Cesena. E 45: pronto il protocollo d’intesa per gli interventi a sostegno delle famiglie e delle imprese.

Cesena. E 45:  pronto il protocollo d’intesa per gli interventi a sostegno delle famiglie e delle imprese.
Puleto (rep) download (1)

CESENA. Si è svolta all’insegna dell’operatività la riunione fra Unione Valle Savio, Associazioni imprenditoriali e Organizzazioni sindacali svoltasi nella tarda mattinata di oggi a Palazzo Albornoz per definire le modalità di gestione dei contributi messi a disposizione dalla regione Emilia Romagna a sostegno di famiglie e imprese messe in difficoltà dalla chiusura dell’E45.

Presenti i rappresentanti di tutti soggetti coinvolti, con in più la new entry del comune di Sogliano al Rubicone. Infatti, come già anticipato nei giorni scorsi, oltre ai cinque Comuni dell’Unione Valle Savio beneficeranno dello stanziamento regionale, dell’importo di 250mila euro, anche i Comuni di Sogliano, Roncofreddo e Sant’Agata Feltria.
L’incontro è stato dedicato soprattutto a redigere il protocollo d’intesa fra Comuni, Sindacati e Associazioni di categoria sulla base del quale saranno sviluppate le azioni necessarie per organizzare l’assegnazione dei contributi e delle agevolazioni previste dalla Regione.

MOTIVAZIONI. “Il testo di base è già pronto – riferiscono spiegano il sindaco di Cesena Paolo Lucchi, presidente dell’Unione Vallesavio, e il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, Vicepresidente –  ed entro mezzogiorno di martedì 29 gennaio Sindacati e Associazioni imprenditoriali dovranno segnalare eventuali osservazioni. Poi, sempre nel pomeriggio di domani, il documento passerà all’esame della Giunta dell’Unione per l’approvazione.
L’obiettivo è di sottoscrivere il protocollo d’intesa entro pochi giorni, se è possibile già giovedì 31 gennaio. Come si vede stiamo lavorando su una tabella di marcia molto serrata, perché questo atto è la precondizione indispensabile per attivare nel concreto l’intervento regionale e vogliamo essere in grado di avviare al più presto le procedure per consentire l’accesso ai fondi messi a disposizione a imprese e famiglie colpite dalla chiusura della superstrada. Siamo ben consapevoli  delle loro difficoltà, che crescono con il passare dei giorni, e  non vogliamo farli attendere più del necessario. Una volta firmato l’accordo, il passo immediatamente successivo sarà quello di predisporre il bando per la presentazione delle domande”.

Secondo il testo di accordo predisposto, l’Unione dei Comuni della Valle del Savio si impegna ad agevolare il flusso informativo tra Istituzioni, Associazioni e cittadini, a coordinare il tavolo di lavoro che verrà costituito per garantire la tempistica delle attività e l’informazione unitaria e omogenea alla cittadinanza dei Comuni dell’Unione, e ad attivare ogni soluzione per agevolare anche in forma decentrata sull’intero territorio la presentazione delle domande per l’accesso ai contributi supportando gli utenti attraverso la rete degli sportelli informativi (Sportello Facile) istituiti presso i singoli comuni dell’Unione.
Dal canto loro, Sindacati e Associazioni, oltre che a tenere stretti rapporti con gli organi istituzionali e gli uffici preposti nell’intento di rendere l’azione il più efficiente ed efficace, si impegnano a facilitare con ogni possibile soluzione e mezzo il flusso informativo supportando i propri associati nell’attività di compilazione delle domande.

Il Tavolo di coordinamento che verrà costituito e a cui saranno chiamati a partecipare i rappresentanti di tutte le parti coinvolte, avrà il compito di: coordinare il monitoraggio della situazione di emergenza; curare il raccordo delle iniziative in capo ai vari soggetti interessati; condividere i contenuti dell’informazione da diffondere alla popolazione; predisporre documentazione e informazione omogenea, coordinare le operazioni di supporto nella compilazione delle domande, nella raccolta e nella valutazione della documentazione, nell’assegnazione del contributo.

“Nel frattempo, però, – aggiungono i sindaci Lucchi e Baccini -  ci stiamo muovendo anche su altri fronti. In particolare, puntiamo a coinvolgere gli istituti di credito locali per verificare insieme a loro la possibilità di attivare altri strumenti di rapida esecuzione, per offrire velocemente sostegno a lavoratori, imprese e famiglie che stanno subendo le gravi conseguenze di questa situazione. A questo scopo oggi abbiamo scritto alle banche del territorio per invitarle a un incontro con i Comuni, i Sindacati e le Associazioni di categoria, fissato per lunedì 4 febbraio”.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...