Brisighella. Una passeggiata sotto i tigli verso Santa Maria degli Angeli e il convento dell’Osservanza.

Brisighella. Una passeggiata sotto i tigli verso Santa Maria degli Angeli e il convento dell’Osservanza.
Brisighella download

BRISIGHELLA. Appena fuori dall’antico borgo di Brisighella, sulla strada che conduce verso Firenze, si trova la chiesa di Santa Maria degli Angeli annessa al convento dei frati minori dell’Osservanza, risalente al XVI secolo, anche se fu rinnovata completamente nel secolo XVII, con una ricca decorazione di stucchi e statue. I frati che nel tempo si sono avvicendati appartengono alla comunità francescana

È suggestivo arrivare a piedi lungo il viale di tigli, oltrepassare la bella cancellata in ferro battuto,
 scendere la scalinata e raggiungere il portico a tre archi che custodisce l’austera porta in quercia, originale del primo ‘500,
sormontata da una lunetta in terracotta nuda che rappresenta 'La Madonna Assunta tra voli d'angeli',
dello scultore brisighellese Giuseppe Rosetti, detto 'il Mutino' (1864-1939). 
 Dello stesso artista, è il gruppo a tutto tondo della Pietà. 
 L'interno, a una sola navata, con altari laterali a destra e cappelle a sinistra, conserva pregevoli opere d'arte tra cui la grande pala di Marco Palmezzano (1459 ca.-1539),
che rappresenta la Madonna col Bambino fra Angeli e Santi, sormontata da una lunetta con il Padre eterno tra Angeli,
eseguito nel 1520 e la terza cappella dedicata a santa Elisabetta regina d'Ungheria, decorata a tempera nel 1927
dal maestro litografo Giuseppe Ugonia (1881-1944) Madonna col bambino in trono, fra tre angeli e quattro santi.
È collocata al centro dell’abside ed è firmata e datata, come attesta il cartiglio in basso: 'Marchus Palmezanus Foroliviensis faciebat MCCCCCXX'. 
Il dipinto è inserito nella cornice originale intagliata e decorata, secondo alcuni studiosi, su disegno dello stesso Palmezzano.
La predella è andata perduta, restano solo due tavolette laterali che rappresentano l’arcangelo Gabriele a sinistra e la Vergine annunciata a destra.

L’impianto dell’opera, che rappresenta una ‘Sacra conversazione‘ si basa su una sapiente simmetria

 

Chiesa di Santa Maria degli Angeli e Convento dell’Osservanza a cura di Alessandro Leporesi

Articoli più letti