Faenza. ‘Maggio faentino’, contenitore di eventi del ‘ buon vivere’. Per scoprire Città e dintorni.

Faenza. ‘Maggio faentino’, contenitore di eventi del ‘ buon vivere’. Per scoprire Città e dintorni.
BuongiornoCeramica - L' Aperitivo del ceramista in piazza Nenni, nell'ambito di Buongiorno Ceramica 2017. Antonio_Veca

Faenza, 23 aprile 2018 – Perché Maggio faentino? Maggio faentino è un racconto. Quello di cinque eventi che avranno luogo nel mese di maggio, che hanno scelto di fare squadra e unire le loro voci e le loro esperienze per far conoscere la realtà faentina dentro e fuori il territorio, in un continuum tra musica, arte, sport, cultura, ceramica ed enogastronomia.
Una manifestazione itinerante alla scoperta di Faenza e dintorni, che inizierà a Castel Raniero con La musica nelle aie (10-13 maggio), per spostarsi poi nel cuore di Faenza con Distretto A Weekend (18-20 maggio) e Buongiorno Ceramica! (19-20 maggio). Infine, percorrerà gli Appennini con La 100km del Passatore (26-27 maggio) per concludersi a Brisighella con BorgoIndie (26-27 maggio). Un filo comune che lega il territorio alla passione delle persone che lo vivono e che credono nella bellezza di generare situazioni di incontro.

 Patrocinato dallUnione Romagna faentina e supportato dal comune di Faenza, questo contenitore alla sua prima edizione si pone l’obiettivo di dare una visione di insieme delle potenzialità culturali e turistiche del territorio, capace di reinventarsi ogni anno e offrire al pubblico sempre maggiori occasioni di partecipazione e divertimento.
Un racconto del buon vivere di una Romagna ospitale che sceglie di promuovere i luoghi del suo territorio facendoli vivere in prima persona al pubblico e creando occasioni di scambio e aggregazione. Dagli spazi aperti in mezzo alla natura di Castel Raniero, passando per gli appennini e le colline di Brisighella, fino ai luoghi artistici e storici della città di Faenza e alle sue botteghe e laboratori ceramici.
I cinque eventi in calendario sono uniti da un fil rouge che mette il pubblico al centro e lo rende destinatario di una connessione che andrà a toccare tutti e cinque i sensi: il profumo della natura nel mese di maggio, la musica che risuona nell’aria, le bellezze artistiche della città e delle installazioni temporanee, l’elogio dell’enogastronomia e la possibilità di sperimentare la consistenza dell’argilla fra le mani. Un’esperienza a 360° che il territorio faentino ha saputo accogliere e valorizzare negli anni, e che vuole ora condividere anche con tutti coloro che non ancora non conoscono le potenzialità e i luoghi d’interesse di questa parte di Romagna.

 

Il Maggio faentino raccoglie quindi la volontà di offrire al pubblico molteplici situazioni di condivisione e divertimento, che possano trasmettere la vivacità culturale e aggregativa del territorio e allo stesso tempo avviare un dialogo con il suo pubblico anche da un punto di vista di scoperta e valorizzazione turistica.

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...