Ravenna. L’arte del fumetto incontra l’arte del mosaico. Pico di Bisanzio e il ‘mosaico barbaro’.

Ravenna. L’arte del fumetto incontra l’arte del mosaico. Pico di Bisanzio e il ‘mosaico barbaro’.
Foto1-L'ingresso di Classis Ravenna

RAVENNA. L’inaugurazione del Museo Classis non ha destato ammirazione e apprezzamento solo fra tutte le maggiori testate giornalistiche, ma ha ispirato anche lo storico Topolino, edito da Panini Comics.
Il magazine più letto dai ragazzi, che ogni settimana  propone 6 storie a fumetti inedite per soddisfare un pubblico incredibilmente trasversale (dai 5 ai 99 anni), grazie a Classis, infatti, ha dedicato a Ravenna una delle sue fantastiche storie e al nuovo Museo ha riservato foto e approfondimenti. Con l’invito esplicito a visitarlo e a partecipare alle tante iniziative che RavennAntica anche in questo nuovo contenitore riserverà ai ragazzi.

Come è noto, la caratteristica degli sceneggiatori e disegnatori di Topolino è di saper trasformare Topi e Paperi in personaggi storici per interpretare storie a fumetti in grado di divertire e allo stesso tempo istruire.
La storia Pico di Bisanzio e il mosaico barbaro, realizzata dello sceneggiatore Roberto Gagnor e dal disegnatore Giampaolo Soldati, è ambientata a Ravenna nel 540 d.C., in pieno scontro tra Impero romano d’Oriente e Impero romano d’Occidente.
Per l’occasione Paperone diventa Paperoniano nei panni dell’imperatore Giustiniano, Rockerduck è Rockerico nei panni del re dei Goti, i Bassotti diventano La B.B.B (Banda Bassotti Barbari) al servizio di Rockerico con il compito di sabotare i maestri del mosaico chiamati da Paperoniano, Ciccio è Ciccioacre da Merenda, Paperoga è Paperoghila da Impiastren, Paperino è Paperinico da Sfortunhaus, tre artisti reclutati all’ultimo minuto da Paperone!

COMMENTO. ” E? una grande soddisfazione essere protagonisti di una storia all’interno di Topolino - dichiara il direttore di RavennAntica Sergio Fioravanti- . Soprattutto mi fa piacere che Ravenna sia stata menzionata da questo intramontabile magazine. La storia dei famosi personaggi Disney si presenta come un’occasione unica di intrattenimento e cultura: dal fumetto alla realtà, per scoprire le meraviglie della nostra città e del Museo Classis?
In concomitanza dell’uscita del numero dedicato a Ravenna, in edicola da mercoledì 27 febbraio, a tutti i ragazzi che si presenteranno al Museo con una copia di Topolino RavennAntica riserverà un ingresso ridotto, valido anche per un accompagnatore, pari a euro 5 a persona (anziché  7).

 

Foto,  ingresso Classis Ravenna

 

Pico di Bisanzio e il mosaico barbaro – gli autori

Roberto Gagnor (sceneggiatore), scrive per Topolino dal 2003 e ha firmato più di 180 storie Disney in italiano e inglese, tra cui Topolino e il Surreale Viaggio nel Destino e il ciclo della Storia dell?Arte di Topolino. Scrive sceneggiature per il cinema in Italia e in Germania. Ha lavorato per la radio e la tv come autore e insegna sceneggiatura all?Accademia 09 (Milano) e all?Istituto Cinematografico Antonioni (Busto Arsizio), oltre a tenere laboratori di fumetto per ragazzi. Collabora con Il Post.

Giampaolo Soldati (disegnatore), disegna storie a fumetti dai primi anni Novanta, lavorando per diverse testate come Tiramolla, Dodo ( Mondadori ) o l’horror poliziesco Demonhunter (Xenia). Collabora con Disney e Panini da oltre 25 anni, realizzando più di 150 avventure con protagonisti Topi e Paperi!

Il settimanale Topolino

Topolino, edito da Panini Comics, è il magazine più letto dai ragazzi tra i 5 e i 13 anni e propone ogni settimana 6 storie a fumetti inedite con una costante attenzione alla qualità per soddisfare un pubblico incredibilmente trasversale (dai 5 ai 99 anni…). Alle grandi avventure, ben radicate nella tradizione, si affiancano storie legate all’attualità (dallo sport, alla musica, a cinema e televisione), lo studio continuo di nuovi personaggi e l’arricchimento di quelli più amati…
Insomma Topolino è in continuo fermento, sempre all?avanguardia e aggiornato, pur restando fedele a se stesso, grazie alla collaborazione di sceneggiatori e disegnatori di alto livello, i grandi autori italiani, veri e propri maestri che abbinano il loro personalissimo e inconfondibile tratto a una rigorosa interpretazione dello stile disneyano. Ciò vale per i disegnatori, ma anche per gli sceneggiatori, che da sempre sulle pagine di Topolino esplorano in chiave umoristica tutti i generi narrativi, dall’horror alla commedia, dal giallo alla fantascienza.

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...