Rimini. L’omaggio a Pier Giorgio Pasini di ‘Romagna arte e storia’ che presenta il suo numero centoventi.

Rimini. L’omaggio a Pier Giorgio Pasini di ‘Romagna arte e storia’ che presenta il suo numero centoventi.
Cardellini e Pasini001

RIMINI. Nuovo appuntamento con la rassegna ‘Libri da queste parti‘ mercoledì 25 maggio, ore 18, nella corte di palazzo Gambalunga con l’Omaggio a Pier Giorgio Pasini da parte della rivista Romagna arte e Storia che presenterà il suo numero 120 (settembre-dicembre 2021) .

Con i membri del Comitato di direzione Bruno Ballerin, Dante Bolognesi, Giordano Conti, Ferruccio Farina, Dino Mengozzi, Claudio Riva e Giulio Zavatta, sarà un’ulteriore occasione per riconoscere pubblicamente al professor Pasini il suo fondamentale ruolo di guida culturale per gli studiosi, non solo riminesi, e l’impegno e la speciale sensibilità per la divulgazione storico-artistica.

LA RIVISTA. Romagna Arte e Storia, nata a Rimini nel 1980, tra le iniziative editoriali più longeve e seguite della storiografia dedicata agli studi locali, festeggia con la presentazione del numero speciale dedicato al suo cofondatore e storico direttore, i suoi quarant’anni di attività.
Un numero speciale di 165 pagine che oltre ai saggi a firma di tutti i componenti della redazione mobilitatisi per l’occasione, contiene un’intervista a Pasini, la sua corposa e preziosa bibliografia, i ricordi e le testimonianze di amici che con lui hanno collaborato nei numerosi impegni di studio e di contributo alle istituzioni culturali romagnole.
Costruito a totale insaputa del dedicatario, contiene i contributi di Giulio Zavatta che ha curato l’intervista e la bibliografia, di Angela Fontemaggi e Orietta Piolanti con un ricordo del suo impegno per il Museo di Rimini, di Francesca Michelotti e Anna Simoncini  per il Museo di San Marino, di Oreste Delucca con la cronaca di un’avventura culturale vissuta insieme in gioventù, di Paola Del Bianco con le vicende dell’importante biblioteca della nobile famiglia Battaglini.

Pier Giorgio Pasini, storico dell’arte, da molti anni si occupa della cultura figurativa tra Romagna e Marche. Oltre ad aver sostenuto incarichi direttivi e di responsabilità scientifica nell’ideazione e nell’organizzazione di importanti mostre e convegni, ha collaborato all’ordinamento scientifico del Museo della Città di Rimini e del Museo di San Marino. In qualità di Ispettore onorario ha collaborato all’attività della Soprintendenza ai beni artistici e storici di Bologna per la tutela, conservazione, restauro e censimento del patrimonio artistico. Ha pubblicato volumi monografici sull’arte del Trecento e del Quattrocento, sul Guercino e sul Cagnacci, sull’arte malatestiana e sul Tempio Malatestiano.
Tra i suoi ultimi lavori: Tempus loquendi tempus tacendi. Riflessioni sul Tempio malatestiano 1969-2017 (Minerva, 2019), La nuova guida per Rimini (Maggioli, 2020) e Napoleone e le rapine d’arte in Romagna (Minerva, 2021). La sua bibliografia conta più di trecento scritti tra volumi, articoli e saggi. Direttore responsabile di ‘Romagna arte e storia’ dal 1980 al 2016, nel 2001 è stato insignito del Sigismondo d’oro per il suo impegno per la ricerca e conoscenza del patrimonio storico-artistico del territorio.

Romagna arte e storia è una rivista di cultura fondata nel 1980 da un gruppo di studiosi convinti dell’utilità di raccogliere contributi di studio altrimenti dispersi e della necessità di stimolare nuove ricerche sulla cultura di quella “entità storica e geografica denominabile come Romagna”.
Si propone come risposta all’esigenza fortemente avvertita negli ambienti più aperti e più vivi di sensibilizzare maggiormente alla problematica degli studi locali, intesi come ricerca rigorosa e nuova riflessione su dati positivi. Fino ad oggi ha pubblicato 840 saggi di 420 autori diversi con più di diecimila illustrazioni.
Una mole di lavoro che è stata possibile grazie all’impegno di una squadra generosa e affiatata, che dichiara ispirarsi a tre linee guida: l’originalità, il rigore scientifico dei contributi pubblicati e l’indipendenza assoluta da qualsivoglia potere o istituzione.

 

Sarà presente un punto vendita dei libri a cura della Libreria riminese.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
Info: Biblioteca Gambalunga | tel. 0541.704488 | email: gambalunghiana@comune.rimini.it

Prossimi appuntamenti

Martedì 31 maggio | Corte | ore 17.30

Maria Virginia Cardi con Rosita Copioli, Anita e Giuseppe Sangiorgi. Intorno alla Scuola di arazzi e ricami e alla Galleria antiquaria.
Storie di imprenditoria e cultura delle arti 1893-1929,
Pendragon, 2020

 

Giovedì 9 giugno | Sala della Cineteca | ore 17.30

Rosita Copioli con Rodolfo Francesconi
Le figlie di Gailani e mia madre, Franco Maria Ricci, 2020

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...