Meldola. ‘Castelnuovo dei presepi’. Ai piedi del vetusto castello un presepe meccanico suddiviso in quadri.

Meldola. ‘Castelnuovo dei presepi’. Ai piedi del vetusto castello un presepe meccanico suddiviso in quadri.
magi 1

MELDOLA (FC). Dal Natale 2018 la città di Meldola, e precisamente nella sua frazione di Castelnuovo, ai piedi dell’antico castello, ha finalmente la sua attrattiva natalizia principale, il grande presepio meccanico, diviso in quadri allestiti nei luoghi storici del castello, che attira ogni anno tantissimi visitatori provenienti da ogni parte della Regione. Tre grandi quadri scenografici, realizzati con statue animate alte un metro, compongono l’allestimento.
In ordine il visitatore, che piace andare per presepi, potrà vedere presso la casa foresteria ai piedi del castello di Castelnuovo il PRIMO DIORAMA con l’annuncio dell’Angelo ai pastori, la nascita di Gesù adorato dai pastori e il vasto paesaggio animato dai mestieri ‘di una volta’ ( caldarostaio, polentara,  pescatore ecc). E poi ancora i suggestivi effetti scenografici (il mare con il suo muoversi ondoso, l’alternarsi del giorno con il sole e la notte con la luna, la cometa e le stelle.

Nel SECONDO DIORAMA presso l’antica cappella del cimitero di  Castelnuovo, ai piedi del castello di Castelnuovo, rappresenta invece l’arrivo di Magi ad adorare Gesù Bambino .Anche qui troviamo quadro quanto mai suggestivo ed incantevole ricco di movimenti non solo della Natività e dei magi ma anche di altri mestieri come il mugnaio, la polentara, le donne affaccendate all’interno di una casa, i boscaioli che segano dei tronchi d’albero  e le parabole del Vangelo ( il figliol prodigo, il buon samaritano, la parabola del tesoro nascosto nel campo e quella della perla preziosa) e suggestivi effetti luminosi.
Qui la scena riproduce il momenti in cui Gesù Bambino già ad un anno di vita, è tenuto in braccio da Maria che lo culla e lo presenta all’adorazione commossa dei Magi e di San Giuseppe. Se da un lato Gesù viene adorato dai Magi, dall’altro viene adorato da una famiglia numerosa di pastori della zona.
Nello sfondo un cielo azzurro lascia vedere la comparsa della stella cometa, che fu la guida speciale ai Magi al luogo dove Gesù si trovava, e l’alternarsi della fasi della giornata assieme ad un vorticoso carosello di angeli che annunciano la lieta novella.

Nel TERZO DIORAMA è allestito presso il pozzo della fattoria agriturismo Le vigne, sempre ai piedi del castello.

Qui è rappresentata un altra Natività animata ma questa volta non più in stile orientale palestinese ma in stile ‘montanaro’ che si ricollega alle tradizioni del luogo.
Gesù nasce non più in una grotta ma in una stalla in mezzo alla paglia e non più tenuto nella mangiatoia ma posto tra le braccia di Maria che lo culla.  Accanto vi troviamo Giuseppe e una famiglia di pastori. Una scena molto semplice, essenziale, che si ricollega alle usanze semplici e tradizioni dei luoghi collinari.

Dal 2018 ogni anno Castelnuovo, una località incantevole  e suggestiva, con il fascino dell’antico castello e di un panorama mozzafiato di quasi tutta la Romagna, assume il titolo di ‘CASTELNUOVO DEI PRESEPI’  Dove sono gli stessi allestimenti, creati da Davide Santandrea con la preziosa collaborazione di Davide Zattini, che con la sua azienda dell’agriturismo Le vigne è il promotore di questa iniziativa, fanno loro stessi da guida ai posti incantevoli attorno all’antico castello.

 

Castelnuovo, un tempo luogo di antiche e sanguinose battaglie è oggi un luogo di pace, di armonia, di serenità, di incredibile fascino e soprattutto di un suggestivo raccoglimento contemplativo in mezzo alla natura.
Quello che desta la più grande meraviglia di questi tre quadri suggestivi, oltre la sua grandezza e l’essere itinerante, le cui scene sono suddivise in diversi luoghi e ambienti, è la naturalezza dei movimenti e degli effetti scenografici e luminosi, ma soprattutto la bellezza artistica delle suggestive figure che li compongono, da visi dolci e graziati capaci di fare sognare.

Premendo un pulsante davanti a ciascun quadro, tutto si accende e si anima come un’antica favola raccontata o sognata. I bambini ne escono entusiasti, i genitori spesso rimangono come incantati. E spesso ritornano a Castelnuovo, al suo presepio, una, due, tre volte…quasi a non voler lasciare questa favola, quasi a non voler ritornare alla normalità frenetica di sempre.
Le figure artistiche e animate che compongono il grande allestimento dei tre quadri, sono opera dello scultore Davide Santandrea noto in tutta Italia e nel Mondo per i suoi grandi allestimenti
presepistici e pasquali (le grandi passioni animate di Gesù ispirate al film ‘Gesù di Nazareth‘ di Franco Zeffirelli) Davide Santandrea è conosciuto soprattutto per essere stato l’allievo del famoso Carlo Rambaldi (creatore dei personaggi animatroci per i film cinematografici tra cui il famoso E.T. l’extraterrestre del film di Spiemberg) da cui ha ereditato la tecnica dell’animatronica per i movimenti delle figure e la passione per il cinema (essendo Santandrea anche un regista e produttore cinematografico), e per i suoi grandi allestimenti presepistici all’estero, soprattutto negli Usa, dove è conosciuto il suo più grande allestimento presepistico a San Diego in California ( maggiori notizie le trovate qui http://castelnuovodeipresepi.altervista.org/lautore-dei-presepi/ ). Si è voluto dare appositamente il nome di ‘PRESEPIO ITINERANTE‘ perchè in realtà i tre grandi quadri sono allestiti in tre ambienti diversi che creano un ITINERARIO DEL PRESEPE a Castelnuovo, di cui, sicuramente, nei prossimi anni sarà incrementato di nuovi ambienti/luoghi e nuove scene.

Con questa iniziativa le associazioni AMICI DI CASTELNUOVO e AMICI DEL PRESEPIO ANIMATO, unendo così le forze e la collaborazione, rilanciano l’iniziativa del presepio animato/meccanico anche a Castelnuovo e Meldola portando Castelnuovo come meta da visitare assolutamente. Infine, non meno importante c’è da ricordare che CASTELNUOVO DEI PRESEPI è quest’anno gemellata con il grande presepio  nelle grotte  della  Zolfatara di Predappio Alta.
Infatti i due grandi presepi,  di sicuro tra i più conosciuti della regione, condividono lo stesso autore e ideatore Davide Santandrea.

 

Il presepio segue  questi orari di apertura:

DALL’8  AL 24 DICEMBRE aperto nei prefestivi e festivi dalle ore 9 alle ore 18 (orario continuato)
Dal 24 DICEMBRE AL 6 GENNAIO il presepio è aperto tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 18 (orario continuato)
DAL 7 AL 30 GENNAIO il presepio è aperto il sabato e la domenica dalle ore 9 alle ore 18 (orario continuato)
Per visite fuori giorni di  apertura telefonare a Davide Zattini  – Agriturismo LE VIGNE – tel 346 3990508

Il presepio è aperto dall’8 dicembre al 30 gennaio.

Ti potrebbe interessare anche...