Lugo. Nuovo open day agli scavi archeo di Zagonara. Si parte alle ore 18, a piedi o in bicicletta.

Lugo. Nuovo open day agli scavi archeo di Zagonara. Si parte alle ore 18, a piedi o in bicicletta.
Scavi a Zagonara

LUGO. Martedì 28 agosto, alle 18, ci sarà Aperitivo allo scavo’, l’open day grazie al quale sarà possibile visitare lo scavo archeologico in corso al castello di Zagonara, nell’omonima frazione di Lugo.
Si parte alle 18 a piedi o in bicicletta da Lugo, presso l’ingresso del Parco del loto (lato Canale dei mulini), per arrivare in compagnia agli scavi. Dalle 18.30 ingresso libero al sito e buffet di benvenuto per i partecipanti. Infine, alle 19 ci sarà la presentazione dei risultati dei lavori da parte degli archeologi del dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna.
La zona interessata dai lavori è quella in cui è stato individuato il sito del castello di Zagonara, grazie alle indagini di superficie, condotte nel 2009. La ricognizione di superficie ha permesso di raccogliere i reperti riconducibili alla fase di vita del castello (XIII-XV secolo), e di individuare fasi di vita anteriori, prima del tutto sconosciute, risalenti all’Alto Medioevo (VIII-XII secolo); in superficie sono stati individuati anche materiali di età precedente, romana e tardoantica (I-VII secolo d.C.).

COMMENTO. “La campagna dello scorso anno ha riscosso un enorme successo di pubblico conseguendo notevoli risultati scientifici – ha dichiarato l’assessore Fabrizio Casamento -. I cittadini, lughesi e non solo, con entusiasmo hanno partecipato alle fasi di scavo, all’open day, ove hanno avuto l’opportunità di vedere personalmente gli scavi, e alla conferenza conclusiva, alla sala del Carmine. Un grande interesse per approfondire la conoscenza storica del proprio territorio e delle persone che vi hanno abitato, e questo è il suo prosieguo per continuare a condividere con la cittadinanza i nuovi risultati”.

L’iniziativa, a partecipazione libera e gratuita, è organizzata dal comune di Lugo e dal progetto ‘Bassa Romandiola’ del dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna. Lo scavo e l’aperitivo sono organizzati con il contributo di Gvm Care & Research, Cna Ravenna, Confesercenti, Confartigianato, Confcommercio, Tavolamica Camst, Agenzia Davide Staffa, Gruppo Cevico, Pia Fondazione Bartolomeo Fabbri e Famiglia; Rotary Club Lugo, Lions Club Lugo, Unipol Assicurazioni, in collaborazione con Nordic Walking Bassa Romagna, il Centro di studi sulla ‘Romandiola nord occidentale’, l’associazione ‘Storia e memoria della Bassa Romagna‘, il gruppo Fai di Lugo.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...