Cesenate. Il trasporto scolastico tra mobilità ed emergenza. Una gara d’appalto per servire 24 plessi.

Cesenate. Il trasporto scolastico tra mobilità ed emergenza. Una gara d’appalto per servire  24 plessi.
Nuove corse autobus per studenti

CESENATE. Prossima fermata? L’affidamento del servizio tramite gara. È aperta in queste ore la procedura per l’affidamento del servizio di trasporto scolastico degli alunni della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado dei comuni di Cesena e di Mercato Saraceno, relativamente ai prossimi tre anni scolastici (2021-2022, 2022-2023 e 2023-2024).
Il nuovo operatore, che sarà selezionato sulla base dell’offerta economicamente più vantaggiosa, otterrà un appalto di tre anni (equivalente a 2.004.500 euro, più Iva, per Cesena e 754.350 euro, più Iva, per Mercato Saraceno), rinnovabili per ulteriori due anni scolastici, e servirà giornalmente oltre 480 studenti distribuiti in 24 diversi plessi scolastici tra materne, elementari e medie, e che copre 17 itinerari, suddivisi in corse di andata, ritorno e ritorno pomeridiano.

COMMENTO. “Nel corso di questo anno complicato – commenta l’assessora alla Mobilità sostenibile e alla Viabilità Francesca Lucchi – il mondo della scuola e di tutti i servizi legati alla didattica ha subito le conseguenze negative della crisi sanitaria ancora in atto. Anche il trasporto pubblico scolastico ha dovuto adottare misure straordinarie per far fronte all’emergenza sanitaria e alle norme anticontagio in vigore.
Per queste ragioni, i criteri per l’aggiudicazione sono stati individuati sulla base del ‘Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del Covid-19 nel settore del trasporto’ sottoscritto esattamente un anno fa e contenente disposizioni relative alla sanificazione e igienizzazione dei mezzi di trasporto e all’installazione, laddove possibile, di dispenser ad uso dei passeggeri.
Inoltre, in questo contesto, l’altra sfida che impone un ripensamento a tutto il settore dei trasporti riguarda la transizione ecologica e in particolar modo le azioni per lo sviluppo di una mobilità che deve diventare sempre più sostenibile. Per questa ragione al nuovo soggetto gestore del servizio richiederemo bus scolastici di categoria minima Euro 4”.

La gara interesserà gli studenti dei comuni di Cesena e di Mercato Saraceno che, essendo confinanti, condividono già l’organizzazione del trasporto scolastico per la scuola dell’infanzia di Bora e della primaria di Borello.
“Garantire alle famiglie e ai nostri studenti tutti i servizi scolastici – prosegue Lucchi – è fondamentale. Porre le basi per un’istruzione di qualità significa guardare al futuro, alla formazione dei nostri ragazzi e alla scuola stessa, punto di riferimento per la comunità intera.
La ricerca di un nuovo gestore, porterà con sé la volontà di identificare un servizio ancora migliore, con un rinnovamento dei mezzi e sistemi tecnologici in grado di monitorare da remoto percorsi, fermate e il rispetto degli orari”.

Tutte le altre informazioni sulla procedura di gara sono reperibili sul sito dell’Unione dei Comuni Valle Savio.

 

 

 

Articoli più letti