Bellaria Igea Marina. Riaperti la Torre saracena, il Museo radio d’epoca e il Museo della memoria.

Bellaria Igea Marina. Riaperti la Torre saracena, il  Museo radio d’epoca e il  Museo della memoria.
Torre Saracena-min

BELLARIA IGEA MARINA. La cultura a Bellaria Igea Marina torna  ad arricchirsi con l’apertura estiva dei poli museali cittadini.
Un’offerta a beneficio di residenti e turisti, che va ad integrare il ricco programma definito per la versione estiva di ‘Cultura sul web’; rubriche e interessanti approfondimenti fruibili su Facebook, sia sulla pagina @Arca-Rete Culturale di Bellaria Igea Marina, sia sulle pagine legate ai vari servizi coinvolti: Biblioteca comunale, Teatro Astra, Bellaria Film Festival, Centro culturale Kas8 e, appunto, Musei della Città.

 

Sul fronte museale, si comincia sabato 27  con la riapertura di tre location. Anzitutto la Torre saracena, il monumento integro più antico di Bellaria Igea Marina, che ospita lo straordinario patrimonio naturale rappresentato dal Museo delle conchiglie. Da sabato 27  fino a giovedì 10 settembre, sarà aperta nei seguenti orari: lunedì dalle 20.30 alle 23.00, martedì dalle 20.30 alle 23.00, mercoledì dalle 20.30 alle 23.00, giovedì dalle 16.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 23.00, venerdì dalle 20.30 alle 23.00 e sabato dalle 16.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 23.00. Venerdì 11 e sabato 12 settembre apertura prevista dalle 16.30 alle 19.00.
Aperto sempre da sabato 27 anche il Museo delle radio d’epoca, dal 2013 esposizione permanente delle oltre 140 esclusive radio anni ’20 e anni ’30 proprietà del comune di Bellaria Igea Marina. Questo museo sarà aperto dal lunedì al sabato, dalle 20.30 alle 23.00, fino al 10 settembre. Anche in questo caso, apertura dalle 16.30 alle 19.00 programmata per venerdì 11 e domenica 12 settembre.

‘Noi’, Museo della storia e della memoria di Bellaria Igea Marina è il più giovane tra i musei della città e trova spazio presso il Vecchio macello di via Ferrarin: due le sezioni aperte al pubblico, una dedicata al popolamento antico della costa, la cui eredità sono numerose tracce a livello archeologico, e una ispirata alle trasformazioni sociali della comunità locale negli ultimi due secoli. A partire da sabato 27  e fino al 5 settembre, sarà fruibile nelle giornate di venerdì e sabato, dalle 20.30 alle 23.00, più venerdì 11 e sabato 12 settembre dalle 16.30 alle 19.00.
Dulcis in fundo, il museo la Casa rossa di Alfredo Panzini. Il prossimo 10 luglio sarà svelato il progetto suggestivo pensato quest’anno per il polo museale diretto dal prof. Marco Antonio Bazzocchi. Un’installazione firmata da Claudio Ballestracci e co-curata dal prof. Bazzocchi, che darà vita all’esterno della Casa rossa tra immagini, suoni e composizioni musicali, e ne rappresenterà la veste serale fino a sabato 12 settembre.

Un progetto in cui rientra anche un’esposizione ad hoc che sarà fruibile il martedì e il mercoledì nella vicina Casa Finotti; location, quest’ultima, che sarà animata anche dalla stagione concertistica ‘A casa di Alfredo‘ e dagli appuntamenti culturali promossi dall’Accademia panziniana.

 

Per visitare i musei, è consigliata la prenotazione, da effettuarsi telefonicamente all’Ufficio Iat: 0541.343808.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...