopea immortale con la Signora) e Sarri ( che a riacceso il fuoco nel cuore d’un popolo straordinario), di che vi fate lusingare? Di qualche ingaggio che vi sistemi per le prossime cinque generazioni? Suvvia, anche qui, da noi, non è che vi trattano male.
Magari, qualche pronipote, dovrà rimboccarsi le maniche per tirare a campare; ma a volte, come insegnano i ( lungimiranti) tycoon americani, sul modello dei pater familia d’antica fama, imparare a togliere le castagne dal fuoco  in proprio vuol dire (anche)  gustarsele (poi) meglio.

 

 

CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A. 

INCONTRI 29a GIORNATA. Udinese-Sassuolo 1-2, Spal-Juve 0-0; ( domenica) Samp-Inter  0-5 ( ore 12,45), ( ore 15) Benevento-Cagliari 1-2, Crotone-Roma 0-2, Milan-Chievo 3-2, Torino-Fiorentina 1-2, Verona-Atalanta 0-5, Lazio-Bologna 1-1 ( ore 20,45), Napoli Genoa 1-0 ( ore 20,45).
INCONTRI 30a GIORNATA. ( sabato 30 marzo) Bologna-Roma ( ore 12,30), Atalanta-Udinese( ore 15), Cagliari-Torino, Fiorentina-Crotone, Genoa-Spal, Inter-Verona, Lazio-Benevento, Sassuolo-Napoli( ore 18), Chievo-Samp, Juventus-Milan( ore 20,45).

CLASSIFICA 26 a GIORNATA.  Juve 75, Napoli  73,  Roma 59 , Lazio 53, Inter 55,    Milan 50, Sampdoria 44, Atalanta 44  ( da completare)…  Spal 25, Crotone 24, Verona 22, Benevento 10.
MARCATORI  : 24 reti Immobile ( Lazio), 22 reti Icardi ( Inter); 17 Quagliarella ( Samp), Mertens ( Napoli),  Dybala (Juve) .

ALTRO SUL CALCIO

 COPPE EUROPEE.  Semifinali Champions, Liverpool-Roma;  Bayern-Real; semifinali Uefa, Atletico Madrid, Salisburgo, Marsiglia, Arsenal.

Statistiche. Nelle 62 Coppe dalle grandi orecchie  ( Champions dal 1992) finora disputate la presenza italica è  la più significativa. Sarà bene (ri)sottolinearlo, anche perchè da noi abita la popolazione ( probabilmente) più smemorata al mondo. Ebbene, gli almanacchi dicon questo: l’Italia ( prima) è andata in finale 27 volte ( 43,54 %) e  la Spagna ( seconda)  25 volte ( 40,32%).
Seguono a distanza le altre nazioni. Per noi in finale sono andati: Milan  11 volte ( 7 vincente), Juve 9 volte ( 2 vincente), Inter 5 volte ( 3 vincente), Fiorentina 1 volta ( mai vincente), Roma 1 volta ( mai vincente), Samp 1 volta ( mai vincente). Infine (sempre)  per gli almanacchi, in finale di Coppa Italia 2018 vanno Juve e Milan.

CALCIO  RANKING UEFA ( aggiornamento fine novembre): Spagna, punti 98,569; Inghilterra, 72,319; Italia, 68,794; Germania, 67,712; Francia, 53,081; Russia, 49,382; Portogallo, 44,082.  Alle prime quattro leghe del ranking  vengono assegnate quattro squadre in Champions senza preliminari, e tre in Uefa. Un bel dono di Natale, non c’è che dire, per il nostro calcio. Che dovrà però metterci del suo, positivamente, cominciando intanto ( come hanno fatto Torino, Udine, Reggio e Frosinone e stanno facendo Roma e Bergamo) ad allestire nuovi e  moderni impianti, seguendo poi con un aggiornamento tecnico-tattico-agonistico ormai ( assolutamente) indispensabile.

 

PREMIER A MANO ARMATA. Nel mercato invernale 2017 è stata la Cina a farla da padrona. Con una spesa di circa 500 mln di euro. Non a caso, visto che secondo uno studio del Soccerer footbal finance 100 sui top club dal punto di vista del valore della rosa, delle immobilizzazioni, del cash, del potenziale di investimento e del debito, i cinesi valgono già il 15% del fatturato totale.
Lo studio conferma anche un dato ormai evidente: ovvero, che sono i club inglesi che ( al momento) più possono spendere. Cinque delle prime dieci posizioni di Soccerex sono inglesi, 8 nelle prime 30.
E qui (  quella ribattezzata ) Qatar City dello sceicco Mansur potrebbe spendere  ( da subito ) fino a 788 mln ( se non ci fosse il fair play Uefa).
Negli ultimi anni gli spendaccioni del deserto hanno distribuito 880 mln in acquisti. Stesso discorso vale per l’altra squadra qataregna  in Europa ( anch’essa ribatezzata) Qatar Psg, che ha una  base d’investimento di 1 miliardo e che negli ultimi anni di Ligue ha speso più  d’altri( 135 mln contro i 50 del Monaco).
Tra le squadre d’Albione, la società che potrebbe spendere di più è l’Arsenal ( seconda dietro al Qatar City) con 766 mln di sterline disponibili, 500 mln di liquidi e 8 mln di debiti. Il Chelsea invece è nella situazione opposta. Ma solo per un fatto contabile, in quanto i blues  vantano un debito di 400 mln di sterline verso il proprietario Abramovich. Sommerso di debiti è anche il Manchester United del Mou Mou, a quota 563 mln di sterline di rosso.
Chi  si trattiene ( Barca e Real a parte) sono le squadre di Liga che sul mercato  invernale  hanno investito 152,6 mln euro in totale. Ancor più parsimoniose sono le squadre di BundesBayern compreso, che abitualmente non ricorre a gennaio per i suoi colpi migliori. Nella classifica degli spendaccioni ( se non abbiamo mal inteso) non ci siamo noi. Neppure con la danarosa Signora, e i suoi (appena) 29 mln. Finalmente!

 

LE FRASI CHE COLPISCONO.

 

FRASE. Dice Andrea Agnelli, 42 anni, presidente Juventus ” Oggi l’arbitro non ha capito nulla. Ma il discorso va più esteso. Serve la Var anche in Europa. Collina e la sua vanità vanno a colpire le squadre italiane per una designazione imparziale. Un designatore va cambiato ogni tre o cinque anni. Per avere una evidente imparzialità si va a colpire le italiane in maniera quasi scientifica”.
COMMENTO. Che l’arbitro ‘pattumiera‘ inglese sia servito ad eliminare la Juve è stato fin troppo chiaro. E inquietante. Tanto più che, come dice il presidente bianconero, dovrebbe essere stato un italiano, Collina, a cacciarlo tra i piedi dell’orgogliosa Signora. Ma Collina, a quanto pare, non è  nuovo a queste prestazioni. Le squadre italiane infatti  e non solo la Juve, in proposito,  hanno una lunga serie di ‘ furti‘ da elencare. E non per il solito, manipolato, sfruttato, vittimismo. Milan, Lazio, Roma hanno visto le stelle del firmamento davanti a  direttori di gara che hanno ‘ pilotato’ gli incontri a loro ( insindacabile)  ‘modo di vedere’.

E questo rattrista. Perchè quella fiducia finora riposta nelle istituzioni europee del calcio va visibilmente scemando. E non solo da noi. Infatti andate a chiedere a Rumenigge cosa pensa dell’ultimo confronto tra la sua corazzata e quella del ‘onnipresente’ Florentino. Collezionista ( ad oltranza)  di Coppe, Trofei e Palloni d’oro ( ormai sempre  meno attendibili).

 

FRASE. Zinedine Zidane, ct del Real, dice: ” Dicono tutti(?) che il rigore fosse netto”. Rincara il suo baldo campione noto come CR7 ” Non capisco le loro proteste: senza fallo Vasquez avrebbe segnato”.
COMMENTO. Due frasi per una.Intanto pensavamo che in quel calderone a strapiombo sul campo da gioco si fossero, col tempo, resi esperti nel valutare le prestazioni loro ed altrui. E anche i rigori, quando si danno e quando no. Sembra invece che le cose non stiano così. Sembra piuttosto che quelli di pallone capiscano solo quanto che gli va sul loro conto. Non l’avessero capita, la nobil Signora gli ha fornito una lectio magistralis di cui conservare eterna memoria.

Insomma quel rigore l’hanno visto solo loro. E comunque a parte l’arbitro ‘pattumiera‘; a parte Vasquez; a parte il solito isterico puntero detto CR7, su quello stadio  vanno fiorendo storie strane. Da verificare. Storie simili a leggende nere. Come ne sono nate, nel passato, su certi ambienti storici in cui a ‘gestire‘ potere, danaro e successo erano veleni e pugnali. In quel ‘ maledetto‘ impianto  in fase di ristrutturazione, va a diffondersi infatti la convinzione d’averlo trasformato in una sorta di ‘ porto franco’  dove a legiferare sono loro e non altri. Non il calcio europeo. Non chi merita di vincere. Non chi gli fornisce ‘lezioni‘, ma solo chi gli scarica ( a comando) la sua ‘pattumiera’. 

FRASE. Assicura Gianfranco Zola, 51 anni, ex calciatore: ” Inglesi più avanti. A noi  manca il talento più che il denaro”.
COMMENTO.  Non bastavano gli anglofili e don Capello, che s’è aggiunto anche il nostro Gianfranco al coro di quelli che vedono il nostro calcio morto e sepolto sotto una spessa coltre di diffusa mediocrità. Eppure, i lor signori, dovrebbero prima del flatus voci verificare quanto sta accadendo attorno ai loro preziosi occhietti. Perchè, se è vero che la Premier è la lega che incassa  incassa di più, non altrettanto vero è  che si la migliore visto che nell’ultimo turno di Coppe è riuscita a malapena a salvare in Champions due squadre ( City e Liverpool)  in Uefa una  ( Arsenal) .  Come noi, che nel ranking Uefa gli stiamo appresso per una manciata di punticini.
Inoltre, che il  City ( degli sceicchi  spendaccioni  e del Pep) sia una ‘ macchina da guerra imbattibile,  è tutto da vedere; semmai, per la sua storia, tra le compagini d’Albione, ci parrebbe più insidioso il Liverpool, che comunque non è l’apice del calcio inglese e ( tantomeno) europeo. Se poi ci volessimo trasferire alle nazionali di sua Maestà, a parte il recente timido risveglio delle giovanili tutto da confermare, sono lustri che non le si vedono ai vertici del calcio mondiale. La loro nazionale maggiore, addirittura, madre di tutte le nazionali al Mondo, dopo avere ‘ rubacchiato’ un Mondiale in epoca preistorica, non s’è manco più affacciata sulle ribalte mondiali.

Dunque continuare a proporre a 360° gradi  il modello Premier con tanta insistenza, ostentazione e (monotonia) fa restare perplessi. Per cui, ci piace parteggiare per il buon Di Biagio. Che con un pizzico di (sano) orgoglio ( italico) ancora non venduto al migliore offerente, dice ” Fuori ci maltrattano. A volontà. Dai ragazzi voglio maggiore personalità.
Certo. Ma  qui  abbiamo giocatori da Spagna e Brasile”. Noi, quadristellati, siam fuori dal Mondiale di Russia.  E’ vero. Ma  per ( mandata) di sciagurati al vertice o di mediocri pedatori alla base? Eppoi, suvvia, sinceramente, donde stanno alloggiati tutti questi fenomeni  dell’ aureo Altrove? L’incontro Inghilterra-Italia, a Wembley, pur dando il giusto peso alle amichevoli, è finito in parità: 1-1. Come volevasi dimostrare?

 

* FRASE. Scherza l’amabile Leo Turrini ” Lewis, nel post gara, dentro quell’abitacolo da cui non voleva più uscire, sembrava Polifemo dopo essere stato accecato da Ulisse”.
COMMENTO. In effetti la ‘sorpresa’ propinata dalle ’rosse’ non dev’essere stata di quelle facilmente digeribili. Soprattutto dopo la pole fantascientifica del giorno prima. Stando a quei tempi, infatti,  le umili ‘rosse‘ avrebbero dovuto finire distanti anni luce dalla superba ‘ freccia d’argento‘ del re nero.  E invece, ecco che l’imprevedibile ‘macchinina rossa’ che sembra avere assunto sembiante umano va a compiere uno dei suoi innumerevoli colpi di scena. Che sono anima e sangue della sua storia straordinaria. Sua e soltanto sua. Ecco perchè quand’anche  passa al fianco ti fa scorrere addosso brividi ineffabili. E un po’ dovunque. Qua e là pel Pianeta.

FRASE. Sbotta  Pochettinomister Tottenham: ” Prima della gara c’era Agnelli e dopo, con lui, anche Marotta. Ho visto come nell’intervallo abbiamo messo pressione sull’arbitro. Alla fine c’erano due rigori per falli di mano, non ce ne ha dato alcuno”.
COMMENTO. Mauricio Pochettino come milioni di italiani sparsi nel mondo spesso e volentieri non sa se dar precedenza allo jus soli piuttosto che allo jus sanguinis. Lasci perdere, per favore,  visto che più italiano di così non potrebbe.
Anche perchè se c’era un rigore sacrosanto  quello doveva essere dato alla Signora e non al (poco) sereno Maurizietto. E se ne faccia ragione: il suo Tottenham non è la Juve.

 

* FRASE. Dice Paolo Condò, in Confidential ” Se per vedere la partita più bella del mondo scegliete Liverpool- Manchester United non andate troppo lontani dal vero”.
COMMENTO. Rispettiamo tutte le opinioni. Anche quelle dei fans anglolifi  più coriacei come il Paolone, a mezzo  tra ‘rosea’ e SkySolo che, guarda un po’, non condividiamo. No. Intanto perchè il nostro insiste su una ‘ modernità della Premier che (ultimamente) ha affollato di ( ulteriori)   attori la sua scena’ che a noi appare, ma solo in parte. Spiacenti.

Anche perchè ( a parte certi aspetti economici-organizzativi della Premier che non convincono ) occorre che qualcuno (ci) chiarisca una volta per tutte come si faccia a correre (e resistere ) così tanto. Noi, se Wigghin o Froome sono alimentati a stoccafisso o a bresaola vogliamo saperlo, chiaramente, ora, e basta.
Eppoi, anche solo selezionando i titoli che vanno in campo, per il Liverpool sono 5 Champions e per lo United tre. Otto, se non erriamo, comunque meno delle dieci che  ( tanto per fare uno degli esempi a noi consentiti) calcherebbero il vestusto San Siro,  con Milan ( 7 Champions, 18 Scudetti) e Inter (3 Champions, 18 Scudetti).
Le quali,  storie e titoli alla mano, avrebbero ( tanti) più  crediti per essere incluse tra ile  pretendenti alla  partita ‘più bella del mondo’.  O no? O forse che, per noi, italioti d’antico pelo,  l’erba più verde resta sempre ( e comunque) quella del vicino? Cilicio  alla mano?

FRASE. ” Il dato importante per il calcio italiano è che c’è una generazione di talenti veramente interessante. Tra l’altro sono tutti titolari in A. Una ottima base della squadra per ripartire”. Così dice Marcello Lippi, ora migrante in Cina, alla guida della Nazionale del dragone, ma già campione del Mondo.

COMMENTO. Di seguito riportiamo quanto avrebbe detto un altro dei nostri (presunti ) tecnici.
Quel Capello che dopo avere trovato pepite d’oro nel ricco eldorado del  Milan berlusconiano, se n’è andato a scorrazzare per il Mondo  con risultati ( sovente) poco lusinghieri. Al momento è riparato in Cina, con magno gaudio del pueblo calcistico nostrano. Sì, perchè mentre lui non vede altri vedono. Non diciamo un futuro roseo, ma almeno da giocarcelo, magari alla pari con altri strombazzati rivali.

Ce ne vuole a snobbare l’azzurro, aspirante pentastellato, ma l’ingrato ed orbo friulano c’è riuscito. Fortuna nostra è che dalle parti della Tuscia, c’è ancora qualcuno che di calcio, e di giovani talenti, s’intende.

*

FRASE. Capello ” Non sono interessato alla Nazionale. Anche perchè oggi  manca il talento”.
COMMENTO.  Di frasi orribili caro  Capello, nella sua peregrina carriera, ne ha dette molte. Per quel che ci riguarda se non lo chiamano a vestirsi d’azzurro è perchè non lo  merita. Allenare infatti una squadra  ricolma Baresi, Maldini, Baggio  son buoni anche quelli del Dopolavoro ferroviario. Reperibili, tra l’altro, a prezzi migliori del suo.
E inoltre non è affatto vero che non ci sono talenti. Il problema è intravvederli  per tempo e non quando sono belli e svezzati. Cosa a lei, evidentemente, impossibile.  Resti quindi pure in Altrove. In Cina o dove meglio crede.  Nessuno la piange. Nessuno la vuole.  Tanto più se la andiamo  a ricordare  per le memorabili imprese che  ha compiuto con con le nazionali di Inghilterra e Russia.

*

FRASE. Dice Montella: ” Il Siviglia negli ultimi dieci anni ha vinto più del Milan“.
COMMENTO. Il Montella, dunque, che   al Milan non è riuscito a tirar fuori il classico ragno dal buco è stato chiamato  grazie alla ineffabile volontà della  Provvidenza in quel di Siviglia, squadra tosta e ( ultimamente ) per tre volte vincente in Uefa ( ma 3 Uefa valgono una Champions?)Ambiziosetta, comunque.
Sarà allora ben per lui più che sparare ciacole a vanvera non ripeter le prestazioni sue. E comunque sia resti sempre grato ad una maglia che anche se vestita con scarso costrutto gli ha concesso di mettersi in vetrina in ambito internazionale. E si rimbocchi  l’ingegno oltre che le maniche.
Perchè se al povero Diavolo  per attendere  il ‘ ragno‘ hanno pazientato ( circa ) due stagioni, al Siviglia potrebbero  tornare sui loro passi molto, molto prima. Ambiziosetti come sono. Auguri, ne ha bisogno.

NOTA.

° Il Milan  ( nonostante la temporanea povertà) è  la terza squadra al mondo per numero di titoli internazionali conquistati (18, a pari merito con il Boca Juniors e alle spalle di Real Madrid e Al-Ahly, rispettivamente a quota 24 e 20).Nella sua bacheca figurano, a livello internazionale, 7 Coppe dei Campioni/Champions League, 2 Coppe delle Coppe, 5 Supercoppe europee, 3 Coppe Intercontinentali e una Coppa del mondo per club FIFA.Se in ambito internazionale il Milan è la squadra italiana con più successi, la prima italiana ad aver vinto la Coppa dei Campioni (nel 1962-1963) e la seconda squadra europea e prima italiana per numero di finali di Coppa dei Campioni/Champions League disputate (11), in ambito italiano è il secondo club più titolato, a pari merito con l’Inter e alle spalle della Juventus (52 trofei), avendo vinto 30 trofei nazionali: 18 scudetti, 5 Coppe Italia e 7 Supercoppe italiane.
Complessivamente, con 48 trofei ufficiali vinti (30 nazionali e 18 internazionali), è il secondo club italiano più titolato dietro alla Juventus (63). È stata inoltre la prima squadra a vincere, nel 1991-1992, il campionato italiano a girone unico senza subire sconfitte,eguagliata dalla Juventus nel 2011-2012 Il club figura (al momento ) al quarantunesimo posto della graduatoria continentale dell’UEFA.

 

° Questo invece il  palmarès del Siviglia:  1 campionato spagnolo (1945-1946), 5  Coppe del Re (193519391947-19482006-20072009-2010) 1 Supercoppa spagnola (2007). In ambito internazionale, invece, da che è al mondo, ha vinto 5  Coppe UEFA/Europa League (2005-20062006-20072013-20142014-20152015-2016), record nella competizione, e una Supercoppa UEFA (2006). Attualmente occupa l’8º posto del Ranking UEFA.

( Fonte Wikipedia)

*

 

ALTRE DALLA CRONACA.

 

 

UNA STORIA DA NON DIMENTICARE. Lo hanno trovato senza vita, nella cameretta d’albergo prenotato dalla  squadra per l’incontro  di mezzogiorno contro l’ Udinese. Avrebbe dovuto scendere  nella sala pranzo intorno alle 9,30. Anticipando come al solito gli altri, lui, generoso e puntuale capitano . Non lo hanno visto, stranamente, e hanno mandato un massaggiatore a verificare la situazione. Purtroppo drammatica, incredibile. Visto che il  valente difensore viola, 31 anni appena compiuti, giaceva nel suo sonno eterno,  che lo aveva colpito nel corso della notte.
Sono stati i suoi compagni a chiedere di non giocare.
Immediatamente seguiti dai friulani e, una dietro all’altra, da tutte le squadre di A e B. Il commissario Malagò non ha fatto altro che prendere atto d’una volontà diffusa. Fortemente provante. Anche perchè Davide era benvoluto un po’ da tutti. Allevato nelle giovanili del Milan era passato ad altre squadre, come sempre capita (anche) ai migliori talenti giovani del nostro movimento.
Ultimamente era stato alla Roma ( un anno) per trasferirsi ,poi, successivamente,  alla Fiorentina. Dov’era pronto un contratto per vestirlo di viola fino al termine della sua carriera.

Davide Astori vestiva anche la maglia azzurra. Il suo sogno da sempre. Nel Mundialito contro l’Uruguay  aveva segnato il gol  che aggiudicava alla Nazionale di Prandelli  il terzo posto del torneo. A Firenze aveva trovato la sua ‘dimensione’ ideale.
Lo aveva confessato apertamente. In pratica, grazie alle  sue qualità non solo calcistiche, era stato prescelto per far dachioccia ad una Viola ( di molto) ringiovanita dopo un anno di ( relative) delusioni. Ci stava riuscendo. E forse proprio questo è il rammarico più grande. Non vederlo sgranare i suoi occhi chiari e sorridenti sul lavoro che stava portando avanti e che , prima o poi, darà i suoi frutti.

Lascia una bimba di due anni, Vittoria, che non potrà mai più godere del suo vigoroso abbraccio. La vita, spesso, è crudele. Potrà però alimentare l’orgoglio di avere avuto un padre così. Bravo sul campo. Amato fuori campo. Esempio acclarato di quei talenti nostrani che solo miopi maneggioni non riesco a vedere e valorizzare come meritano. A tempo debito, si sa, e non quando questi hanno già speso il meglio della loro vita ( non solo) sportiva.

 

 LI FATE O NO QUESTI NUOVI  STADI? Sottoscriviamo il testo diffuso a pagine intere da Sky per salutare  il nuovo inizio del calcio italiano.  ” E’ il momento.
Sono grato della fiducia che tutti ripongono in me, fiducia che però io non merito, perchè da solo non sono niente. Pronti a dare tutto, ce ne sono tanti come me: dieci, trenta, centomila.
E cresceremo ancora. Qualcuno proverà a dividerci, ma si ingannano se pensano di riuscirci. Perchè noi siamo destinati a fare grandi cose
“.

( Giuseppe Garibaldi, giorno di Pasqua 1861)

 

 

 ARGOMENTI ( NON SOLO)  DI SPORT

 

 DISASTRO BREXIT?  Chi glielo ha fatto fare a quei furboni d’Albione di votare la brexit, ( forse) non lo sanno manco loro. Certo è che la signora May, 61 anni, premier del governo inglese, è costretta a smoccolare a destra e a manca.
” Ragazzi – ripete ai suoi, molti dei quali ( abitualmente) rintanati in quei fumosi pub che deliziano tante ore dei sudditi di Sua Maestà - , qui, non ce la caviamo proprio per nulla. Qui non ci danno quel che vogliamo. Qui ci portano via anche quei pochi mutandini  rimasti dopo avere vendute tutte ( o quasi) le nostre squadre sportive  a foresti”.

La signora May, tuttavia, da buona azdora britannica, non si tira indietro. ” Voglio essere diretta – dice – perchè dobbiamo tutti confrontarci  con alcune dure realtà. Stiamo lasciando il mercato unico. La vita sarà diversa, dobbiamo rendercene conto. E al più presto possibile”.
I contraccolpi, soprattutto, sul piano economico ( e doganale) saranno notevoli. Anche al pub, tra una birra e l’altra, si comincia a rendere conto. Tanto che certe ‘ linee rosse’ proclamate in passato appaiono ogni giorno di più sbiadite.
Gli ultrà della brexit chiedono una rottura netta e schiumano – nota il Corrierone- ad ogni accenno di limitazione della libertà della sovranità britannica. Dimentichi loro, stranamente, che di libertà si può ( anche) morire.

Soprattutto se quella libertà è messa al servizio del passato ( che non torna) piuttosto che del futuro ( che va affrontato). E alla svelta, insieme e non in ordine sparso, perchè mentre i sudditi di Sua Maestà si son annebbiati  i riflessi gli altri ( pel Globo) li tengon desti e mirati.

REALISMO EUROPEO. La ‘rosea’ ha resa pubblica una ricerca condotta dalla Swg ( società certificata dal 1999) sui ‘sogni’ dei tifosi, sognatori per definizione ma che all’occorrenza hanno imparato  anche  di stare coi piedi per terra, valutando le diverse situazioni possibili col necessario realismo.
Ebbene, che indica la ricerca frutto di interviste realizzate ( ball’interno di un campione di 1000 soggetti maggiorenni residenti in Italia) tra il 24 e 25 ottobre scorsi?
Swg ha preso come punto di riferimento il Real, ultimo campione d’Europa. E ha chiesto ai tifosi ‘ di misurare proporzionalmente il livello di tutte le altre squadre’. Il punteggio maggiore ( 81%) è andato al Barca, considerato ( in genere) alla pari se non superiore ( 26%) al Real. Dopodichè viene collocato il Psg,  la spendacciona  squadra di stato del Qatar parcheggiata in Europa,  a Parigi.
La Juventus , prima delle italiche, rientra nelle top 10, con un 44% che la colloca ( almeno) allo stesso livello del Real. A seguire vengono il Napoli ( bastonato dal City, con sette gol in rete nei due incontri del girone) e la Roma ( che  dapprima ha pareggiato e poi bastonato il Chelsea, campione d’Inghilterra).

Tra l’altro la Coppa dalle grandi orecchie è considerata ormai dagli afecionados la competizione di punta del calcio mondiale. E dunque ancor più appetita del Campionato italiano. Diversa valutazione corre per l’Europa League, considerata ( maldestramente) dai più un vero e proprio ‘fastidio‘. Se non un ’danno‘.
E questo, molto probabilmente, perchè ai tifosi nostrani non hanno ancora ben spiegato quale importanza rivesta il secondo torneo continentale.

Intanto perchè favorisce numerose necessità   delle squadre ( continuo confronto internazionale, utilizzo di rose spesso esagerate,  etc) eppoi perchè attribuisce punti preziosi per la collocazione nel ranking, che è poi quello che assegna o meno i posti validi in particolare per la partecipazione alla Champions.
In questo momento l’amabilmente  sottovalutato calcio italiano in realtà sta sul podio del ranking Uefa ( terzo), dietro ( d’una inezia alla Premier, seconda) e davanti ( di oltre un punto e mezzo) alla Bundes ( quarta). Autoflagellarsi e autolimitarci, considerandoci più competitivi soltanto dei francesi ( quindi) è come ( al solito) quello strano esercizio di prolungato complesso d’inferiorità sul quale prosperano, da anni, a go go, i tanti esterofili pronti  ad elargire ad ogni piè sospinto ( più o meno) dotte omelie al popolo (  bue ) dei tifosi nostrani.

 

L’ESEMPIO ( EMBLEMATICO?) DEL SOMMERGIBILE VIGILANT.  Avrete nelle orecchie i continue omelie  propinate da decenni dai nostri saggi. Per costoro, l’  ameno mondo italico è (ri)colmo di culture da svecchiare, di comportamenti condizionati da una infinità di anacronistici e deleteri tabù ( sessuali in primis), da famiglie che allevano mammoni e non giganti capaci di affrontare da soli  le  immani sfide del nostro tempo. Avrete, di certo, nelle orecchie.
E se qualcosa dovremmo cambiare a quali altri esempi ( o culture) dovremmo ispirarci? I nostri saggi, in proposito, non hanno dubbi: alla cultura anglosassone con tutti i suoi derivati, figli o figliolini,  in Patria ed Oltreoceano. 

Lasciando in pace l’Oltreoceano ( soprattutto quello a stelle e strisce) che proprio in questi giorni sta facendo di tutto per  farsi odiare  dal resto del Mondo, accontentiamoci ( si fa per dire) d’un frammento ( esemplare)  di cultura evoluta e senza tabù che ci arriva grazie ad   una normalissima news di cronaca.
Fornita ( in ispecie) dal fondino di  una rivista mensile di carattere tecnico-specialistico ( Panorama &Difesa, dicembre 2017)  che nulla ha a che fare con i periodici dediti agli scandali.
Questa è la news:  nove marinai del sottomarino di Sua Maestà britannica Vigilant, sottoposti ad un controllo di routine, sono risultati positivi ad un test sull’assunzione di cocaina mentre erano in servizio; un ‘vizietto’, l’uso di stupefacenti, già noto e ritenuto abbastanza diffuso.
Le statistiche parlano infatti di 63 marinai espulsi dalla Royal Navy tra il 2007 e il 2011 per episodi di droga, mentre nel 2016 il numero dei casi è salito a 80 coinvolgendo gli equipaggi di alcuni sottomarini nucleari d’attacco e personale della base di Farslane, in Scozia, alla quale questi fanno capo.
Tornando al Vigilant, un decimo marinaio è stato accusato di avere avuto rapporti sessuali con una prostituta e di averla poi derubata, mentre un undicesimo è stato sottoposto alla corte marziale per essersi allontanato imbarcato su un volo di linea per rientrare in Gran Bretagna a  (ri)abbracciare la sua amichetta.
Ma l’elenco degli episodi di cattiva condotta non finisce qui: il comandante del Vigilant, il 41enne Stuart Armstrong, sotto indagine dall’inizio di ottobre, è stato rimosso per avere intrattenuto a bordo del sottomarino una relazione con uno degli ufficiali sottoposti, la 25enne sottotenente di vascello Rebecca Edwards, mentre il comandante in seconda, Michael Seal ( 36 anni), è stato sbarcato assieme alla 27enne tenente di vascello Hannah Litchfield, ufficiale tecnico d bordo, dopo la scoperta del loro coinvolgimento in una relazione extraconiugale.

La vicenda del Vigilant ha suscitato commenti vari. Che non possono esimersi dal rimarcare la ‘ sregolatezza diffusa regnante a bordo del sottomarino’, indice ( evidente) di un grave allentamento della vigilanza e di una tolleranza (  in qual misura affiorata? ) altrettanto inaccettabile.
Le  fonti vere di preoccupazione, costumi e tabù ( sessuali o meno ) a parte, sono almeno un paio. La prima: è davvero possibile che un compito di vitale importanza quale l’esercizio della deterrenza nucleare possa finire in mani  tanto esplicitamente inidonee?
Il numero dei soggetti coinvolti nel ‘caso Vigilant‘ ammonta ( ufficialmente) a circa un decimo dell’intero equipaggio del sottomarino: una percentuale non di certo trascurabile, e che qualcuno addirittura la ritiene inaudita se si considera che basta uno di questi battelli per  scatenare una irreversibile catastrofe mondiale.
La seconda: non è che  ( mandando in altro loco i  saggi) invece di inseguire paradisi inesistenti possiamo tenerci  ben stretti  ( magari con qualche  aggiornamento) i nostri? Quelli domestici, certo,  tanto vituperati,  donde dalla notte dei tempi si punta ad    affetti radicati e certi  piuttosto che a rapporti  mutevoli come il vento,  frutto amaro d’ una sregolatezza allo sbando?
Paradisi disegnati  da millenni, e che sono  stati l’anima,  la carne e il sangue  d’ una solidissima  visione della vita e della società trasferita, poi, attraverso strumenti e fasi diverse, e sia pur con qualche contraddizione, all’intero Pianeta?

IL DIO DANARO. Il dio danaro s’è impossessato dello sport e ( in primo luogo) del calcio. E se tutto al mondo va misurato con quello, diciamo pure che la nostra Serie A è in chiara rimonta sulle maggiori restanti consorelle europee. La Serie A, infatti, durante questa torrida e lunga estate di calciomercato , ha sfondato il tetto del miliardo; qualche centinaio di milioni sotto alla paperona Premier, la quale però s’avvantaggia sulla Serie A  grazie agli enormi introiti dei diritti televisivi esteri ( oltre un miliardo contro i 180 mln nostrani, più o meno); ma molto più in alto di Liga, Bundes e Ligue 1 ( quest’ultima sui 600 mln,  grazie   alle sparate della squadra di stato del Qatar battezzata, all’uopo, Paris Saint Germain). Dal 2012 la nostra Lega ha triplicato gli investimenti, passando dai 373 del 2012 ai 1.o37 del 2017.
Tra le squadre in evidenza il Milan ( 228 mln); ma anche Roma, Inter, Samp, Toro e perfino il Cagliari non sono stati di certo con le mani in mano. La Serie A sta rimontando alla brutta, su tutto e tutti, e se come si auspica anche gli introiti esteri daranno i frutti sperati non è detto che tra qualche anno ( o mese) diventi proprio la bistrattata  la Serie A il campionato più ricco del pianeta. Con qual fondamento e costrutto non è dato a sapere. Cresciamo, alla grande,  e questo ( al momento)  basta. Speriamo solo che tra tanta grazia non dimentichiamo la sostanza vera, quella di far nuovi stadi.

Saranno  afflitti i menagrami, ma andranno in delirio  i facitori del libero mercato, i quali, gatton gattone, da gran liberali,  stanno giocherellando sui prezzi con inusitata goduria e avidità. Intanto, se Dio vuol,  hanno chiuso le porte del Calciomercato. In tutta Europa. Con N’peperempè, Nebbelelè e Coutintino finiti ( o quasi)  grazie a centinaia di milioni nelle braccia dei ’poveri fessi’ che gettano dalla finestra soldi altrui. Per costoro il fair play finanziario manco esiste; comprano con tutti gli espedienti del caso, gonfiando qua e deprimendo là, svolazzando come nugoli di cavallette arrivati dalla steppa o dai deserti. Guarda caso i loro habitat naturali. Dire che il Psg sia una squadra di calcio fa ridere.

Quella è una squadra di  Stato, acquistata  e foraggiata da una vena inesauribile di  danaro pubblico solo perchè comodo veicolo per condurre a termine operazioni varie.
E non sempre chiare. Certo, molti di quei soldi non solo non restano e non resteranno nel calcio ( vedi le assurde commissioni a procuratori ultra miliardari) ma voleranno via, qua e là, con destinazioni tutte da (ri)costruire. Il pericolo c’è. D’inflazionare ( o di infettare) il tutto.  Non limitatamente al sistema calcio, sia chiaro, che però nello sport agonistico fa da traino. Alto.  Molto alto. La senora Uefa, per caso, dorme?

FATECI CAPIRE. Sul ‘Corriere’ ( firma Alessandro Bocci) poco tempo fa si è letto ” La Juve di Andrea Agnelli non ha solo vinto sei campionati di fila e raggiunto due finali Champions. E’ prima per fatturato, numero di tifosi, monte ingaggi. Bella e ricca, dunque, quasi perfetta verrebbe da dire…
Il fatturato della Juve è in linea con  quello dei grandi club europei, Real, Barca, e United: 562,7 mln anche se in parte gonfiato dalla cessione di Podgba. All’Inter i numeri sono più bassi. L’ultimo fatturato ha superato i 300 mln ( 318,2) ed è cresciuto del 32,7% rispetto a quello di due anni fa. Con l’Europa potrebbe avvicinarsi ai 400 mln…”.

Il 24 gennaio sulla ‘rosea’ si è letto: ” La Juve è la prima delle italiane, decima per il quarto anno consecutivo. I suoi ricavi al netto dei proventi da calciomercato sono saliti a 405,7 mln nel 2016/17 ( erano 338 mln) grazie al boomChampions. Deloitte però avvisa che sarà difficile consolidarsi nella top ten dei prossimi anni. In testa alla classifica europea resta lo United, a quota 676,3 mln, seguito dal Real con 674 mln e il Barca con 648,3 mln. Valori fuori portata delle italiane, anche se la Juve è in crescita e così l’Inter, che passa al 15°posto.
Allora, per riassumere: per il ‘Corriere’ la Juve è in linea con i club europei, per la ‘rosea’ è  fuori portata :  si può sapere come stanno le cose? Annamo avanti o a puttana? Per far chiarezza, non è che ci costringete a  rivolgerci a quel beato esterofilo di Gianfranco   Teotino?

 

IL SOVRANISMO. Il sovranismo, secondo la Treccani, è una dottrina politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovranazionali di concertazione. Ma chi è affetto da sovranismo ai giorni nostri? Guarda un po’ quelli che (  molto tempo fa ) davano ( sostanzialmente) corpo e sangue al vecchio Impero asburgico.

Con adesione aggiornata di  Austria, Ungheria,  Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia. Costoro, cristiani e riformati che siano, non vogliono sentire parlare di immigrati. Quelli, per gli ex asburgici, caso mai ce ne fossero, stazionassero pure nei paesi donde approdano. Null’altro.  A costoro  poco importa infatti veder naufragare giornalmente decine, centinaia, di poveri diavoli, tra cui tanti sguardi increduli di bambini.
Per loro una ‘ nazione incapace di difendere i suoi interessi è meglio che scompaia’. Un concetto, questo, chiaramente sovranista e usato in totale contrapposizione con quello comunitario  dell’Europa. Insomma, questi signori, peggio ancora di quelli ( infidi) d’Albione, non riescono pensare ad  altro che auto  conservarsi, proteggersi, guardarsi ( spensieratamente) all’indietro. Pensare poi che questo sia il modo migliore di ‘ difendere i propri interessi per non scomparire ‘ è tutto da dimostrare. Anche perchè chi assicura agli ex asburgici   che  a dover levare le tende dalla storia non debbano essere  proprio loro e non altri i quali la storia, pur con tutte le sue ferite e contraddizioni, le sue porcate e le sue speranze, la storia vera, sanno guardare negli occhi ( intanto) con infinito coraggio e  generosità?

EXCURSUS STORICI

MASNADE MERCENARIE.  L’origine dei capitani di ventura va ricercata  tra i rami cadetti della nobiltà, spazzati via fin dalla nascita nelle rivendicazioni del casato. Alcuni di questi capitani ( o condottieri) arrivarono perfino, fra Tre/Quattrocento, a fondare stati. A certe condizioni resta difficile affermare che i capitani di ventura siano stati la rovina e la maledizione dell’Italia, perchè potrebbe essere vero anche il contrario. Essi si ergono protagonisti di un particolare momento storico, con forza vitale incredibile, grandiosa, al limite del brutale, immagine nuda e cruda  del potere militare riflesso sul potere politico. Il capitano di ventura è figura centrale per tre secoli. E in quattro tempi.
Da quello dei ‘precursori’ ai primi significativi rappresentanti ( per lo più al seguito delle compagni straniere calate sulla Penisola); dai capitani dell’età aurea ( per lo più italiani, talvolta fondatori di stati) agli epigoni, quando l’Italia  ( insipienza sua) concesse ad altri di trasformarla  un campo da battaglia e di conquista, fin al ( definitivo) predominio spagnolo. Il ‘fenomeno‘ trovò  una sua prima comparsa ( a partire)  da fine Duecento /inizi Trecento allorquando numerose ‘ masnade mercenarie straniere‘ presero l’abitudine a calare in Italia, da sole o a seguito di qualche re o imperatore, voglioso di mettere mano sui tanti tesori del paese ( più bello) e ( più ricco)  del Mondo.
Si trattava allora di bellatores, ovvero di soldati di mestiere, in gran parte di bassa estrazione, disposti ad aggregarsi per una impresa che portasse loro danaro e bottino.
Provenivano dalla Germania o  dal Brabante,  quest’ultimi  chiamati ’ Brabanzoni‘; ma anche dall’ Aragona e dalla Cataluna  come gli Almogavari o Almovari, che permisero a Pietro d’Aragona di conquistare  nel 1282 il Sud d’Italia.
Michele Amari li descrive così: ” Breve saio a costoro, un berretto di cuoio, una cintura, non camicia, non targa, calzati d’uose e scarponi, lo zaino sulle spalle col cibo, al fianco una spada corta e acuta, alle mani un’asta con largo ferro, e due giavellotti appuntati, che usavan vibrare con la sola destra, e poi nell’asta tutti affidavansi per dare e schermirsi.

I loro capitani chiamavansi con voce arabica ‘adelilli’. Non disciplina soffrivano questi feroci, non avevano stipendi, ma quanto bottino sapessero strappare al nemico, toltone un quinto per re.
Indurati a fame, a crudezza di stagione, ad asprezza di luoghi; diversi, al dir degli storici,  dalla comune degli uomini, toglieano indosso tanti pani quanti dì proponeansi di scorrerie; del resto mangiavan erbe silvestri, ove altro non trovassero: e senza bagagli, senza impedimenti, avventuravansi due o tre giornate entro terre de’nemici; piombavano di repente, e lesti ritraenvansi; destri e temerari più la notte che il dì; tra balze e boschi più che pianura”.

( PARTE I )

I bellatoreso se si vuole  i masnadieri, una volta terminata la spedizione, perlopiù, non se la sentivano di tornare donde erano venuti, anche perchè il Bel Paese era terra troppo ghiotta per mettersi da parte  un gruzzolo senza troppo inferire. Restarono, infatti, tutti, seminando lutti e devastazioni, praticamente impuniti. Del resto le rivalità nostre lasciarono campo aperto ad ogni avventuriero.
I nostri capitanei, oggi come ieri, preferivano ( e preferiscono)  farsi depredare più che combattere. Ma il ’casino’ diventò tale che qualcuno cominciò a chiedere L’introduzione di una certa disciplina. Pisa, ad esempio, ci provò subito, stendendo un codice apposito per regolare i rapporti con certa gente. Inutilmente, è ovvio. Ma tentò. Si passò allora all’emarginazione, ma anche di questa, quelli, se ne fotterono.

” Che nessuno di detta masnada possa mangiare e bere con alcun cittadino pisano in casa sua o in qualunque altra casa…” recitavano i testi, peraltro impossibili  a leggersi da masnade analfabete. I mercenari venuti in Italia nel 1333 al seguito di Giovanni di Boemia restarono quasi tutti nella Penisola; un gruppo  si raccolse nel Piacentino, alla badia della Colomba, sotto il nome di ‘ Cavalieri  della colomba’, vivendo di rapine, finchè vennero assunti al soldo da Perugia che voleva liberarsi del giogo di Arezzo. Ne compirono, i nostri amici, di tutti colori, eppure grazie a ciò trovano  ingaggio presso il comune di Firenze. Diciamo che in  questi frangenti non si tratta ancora di vere proprie compagnie. I loro vessilli non sono bandiere ma banderuole. I loro ‘capitani‘, usciti dai ranghi feudali e dai milites, costituiscono uno ‘ strato sociale che gira, con scadenze annuali o semestrali, per l’intera Penisola e l’Italia centrale.  Al suo interno si differenzia un circuito guelfo o ghibellino. Il mestiere della guerra viene tramandato di padre in figlio’. Guerrieri, dunque, di professione, ma non ancora dei professionisti. Questi, infatti, al momento, sono soltanto i precursori del fenomeno ben più ampio e disastroso che verrà. E che metterà ai margini,  senza lacrima alcuna,  quello che era  il più bello, ricco ed evoluto paese della Terra.

(  PARTE II)

 Le cose si complicarono ulteriormente  quando assaltarono la Penisola ‘ trascinatori nati’ di truppe mercenarie, come il duca Werner von Urslingen o il conte Konrad von Landau. Essi arrivano nel 1339 per unirsi alla massa di venturieri tedeschi che da più di vent’anni, in gruppi isolati, avevano eletto l’Italia come terra di saccheggio e che, guarda un po’, un italiano, Lodrisio Visconti, radunava nella ‘Compagnia di san Giorgio’.

Le masnade poterono così raggrupparsi, trasformarsi in una prima nefasta grande compagnia, travolta però, non molto dopo, dall’accozzaglia più o meno organizzata  di un altro capitano italiano, Ettore da PanigoWerner, in quella, scelse di proseguire da solo, combattendo al soldi di diverse bandiere in Lombardia e Toscana, finchè non andò a riesumare l’idea di Lodrisio, (ri)proponendo la costituzione di una libera compagnia ‘ per guerreggiare i più deboli e i più doviziosi’.Impose anche una disciplina di ferro. Gli ingaggi ai venturieri davano diritto al soldo, che sarebbe dipeso dall’entità dei bottini che la compagnia riusciva a fare. Si costituì dunque la ‘ Grande compagnia’ al comando, ovviamente,  di von Urslingen ribattezzato all’uopo  duca Guarnieri, parimenti ad altri macellai stranieri.

La ‘Grande compagnia’  forte di tremila ‘barbute‘, costituita ognuna di un cavaliere e di un sergente, anche lui a cavallo, trovò ‘ richieste di lavoro‘ a volontà. Toscana e Umbria, in ispecie,  vennero intinte nel sangue. Devastate senza scrupolo proprio da uno che aveva scolpito sulla sua armatura il suo ideale ” Duca Guarnieri, signore della Gran Compagnia, nimico di Dio, di pietà et di misericordia”. Guarnieri si offriva a chi meglio pagava. Dopo avere fatto guerra ai Malatesti di Rimini passò, molto amabilmente, al servizio degli stessi. Conteso  e disprezzato dai ‘ datori di lavoro‘, saccheggiò per almeno due anni la Penisola, finchè i ‘datori di lavoro’ decisero di toglierselo di mezzo versandogli, nel 1343, una grossa somma di danaro a titolo di liquidazione. Lui si ritirò in Friuli.Per quattro anni soltanto, però, perchè già nel 1347 s’era accodato a Luigi I d’Ungheria  diretto a  Napoli per eliminare Giovanna d’Angiò, colpevole d’avere ucciso il marito Andrea, suo fratello.  Quella guerra durò tre anni.

Con enorme prodigarsi della ‘Grande Compagnia’. La quale, una volta dipartito il re d’Ungheria, restò sul posto fiancheggiando il voivoda d’Ungheria rimasto in Italia. La masnada si (ri)prese un ‘periodo di riflessione’  quando  il capo nel 1351  si ritirò nella nativa Svevia, colà morendo tre anni dopo. Perchè,  a dirla tutta, l’operato della ‘Grande Compagnia’ non cessò con la morte del duca Guarnieri, proseguendo la sua nefasta attività agli ordini di Fra Moriale, che la guidò ora contro ora a favore del pontefice di turno. A decretare la fine della ’Grande Compagnia‘ furono  quelli della ‘Compagnia bianca‘ come  Albert Sterz e John Hawkwood, inglese italianizzato col nome di Giovanni Acuto.
A quel punto le compagnie create e dirette dai capitani stranieri non si contavano più. Tuttavia, per completare il quadro, occorre non sorvolare sulle compagnie italiane sorte alla stregua delle straniere con truppe e comandanti ( in gran parte)  italiani. Famose divennero la ‘Compagnia della stella‘ di Astorre Manfredi e  la ‘Compagnia del cappelletto’ di Niccolò da Montefeltro.

E comunque, queste, tutte guidate da personaggi d’estrazione nobiliare ma ( sostanzialmente) di ‘mezza tacca‘. Semmai, la compagnia ‘tutta italiana‘  che segnò una svolta epocale fu senz’altro quella formatasi all’indomani dell’eccidio di Cesena. Si faceva chiamare  la  ’Compagnia di San Giorgio’ di Alberico da Barbiano. Questa, infatti, ottenne  la ( clamorosa)  santa benedizione di papa Urbano VI. Con benefici enormi. Alberico da Barbiano   ( tra l’altro) apre l’epoca d’oro dei capitani di ventura italiani che subentrarono, nei modi e nei tempi più favorevoli, a quelli stranieri. Le masnade nostrane non nascono però a caso come gran parte delle precedenti, visto che è il capitano a scegliere i suoi uomini. Dal primo all’ultimo. Trasformandosi così  da ‘ capitano’ a  ’condottiero‘.

( PARTE III)

Tante sono le novità. Come il reclutamento ‘ in massa‘, tra vecchi camerati;  oppure ‘ a bandiera’ con uomini da selezionare ed istruire. Tutti, comunque, alle sue dipendenze. Il capitano ( come sopra si diceva) si fa condottiero. Cresce di peso. Le prime condotte regolari risalgono alla seconda metà del Trecento. Firenze fu tra le prime città ad organizzarsi.

Con la creazione di speciali magistrature come quella degli ‘officiali di condotta’ e degli ‘officiali sopra‘, che controllavano ( in particolare) disciplina e armamenti. Si diffusero forme diverse ed articolate di condotta. ( Inizialmente)  gran campo presero quelle a ‘ soldo disteso’  ( alla diretta dipendenza d’un signore o di un capitano generale della città); e quelle a ‘ mezzo soldo‘ ( con capitano aggregato ma in posizione sussidiaria, oltre a  paga e rischi ridotti). Col tempo i controlli ( e i contratti) saltarono, ovviamente, data la crescente forza d’imposizione dei gruppi armati. Il condottiero era tenuto al rispetto di un periodo di ‘ferma’ e anche ‘ d’aspetto’. Terminato il quale, poteva o rinnovare l’impegno o recederlo. Comunque terminato ’l'aspetto‘ il condottiero poteva andare dove meglio credeva. Anche passando al campo ( fin a poco prima) nemico. Un particolare tipo di condotta veniva stipulato per i mercenari del mare, si chiamava ‘ contratto d’assento’, cioè d’ingaggio di forze navali nemiche.

Genova cominciò a stipulare contratti con mercenari agli inizi del Quattrocento. Così lo Stato pontificio. Venezia invece considererà il contratto ’ d’assenso‘ come un umiliante (  pericoloso)  ripiego.  Cercò così di evitare mercenari. Ma quanto poteva mettere in tasca un ( buon) condottiero? La risposta ( ovviamente) non è semplice. Poichè come in tutti i rapporti di forza ( e necessità) a fare il prezzo è chi tiene il coltello del manico. Inoltre, pare incredibile, da considerare era anche il pericolo inflazione a cui andavano soggette le monete del tempo, fiorino o ducato compresi. Micheletto Attendolo, cugino di Muzio, nel 1432, incassava da Firenze mille fiorini al mese. Francesco Gonzaga, nel 1505,  sotto contratto con il Giglio, metteva in cassa 33 mila scudi annui per una compagnia di 250 soldati; mentre Francesco Maria della Rovere strappò ( al Giglio)  oltre 100 mila scudi annui,   ma con soli 200 uomini.

In ogni caso, pur  fatte anche  le debite distinzioni, e adattamenti,  si trattava di cachet notevoli. Che impoverivano ogni ora di più le casse di Signorie e Città.

Inoltre, visto che il pollo si poteva  spennare con poca fatica, di ‘condottieri‘ ne nacquero tanti quanto i soliti funghi dopo una intensa pioggia d’autunno. Molti di loro diedero vita a dinastie. Anche durature. Visto che, prima o poi, riuscivano ad imporre la forza delle loro armi  contro gli improvvidi che li chiamavano  ( si fa per dire) al loro servizio. Costoro, poi,   quasi tutti venuti dalla gavetta,  autentici parvenu,  una volta diventati  gli unici padroni della situazione,  iniziarono bene ad alimentare aloni leggendari. Da ( autentica) grandeur medievale, sulle gesta degli antichi cavalieri o dei più valenti uomini d’arme.
Qualcuno si ripulì la fedina, grazie anche a  (  lodevoli) intenti mecenatistici. Ci fu anche chi azzardò  atteggiarsi  ad umanista, pur  restando ( per lo più) ignorante o  semianalfabeta. I meglio posizionati non resistettero  (perfino)  al sogno dell’immortalità. Cosa non difficile a farsi  declamare. Visto che nelle loro ( sempre più ricche) case gli adulatori si sprecavano. Nella celebre ‘ Vita Scipionis Jacopo Piccininis’ il nostro condottiero viene  paragonato ( addirittura)  al vincitore di Zama. Roba da non credere. Roba da ridire. Ma tanto accadde. In  epoche lontane. E così via.

( PARTE IV)

La pace di Lodi del 1454, consolidando un temporaneo equilibrio strategico-politico, mette in crisi i capitani di ventura. Chi era arrivato al vertice, resta, ma chi aspirava deve rinunciarci. Sono le invasioni estere a far saltare il banco. Dall’Alpi alla Sicilia. E’ l’inizio della decadenza del paese più importante al Mondo. I sovrani stranieri non s’appoggiano più alle milizie locali, ma reclutano armate in proprio. Capaci di sferrare, al contrario delle altre sul mercato, attacchi micidiali, con armi micidiali. Le artiglierie formano il cuore delle armate di Carlo VIII, Luigi XII , Francesco I, Massimiliano I e Carlo V. Giungono sui campi le colubrine ( sessanta colpi al giorno) con tiro fin oltre due chilometri. E anche il falcone. E poi l’archibugio. Contro queste armi anche la corazza più robusta poco oppone.
I venturieri italiani devono (ri) cedere così il passo ai mercenari stranieri. Come i brutali Lanzichenecchi. Altro non resta, ai nostri, che arruolarsi con gli eserciti stranieri. Diventando, spesso, e nonostante gli ostacoli che dovevano superare, famosi. I loro nomi si ripetono ancora. Ma è vana gloria. Gli ultimi capitani di ventura arrivati (in precedenza ) ai vertici del potere si consumeranno mortalmente in rivalità comunali e familiari. Orsini, Colonna, Baglioni, Borgia e Della Rovere finiranno così per trovarsi su fronti contrapposti in fratricidi combattimenti. Il sangue del Belpaese colerà (ancora) a fiumi. Senza colpevoli, ma solo con tante vittime.

San Quintino di Lepanto,  in questo frangente, è  una fiammella di speranza, breve, e comunque  già parte d’un altra storia.

 

TIRIAMO LE SOMME. Abbiamo (man)tenuto sul ‘foglio‘ questa nostra mini inchiesta sul mercenariato perchè , quantunque possa sembrare riempitiva, in realtà vorrebbe che non  s’obliasse mai un ‘ male‘ ( purtroppo) cronico della nostra società. Cattolica, Riformata, Laica o  altro sia. O che pretende di essere. La verità di gente sempre disposta  a mettersi al soldo altrui non s’è esaurita di certo in alcune fasi storiche. Chi è disposto a vendersi ( sotto forme e modi diversi) c’è  e ci sarà sempre. Sotto mutate spoglie, magari, anche per darla meglio da bere ai soliti sprovveduti pronti a cascare nella rete.

Mercenariato evidente, oggi,  nello sport. Calcio e non soltanto. Vedere, ad esempio, squadre di atletica o nuoto ricolme di soggetti che hanno poco a che fare con quelle bandiere è uso ormai abituale. Vorrebbero farla passare per questo o quel nobile ideale, magari rivolto alla risoluzione degli atavici problemi  delle diversità nel Mondo, quando in realtà si tratta solo ( o semplicemente) di ( uno o più) interessi che vanno a coincidere: quello di colui che per prima imporsi  è pronto a vestire   i colori d’un’altra nazione, quello di colui che allarga le braccia al nuovo arrivato  per appiccicare qualche medaglia pregiata in più sul proprio medagliere.

Per queste ( ed altre più o meno evidenti) ragioni abbiamo cercato rinfrescare  la memoria con  qualche pagina di storia. Anche perchè le cose non sono mai del tutto semplici e definite.  Qualcuno dei  mercenari storici ( ad esempio)  trovò perfino la forza d’impadronirsi del territorio o della città  dove era stato chiamato per proteggerla. Dando vita a Signorie ( o altri Governi) che, tutto sommato, non son poi state la disgrazia del Belpaese.
Certo sarebbe davvero curioso se un soggetto come certo  Raiola da Nocera Inferiore,  ex pizzaiolo e al momento dominus incontrastato  di tanti veri o presunti campioni, si presentasse al botteghino della storia sportiva odierna per acquistare una società di calcio. Anche blasonata. E farsela tutta sua. Libri mastri e soggetti in carico, campo e spogliatoi, maglie e calzettoni, insomma tutto, dal capo ai piedi, ogni vivente e cosa  compresa. Come a suo tempo fecero, con le dovute differenze, è ovvio,  uno Sforza o un Malatesta o un Montefeltro. Dapprima al servizio altrui e poi padroni assoluti.

Che ridere, e  se fosse questo l’avvio del tanto vaticinato Rinascimento del nostro sport più amato?

I PIU’ CELEBRI CAPITANI DI VENTURA. I nomi (  italiani o italianizzati) di alcuni capitani di ventura sono rimasti scolpiti. Da quelli degli anticipatori del movimento, come Ruggiero da Flor ( 1268 ca/1305), Uguccione della Faggiola( 1240/1319), Castruccio Castracani ( 1281/1328) Cangrande della Scala( 1291/1329); a quelli dei primi, veri, grandi capitani di ventura, come Lodrisio Visconti( 1280/1364), Malatesta Guastafamiglia ( 1299/1372), Galeotto Malatesta ( 1305/1385). Tra i numerosi  ’ big’   di Tre/Quattrocento questi, in particolare, hanno acquisito fama duratura: Pandolfo Malatesta( 1369/1427), Muzio Attendolo Sforza( 1369/1424), Gattamelata ( 1370/1443), Francesco Sforza( 1401/1466), Federico II da Montefeltro ( 1422/1482).

Ti potrebbe interessare anche...