Ravenna. Attivo dal 21 marzo alla ‘Casa delle culture’ lo sportello unico dedicato a cittadini ucraini.

Ravenna. Attivo dal 21 marzo alla ‘Casa delle culture’  lo sportello unico dedicato a cittadini ucraini.
regionepiemonte.it download

RAVENNA. Dal 21 marzo la gestione associata dei comuni di Ravenna, Cervia e Russi attiva uno sportello (composto da un’equipe multidisciplinare) nella sede della Casa delle culture, in piazza Medaglie d’oro 4, aperto a tutti i cittadini ucraini, per l’erogazione a livello distrettuale (Ravenna, Cervia e Russi) dei seguenti servizi:

-          analisi del fabbisogno;
-          prenotazione appuntamento e predisposizione della documentazione da trasmettere alla Questura territorialmente competente ai fini della domanda di protezione temporanea per il                   distretto di Ravenna (comuni di Ravenna, Cervia e Russi);

-          attivazione dell’accoglienza presso i Centri di accoglienza straordinaria (Cas) con segnalazione alla Prefettura territorialmente competente;
-          attivazione della tutela sanitaria (richiesta tampone, tessera Stp, vulnerabilità) con segnalazione all’Ausl territorialmente competente;
-          valutazione minori “non accompagnati”;
-          valutazione minori accompagnati da parenti entro il 4° senza documentazione o con documentazione non tradotta e legalizzata;
-          attivazione del servizio di mediazione scolastica;
-          attivazione prestazioni di supporto psicologico.

Gli orari di apertura al pubblico dello sportello integrato sono i seguenti:

-          Lunedì dalle 9 alle 13
-          Martedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16
-          Mercoledì dalle 9 alle 13
-          Giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16
-          Venerdì dalle 9 alle 13

È consigliata la prenotazione telefonando ai seguenti numeri: 33471857173316378245

La richiesta del permesso di soggiorno per protezione temporanea è esente da bollo e non prevede costi. Documentazione utile: passaporto o documento di identità, certificati attestanti il rapporto parentale, certificati vaccinali (vaccini obbligatori e anti Covid), ulteriori documentazioni sanitarie se presenti.

L’equipe multidisciplinare per ‘l’emergenza ucraina’ si occuperà dell’accoglienza integrata e guiderà le persone ed i nuclei familiari nell’espletamento di tutte le pratiche. Qui lavoreranno equipe di assistenti sociali ed esperti dei vari ambiti provenienti dai diversi servizi comunali tra cui servizio politiche per l’immigrazione, servizi sociali e centro per le famiglie che sapranno identificare i bisogni e mettere in campo progetti personalizzati di accoglienza a seconda delle diverse situazioni.

L’equipe è composta dal coordinatore degli sportelli per cittadini migranti, 4 assistenti sociali, 2 mediatori/rici interculturali, 5 operatori/trici ed una tirocinante dello sportello immigrazione. Può essere integrata secondo le necessità da ulteriori professionalità resesi disponibili tramite l’Albo delle famiglie accoglienti (psicologi, traduttori, avvocati, educatori, etc.). https://famiglieaccoglienti.comune.ra.it/emergenza-ucraina/

In pagina ph repertorio

Articoli più letti