Non solo sport. Il Tour che parte dall’Italia. Per plaudire i Nostri e l’Europa. Calcio: ‘commissioni’ ?

Non solo sport. Il Tour che parte dall’Italia. Per plaudire i Nostri e l’Europa. Calcio: ‘commissioni’ ?
Coppi 3

LA CRONACA DAL DIVANO.  ( dal 9  al 12  giugno 2022). Lukaku, Matic, Podgba: vuoi vedere che la Serie A sta tornado di moda?
A porsi la domanda è l’arguta ‘ rosea’, che del cuore del calcio non si perde un battito.  Domanda gradita, anche se per noi del divano la Serie A , pur con i suoi tanti incapaci e mangia pane a tradimento  che gli ronzano dentro e fuori, e i dannosi  impianti obsoleti che manco il nasone che governa Milano riesca a rinnovare, non solo non è mai passata di moda ma è sempre stata al vertice del movimento calcistico planetario. Dove gli basta poco per assidersi,  possibilmente in alto, o  dove men gli altri se l’aspettano.
Le sirene sul bel calcio d’Oltremanica infatti non ci hanno mai attratto. Nati come fummo tra eroi ed artisti non abbiamo mai preso sul serio  le corse di quei podisti veloci che giocano a flipper su un rettangolo verde senz’ombra di stanchezza.
E soprattutto  ora che si sono messi a capovolgere risultati negli ultimi minuti, quando l’avversario comincia a ritirar le vele convinto che il porto sia  prossimo venturo. Berti Vogt, tedesco leale, commentando la mancata presenza  dell’Italia nel ridicolo mondiale sotto l’albero, non ha trattenuto lo sbotto: ‘ Un Mondiale senza l’Italia? Ma che fanno, non sanno che  è come portare in tavola un brodo senza sale !’.

Con il calcio il fine settimana vede tornare in pista a Baku anche la ‘rossa’. In debito con la carlona ma soprattutto con la sfortuna.

IL TOUR E L’ OMAGGIO ALL’ EUROPA. Dal 1903 non era mai accaduto di condividere la gioia della grande partenza del Tour. Noi che,  del ciclismo mondiale ,  solo e soltanto con i cugini francesi condividiamo  l’onere e l’ onore d’esserne l’ Alma Mater, al cospetto di tale indiscrezione restiamo basiti.

Infatti pare che nel 2024 i responsabili della Grande Boucle abbiano deciso di onorare i pedalatori azzurri, folti e forti come spighe di grano alla mietitura. E che i cugini, anche quando facevano finta d’altro, hanno evidentemente profondamente amato. Anche se non hanno potuto apprezzare come dovuto  Binda, rifacendosi però  con Bottecchia. Nel ’38 avrebbero voluto affogare il Gino che, impavido, dieci anni dopo, esaurite le miserie d’una guerra fratricida, il Tour è tornato a vincere in  età da pensione.
Si sa inoltre che sono rimasti rapidi dai voli del Grande airone che il Tour ha vinto due volte solo perchè lo ha corso  tre  in tutto.  E non sanno ( certamente) dimenticare quel pirata smilzo, imprevedibile e  maltrattato  che ha dovuto battersi contro un tale che per sette anni ha disonorato  una maglia che non sarebbe mai stata sua.
Fatto è che il Tour del 2024 dovrebbe toccare ( soprattutto) Toscana, Emilia Romagna e Piemonte. Per un incontro unico, che oltre che a onorare l’Italia onora quell’Europa che, poco alla volta, nonostante vaticini vari e inconsulti, lasciando in vita epiche storie ed evidenti diversità, sta raccogliendo le migliori forze per dar corso ad una nuova grande nazione. Quanto prima. Con il peso della sua millenaria saggezza. Dentro scenari che mostrano ( tanti) protagonisti pretenziosi, inadeguati, pericolosi.

ANTICIPAZIONI. Dal 26 luglio all’11 agosto a Parigi è tempo di Olimpiade.  Il Tour si concluderà cinque giorni prima, quindi con la necessità di non recar danno a due eventi tanto importanti e giganteschi. La partenza del Tour sarebbe fissata in quel di Firenze ( Bartali e Nencini) per toccare poi Rimini, Cesenatico ( Pantani), Bologna, Modena, Piacenza e Pinerolo ( Coppi).
Domenica 30 giugno,  seconda tappa con il via da Cesenatico; lunedì 1 luglio, terza tappa ( Modena-Piacenza) con arrivo a Sestola; martedì 2 luglio quarta tappa verso la Francia, con la Cuneo-Pinerolo per incoronare ( finalmente) quello che le grandi penne del ciclismo hanno cantato come il più grande ( e forte ) ciclista di tutti i tempi.

 IL CASO COMMISSIONI. Scende  ( finalmente) in campo la Fifa, che tra i bei addormentati del calcio è pari solo alla Uefa. La quaestio questa volta riguarda il ‘ caso commissioni’ ,
Che  da qualche tempo sta svenando, legalmente, nella beata indifferenza dei più, le ( sempre più) mal ridotte società di calcio. Insomma, assicura la ‘rosea’, in futuro  non dovremmo più assistere a casi come quello di Erling  Haaland, giovin attaccante norvegese,  acquistato dal solito spendaccione, ovvero il City dei signori del Golfo,
che avrebbe versato 60 mln al Borussia D per la clausola recissoria e altri 40 mln per le commissioni andate (  in parte ) al procuratore ( agenzia Raiola) e ( in parte) al padre.

Eppure  il giovin Haaland non è stato il giocatore che ha portato più soldi al proprio agente. In capo alla lista c’è un tal Paul Podgba, attaccante francese, che nel 2012 passò a parametro zero  dallo United alla Juve. Al procuratore ( agenzia Raiola) andarono allora 11 mln. Nel 2016, poi, Paul , fece il percorso inverso, e qui lo United versò 105 mln di cui 25 mln andarono all’agente che ne aggiunse altri 10 mln direttamente dal club inglese.
Una percentuale incredibile e che, se istituzionalizzata, o  non regolamentata, metterebbe in ginocchio pure gli irriducibili hildago che reggono le sorti dei due Panda spagnoli. E qui sembra che, la cosa,  una volta fatti uscire dalle loro stalle i buoi del Golfo, non possa essere più praticata. La Fifa dell’Infantino infatti dice basta ad un modus operandi accettato da ( quasi) tutti e che di fatto è diventata una diffusa, piacevole ( e inesplorata) consuetudine.

( dal 4 all’8 giugno 2022). E mentre Celestino Vietti, zitto zitto, in Moto 2,  ci ha ricordato il valore di una scuola di ragazzuoli che ( tra le invidie del mondo ) continua a produrre campioni, la giornata trascorsa sul bel circuito dell’amena Cataluna, ci ha invece confezionato una vera ( ingenerosa ) ecatombe dei nostri, tra Moto3 e Moto Gp.
Con una sfiga azzurra da non credere. Foggia in testa nella Moto3 stoppato dal ( inusuale) calo della catena, e il Pecco nella Moto Gp travolto in fase d’avvio da uno sciagurato del Sol Levante che più che  correre ama disarcionare gli altri, con danni non da poco, e non solo per lo spettacolo, sempre e comunque alto, ma per le sorti di una contesa che così protetta dalla imprevedibil  sorte non offre l’esatta idea delle  forze contrapposte.

Sì, perchè, pur plaudendo alla straordinaria vena motoria dell’erede dei Quartarari, un Pecco in gara avrebbe ( di certo) offerto ben altro spettacolo, e ( forse) ben altro esito, se mal non ci sovviene quanto accaduto ( di recente ) al Mugello.
Ma tant’è, perchè nella vita come nello sport se gli dei si dilettano con le  beghe loro per gli umani, anche quelli più meritevoli,  diventa imprevedibile ogni ragionevole meritocrazia.
Diciamo pure che, a questo punto, per l’erede dei Quartarari , la riconferma del titolo iridato  è cosa  fatta o quasi .  Un peccato, metterla così, perchè lo straordinario agone sportivo  offerto al momento dalle moto da corsa, senz’altro tra i due o tre più invitanti al mondo, chissà quali altre entusiasmanti pagine avrebbe potuto scrivere  per noi e per i posteri?

CLASSIFICHE. Moto3, con Foggia ( suo malgrado)  fuori è stata solo una contesa ispanica; Moto2, con Vietti in cattedra,  agli altri non è rimasto che rimettersi in fila: Ogura a 16 punti, Canet a 24. Moto Gp, altro non c’è stato  che il gran Fabio de’Quartarari, tanto più che il buon Aleixi dimentico dell’ultimo giro  regala ( 9 punti).

ALTRI SPORT. L’eterno Rafa  vince il ‘suo’ 14° Roland Garros, e così noi altro non possiamo che inchinarci al volere del massimo fattor che in lui volle più vasta orma stampar. Altro profondo inchino va fatto alla Pro Recco, che in quel di Belgrado ha strappato ai serbi la sua decima Champions.  Il Poz, invece,   a sorpresa ,  nuovo coach del basket azzurro, convoca Recalcati, 76 anni, per dare avvio ad una nuova epopea  azzurra sotto canestro. Cioè, non a  fare le belle statuine ma a risalir la china fin alla vetta.

CAPITOLETTO CALCIO. Per noi del divano quella che tutti chiamavano Nazionale altro non era che una Compagnia di ventura agli ordini di Mancio da Jesi, capitano di ventura visionario e cattivo, ma che dell’arte della guerra col pallone in campo non è secondo a nessuno. La sua Compagnia allEuropeo  ha meravigliato il mondo, sverniciando tra l’altro quanti vengono fatti passare per gentleman quando non solo non sanno vincere ma neppure  perdere.
Purtroppo come tutte le Compagnie di ventura basta che la sorte e la condizione del capitano volgano altrove, per vedere svanire in un sol colpo l’ammirevole prodigio.
Il Mancio, infatti, a ferita aperta, avrebbe voluto trasferirsi altrove, tanto più che a proteggere una Nazionale sì carica di gloria ( da troppi anni ) non c’è proprio nessuno. Ben per noi che lui ci abbia  ripensato, riprendendo a rinserrare le  file. Rinvigorite da gambe nuove, quasi imberbi, e purtuttavia le uniche adatte a rigenerare speranza.
E se gli italioti  d’Argentina si sono fatti in quattro per far vedere che sono più bravi di nonni, padri e fratelli loro, agli Alemanni non è riuscito  altrettanto. Il pari ( 1-1) confezionato in Nation League contro di loro non è cosa da disprezzare, nonostante il rimbrottare del vaticinatore di Miami, anche perchè con sei debuttanti quanti potrebbero essere i tecnici ( nostri e altrui) disposti  a tornare in campo per riaccendere speranze ?  Soprattutto se soli e soletti, a spalle scoperte davanti alle nuove (  possibili ) tempeste in arrivo?

A proposito di nessuno, chissà qual gioia avranno  monsieur de La Palice o il nostro Catalano  nel constatare quanti meravigliosi eredi contano sulla faccia della terra,
come quel  tal Gravinapresidente Figc, così di gran peso  in ambito continentale  da vedersi lo sghignazzo  in faccia e senza pudore del  buon  Ceferin alla ( sua, nostra ) richiesta di un ( eventuale) Europeo all’Italia tra una decina d’anni, ovvero a nostro calcio bello e defunto?
Infatti sull’esclusione dell’Italia dal ridicolo campionato natalizio nel deserto il buon  Presidente scopre l’acqua calda, ricordando  ‘ Inutile pensare a ripescaggi, abbiamo perso e siamo fuori’. Presidente, scusi, ma che abbiamo perso lo sappiamo, che siam fuori anche,  quel che non capiamo se è come  una nazionale con quattro stelle e attuale campione d‘Europa sia stata trattata per la seconda volta di fila men della serva di Zoffoli per un torneo dove, stando a titoli e dati, avrebbe dovuto essere la favorita .
Non sarà perchè  nessuno lo fischia ? Nè   Fifa,  Uefa, nè quel simpaticone del sor Marotta, nè l’abbronzato  vate di Miami, nè giocatori e  giocatorini ( con affamati squali al tergo) dai piè veloci spendaccioni attratti?

Tra i quali ne prendiamo uno a caso. Certo   De Ligth, tulipano, che si permette di far le bucce sul  rinnovo con la Signora, dicasi la Signora di un calcio  che sui libri riempie più pagine d’altri nobili avversari,  in attesa  delle nuove. Che sono in bozza.
Sbotta il tulipano:  ‘ Valuterò l’offerta, anche perchè, io, cerco sempre di far qual che è di meglio per me‘.
Altro buon erede de La Palice? E sulla cui saggezza sorvoliamo,  visto che uno che uno che dice di  pensar  solo per  sè non si capisce come possa dare il meglio per gli altri.  Epperò non è ora che giocatori e giocatorini, con  tanto di affamati squali al tergo, tornino a nuotare nelle acque loro ? Non facendoci perdere tempo, anche perchè di certi soggetti passati a miglior stipendio  non resterà ( a breve) manco il più pallido ricordo?

NATIONS LEAGUE GIRONE3. Ungheria-Inghilterra 1-0; Italia-Germania 1-1; Germania-Inghilterra 1-1 , Italia- Ungheria 2-1.
Italia in testa al girone con 4 punti, ora ci tocca la sportivissima congrega dell’amata Regina. 

 ( dal 2 al 4 giugno 2022). Baggio, il divin Codino, almeno lui alza la voce. Che sarà poca cosa ma sempre più di quella impacciata e connivente
di tanti  dirigenti e addetti ai lavori del nostro calcio che, come dice il Dl, del pallone ( nostro e mondiale ) non capiscono una mazza.

Con l’inutile  buon  Gravina ( perfin) dileggiato dal ( non ancora ) indagato buon Ceferin, che alla richiesta del nostro per un Europeo tra una decina d’anni, ci scherza sopra:
‘ Ma che volete, voi, se non avete manco un impianto in grado di ospitare simili eventi?’.
Così infatti  i nostri valorosi, tra una ciacola e l’altra, hanno ridotto il calcio d’un Paese  ritenuto fin ai primi anni Duemila ‘ un campionato del mondo a squadre   disputato  settimanalmente’Berti Vogts, avversario leale  di quelli con cui si può fare l’Europa, di recente, alla notizia della estromissione dell‘Italia dal ridicolo mondiale natalizio tra le dune di sabbia del  Golfo, non ha mancato di  evidenziare  il suo disappunto ‘ Un Mondiale senza l’Italia ?  E’  un brodo senza sale‘.
Questo dicono gli altri, i foresti, non i nostri, i Rai, Mediaset, Sky o network vari che dir si voglia, e che  con il buon  Marotta   si rallegrano:  ‘ Il nostro torneo? Ormai
è roba di passaggio. Nulla di più!’
.
E pensare che, fosse stato per noi sul divano, se non altro per praticare le dovute distanze, a quel pensionabile croato che ha lasciato trionfante   la nobile maglia della Beneamata per andare a vestire quella plebea del Tottenham, il biglietto d’andata per l’ Oltremanica glielo avremmo offerto, noi, di corsa, gratis. Senza quello di  ritorno, però, visto che sarebbero stati soldi gettati al vento, se è vero che la  Beneamata  di certi soggetti non ha memoria.

Dicevamo del  Divin codino, che ( giustamente) commenta con dolore la batosta inflitta da quell’Argentina che ( non lo dimentichino i nostri emigrati nell’altro emisfero)  soprattutto  Italia era ed è : ‘ La squadra di Scaloni ha sicuramente dei talenti, ma il livello di serenità delle due squadre non era paragonabile. I nostri hanno sofferto moltissimo l’eliminazione dal Mondiale.  E sinceramente non mi capacito di come sia possibile che il successo all’Europeo non venga in qualche modo riconosciuto.
E’ scandaloso. Fossi stato al posto loro non so come avrei reagito. Questa eliminazione è davvero brutta da accettare perchè in una partita di 90 minuti può succedere di tutto. Basta un’azione e resti a casa. Non ho altre parole!’.
Morale: ‘ L’ Italia, che tiene quattro stelle al petto, fresca campione d’Europa, e che nel Golfo avrebbe dovuto esserci non per diritto ma per dare credibilità ad un torneo  anomalo   che   lascia a casa la squadra favorita. Quella che tutti avrebbero voluto rivedere. Pazienza, faremo come quelli d’Albione che agli albori del Mondiale manco si degnavano di sprecar sudore per partecipare alla conquista di una coppa chiamata  Rimet.

Note a parte. Tanto per dire che razza di amici  i nostri  si sono fatti in giro per il mondo.
All’Uefa, tale Ceferin, da quel che si sa infelice ‘invenzione’ del nostro Tavecchio; alla Fifa, tale Infantino, nato a Briga in Svizzera da emigranti calabresi, e che italiano si mostra in ogni dove  visto che per primi tromba proprio li parenti suoi.
Ebbene, quando il buon Gravina ha chiesto l’Europeo 2028 il buon Ceferin gli ha sghignazzato in faccia; quando qualcun altro  ha chiesto il recupero dell’Italia al Mondiale il buon Infantino   gli ha risposto che ( per intrallazzo) prima c’è  il Cile,  nelle sfide della  pelota  planetaria gettonato poco più del Briga.

( dal   29 al 31 maggio  2022). Tanto, troppo. Per un fine settimana che, tralasciando le ambasce d’una guerra sanguinosa ed insensata
che non si capisce dove voglia portare, e le mai domate beguccce interne della nostra più infima rappresentanza politica, per quello che ha riguardato lo sport ne ha viste di cotte e di crude.

Cominciamo. Intanto dal sor Carletto, dato per ‘bollito‘ a Napoli e ‘ re d’Europa’ a Madrid. Sempre nel calcio un altro prodigioso evento ha maravigliato i sempre più frastornati appassionati della pelota. Il  Monza non più  figlio  della città dalla ‘corona ferrea‘ ma soltanto del sor Berlusca, dopo essere passato in svantaggio per due volte contro il Pisa, alla fin della tenzone, che nel calcio  ( curiosamente ) va sempre più  spostandosi nei minuti finali e nei recuperi, ha vinto lo spareggio aggiudicandosi uno storico passaggio in Serie A.
Che a questo punto potrebbe anche risultare il vero miracolo compiuto da un cavaliere senza cavallo ma che dove galoppa lui splende il sole e dove va via lui arriva la tempesta. Riuscisse anche a portare il Monza in un qualche passaggio Champions, magari contro re  Carletto, quanti tra quelli che da tempo hanno deciso di non credere più a santi e  miracoli dovrebbero ritornare sui passi loro? E come negargli la santificazione, tra i religiosi, e un posto nell’Olimpo, tra i laici?

Il Giro dei giri, ovvero l’ultracentenaria Alma Mater del ciclismo  che raccoglie sui cigli delle sue fascinose strade  un intero popolo  festante e colorato, e che come competitor null’altro  tiene se non la  corsa che assegna  maglie gialle, questa volta è andato davvero lontano, esattamente, nell’altro emisfero,  premiando un australiano,  certo Hindley, 26 anni,  che si è mostrato più forte dei Carapaz e dei Landa. 
Il ragazzo,  che fin da piccolo conosce il Giro dei giri, vestendo la maglia rosa ha commentato:  ‘Per me  è questa la più bella maglia che esista’.  Lanciando un assist non concordato, assolutamente spontaneo,  a quanti  stanno facendo crescere a dismisura una manifestazione che gli sponsor dovrebbero baciare ogni volta che passa.

Che lo spettacolo sportivo più accattivante spetti alla moto Gp, con o senza il mitico Vale, è ormai assodato. Ogni volta i  ‘ragazzi’ di quel Raffaello ( della moto)  da Tavullia, non mancano di appassionare e di stupire. Al Mugello, ad esempio, una pista che vale un titolo mondiale, non si sono nè nascosti nè  risparmiati.
Alla fine la palma del vincitore è andata al Pecco, che dal maestro ha preso serenità, eleganza e acume. A guardare la sua classifica mondiale, non sembra possibile che debba essere di 41 punti sotto il siculo francofono della genia dei Quartarari, ma tant’è. Comunque di appuntamenti ne restano dodici o tredici.

La ‘rossa’ beffata. Era la più forte, nettamente, ma quei furboni del venditore di bevande ( quasi quasi) l’avevano fatta  scendere dal podio.  Sul quale per la ’rossa‘ non è salito non chi lo meritava, ma quell’ hildago spagnolo tanto casinaro da cominciare a sollevar quesiti. Anche perchè siamo proprio sicuri che più che a  lavorar per la ‘rossa‘ non pensi a sgomitar solo per sè?
Fatto è che dei punti che la ‘rossa’ dovrebbe avere nel carniere ce ne stanno, tra sì e no, la metà.
Un po’ per quei polli del muretto che un piovasco manda in trance, ma molto per questo ragazzotto ispanico dagli occhi spiritati che a Maranello , se non si ravvede, già  sta come i cavoli a merenda. Ora, nel Mondiale, il bravo ma ( sempre più) culoso Tappen sta con 9 punti avanti al Carletto, che di far il buono e il bravo comincia ( giustamente) ad avere le tasche piene.

Prossimi appuntamenti: 12 giugnoGp Azerbaigian ( circuito cittadino); 19 giugnoGp Canada ( circuito Villeneuve).

ALTRI SPORT. Nella contesa per il  titolo nazionale di basket Milano è a -1 su Sassari. Nel tennis Jannick se la deve vedere con Rublev per passare ai quarti del Garros; quarti raggiunti dalla Trevisan, con la Giorgi in fila per fare altrettanto. Sarebbe un bel segnale per il tennis femminile, tanto più che quello maschile sembra essersi perso per strada.

Trieste il buon Filippo Tortu vince i 100 in 10”04. Non molto, ma da accontentarsi in attesa di Marcel. Negli europei di canoa la Horn vince l’oro nel k1, mentre De Gennaro si aggiudica l’argento nella stessa categoria. La  Pro Recco ha battezzato il 34° scudetto in un regno ( prevalentemente) suo.
Infine: il Petrarca rugby contro Rovigo s’è aggiudicato ( 19-6) il suo 14° titolo. Con una domanda: come mai i nostri giovani rugbisti quando se la vedono con i coetanei del Sei Nazioni non solo fanno bella figura ma vincono? Cosa notoriamente  impossibile quando crescono di qualche anno per andar a prendere batoste, dette anche ‘cucchiai di legno‘, da qualsiasi pirla gli mettono come avversario. Non centrerà anche qui, come nel ciclismo dei fenomeni o nel calcio dei podisti veloci, quel che gli danno da manducare?

 

 

( dal  23 al 29 maggio 2022). Il buon Marotta, ora dirigente Inter di lungo e glorioso corso, tanto per dare il suo contributo alla rinascita del calcio nostrano, o forse anche solo per rinverdire la volpe con l’uva, ha pensato bene di esternarsi.

Che in tempi di social non è male, visto che l’illusione del fuoco fatuo della popolarità non lo si  nega più  a nessuno. Avrebbe detto il buon Marotta ’ Siamo diventati un campionato di passaggio. Colpa nostra, visto che quando occorreva non siamo stati pronti a cogliere il cambiamento‘.

Campionato di passaggio? E da dove il nostro lo vede,  forse dal fatto che il  suo cinese di riferimento centellina entrate e uscite con la parsimonia di una nonna?
Certo  è che, da quando il buon Ceferin ha mollato vele e ormeggi a soggetti che il calcio vedono ( soprattutto)  come vetrina e ( magari)  come  riciclaggio e quant’altro ancora, alle squadre storiche come la  Beneamata, e  finanche  il Real o  il Barca,  che altro è rimasto  se non  attaccarsi alla cannetta del gas, sperando che qualcuno non  chiuda i rubinetti del gas ?
Della Superlega  manco si vuol  parlare, ma c’è qualcuno di lor signori  Uefa che possa spiegare come le squadre storiche che vivono di quel che producono possano battere una concorrenza sul mercato alla quale   basta tirare cassetti senza fondo per trovare  ( che dire?) 130 mln da ciucciare come sementine  alla ( sola) firma del fenomenal  Mbappè ? Qualcuno potrebbe obiettare che in finale  Champions quest’anno sono arrivati un fondo americano ed un Panda spagnolo. 
Ma perchè lor sono i signori del mercato o perchè in un gioco dove la bizzarra Eupalla può  rimbalzare qua e là fino ad entrare nella rete dove men te l’aspetti? Possibile, no? Anche perchè cosa c’è di meglio per spegnere  sospetti, evitare  inchieste e ( soprattutto)  rompere quel fronte Superlega che all’Uefa dev’essere un incubo mica male?

Serie A, area parcheggio? Di certo chi ( da noi) siede ( anche)  da decenni alla sua generosa mensa  non è che si sia dannato più di tanto per non dileggiarlo oggi.
Basta incolonnare  imprese e realizzazioni   di (  tanti)  dirigenti, coperti dall’omertà compiacente di ( presunti   ) addetti ai lavori.
Che hanno mancato ogni riforma (  18 squadre al posto di 20, ad esempio), che non hanno saputo dare  corso agli invocati impianti ( perfino Roma e Milano al momento pari diventate sono), che ci tengono fuori  anche da un curioso mondiale natalizio, che vendono il campionato più medagliato d’un generale dell’Armata Rossa prendendo per sè il fumo e lasciando agli altri l’arrosto.
Nonostante ciò,  spargono malevolezze.  Perchè pur costretti  ( negli ultimi due  decenni) ai soliti ignoti che oggi fanno  i finti tonti, e nonostante Uefa, Ceferin, Gravina,  sceicchi, cosacchi e fondi,  e quant’altri o altro  ronza attorno al capezzale del nostro calcio, non vorranno  venirci a dire che vestire maglie come quella del Diavolo, della Beneamata, della Signora o della Lupa , sia una scelta  di passaggio?
Qui, da noi, ma anche in ogni contrada del pianeta calcio? Scusi, sor Marotta, ma lei ha mai pensato di rallegrar gli altri dedicandogli qualche minuto in più?

NOTA MARGINE. La Roma del sor Mou Mou ha vinto la prima edizione di Conference League. Ora le nostre in coppa dovrebbero salire a quota otto.

ALTRI SPORT. Ci sono week end che a dirli di fuoco è poca cosa. Come il presente. Donde l’ evento che si ripropone  ( ogni anno) nell’esclusivo circuito dei Grimaldi offre
stavolta un altro appassionante confronto tra   il ( fortunato) Max e lo  ( sfortunato) Carletto, il quale  nonostante il riaffacciarsi   in tivù del tiranno  Toto,
sarò bene non lo dimentichi, copre un sedile che paura deve metterla  agli altri e non a lui. Piuttosto, non è  ora che il Binotto chieda all’ hildago Sainz   di smettere di  far felici gli altri, magari  tralasciando di baciare i ’muretti’  ?
Nelle moto si corre invece sulla pista più bella al mondo, tal ameno Mugello, dove natura, arte e moto si mescolano forgiando una prova  che vale un titolo mondiale.
Nella Moto Gp abbiamo carte che altri non hanno. Il Pecco ma anche il Bestia. Che montano due prodigi dipinti in rosso costruiti a Borgo.

 ( dal 17 al 22 maggio 2022). O vinci con i soldi o con le idee. Chi lo abbia detto non importa, importa che risponda ad una verità sacrosanta.
E che, ogni tanto, qualcuno fa riemergere. Com’è capitato al Diavolo, sepolto vivo ( una decina d’anni fa) dall’abbandono  (  poco felice ) di un suo gran mentore, e però, riemerso alla luce festosa dei campi di calcio dove, se si va a contare quanto aveva lasciato in oltre un secolo di permanenza, c’è da restare abbacinati.

Quando si pensa che,  oggi, con il mercato della pedata abbandonato dai Preposti nelle mani di pochi e (poco)  convincenti spendaccioni, quasi tutti ( o  tutti ) foresti dai desideri non sempre legittimi e  confessati, il parvenue  Chelsea dell’ oligarca russo possa valere 4,4 mld e il nobile  Milan  ( solo) 1,3 mld non si capisce quale strada abbiano lasciato intraprendere a questo sport universale che più d’altri sa calamitare interesse e interessi.
Ma tant’è, almeno finchè non ci sarà qualcuno che andrà a rovistare sul via vai di danari che  intreccia da un continente all’altro. Maravigliando. Come nel caso della confermata permanenza  con gli spendaccioni Psg  del MBappè, 23 anni, attaccante francese, a cifre proibitive  ( 30 mln annui, 130 alla firma)  per il calcio che ha fatto storia ( Real compreso), che  invece d’essere così tanto celebrata non sarebbe meglio che fosse meglio indagata?  ( adeguatamente) indagata?
E comunque, dicevamo, c’è ancora qualcuno che più che a tirare cassetti che con la pedata poco o nulla hanno a che fare, non punta sul danaro ma sulle idee. E che se sortiscono geniali e applicabili possono raggiungere successi inimmaginabili ( soprattutto )  per gli spendaccioni. E questa volta, ancora una volta, la geniale saggezza   giunge da quel curioso stivale, mal diretto e valorizzato,   che quando c’è qualcosa da inventarsi non lesina nè sforzi nè sorprese. Con tanto di ( vere  ) maraviglie.
Come quello d’avere riportato con cognizione di causa e poca spesa  sul podio dei campionati ( storicamente) più prestigiosi al mondo, il vecchio e amabile Diavolaccio. bell’è pronto, con la sua rinnovata banda di  guerrieri,  a rompere i maroni pur in quell’Europa invasa da supponente gente della steppa, del deserto o di fondi dalla planetaria fattura.

Dice il Maldo: ” Tutto è cominciato nell’estate 2019, quando chiamai al capezzale del Diavolo gente come Massara e Boban, che più che a spendere a vanvera pensavano a capire qual soggetto potesse andar bene per  noi oppure no.
Messe le fondamenta, si son tirati su  i muri, che non sono solo finanziari, ma   d’ una nuova  squadra, accolta per  mesi con infinite perplessità eppure, giornata dopo giornata, sempre più in grado di farsi valere e rispettare.
L‘Ibra ci ha incoraggiato, mentre giovani inespressi talenti come Leao ci hanno detto che la strada intrapresa ( ogni giorno di più ) era quella agognata”. Ora, al Diavolo,  per completare l’opera e assestarsi  stabilmente nell’elitè mondiale che gli compete, resta solo  la  casa madre, ovvero   uno stadio  solo suo che, con  tutto il rispetto per il vetusto San Siro, dovrà rispondere al nuovo e alle sue necessità.
Stadio che potrebbe   non risiedere ( più ) in comune di  Milano, ma  in qualche abbordabile location limitrofa, dalla disponibilità lungimirante, visto che l’attuale primo cittadino , nonostante il nasone di cui dispone, del fiuto  della gente di  Mediolanum non tiene manco un sospiro. Si dice che  in corso ci sia un passaggio di proprietà tra fondi. Americani con arabi. Speriamo solo che ( dopo la buona gestione Singer)  sia ( ancora una volta )  la scelta più giusta.

SERIE A  CLASSIFICA FINALE 2022Milan  86 punti, Inter 84, Napoli 79, Juve 70 (  tutte  in Champions); Lazio e Roma ( Europa league), Fiorentina ( Conference).
Retrocedono: Cagliari, Genoa e Venezia. 

ALTRI SPORT. Il Carletto, dopo avere maravigliato in qualifica,  volava bello e tosto verso la vittoria quando, al 28 giro, la power della ‘rossa’ s’è spenta. L’avrà fatto apposta? Magari per confezionare  al meglio quella nemesi che, prima o poi, non si sa come quando e perchè, ma arriverà.
Se è vero com’è vero che al cavallino alato è concesso di  confidarsi direttamente con gli dei dei motori. Al punto che a quel poveraccio del tulipano chissà quali tempi infausti lo stanno aspettando. Intanto, però, s’è ripreso il comando della classifica piloti, con tre punti davanti al Carletto.
Dicono vada risorgendo la Mercedes. Magari, perchè se è vero che  del tiranno Toto in Fia non c’è più manco l’ombra, potremo finalmente vedere chi le auto le sa fa fare e chi un po’meno. E  chi le lascia correre  e chi le impone. E soprattutto chi le ha sapute rendere sogni degli uomini da consegnare agli dei e chi questo prodigio manco immagina.

Flop in finali Champions  per il volley maschile e femminile. Non ci voleva.  Sono tornati in pista  Tamberi e Marcel. Mentre lo splendido Giro affolla lungo le strade.
Ultima settimana di gran fatica, con il Nibali riapparso. Finora tre sono stati  i successi azzurri.

( dal 10 al 16 maggio 2022). Dopo aver messo sotto ( 2-0) la Dea del Gasp al Diavolo manca ora solo una partita, quella in trasferta con il Sassuolo, brutto cliente e sulla quale conta l‘Inzaghino per attuare il sorpasso  sul filo di lana dei più titolati cugini .
Nell’ultima di San Siro, ricolmo, entusiasta  e colorato come ai bei tempi, il Diavolo ha dato spettacolo, con quel gol coast to coast del Teo che come quello del Weah resterà nella storia del calcio milanese.
In altri celebrati tornei d’Europa solo lo spendaccione City deve pazientare ( dopo infausto pareggio con il West Ham, 2-2)  per aggiudicarsi la sua ottava Premier. Il Liverpool gli sta a quattro punti ma deve recuperare in settimana con il Southampton e se dovesse vincere tutto è rimandato all’ultima, come da noi, domenica 22, con i Reeds contro i Wolves e il City contro l’Aston Villa. Comunque vada l’impero del Peep , il meglio del meglio al mondo, comincia scricchiolare. E se venisse a rigenerarsi  all’Alma Mater ?

MOTO MONDIALE 2022. Dal Pecco ci si aspettava tutto fuorchè farsi sbeffeggiare dal quel simpaticone dell’Enea che con una Ducati 2021 si permette di sverniciare le Ducati 2o22.  In Francia, davanti ad un circuito ricolmo di pubblico in festante attesa del figlio dei quartarari siciliani emigrati a Nizza qualche decennio fa, ha dato spettacolo.
D’accortezza, lucidità e coraggio. Se i santi signacoli del predestinato restassero manifesti anche per altre  tre o quattro gare non ci sarebbero dubbi  sul nuovo campione iridato.
Oramai ( quasi) impossibile per il Pecco, che con  le sue  amabili  confessioni  ai microfoni  appare sempre più un personaggio mediatico e non altro. Ci spiace, perchè la simpatia verso il Pecco è davvero profonda e universale. Purtroppo però  la storia nella sport si fa sul campo, o sulla pista, e non  altrove.

CURIOSITA’. Che la moto ( dopo l’era del Vale) sia diventato l’appuntamento sportivo più atteso sembra ormai assodato. A contendergli la palma sta arrivando la nuova F1,  finalmente liberata dalla tirannia del Toto-Todt e  di nuovo  affidata alle prestazioni di eccellenti macchine  e alle ali  da mitico uccello dispensator di sogni della  ‘ rossa’.

Ma tra i tanti sport propinati e commentati a  chi attribuire l‘Oscar o il Donald  del miglior commento? Per quel che ci riguarda al team Sky della moto, con il Guido ormai erede dei grandi ( e amati) radio telecronisti, come Ferretti, Carosio e Galeazzi; e che con il Sanchio compone una coppia da titolo iridato.
Di seguito non si possono omettere i validissimi collaboratori: il Paso , Rosario Triolo, la Vera ( Camicioli) , il Boss e il Sandro Donato Grosso. Sul podio dei più gettonati tra i commentatori sportivi nostrani possono salire anche quei ( competenti)  simpaticoni di Race Anatomy e della Domenica Sportiva.

ALTRI SPORT ULTIMO WEEK END. Aspettiamo il Marcel dopo il malanno in Kenia. Applaudiamo il Marco Tamberi, non ancora al meglio. Viaggia verso la finale la pugilatrice  olimpica Testa. Continuano a dar spettacolo i ragazzi e le ragazze del volley. Ragazze che quest’anno si priveranno della Paoletta che lascia il parquet migliore al mondo per una generosa  improvvisa (  speriamo breve)  passione per il Bosforo.
Peccato che tra le quattro finaliste di Eurolega basket non ci sia Milano. Torneo che nel prossimo anno dovrà dar spazio anche  alle Vu nere che gironzolano come leoni nella savana sotto le due Torri. E che per rompere i maroni altrui ( europei e non) sono fatte apposta.

 ( dal 2 al 9 maggio 2022).  Un saluto agli Alpini che a Rimini sono sfilati con le loro 33 fanfare, benvoluti da tutti perchè sempre e comunque dei valorosi.
E dei generosi. Delle chiacchiere, più o meno fondate e controllate, lasciamo ad altri valutare.
Serie A: 
ora al Diavolo mancano due partite per fregiarsi del 19* scudetto. Una la può anche pareggiare, sempre che i cugini dell’altra sponda vincano le due a loro disposizione. Al Diavolo mancano Atalanta ( 15 maggio) e Sassuolo ( 22 maggio), mentre la Beneamata dovrà fare i conti ( sempre nelle stesse date) con Cagliari e Samp, entrambe in lotta salvezza.

Una suspence che altrove non c’è più: in Germania e Francia, già alla partenza dei rispettivi campionati; in Spagna con il giovanile  Real del Carletto, finalista pure in Champions; in Premier, con il City del Pep che di farsi accettare dalla nobiltà dei vincitori della Coppa dalle grandi orecchie  non ci riesce proprio.

STERLINE E EURO. A margine il solito scoop dalla nababba Premier, con il Chelsea dell’ex oligarca russo ceduto ad una combriccola americana guidata da tale Todd Boehly alla modica cifra di 4 mld di sterline. Come possa un Chelsea valere 4 mld di sterline e il Milan 1,2 mld di dollari nessuno lo  sa. Evidentemente in Albione sanno mandare l’acqua all’insù, oltre che usare le miglia al posto dei chilometri e girare per strada a sinistra quando tutti gli altri vanno a destra.

Il Chelsea Football Club, noto semplicemente come Chelsea, è una società calcistica inglese con sede nella città di Londra,  borgo di Hammersmith e Fulham, militante nella massima serie del campionato inglese dalla stagione 1989-1990. Ha ( finora) vinto: 5 Coppe di Lega, 8 d’Inghilterra, 2 Champions e 6 scudetti.
Il Milan invece, terza squadra più titolata al mondo, nata sui navigli nel 1899, conta in bacheca: 3 Mondiali, 7 Champions ( 11 finali), 2 Coppe delle coppe, 5 Super coppe europee, 3 Intercontinentali, una del Mondo Uefa oltre a ( fino ad oggi)  18 scudetti in un torneo per decenni ritenuto un ‘ campionato mondiale settimanale per club’. 

DOVE STA  LA NEMESI ROSSA? Che prima o poi la nemesi del dio delle quattro ruote caschi ( a nome e per conto della rossa) sulla testa del blasfemo profanatore del tempio della Rivazza è assodato. Basta avere pazienza come il cinese sulla riva del fiume. Nel frattempo, sfrecciando sotto la fresca ombra dei grattacieli dell’infinita spiaggia di Miami, il tulipano ex sfascia rosse diventato campione s’ è fatto beffa  prima del timido Carlos eppoi del tenace  Carletto.

Che ci volesse la ‘rossa’ a dar di nuovo senso alle gare d’auto in pista non era tanto difficile da pensare. Certo che, da quando il bolide del venditore di bibite è riuscito a far tornare nei ranghi le frecce d’argento pilotate da quel tiranno del Toto finalmente spodestato, le cose per la F1 sono tornate in alto.
Non solo in Italia, paese di motorofili, ma anche nel resto del Mondo. Almeno, da quel che si evince dalla presenza di  folle sterminate e festanti  che incorniciano ogni appuntamento mondiale. Folle, sia chiaro, tinte più di rosso che d’altro colore.

CLASSIFICHE. PILOTI:  Carletto 104 punti, Tulipano 85, Russel 59.
COSTRUTTORI: la ‘ rossa’  157 punti, Red Bull 151, Mercedes 95.

Prossima gara:  22 maggio, Gp Spagna a Montemelò

Completate le tre affollate e plaudenti tappe nella fraterna  terra d’Ungheria, il bel Giro torna a casa. E riparte dalla Sicilia, con una prova niente male. In rosa, al momento, resta Van der Poel con 11” su Yates e 16” su Dumoulin.

Inizia pure il torneo di tennis più importante d’Italia, accolto nel primaverile Foro Italico, con tutti i campioni vecchi e nuovi. Probabile però il forfeit di Alca(t)raz, che dopo essersi bevuti i santoni del tennis degli ultimi vent’anni non ce la farà a replicarsi per problemi fisici anche a Roma. Peccato, perchè l’appuntamento è  di quelli che, slam a parte, concedono il  pass per salire alto nella considerazione degli amanti del tennis. Vedere questo instancabile  grillo spagnolo sarebbe stato molto interessante.

A1 donne. Furia ConeglianoMonza travolta ( 3-0). Gara tre anche per i maschi, con la Lube avanti 2-0 contro Perugia.
Mal d’Africa per Marcello che a Nairobi poteva scendere in pista per regolare qualche suo antagonista e puntare ad un tempo clamoroso. Dopo il ricovero in ospedale per via di un virus intestinale, dovrà ritirarsi su le maniche per affrontare al meglio i prossimi appuntamenti. Coach Camossi dice ‘ Peccato, con quel vento avrebbe potuto volare!’.

 

( dal 27 aprile al 2 maggio 2022). Come si fa ad esultare per lo sport quando l’ ennesimo  zar Pietro della steppa sta terrorizzando  a suon di missili, cannonate, minacce ( nucleari o meno), l’intero Vecchio continente che di tutto  ha bisogno fuorchè di tornare a celebrare guerre?

Qualcuno, molto ingenuamente, o forse molto codardamente, come quei fiorentini che corsero ad aprire porte e portoni della loro città al sopraggiungere di Carlo V, pensava che bastasse concedere qualche regione di confine più la Crimea per satisfare la fame di questo anacronistico signore della guerra seguito a testa bassa da un popolo che del profumo della democrazia ha dovuto sempre ( obtorto collo)  fare a meno. A star sentire quei che lo conoscono, il novello zar Pietro vorrebbe riportare le lancette dell’orologio della storia a qualche secolo fa. Quando  la Grande madre Russia  si estendeva dal Baltico  all’Alaska, un poco Europa e in gran parte Asia. Insomma, un impero.

E comunque il massacro procede. Senza tregua, nè religiosa nè altra. Città come Mariupol sono praticamente demolite. Quelli che resistono all’invasore  è perchè piuttosto che finire sbranati dal lupo siberiano preferiscono darsi morte onorevole su una terra ancora loro. Piovono bombe perfino sulle innocue stazioni dei treni. Dove cercano salvezza donne, bambini, persone anziane e  fragili. Mentre l’inutile   balletto di quei fantasmi dell’Onu non incoraggia  più nessuno, visto che allo zar Pietro  non sanno manco cosa chiedere .
Tanto meglio , non ci sarà l’imbarazzo, anche perchè,  lui,   novello zar Pietro, a concedere non pensa proprio.

LO SPORT. Ora al Diavolo mancano tre partite per fregiarsi del 19° scudetto. Con, sullo sfondo, nababbi arabi che promettono soldi e nuovo stadio. Giusto la manna che i milanisti invocano dal cielo per ridare lustro ad una società che, superata la terribile fase post Berlusca, è scomparsa dall’èlite mondiale. Dove, con le sue 7 ( sette) Champions, resta  seconda solo a quel Real del Florentino ( 13) e del Carletto, che, guarda un po’,  è uno dei figli più cari ( e riusciti) del Diavolo.

Al momento la lotta per lo scudetto è ( come in quel tempo felice)  tra milanesi, Milan ( 77 punti) e Inter ( 75), mentre  Napoli e Juve seguono, lottando per il posto Champions.

Nell’ attesa del ritorno negli autodromi delle ‘rosse’ altre ‘ rosse’ si battono con onore in pista. Sono le Ducati di Borgo, che con quel caro ragazzo del Pecco hanno ripreso a condurre le danze, cominciando a lanciar nitriti nell’affollato agone di Jerez, e battendo quel siculo francofono del Fabio  di cui andare orgogliosi.

CLASSIFICA MOTO GP. Quaratararo punti 87, davanti a Esparago e Rins; Bagnaia segue a 56 punti.

QUARTARARI. ’Sono francese, preferisco parlare in spagnolo, penso in italiano’. Si presenta così Fabio Quartararo, centauro che si sta facendo notare, sempre più spesso, sul podio delle gare di Moto GP. Classe 1999, gareggia con la bandiera francese perché, a dispetto di un nome e cognome dalle inequivocabili origini, è nato a Nizza.
Il cognome, soprattutto, conferma più che tradire le sue origini italiane, nella fattispecie siciliane. I bisnonni di Quartararo, infatti, hanno lasciato Palermo e Calatafimi su una nave diretta a Tunisi per lavorare in una filiale locale della Banca d’Italia.
Il nonno di Fabio, a sua volta, tornitore di professione, è scappato in Francia dopo la dichiarazione d’indipendenza del 1958. Qui che è nato Etienne, il padre di Fabio, anche lui pilota di moto che gestisce un negozio di ferramenta a Nizza, dove ha incontrato Martine Adamo.
Martine ha genitori siciliani, che vivevano nello stesso quartiere di Tunisi dei Quartararo. Etienne e Martine si sono sposati e hanno avuto due figli: Anthony e Fabio. E se il primo, Anthony, non ne ha più voluto sapere di moto dopo la prima caduta, Fabio, sempre dopo la prima caduta, con le lacrime agli occhi ha detto: “Voglio correre ancora”.

CURIOSITA’. Chi erano i quartarari? La quartara è un recipiente in terracotta ( ora anche in  metallo) con due grossi manici, simile alla giara, usata per contenere ( e trasportare) acqua e vino. Col tempo è stata variamente decorata. Oltre ad essere considerata come strumento musicale durante le feste, inconfondibile,  per  il suo suono cupo.

L’approfondimento offerto dal Fabio potrebbe essere applicato alle storie di  tanti italiani che, migrati, non conservano o cancellano i segni delle loro origini. Che, in realtà, non sono ( semplicemente) origini, ma ( tutto) quello che natura e  storia hanno depositato dentro il loro essere,  talvolta faticando per secoli, e comunque forgiando quel dna che è la vera essenza della loro ( nostra)  presenza tra gli umani.
Allora, perchè dimenticare, o fingere di dimenticare, magari nel patetico tentativo di  cancellare un passato individuale fatto di povertà anche estrema, sorvolando purtuttavia su un passato collettivo talmente ricco che pochi altri popoli della terra  possono uguagliare?  Almeno nella misura concessa agli eredi degli ’ italoi‘, ‘ popolo che che abita ad Occidente‘.

Messi, il grande Messi., ad esempio, giustamente,  dice che è di Rosario,  obliando  però  quello che gli altri sanno, ovvero donde giungevano i suoi nonni e genitori?
Come dire,  la sua storia e il suo talento, senza i quali chi altri oggi  sarebbe ?
Tra l’altro lui e i  suoi risulterebbero  ancora segnati per via d’un servizio militare   rimasto in sospeso all’anagrafe comunale di un paesello delle Marche, che un  concittadino così annunciava : ‘Sempre caro mi fu quest’ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell’ultimo orizzonte il guardo esclude … ‘.
Un concittadino che solo  a citarlo che altro   ti dona   se non di farti sentire parte ( privilegiata ) dell’ umanità?

CICLISMO AL MASCHILE. Classiche amare, manca il faro. E così che s’annuncia il presente ( e il futuro prossimo venturo) del nostro ciclismo al maschile. Che dopo aver fornito i più grandi pedalatori di uno sport dai connotati epici non riesce più a produrre atleti in grado di far fronte ai robotizzati concorrenti del nostro tempo.

Beppe Saronni, 64 anni, vincente sulla strada e come  dirigente sportivo, toglie il coperchio  sul vaso di Pandora dei nostri pedalatori. Dice: ‘ Guardi le grandi corse e ti chiedi dove sono spariti gli Italiani? Non siamo più protagonisti e, soprattutto, non ci sono più Italiani che corrono’.
‘ Il fatto è che sono scomparse le strutture giovanili di base. Fino a poco tempo fa ogni paese aveva la propria società e la propria corsa. C’era una base molto larga, non tutti diventavano campioni, però uscivano dei buoni corridori. Ora non c’è più niente alla base, e sarà sempre peggio’.
‘ La mancanza di risultati è la punta dell’iceberg. Se non si torna ad investire sulla base e sulle strutture giovanili – ammonisce il Beppe - l’Italia resterà appesa a quei pochi talenti naturali come Ganna  che vengono fuori casualmente.  Dai miei tempi il ciclismo è cambiato. I genitori hanno paura, i costi sono cresciuti così come i sacrifici. Tuttavia in Italia non mancano i soldi ma i progetti. Con idee e persone credibili per portarli avanti’.

Anche  nel ciclismo riecheggia dunque  il ritornello che, sia pure con sfumatura diversa, angoscia  anche quel calcio maschile sbattuto fuori dai grandi consessi. A latitare,  pure  in questo ambito, sono le persone capaci, appassionate, sinceramente legate a valori e tradizioni prestigiose.
A gestire campi e strade  sono oggi personaggi senza memoria che mangiano sputando ( spesso) sul piatto loro, e diffusi come nugoli di cavallette, ovunque. Tra  politici, addetti ai lavori, informatori da decenni presenti  sui luoghi dei delitti eppure   mai stati capaci  di contribuire a  edificare  qualche nuovo stadio per i calciatori o  qualche  nuova  pista per i ciclisti. Che costringono ad umiliarsi, davanti ai soliti fenomeni che spuntano di qua e al di là dell’Alpe; con gli altri sempre più avanti, sempre più pagati,  sempre più osannati.
Come capita a quel ( ultra) propagandato calcio di Premier che  gli anglofili vorrebbero far passare per ‘ il calcio più bello al mondo‘, quando per  noi, un tempo accusati d’essere catenacciari, in realtà costretti a sopperire a carenze ataviche  col  talento di  artisti guerrieri, che tanto hanno vinto e tanto hanno  insegnato, altro non appare  che una sarabanda di podisti dai piedi veloci che  aspettano gli ultimi venti minuti+recupero d’ogni partita per decidere le sorti di questo o di quel torneo.
Onde per cui, visto che per arrabattarsi spendono assai, perchè non controllarli più spesso e meglio ?  Magari senza il timore  di fargli fare  la figura di quel velocista inglese che volle metter naso sulla nostra olimpica  staffetta dorata, finendo, lui sì, col farsi portar via la medaglia d’argento per avere manducato qualcosa di non proprio corretto?

( dal 11 al 26 aprile 2022). Ci volevano la pioggia e lo ‘sfascia rosse‘ ( se Matteo Bobbi cerca troverà che all’inizio in una partenza ne fece fuori addirittura due in un sol colpo) a profanare l’incredibile festa ‘rossa’ attorno alla magica pista di Imola.

Anche se, dobbiamo ammettere, da quella volta ad oggi il tulipano dagli occhi di ghiaccio ne ha fatta di strada. Intanto ha abbattuto una tirannia ( quella del Toto e dei suoi sodali) che imperava sulle piste  da ( circa) un decennio e che aveva ridotto alla servitù quella che macchina non è più visto che  da molto tempo ha assunto il compito del Pegaso alato che consegnava i sogni degli uomini al padre degli dei; eppoi perchè, in effetti, in pista ci sa fare.
Noi pensiamo molto di più e meglio di tanti suoi predecessori, l’ ultimo compreso fasciato di titolo iridato.  Quello che il ‘ poveraccio’ non s’aspetta è la terribile  nemesi che inevitabilmente gli sbarrerà il passo negli anni a venire, quella della ‘rossa‘ che ammira i talenti degli uomini migliori ma solo di quelli che non ardiscono di volerla cacciare dall’Olimpo.

E comunque, sotto la pioggia, la ‘rossa‘ è andata a buca. Il giovane Sainz ( come Simon Pietro) per la terza volta l’ha rinnegata; il Carletto, invece, forse meno algido di quel che sembra, davanti a cotanto calore, senza simili al mondo, non ha saputo restare calmo al punto giusto  per contenere al minimo i danni del giorno infausto. Anche così si vincono i mondiali. Donde la ‘rossa‘ rimane in testa, anche se  il fiato del tulipano s’è appressato non poco. Annuncio  di concione, lotta, spettacolo.
Quelli che credevano di riempire autodromi senza la ‘rossa’ avranno modo di piangere sul loro insano desiderio. Sì, perchè quel che ha accolto la ‘rossa’ alla Rivazza non è cosa nè comune nè facile a crearsi da un giorno all’altro. E’ cosa che vien da lontano, anzi da remoto, e che  fa salire il groppo  quando  ti sfiora il  suo ruggito.

GP MADE IN ITALY&EMILIA ROMAGNA. Ordine d’arrivo: primo Werstappen, sesto Leclerc, ritirato Sainz.
CLASSIFICHE. PILOTI: primo Leclerc punti 86, ( dietro ) Werstappen punti 59; COSTRUTTORI: prima Ferrari punti 123, seconda Red Bull punti 113.

Non è andata bene manco per i motori, anche qui vessati dalla pioggia, lungo la fantasiosa pista di Portimao. Nella moto Gp è risorto il Fabio siculo francofono, con una sparata delle sue quando parte in prima e nessuno gli rompe le scatole; alle sue spalle l’ispirato Rins, e soprattutto un’Aprilia, quella di cui è padre putativo quell’Aleis che sta riscuotendo, dopo anni di bravo lavoro, il merito accumulato.
Ha dato segni di rivalsa il Pecco; mentre il Marc continua ad insistere con il timore ormai più palese che inconscio di non finire una volta di più a casco capovolto. Nella Moto2 s’è salvato Vietti, ora con 90 punti contro i 56 di Ogura.

Avremmo voluto festeggiare le ‘regine’ del Nord anche con la Liegi-Bastogne-Liegi, ma, obiettivamente, sarebbe stato troppo. Onore quindi alla nostre Longo Borghini ( Rubaix) e Cavalli ( Freccia vallona). Aspettiamo il Giro, sì,  quello che condivide ( solo) con il Tour, la grande storia del ciclismo mondiale.
Milano basket ritrova Datome per andare a fare l’impresa nella terza ( 1-1) di Eurolega a Istambul. Nel volley, il più bello che c’è in giro, altro non sono che spettacoli in serie tanto fra le ragazze quanto fra i ragazzi. Conegliano approda alla quinta finale scudetto, con una super Paoletta  ( 36 punti) che speriamo si faccia passare la tentazione di andare ad eclissarsi  da qualche altra parte.
Altri successi azzurri sono segnalati, nella marcia con Stano ( Slovacchia), nel Sei Nazioni di rugby dove le ragazze hanno sperato la Scozia ( 20-13), nel karate 68kg donne, nella ginnastica ritmica dove le farfalle hanno volato più in alto di tutte a Baku, con la Raffaelli. 

 

( dal 5 al 10  aprile 2022). E se le ombre della guerra non scemano, anzi, si dice che una colonna di carri e cannoni lunga dieci o quindici chilometri, chi lo sa?, per completare la sua offensiva di terra nel Donbass ricco più che di russofoni di materie rare, il resto del Mondo cerca di trascorrere la sua quotidianità nella maniera più serena possibile. In questo aiutata, come spesso accade in tempo non di uomini pazzi ma  di pace, dagli eventi sportivi.

Che in alcuni momenti sono davvero densi e notevoli. Come quelli, planetari, legati a moto e auto. Nel particolare, a F1 e  Moto3/2/Gp.

Adesso  per il mondo  è il’ Cavallino rampante‘, ma un tempo era noto come ‘Pegaso’ , il ( famoso) cavallo alato‘, animale selvaggio e libero che veniva utilizzato da Zeus per trasportare le folgori fin  sull’Olimpo  e che, una volta esaurito il suo compito,   svaniva in una nube di stelle scintillanti per formare una costellazione.
E comunque sia, oggi,   il ‘ Cavallino rampante‘  al posto delle folgori sè messo a consegnare i sogni degli uomini al padre degli dei. Come deve aver fatto con quello  dell’imberbe talento nato nel piccolo feudo genovese dei Grimaldi e che fin dalla più tenera età sognava di  diventare il più forte pilota d’auto da corsa del mondo. Una sogno altrimenti impossibile, anche perchè nello stesso tempo il mondo era stato occupato da ( terribili) tiranni con tanto di ( potenti)  sodali che alla concorrenza concedevano appena   il respiro.
Eppure,  è bastato  affidare il suo sogno  a quel ‘Cavallino rampante’ che di un’auto  ‘ rossa’ è l’emblema, per cacciar tiranni e sodali e portarlo sul più alto gradino del podio. Tra gli applausi perfino degli  avversari  Orange che in Australia s’erano dati ( in gran numero) appuntamento per sostenere il loro ( ammirevole ) campione, questa volta  però finito  a lato della pista, fumante, triste. Tra applausi e brividi.
Gli applausi per il Carletto, leale avversario diventato campione. I brividi per la ‘ rossa‘ che  auto non è più, ma solo  nipote di quel Pegaso cavallo alato  che a Zeus non consegna più fulmini  ma ( solo)  sogni, come si diceva, quelli  più reconditi degli uomini.

Il prossimo Gp sarà ( tra due settimane) a Imola. Per i fortunati  però che potranno accedervi, visto che si annunciano code, a sud, dallo stretto di Messina, a nord, da tutti valichi alpini. Cogliamo qui  l’occasione per chiedere venia a quel genio del Mattia, al quale qualche tempo fa avevamo consigliato di dedicarsi al ripopolamento naturale del suo bel Lemano. Del resto titoli e medaglie non son quelli che s’attribuiscono a parole, talvolta fallaci, ma sul campo, vere ed eterne.

 

LE CLASSIFICHE F1 DOPO TRE GP.

PILOTI. CHARLES LECLERC, punti 71; Russel, 37; Sainz 33
COSTRUTTORI. ROSSA punti 104, Mercedes 65, Red Bull 55, Alfa 13.

MOTO. E’ se l’alba automobilistica di questa memorabile domenica è stata rossa, pure il tramonto della motoristica è stato rosso. Tanto in Australia, quanto in America. Nella Mot03 abbiamo piazzato secondo ( Foggia) e terzo ( Migno); nella Moto 2 il primo ( Arbolino); nella Moto Gp il primo ( Bastianini).
Come dire che siamo tornare a guidare le danze in ogni classifica, sia pure dopo aver percorso piste molto diverse tra loro.
E pensare che all’appello azzurro mancano ( almeno ) quattro nostri valorosi vessilliferi:  il Pecco, sempre che decida di rinunciare alle chiacchiere e fare più fatti; il Morbido, finora  un po’troppo  sfortunato; il Marini, mai  entrato in partita, e il Diggi,  oltre misura fisso  sui tubi di scarico.

ALTRI SPORT. Fosse per noi, di calcio,  non parleremmo più. E non perchè ci stanno buttando a mare un po’ dappertutto, al Mondiale come in Coppa, ma perchè chi lo governa, chi lo commenta e chi ci mangia ( sputandoci) sopra, salvo qualche  eccezione, lo sta rendendo  talmente inviso che non viene più la voglia di scambiare  il solito rabbuffo al bar, al lavoro  o in spiaggia.

Troppi dirigenti e addetti ai lavori  del Menga;  troppi sindaci, amministratori e comitati del ‘ nulla s’ha da fare‘; troppi giocatori e procuratori addetti più a rapinare le sempre più povere  casse societarie  che, eventi e norme del cavolo, hanno posto con le spalle al muro ( tipo i  fair play Uefa che, quanti le ‘ grida’ manzoniane, non si sa a chi giovano e a chi no).
Poco importa infatti se le riforme nostrane latitano, se gli impianti (  da noi) restano sogni, se in Europa una manciata di  ‘spendaccioni’  e ‘indebitati’ ha fatto terra bruciata attorno con soldi che ( finalmente) si comincia a capire da dove provengono e a cosa servono.
Mentre gli anglofili non perdono occasione per acclamare  un  ‘ calcio più bello al mondo‘ che di bello ha solo una sarabanda di ( indefessi )  podisti veloci   che del primo tempo poco si fregano bastando loro  gli ultimi venti minuti+recupero per decidere  le sorti di quello o questo campionato.

Indefessi, certo, perchè,  se  dal divano non si può pretendere di leggere le sorti del mondo, proprio sul divano   vien da chiedersi   come  facciano ‘ quelli lassù‘ o ‘ quelli là’ a correre così tanto,  a perdifiato, tutto di prima, senza colpo sbagliare, tanto da far apparire i nostri pedatori dei pensionati e loro degli aironi.
E viceversa. Eppure, bene e spesso, i tecnici, non sono sempre gli stessi?  Esempio: Carletto ( al Real), Antonio ( al Tottenham ), Mou Mou ( alla Roma)? Non è per caso che la soluzione del  rebus su cotanto calcio prodigio  stia (semplicemente)  nel ( buon) manducare?

 

( dal 4 aprile 2022). Solo enigmi ed orrori dalla parte est dell‘Europa.
Orban e Vicic 
tornano in cattedra, entrambi filo russi,  ovvio, tanto per dire che in questo mondo, volenti o nolenti, la ragione sta dove meglio fa comodo. Come si faccia a considerare agnello la Russia ( 17 mln kmq, 146 mln abitanti, pil 1.658 mld dollari ed esercito tra i più armati al Mondo)  e lupo l’Ucraina ( 603 mila kmq, 44 mln abitanti, pil 131 mld ed esercito manco tra i primi dieci in Europa) non ci è dato da capire.  Degli orrori (intanto) se ne parlerà a parte. Più avanti, con comodo, con metodo.

Dallo sport le uniche nuove arrivano dal Master 1000 di tennis di Miami,  con quel imberbe dell’Alca(t)raz vincente e già all’undicesimo gradino mondiale. In Campionato, la lotta si restringe tra Inter e Napoli  più che tra Milan e Juve. Anche se alla gente interessa sempre meno. Per via di quei ( troppi) dirigenti e addetti ai lavori da operetta, di quei (tanti) sindaci e comitati del Menga, di quei ( costosi) impianti archeologici che ( annunci e rendering a parte)  non si riesce a sostituire o ad ammodernare.

Nel ciclismo, il Fiandre è stata aspra contesa limitata tra i  due robot  del momento, Van der Poel e Pogacar, con il primo primo ( più accorto in volata) del secondo.
Nelle  moto cogliamo invece qualche sorriso: nella Moto 3 Foggia ( in grande rimonta) si fa beffare all’ultima curva dal Garcia; nella Moto 2 Vietti semina tutti e tutto; mentre nella Moto Gp c’è stata la riapparizione, pressochè miracolosa dopo molti anni, d’un marchio storico del motociclismo italiano: lAprilia di Noale. 
L’aspra  disputa nel Gp d’Argentina  a Termas de Rio Hondo dell’Aprilia dell’Aleix Espargaro con la Ducati del Martin ci ha riportato ai vecchi tempi, dove per fare buone moto non occorrevano (solo) danari e computer ma ( soprattutto) passione e talento. Moto, comunque, sia chiaro, entrambe nostrane, ma affidate al manico di due  campioni spagnoli.
Nel frattempo deve essersi riaccesa la luce nel manico del Pecco. Al quale, forse, non farebbe male dialogare ( decisamente) più con se stesso che con media e social. 

 

( dal 29 marzo al 3 aprile 2022). A demolire la ventilata minaccia nucleare di quel  figlio di Kgb bastano le indiscrezioni che giungono dalla zona di Chernobyl , dove i militari russi vanno scappando verso la Bielorussia perchè ( probabilmente) contaminati o in pericolo di esserlo. Che cosa, tutti sti baldi nipoti di  cosacchi, siano andati a fare da quelle parti manco loro ( probabilmente) lo sanno. Almeno così pare.
C’ è chi giura che chi li ha spediti a spargere lacrime su questa valle che di lacrime già ne sparge abbastanza, lo abbia fatto per emulare un tal Pietro detto il Grande che qualche secolo fa, in tempi dove i telefonini non esistevano, scorrazzava per la steppa  senza far sapere niente a nessuno. Come invece non si pote fare oggi, da qualsiasi anfratto del Pianeta, smascherando anche senza volerlo chi dei mali dell’uomo è la maggior cagione.
Pensare che basta un reattore in difficoltà  a far terra bruciata attorno per centinaia di chilometri resta difficile, proprio difficile, credere che sulla faccia della terra ci sia uno che voglia scambiarsi qualche migliaio di megaton per poi andare a disquisire su chi ne ha presi di più e chi meno. Chi ha vinto e chi ha perso.
Non sarà forse il caso di tornare ad implorare quella fede ancestrale che abbiamo frettolosamente bandito dai nostri rapporti umani? E chi altri, infatti, ci può salvare dall’imprevedibile e malevola  insensataggine della genia umana?  Attendiamo fidenti lo sviluppo dei fatti.

Nel frattempo in Ungheria ha rivinto Orban, in Serbia conferma per il presidentVucic. Alla faccia della favola del lupo e dell’agnello. Si vede che in altri lidi d’Europa a far la parte del lupo trovano più adatta l’Ucraina che la Russia. Sulla base di quali dati ( o ragioni) non si sa.

 

LO SPORT. Lo sport un tempo serviva a rasserenare, oggi, invece, tranne qualche eccezione, intristisce. Come quel pallone portato all’estrema nefandezza sportiva. Bastano poche note. Quelle che riguardano le imprese della Coppa dalle grandi orecchie, ormai venduta ad una manciata di spendaccioni, che per spendere e spandere non hanno fondo visto che gli basta  tirare nei cassetti degli Stati loro o di qualche  compagno di merenda  che  tiene le mani nelle casse dei Paesi loro.
Finalmente, non certo l’imbelle Uefa, c’è  qualcuno che si chiede che ci fanno tutti quei miliardi in  Premier o in squadre d’altri Stati collegate? Donde arrivano, cosa cercano? Il bene del pallone su verdi rettangoli di gioco? Vien da ridere. Anzi da piangere. Solo a rammentare quegli ( impuniti?) attentati  degli anni trascorsi sul suolo d’Europa o i carri di morte dei compagni di merenda di quelli di Londongrad che come obiettivo ultimo avrebbero quello di mettere Europa  sotto le calighe  degli Zar.

Anche un orbo vede che anche da noi, il Paese delle quattro stelle su maglia azzurra, per il calcio va scemando la passione. Il flop al Mondiale conta poco. E così il fasullo pregiudizio  sul nostro ardire che una volta è alle stella, un’altra alle stalle. Va scemando perchè,  a partire da chi pretende di dirigerlo,  non è più credibile.
Infatti   costoro tutto fanno fuorchè  governare. La riforma dei campionati latita. I giovani vengono spolverati all’uopo per tornare poi  nel oblio da un giorno all’altro. Sugli impianti, obsoleti e spreconi, non c’è nessuna volontà di aggiornali o sostituirli. Il Meazza , infatti, stanco di pendere da quel nasone inconcludente del sindaco di Milano, sta cercando un altro spazio. Anche fuori della lungimirante Mediolanum, pur di rimettersi a nuovo per accogliere e competere meglio. Di questo passo  che altro diventerà  se non un costoso rudere da mantenere?

Non parliamo poi dei prodi calciatori. Che chiamar mercenari non si può, ovvio, ma che da mercenari si comportano. Tre casi: quel Dybala, un po’ italiano un po’ argentino, che pur in presenza di un biennio davvero in calo d’entrate, e di sue prestazioni, azzarda non otto ma dieci milioni annui, eppoi,  per far cosa?
Quel Kessie, anche che trotterellando una volta più un’altra meno,  grugnito com’è, sui sei milioni offerti dalla seconda squadra più titolata al Mondo   ha sputato sopra per andarsi a saziare  con i sette concessi  dalla squadra più indebitata del Continente. Quel Gigio, poi, dal suo Mentore strappato imberbe a chi lo aveva cresciuto con grande attenzione e amore, per andare a naufragare dentro la Senna.
Potrà anche rifarsi, il ragazzone,  glielo auguriamo, ma quei tiracci galeotti che l’hanno beffato  nelle ultime della Nazionale , comunque sarà, passassero anche cent’anni, buonisti o meno a consolarlo, gli resteranno marchiati addosso quanto le iniziali dei ranch  impresse sui lombi dei  loro manzi dai cow boys  del Texsas. Bravi, è così che si fa per farsi amare!

ALRI SPORT. La ’rossa‘ vola. I tiranno Toto  piange. Solo l’ex ‘sfascia rosse‘ ( se Matteo Bobbi va a cercare, troverà che in una partenza ne fece fuori addirittura due in un solo colpo) se la ride. In quel circuito strano d‘Arabia, tra una safety car e l’altra, cagnaccio com’è, è riuscito per un nonnulla a tenere dietro il Carletto che se continua così zampilla classe come Senna. Che innervosisce il Tulipano,  finora assai corretto, ma che speriamo ( davanti alla debacle) non torni a dare ascolto ( come faceva  all’inizio )  al richiamo della foresta.
La ’rossa‘ vola è c’è già chi in Allemania vuol rivederla triste. Dicono la nababba Volkswagen, con investimenti da capogiro,  forse dal prossimo anno, per dar il cambio a quella depressa Mercedes che chissà per quanto non volerà più.

Nel tennis altro non possiamo che portare i nostri al Santuario. Per farli benedire. Per quel che riguarda le moto, invece, dove tre dei nostri stanno al vertice, speriamo non si vada a metterli in confusione  nella pampa, magari con qualche grosso danno in classifica.
A proposito di danni, se realmente c’è qualcuno che vuol bene al Mark, che già così è nella storia delle moto, gli consigli di aspettare, con metodo, con calma, perchè cadute come l’ultima  possono incidere non solo  sulla vista. Il Vale, intanto, su Audi, ha iniziato un’altra fase della sua vita spericolata sui motori. Sarà altra vera gloria?

( dal   22 al 28 marzo 2022). Forse l’algido Vladimir  ( Putin) Vladirimovic non ha messo in conto che anche nella tragedia si può risultar ridicoli. Come lui, con quella sua ostinata voglia di rifare mappe storico-geografiche, che più tarda e insensata non potrebbe essere.
Alle spalle, lui, noi, ignoranti o meno, abbiamo ecatombi umane che anche ai nascituri d’ogni specie insegnano che non con la guerra, e peggio ancora con l’occupazione di case e terreni,   si piegano le volontà degli uomini. Probabilmente, fosse vivo il suo maestro, questo e peggio ancora gli direbbe.
A volte, forse per burlarsi del prossimo, ventila l’uso delle sue 4mila testate nucleari. Come si fossero confetti da distribuire in una festa di matrimonio. Senza considerare che quella festa gli resterebbe sul gozzo visto che ( come minino) anche se spara  4mila testate almeno una metà gli tornerebbe di risposta. Dopodichè, ad ulteriore ecatombe compiuta,  dove  tra Ucraina e Urali andrà a mietere il suo grano o   a pascolar ( anche oltre ) al Polo le sue renne  ?
In Svissera, secondo quell’insipiente stampa che tiene tanto bordone in Occidente, tutti si sarebbero fatti il bunker anti radiazioni atomiche. Per qual sopravvivenza   non si sa.
Visto che  pur se  protetti per qualche giorno in più da qualche pastina di  iodio  dentro  bunker o bunkerini, gli ( amabili ) svisserotti dove ( e con chi) potranno  (  nei giorni  a venire)  andare a mungere latte o  a scambiarsi cioccolate?

( dal   21 marzo 2022). Putin, non sapendo contro  quali santi imprecare , se la prende anche con l’Italia. Giusto non sottovalutarlo, ma fino ad un certo punto,  perchè se è vero che tiene tanto alle belle cupole del Cremlino o agli straordinari  capolavori dell’Ermitage sarà meglio che si dia una calmata.
Prima che può visto che dove passa, nonostante qualche compagno di merenda che per calcolo lo manda in avanscoperta, non fa altro che lasciare distruzione e morti, spesso innocenti, e che prima o poi  gli manderanno il conto. Dopo otto anni, abbattuto quel tiranno  del T0to che alla camicia rosso fuoco ne preferisce una bianco lunare, può la ‘rossa’ rimettere ordine in quella casa sua  quando è stata edificata  e dalla quale, con le buone e le cattive, era stata relegata  ai margini per adempiere ai servizi più umili pro comodità altri.

Forse in troppi,  come quel che fu il  tiranno Toto, non hanno ancor capito che la ‘rossa‘ non è più un’ auto da un pezzo. Da quando ( si dice) gli dei, assegnandole quel  che fu di un alato Ippogrifo, mandato all’uopo in pensione, le consentirono  di consegnare  direttamente a loro i sogni degli uomini. Che gli dei esaminano, disponendo trame.
Come quella andata in scena sulla pista del  Baharein sotto gli occhi del mondo ( non solo) motoristico. Così ben congegnata che a chi altri attribuirla se non agli  eterni abitator d’Olimpia? All’ultima curva, le due ‘rosse’  avanti  in parata, come nell’ uso antico per i trionfatori;  e dietro ( giustamente ) le due frecce d’argento, quelle che come le sorelle di Cenerentola per otto anni nella casa dei motori anno fatto il buono e il cattivo tempo, ricondotte nella circostanza ad   ancelle per cingere il capo dei vincitori  con corone d’alloro.
E non basta. Visto che poco oltre  il feroce tulipano  abbandonava mesto il suo bolide, con  il suo compagno rigirato, lassù, all’ultima curva, senza  ragione  o segno premonitore.
Non sarà megliio che anche il Toto non se ne faccia una ragione?
Del resto non ha sentito il boato esploso   in ogni parte del Pianeta, mentre a Maranello  le campane delle chiese hanno preso a suonare  a distesa come per la festa del Santo patrono?
Un imprenditore romagnolo, delle nostre parti, qualche mese fa, si rivolse ad una concessionaria di Berlino per cambiare  per necessità di lavoro  la sua Audi con un’ altra di pari prestazioni. Il rivenditore rispose: ‘ Siamo spiacenti,   signore, ma l’auto dei suoi sogni è  stata venduta’. Al che l’imprenditore  ribattè : ‘ Dirà  auto da lavoro, perchè per quella  dei miei sogni  sono diversamente orientato;  è di  colore rosso, se proprio lo vuol sapere,  e che però lei non mi pare tenga nel suo salone’.

Restando sulla terra, il prossimo Gp avrà luogo tra una settimana ( 27 marzo) a Jeddah ( Arabia Saudita), seguito il 10 aprile da MelbourneAustralia) e  il 24 aprile da Imola ( Emilia Romagna). Se la ’rossa’ manterrà le premesse le file per il Gp Emilia Romagna, a Nord, cominceranno da Chiasso e Tarvisio; a Sud,  da Bari e Napoli.

 

L’ALMANACCO AGGIORNATO.  FerrariGp disputati 1031 ( vinti 240, pole 224: totale 464, circa la metà dei Gp disputati,  costruttori 16) ; Mc Laren, Gp disputati 9o3 ( vinti 183, pole 156, costruttori 8); Willians, Gp disputati 783( vinti 114, pole 129, costruttori 9); MercedesGp disputati 249 ( vinti 115, pole 127, costruttori 8); Red BullGp disputati 325 ( vinti 75, pole 73, costruttori 4).
La Ferrari non vince il titolo piloti dal 2007 ( Raikkonen). La prima ’rossa con scudetto giallo e  cavallino nero rampante, prodotta nel 1943,  era siglata 125 S.  Fece la prima gara l’11 maggio 1947. Si ritirò per un’avaria della pompa di alimentazione; che il Drake ( con profetica lungimiranza) definì  ‘ un insuccesso promettente‘.
Chi è chiamato a guidare la ‘rossa’ entra in una galleria unica al mondo dove tutti, vincitori e non, vengono  ricambiati da ‘ imperitura memoria‘.  Gli attuali piloti sono Charles Leclerc, 24 anni, monegasco, e Carlos Sainz Jr, 27 anni, spagnolo figlio d’arte.

ALTRE DI SPORT. Tre italiani al vertice  nelle tre categorie mondiali di moto, dove sempre più preoccupanti sono le continue cadute di Marc Marquz.  Milano-Sanremo, la corsa più bella, allo sloveno Mohoric. Nella ritmica di ginnastica, ad Atene, la 18enne Sofia Raffaeli è diventata la prima azzurra ad imporsi nel concorso generale di una tappa di Coppa del Mondo.
Nel gigante donne di Coppa del Mondo di sci doppietta tricolore, con la Bassino in vetta.
Nello slalom parallelo di snowboard Edwin Coratti, 30 anni, si è imposto a Berchsgaden ( Germ.).
Incredibile vittoria nel rugby dei nostri sul Galles  ( 21 a 22), dopo 36 sconfitte. Nei mondiali indoor di atletica a Belgrado, Marcel Jacobs batte gli imbattibili americani nel 6o m con il tempo di 6”41, record italiano. Tamberi, invece, nell’alto, arriva terzo.

( dal  18  al 2o marzo 2022). Il petrolio scende sotto quota 100, mai i carburanti restano ai massimi. Uno dei tanti misteri nostrani che manco l’auspicato duo Mattarella e Draghi riescono a penetrare. Non si capisce infatti perchè ( di preferenza) solo  da noi, per un motivo o per l’altro, questo non si sa,  chi continua a pagare i disastri fatti da altri  sia sempre il solito, affannato, carissimo  Pantalone.

E’ demagogia, questa? Non sembrerebbe, basta girare un po’ laddove faticano ad arrivare a sera e tra quelli che belli e profumati accavallano le  loro cosce dorate in vari consessi, mediatici e non, comunque sempre al riparo da tutto e da tutti. Una conduttrice, alta e ieratica quanto e più di Nefertari, non molto  tempo fa  confessò che ‘ manco un uovo sapeva  cuocere ‘, stimandosi ovviamente dell’avvenuta sua libertà da costrizioni secolari che relegavano la donna dietro stereotipati fornelli.
Dimenticando che, in caso di bisogno, come potrebbe venir fuori da questa situazione tutta da decifrare, saper fare qualcosa che sostenga il nostro e l’altrui bisogno più che una ‘ vergogna’ sarebbe un ’orgoglio’. Ma tanto capita di sentire in questi tempi ancora una volta segnati da ideologie estreme e sempre più contestate al di fuori del nostro mondo.
Infatti non sarebbe ora le genti d’Occidente prendessero nota che sugli otto mld di gente che abita il Globo saranno, tra sì e no, 1,2 mld ? Ovvero una minoranza che diventerà sempre più minoranza visto che qua , in Occidente, tra un diritto e l’altro, che ( ormai) non si nega più a nessuno, di avere figli non se ne vuol parlare più di tanto?

CONSIGLIAMO: Limes, rivista italiana di geopolitica:  ‘ La Russia cambia il Mondo? ( 2/2022 mensile)

Le ultime dalla cronaca segnalano situazioni contrastanti. Da un lato il formidabile esercito del novello zar impantanato  in Ucraina come i tedeschi a Stalingrado; dall’altro le trattative, con tanto di vecchi e inediti protagonisti che dovessero risultare ( temporaneamente) efficaci ( poi ) che altro faranno se non a venirci  presentare il conto, a noi, d’Occidente, che per spadroneggiare sul Globo non vogliamo  sporcarci le mani più di tanto? E quale conto?

Nel frattempo, dopo un ventennio a guida franco-tedesca trascorso a zonzo, con gli anglosassoni in fuga, la leggiadra Europa comincia ad afferrare il concetto che se vuol sopravvivere per qualche altro decennio libera e gioconda dovrà metter mano laddove finora ha evitato di farlo.
L’ immigrazione, ad esempio; ma anche la salute ( e la ricerca sulla salute); e inoltre la difesa, per non trascurare l’approvvigionamento energetico e delle materie prime e rare. Senza le quali nelle ( nostre ) aziende e nei ( sopravvissuti) centri di ricerca si girerebbero solo e soltanto i pollici.
Abbiamo una lontana idea di quel che si presentavano le città greche vittoriose sui parti agli occhi del barbaro macedone. Che, intuendo il tempo maturo, di scendere verso il mare non attese un attimo. Aiutato da quelli che piuttosto che dar ragione alla moglie si pestavano i coglioni tra due sassi.
Fatto è che, in men che non si dica, con facilità sorprendente, lasciò al figliolo una base dalla quale partire per andare a lambire il fiume Indo. Non vorremmo mica che  questa volta il barbaro non sia macedone ma russo? Figlio di quella Gran Madre che se gli restringono i sogni  diventa claustrofobica, preferendo ( semmai ) attaccare ( piuttosto) che difendersi?
Spaventata,  la Germania post merkeliana, dopo un salutare pisolino imposto dall’ecatombe di ott’anni fa, torna ad investire sul militare. Perfino oltre l’auspicato 2%. Si dice non 50 mld, ma 100 mld all’anno. Inevitabile chiedersi: ma per far qualcosa per sè o anche per quelli altri sulla stesa barca, visto che da sola altro non le riesce che finire in fondo … alla storia?

LO SPORT. Aspettiamo la ’rossa‘. Solo la ‘ rossa’ con le altre o gli altri.  Con fede e speranza. Manco ci soffermiamo invece sulle nostre del calcio che ( senza batter ciglio) stanno praticamente scomparendo  dall’Europa del calcio del Ceferin ‘ corridora e spendacciona‘. La Signora, poi, ormai disinibita fin al midollo, lo fa  più senza pudore. Aveva pareggiato ( 1-1) con i volenterosi del Villareal ( non del Real, ma del Villareal), s’è poi lasciata  travolgere nell’alcova ( sempre più a buon mercato ) dello Juventus Stadium.
Una curiosità ma da quelle parti non c’è più nessuno che possa far piazza pulita di cotanta ( inutile) dirigenza, allenatore compreso? Al Master 1000 di Indian WellsBerettini s’è comportato da Berettini; mentre Jannich se l’è cavata con una inderogabile influenza. Fatto è che se qualcuno sogna di piantare bandiere tricolori sui vari campi e campetti da tennis sparsi sul Globo sarà meglio che pazienti un poco. Il sorriso ce lo  ha donato la gagliarda  Sofia, che in discesa s’è aggiudicata la Coppa del Mondo di specialità.

( dal  15  al 17 marzo 2022). Curioso è vedere quanto il dragoncello occhi a mandorla si muova in punta di piedi in una situazione dove, come minimo, pur stando attentamente dietro al macchione, tira fili di qua e di là, russi e non, pur di cambiare la cartina geopolitica d’un pianeta che gli fa sempre più gola.

Da un lato vede l’aquila americana che più tarda e moscia  non si può; dall’altro, la leggiadra Europa che come le poleis greche ai tempi di Filippo, il  padre di Alessandro, nulla fanno se non imbellettarsi a seconda di colui che  gli si para davanti. Logico che l’assalga il dubbio: se non provo, ora,  quanto mai potrò farlo? Fare che cosa?
Ad occhio e croce:  rendere la leggiadra Europa imbelle   propaggine dello stato vassallo russo; ridurre nel suo continente l’ aquila americana, riprendersi Taiwan, porre ( finalmente) ai ferri le isole del Sol Levante, e spadroneggiare dapprima nel Pacifico eppoi nell’Indiano fin all’Atlantico. A dirla così, sembra un volo pindarico. Infatti anche i grandi progetti, come quelli di Alessandro o di Cesare, qualche intoppo finiscono col ritrovarselo  tra i piedi, magari laddove men se l’aspettano.
E’ infatti  questa  la sorte dei megalomani, certificata, ma più triste che drammatica. Come potrebbe toccare a quel bimbo abbandonato che giocava con i topi prima d’essere svezzato da quella combriccola di santi uomini raccolti sotto una sigla che ha conteso  alla Gestapo il Nobel delle polizie criminali del Novecento. Costui ora  sogna una Gran madre Russia, che già grande è, ma che lui vorrebbe ancor più grande. Più di quella degli zar, più di quella dei oligarchi sovietici. Più, più ancora, come  mai più s’avrà da vedere nei secoli a venire.
Detta così sembra un delirio. Che però va bagnandosi di sangue innocente. Come quello di tanti bimbi  biondi dagli occhi chiari che non sanno più dove volgersi per chiedere  del lor futuro. In questi contesti, in queste contese, buoni e cattivi, giusti e malvagi, sembrano mescolarsi fin a non farsi più distinguere. La leggiadra Europa ha segnato un secolo con due ecatombi spaventose, Russia in primis,  eppure al momento  è tornata preda d’un bimbo che sognava ( sogna)  d’emulare i Romanoff senza avere, di loro, manco una stilla di sangue.

E chi lo ferma, a questo? E chi ferma la  guerra ancien regime che ha scatenato ? E chi restituirà il futuro a quei bimbi  biondi dagli occhi chiari ?

IL PUNTO. Kiev ( oltre 3 mln di abitanti) è assediata. Da una ventina di giorni. Intorno a lei il laccio del crimine va stringendosi ogni ora di più.  Le  donne e gli uomini saggi pregano  perchè ciò non avvenga. Ma sarà difficile evitarle lo strangolamento, lento e implacabile, nonostante il coraggio imperituro di quei ‘ drogati, criminali, nazisti’ che la difendono.

Le cartine pubblicate sui media occidentali, indicano territori orientali ucraini già in mano russa o russofila. Solo Odessa resta libera sul mare. Odessa che con i suoi tre porti sfama direttamente 400 mln di persone. Qualcuno dice che gli amici cinesi del russo son pronti ad inviare materiali e uomini. Cominciando, fosse vero, a mettere i loro stivali in quello che prima o poi, volente o nolente, dovrà diventare  uno stato vassallo del Dragone? L’Occidente, da par suo, come i polli di Renzo, continuano a beccarsi, tremando.
Per la paura d’un conflitto nucleare che non potrà mai esserci visto che non prevede vincitori e vinti. Per la paura, più probabile,  di sporcarsi le mani. Quando sporcarsi le mani è forse l’unica cosa credibile. Anche perchè, come insegna la favola del lupo e dell’agnello,  quando il primo decide di mangiare il secondo di ragioni ( diplomazia) non ne vuol proprio sentire.

Speriamo solo di sbagliare.  Speriamo solo che qualcuno raccolta l’appello del Santo Padre: ’ Fermatevi!’. Speriamo solo che ci sia anche chi si chiede: cui prodest?

LO SPORT. Pogacar, 23 anni,  ha vinto ( per la seconda volta) la Tirreno-Adriatico. Alla maniera sua, staccando tutti sulle rampe che furono del più grande scalatore dei tempi odierni. Sabato 19 lo aspetta la meravigliosa corsa dei fiori.
In Campionato la Signora è tornata a vestire l’abito di sempre, mai doma, ancora in corsa. Ora sta a 7 punti dal Diavolo capo classifica.  Sempre la Signora dovrà togliersi d’attorno quella zanzara molesta del Villareal, per procedere in Champions. Dove abbiam rimasto solo lei, visto che il Piangina nerazzurro oltre che  lacrime altro non porta in bacheca.

CLASSIFICA XXIX GIORNATA SERIE A. Milan 63 punti, Napoli 60, Inter 52 ( * una partita in meno), Juve 56, Atalanta 43 ( * una partita in meno), Roma 48, Lazio 46 … Cagliari 25 punti, Venezia 22 ( * una partita in meno), Genoa 19, Salernitana ( ** due partite in meno).

Il Chelsea del sor Abramovich è finito sotto sanzioni. Dovrebbe vendere, anche se qui non è tanto importante capire come dove quando e a chi venderà, ma dove ha preso, dove, mette, a cosa servono i tanti soldi che l’amico del Cremlino gli ha consentito di accumulare nei paradisi fiscali d’Occidente. In Premier s’è fermato il City degli spendaccioni arabi; in Liga vola il Real del redivivo Carletto. Che sogna, come ai vecchi tempi, colpi roboanti. Dimenticando che in fatto a debiti vola sopra una voragine.

Chiusura d’oro con Bertagnoli ( slalom) alle Paraolimpiadi di Pechino: Italia 7 podi  ( 2 ori, 3 argenti, 2 bronzi), undicesimo posto nel medagliere ) ) e passaggio di consegne con Milano-CortinaBasket: sempre Armani Milano in vetta, davanti Virtus e Brescia.
Volley: Taranto schianta Modena, mentre  in classifica Perugia se la gode davanti a Civitanova, Trento e ModenaTennis: infinito Nadal a Indian Wells, dove Berettini e Sinner avanzano. PallanuotoPro Recco, solito rullo compressore, a lui la nona Coppa Italia di fila.

Verso il Baharain per le auto. Tutti contro Max. Che dispone di una Red Bull solida e da paura. Ma con la ’rossa’ finalmente tornata sorridere. Non sarà la favorita dell’imminente Mondiale, potrebbe però dal filo da torcere al Max e al  Lewis ( impegnato ad aggiungere il cognome della madre al suo). Sempre che quell’maneggione del Toto non riesca a far passare una volta di più il regolamento da lui redatto. Che di Maranello vorrebbe estinguere  il fascino planetario.
Senza far il conto con l’oste: sì, perchè se quelli della ‘rossa‘ che nel mondo son grande maggioranza, sportivamente parlando,  non vedono la ‘rossa’ in lotta da par suo, d’accendere un media o di recarsi ai bordi d’una pista non ci pensano nemmeno.

 

 ( dal  9  al 14 marzo 2022). ‘ Chi pensa di negoziare con Putin deve imparare due lezioni: non fidatevi di lui ma non abbiate nemmeno paura‘. A dire questo  è Petro Poroshenko, ex presidente ucraino, che con il despota russo ha avuto a che fare.
In effetti quando parla quel figlio di Kgb si fatica a dargli retta, tante sono le anacronistiche assurdità che sprigiona anche in brevi sproloqui. Va considerato perchè un pazzoide va sempre e comunque considerato, anche per non scoprirsi davanti soggetti simili a quelli che finiscono in un bunker dopo aver fatto una ecatombe attorno a loro.

Ovvio che, per lui, la colpa è sempre degli altri. Anche per quel disastro consumato dalle sue bombe in quell’ospedale pediatrico pieno di bimbi. Il curioso però è come questi soggetti trovino sempre affollata compagnia.
In tal caso, come i cinesi, che  stando   dietro il ‘macchione‘, lo spingono  avanti per vedere quanti danni può fare non tanto all’Ucraina, eroica oltre ogni limite, quanto all’Europa che gli vien di seguito. Probabilmente, per quella faccia da dragone del sino premier  eletto non dal popolo  ma da una pletora ristretta di bacucchi, il gioco vale la candela.
Se l’Europa poco saggia e debole dovesse fare entrare dentro le sue mura  il cavallo del russo, chissà che l’America non possa restare isolata e dunque ben malleabile.
Non sarebbe male, in prospettiva, anche a breve, per ridisegnare la mappa del potere planetario.  A dirla così, sembra parlar di fantascienza. Sull’avvenire di un pianeta che invece di unirsi per salvarsi dall’assalto della natura, si divide per dilaniarsi. Sì, perchè non credano  il sor Putin ( e l’amico cinese) di poter tirare 4.400 testate nucleari senza beccarsene almeno la metà di ritorno. Giusto per giusto trasformare in cenere tanto le belle e colorate cupole del Cremlino quanto i resti della imperiosa e invalicabile muraglia cinese.

Direbbe il poeta: ‘ Qui sulle aride pendici del temibile Vesuvio, portatore di sterminio, che nessun altro albero o fiore allieta col suo aspetto, spargi intorno i tuoi cespugli solitari, profumata ginestra, che ti accontenti di vivere in luoghi desertici. Ti ho visto anche abbellire con i tuoi steli le campagne solitarie che circondano la città un tempo signora degli uomini (Roma) e che, con il loro aspetto grave e taciturno sembrano offrire ai viaggiatori testimonianza e ricordo della perduta potenza.
Ora ti rivedo su questo suolo, amante di luoghi tristi e abbandonati da tutti e sempre compagna di destini sventurati…  Ora un’unica rovina avvolge tutti i luoghi circostanti dove tu hai sede, fiore gentile, e, quasi provando compassione per i mali degli altri, fai salire al cielo un dolcissimo profumo che consola il deserto’.

 

TRAMONTO IN QATAR.  Domenica scorsa il tramonto del Qatar s’è tinto d’azzurro: Moto3, Digno; Moto2 Vietti; Moto Gp Bastiamini. Aspettiamo il 20 marzo in Indonesia.
ALTRE DI SPORT. Inutile (  previsto) arrembaggio ( o-1) della Beneamata contro  i Reeds, già ( ampiamente) qualificati con lo o-2 ottenuto a San Siro. In futuro che fare? Forse  non sarà meglio  curare prima d’ogni altra cosa  l’alimentazione, visto che poco basta la bresaola della Valtellina contro lo  stoccafisso del mare del Nord ?
L‘Italia del tennis ha superato ( 2-3) la Slovenia e si qualifica per la fase finale di Davis. Nello sci, la Brignone è seconda nel Gigante donne e prima nella coppa di specialità; Paris, batte invece un colpo nella discesa di coppa in Svizzera. Peccato che sia un colpo a scoppio ritardato.

 

( dal  2 al 8  marzo 2022). Trovano sempre, questi soggetti, questi  immancabili Putin, qualcuno che li giustifica e li segue, magari fin alla loro ( piò o meno violenta scomparsa)  dalla nostra  valle mortale alla quale lasciano in dono più lacrime che sorrisi.
Il sorriso di un bimbo infatti  quanto più vale dei  loro ghigni? Questo ( probabilmente) sanno. Anche se faticano a ricordarsi d’essere stati anche loro  bimbi ( magari abbandonati )  per cui   non  riescono a guardare oltre.  Il male che fanno al prossimo  bene e spesso  gli viene restituito, e sono sempre pochi quelli disposti  a dedicargli una preghiera. La storia li registra, epoca dopo epoca, uno dopo l’altro, cercando in loro qualche bagliore di luce, quasi a non voler  credere  a qual livello di  efferatezza l’uomo può  arrivare.

Tiranni. Sui libri ,  stampigliati, e spiegati male, ne restano  tanti. Dai tempi dei tempi. Come quei due fratelli Pisistrati tiranni ateniesi,  che  una volta  scomparso ( non si sa come ) il ( controverso) padre altro non fecero che scannarsi  fra loro:  Ippia per mano di Ipparco, Ipparco per mano di Armodio.
O come  i Giulio-Claudi che , a parte l’eponimo Cesare finito con 44  pugnalate in senato, non è che ( tra luci e ombre) ben sono finiti: Augusto (?), Tiberio ( ?), Caligola                          ( giustiziato dai pretoriani), Claudio ( eliminato da una congiura pilotata da  Agrippina), Nerone ( figlio di Agrippina, suicidato),  la cui testa ( si dice) con  lingua trafitta da spilloni venisse poi consegnata  all‘Antonio che  davanti a  tal orrore  potè esclamare:  ‘Ora, finalmente, starai  zitto!’.

E non è che sia andata molto meglio alla ( alterna) tirannia degli zar tanto  vagheggiati dall’  algido Putin, figlio  di ( vera ) mamma sconosciuta e che  di sangue nobile non ha manco una stilla . Ad esempio Pietro il Grande ( 1672/1725),   fin all’età adulta sul trono grazie ad una famiglia di boiari,  amico e nemico al tempo stesso  dell’Occidente, non lasciò eredi.
Il figlio Alessio morì ( 1718) si disse a causa delle torture a lui inflitte dal padre per costringerlo  a rinunciare ai suoi diritti al trono. Sorvoliamo, poi,  senza andare per le lunghe, su come la finì la tirannia zarista nel 1918. Anche perchè qui si potrebbe levare la protesta del buon  Vladimir  ( Putin) Vladirimovic:  ma io con questi, che centro ?
Centra, eccome ! Di lei a spaventare l‘Occidente non è tanto la minaccia nucleare che se  mette in atto troverà  grave e immediato danno, ma quel ricorso  ( mai domato  ) di dar lustro alle manie  sue con  danno altrui. In pratica, lei è un tipo di  ‘ sbarambato’  violento che si credeva scomparso.
E che invece , da qualche parte, la Gran madre Russia, ha scordato  in grembo.  Scordato, si, perchè finanche Pietro il Grande, per quanto antico sia, oggi, che altro potrebbe raccomandare  ad un nipote tanto degenere, se non : ‘L’ Europa Macchè nemica, non vedi che rema sulla tua stessa barca  per  non distruggere il pianeta ?’.

ALTRO. L’Assemblea generale dell’Onu ha votato ( 141 voti favorevoli,  5 contrari) la condanna dell’invasione russa dell’Ucraina. Nonno Biden promette altre sanzioni. Crolla l’export di petrolio dalla Russia. Stop dei pagamenti e rublo in picchiata. A rimetterci sono i macchinari, con i primi stop ai pagamenti.  Brent oltre i 11o dollari.
Wall Street esulta  invece per la stretta soft,  tanto quanto le  Borse europee. Le cronache di guerra raccontano dell’ eroismo ucraino; mentre i  russi stanno per fare affluire sulla zona nord ( Kiev) una colonna armata lunga ( si dice) 65 km. E’ sempre più chiaro che il degenere nipote di Pietro in Grande , nonostante l’inesperienza dei suoi coscritti arruolati  a ufo e mandati al fronte senza tanti complimenti, procede a gradi. La Cina, intanto, si astiene all’Onu, in attesa di vedere quello che combina  il  nemico diventato amico.
Caso fosse, in caso di vittoria,  aspettarsi un assalto cinese a Taiwan non è pura fantasia. L’impressione è che, qui, in questa triste ora dell’umanità, ad avere in mano interi popoli siano soggetti ( e  bande)  criminali irresponsabili piuttosto che lungimiranti statisti dediti  a salvare il pianeta. Infatti:  a chi gioverebbe una ( eventuale) sarabanda nucleare?

Qualcuno ha detto: uccidere un bimbo è come  recidere i germogli al  fiore.  Per non farlo diventare pianta. Per non farlo diventare vita.

 

SERIE A CAMPIONATO. Poco da dire. Più che in palla le nostre sono palloni sgonfiati. la Beneamata non segna, il Milan quasi. E comunque non vanno oltre dei pareggi che stanno rimettendo in gioco una Signora data per dispersa e  che più fortunella di così  non è mai stata.

AUTO E MOTO. Tutte da scoprire sono le belve della F1, tutte misteriose, tutte diverse l’un l’altra, tutte ambiziose. A noi, si sa, interessa solo la ‘rossa’ che se c’è ci farà andar in pista o star davanti alla tivù, ma che se dovesse ancora mancare  per l’interposto Toto, in pista o alla tivù lasceremo il posto ai fedelissimi di quel bell’uomo in camice bianco da ospedaliero che, da quel che sappiamo, tutto face  fuorchè lasciar in pace un mito per lui, purtroppo, solo accarezzare  e nulla più.

Nella Moto Gp sette ‘rosse‘ di Borgo stanno per contendere l’alloro a Honda, Yamaha, Ktm e Aprilia. In pratica, Pecco contro Quartararo, Mir  e Marquez. Al quale dicono abbiamo realizzato una moto su misura, come facevano i sarti una volta.
Forse perchè gli ingegneri del Sol Levante  si sono resi conto che sfidare  le leggi della fisica non solo è arduo ma anche rischioso. Infatti il buon Marc di Cataluna  di azzardi ( e cadute) ne   ha collezionati tanti, troppi. Infatti, caro Lucky, non è al tavolo del poker che bene e spesso si esce rovinati?

( dal  28  febbraio all’8 marzo 2022)Ci siamo svegliati con le bombe del buon  Putin sull’Ucraina che resiste come meglio può. Non si sa se per il mal calcolo dello Zar, o per una scarsa preparazione dei suoi manipoli  di barbari conquistatori dell’Occidente, o per l’inatteso eroismo di un popolo che con la Russia di quel megalomane che l’ha messa sotto i suoi calzari  non vuol condividere  manco un’ora delle sue giornate in libertà.

Non si sa. Certo che quel richiamo  ‘ al deterrente nucleare’ più che una minaccia all’Ucraina, tra l’altro, oramai più popolata  dai suoi che dagli altri,  è una minaccia alla fragile Europa. Divisa. Ancora divisa.  Nella condizione, più o meno, di altri popoli che con la loro debolezza hanno invitato i violenti all’aggressione.
Non fece così  l’acuto Filippo II di Macedonia con le mitiche città greche che pur disponendo di enorme  potenziale dopo aver bastonato per due volte l’impero dei Parti non seppero far altro che aprirgli porte e portoni? Non   fece così il Cesare per aprirsi un varco tra i rissosi popoli  di Gallia? Non  fece così il famelico Attila che quando volse lo sguardo verso Occidente non cercò  la Pannonia ma Roma? E non  fece così  ( ai giorni più nostri) perfino  il buon Adolf  con la timorosa Europa de’ tempi suoi,  fin a portarla  all’ecatombe?

Dicono che la storia è maestra di vita. Per qualcuno, forse, che sa leggere i comportamenti degli uomini. Che, come insegnava ( inascoltato) il buon Niccolò, restano ( più o meno) quelli ( anche) con l’adattar  del tempo. Di certo nulla  hanno appreso  quelle schiere  di ‘ capiscioni’ e ‘ capiscione‘ che affollano ( con poche eccezioni) media e social.
Lo Zar, in questi anni, zitto zitto, ha riempito di danari mezzo Occidente. E soprattutto le casse di quell’Albione diretto erede di quel ‘ pecunia non olet’ che se tirato ( ancora) per le lunghe potrebbe ricondurla a tornare  ( null’altro) che in tante isolette di pescatori.
Le conclusioni di un rapporto parlamentare , inascoltato, ovvio,  quanto le grida di Cassandra all’apparire del cavallo di legno lasciato davanti alle porte di Ilio dagli Achei, ha fotografato in modo netto a qual uso sono ( o potrebbero essere) indirizzati  così tanti danari.
‘ L’utilizzo di Londra - riporta Angelo Mincuzzi sul Sole - come base per i beni frutto frutto di corruzione di individui legati al Cremlino è ora chiaramente collegato a una più ampia strategia russa che  ha implicazioni per la nostra sicurezza nazionale. I beni immagazzinati e riciclati a Londra, sia direttamente che indirettamente, supportano la campagna del presidente Putin per sovvertire il sistema internazionale’. Sovvertire il sistema internazionale: a partire dall’impotente Europa?

DA LONDRA A LONDONGRAD. ( testo che prende spunto dall’inchiesta a cura di Angelo Mincuzzi, su Sole24Ore, domenica 27 febbraio 2027).

Dove sono finiti i mille miliardi di dollari nascosti fuori dalla Russia dagli oligarchi di Vladimir  ( Putin) Vladirimovic?  Volendo, non è proprio  impossibile rintracciarli.
Almeno quelli più apertamente investiti. Come nel quartiere Knightsbrige, parte sud occidentale della Central LondonCase vittoriane e piazze con giardini alberati. I quattro edifici di vetro e acciaio costruiti appena dieci anni fa trasudano ricchezza da ogni angolo. Alzi lo sguardo e capisci che ti trovi nel centro geografico di Londongrad. .. Qui per acquistare un attico bisogna pagare 175 mln  di sterline ( oltre 200 mln euro). Gli appartamenti sono 86, oltre a un negozio della Rolex, una concessionaria McLaren, uno sportello della Abu Dhabi Islamic Bank. Un mondo parallelo. Segreto. Dai documenti del registro delle società di Londra risulta che 25 appartamenti sono posseduti da società registrate nelle Isole Vergini Britanniche, 7 appartengono a entità dell’Isola di Man,  5 a entità di Guernsey, 1 ai paradisi fiscali del Canale della Manica. ..
I proprietari sono ( dunque) sconosciuti. Ma della One Hyde Park Limited che gestisce gli edifici compaiono solo alcuni nomi: oligarchi russi e ucraini, vip e uomini d’affari … Tra loro anche Roman Abramovich, l’oligarca ( fino a qualche ora fa) proprietario del Chelsea … One Hyde Park Limited è uno dei punti di emersione di un gigantesco fiume di danaro che scorre sottotraccia e il cui punto di origine è nella sconfinata terra dell’ex Unione Sovietica.
Il fiume di danaro riaffiora ogni tanto, qua e là, a Cipro, in Svizzera, tra gli yacht ancorati a Montecarlo, nelle Isole Vergini Britanniche, ma eccezionalmente, e  solo quando una ’fuga di notizie‘ finisce sui giornali di tutto il Mondo
Ma soprattutto a Knightsbrige e nelle 87 mila abitazioni con un valore di mercato di 100 mld di sterline, possedute in Gb da anonime società domiciliate nei paradisi fiscali… Nulla si sa cdi chi possegga davvero queste società. Un grande buco nero che però osservato con occhi nuovi, dopo l’invasione dell’Ucraina da parte dello Zar, assume un contorno inquietante e denso di conseguenze …A partire dal 1990 infatti sono usciti dalla Russia tra gli 800 mln e i mille mln di dollari..
Soldi che nessuno sa con certezza dove siano finiti. E in che modo vengono utilizzati. Carburante, comunque,  che ha scandito l’ascesa di decine di oligarchi diventati ancor più ricchi da quando Putin nel 1999 è andato al potere. Di tutti costoro ( in realtà) sappiamo poco o nulla.
A One Hyde Park tale Abramovich insieme ad altri 208 nominativi figurava in una lista di politici e oligarchi considerati vicini a Putin; lista resa pubblica nel 2018 dal Tesoro americano dopo l’annessione della Crimea alla Russia e le presunte interferenze del Cremlino nella campagna elettorale conclusa con la vittoria di Donald Trump …

Ora che qualcuno comincia ad aprire il vaso di Pandora, con possibili sanzioni nei confronti di alcuni oligarchi, a Londongrad ci si  domanda a chi indirizzare le sanzioni se non si conosce manco il nome degli interessati? Da decenni Londra è l’hub del ‘ danaro sporco’, il luogo più importante per riciclare i soldi e le ricchezze degli oligarchi.
Si stima infatti che ogni anno vengano riciclati ( circa) 100 mln di sterline. I miliardari russi si contano a frotte. Alcuni, riciclandosi, vengono ora definiti miliardari e filantropi, mecenati. Una potenza finanziaria che ha trasformato Londra in Londongrad, grazie anche  alla concessione di passaporti facili oggi ( forse) conclusa.

Lo scarmigliato premier Boris  Johnson ha giurato in Parlamento ’ ora gli oligarchi russi non hanno più un posto dove nascondersi‘. Annunciando misure e perfino sequestri di beni nel caso in cui le ricchezze depositato non siano adeguatamente dimostrate. Un primo rapporto parlamentare aveva dipinto un quadro ( già) allarmante .
‘ Questi – si certificò con  l’inchiesta – sono i banchieri di Putin, al quale devono tutto. E che per  riconoscenza ( obbedienza ) agiscono come fonte di finanza privata per il Cremlino’.  Con obiettivi che, poco alla volta, vengono alla luce. Perchè questi, tutti questi signori proprietari di tanto, troppo, squadre  di calcio senza fondo di spesa comprese, non sono lì per godere del loro ma ‘ collegati ad una più ampia ( e lungimirante) strategia russa che  andrebbe ad incidere sulla sicurezza di quelli d’Albione.
Che a forza di tapparsi il naso per via d’incassar pecunia,  rischiano ( questa volta sul serio) di fare la fine di quelli che il detto lo hanno inventato. Ovvero, in ruderi. O meglio, per gli Angli  europei schizzinosi, che di tutto troppo vogliono, in un arcipelago di isole e isolette per ( novelli ) pescatori.

WEEK END SPORTIVO. In Campionato non vincono Milan ( 1-1) e Inter ( 0-0) restando a quota 57 e 57 ( * Inter una partita in meno). Con la Signora che scalpiccia alle spalle, per uno scudetto che non voleva vincere e che, salvo reazioni milanesi, dovrà vincere. Scostando l’attenzione finita su una Coppa che proprio perchè ritenuta impossibile poteva ( finalmente) vincere. A far da incomodo alle tre big resta solo il Napoli che in extremis batte la Lazietta del Sarri.

I nostri del basket ( tinti di giallo-blù) coprono con una vittoria l’ingloriosa trasferta in Islanda. Solita inutile umiliazione per i giganti che mai imparano del rugby. Mentre si stanno affilando le armi tanto nelle moto quanto nelle auto. Dove contiamo di vedere solo rosso. Nel frattempo la nostra instancabile Sofia, ha messo le mani sulla coppa di discesa libera.
In tanti non vogliono affrontare la Russia, non per via dei russi, ma di quelli che fan corona a quel tiranno insediato al Cremlino che vorrebbe un nuovo mondo dove lui più che a rinverdire le glorie degli zar intende  prendere il posto di Attila,  ‘ flagello’ di Dio’.

  dal 21 al 28 febbraio 2022).  Difficile è  spiegare quel che occorre ad un prof di storia per ‘far studiare‘ il passato ai suoi  pargoletti.
Perchè per loro, il passato è passato una volta per sempre. Dunque perchè spremersi più di tanto?
Per fortuna ( si fa per dire)  sta giungendo in soccorso al prof  tal  Vladimir  ( Putin) Vladirimovic, novello  zar ( Cesare) di tutte le Russieche di resuscitare un passato per lui più vicino che remoto,  crepa dalla voglia di farlo. Chissà quante notti avrà perso pur di ripassare nel dettaglio il suo sogno ad occhi aperti?
Chissà quanti  anni è che prova e riprova, in gran segreto, celato ( forse) anche alle sue donne perchè non lo prendessero a borsettate in testa, pur di portare a compimento una operazione, o meglio, una ‘ punizione militare‘, che  ad ogni ora di più va guadagnandosi non un flash accanto ai Cesari ma ai ( criminali) della Grande Madre Russia.
Dovesse accendere un’altra Sarajevo o un’altra Danzica, tanto per tornare sul passato,  a chi altri se non  a lui  i pargoli ( e nipoti dei pargoli  ) del prof dovranno  tornare a spendere il loro sudore?  Non vorremo mica  disperdere tanta esemplare  ‘ follia’ ?   Non sia mai! Come dissero al  prof i prof del prof.  Tanto per fargli  trascorrere qualche ( amena) ora tra i banchi.

Detto questo non ci sentiam di fare salti di gioia per quel che va facendo  l’America ( almeno ) da quattro cinque presidenti in qua, e tantomeno l’Europa, abbandonata dai nostalgici d’ Albione, tuttora ancorata alle vecchie bandiere, non in grado di recitare da inter pares con i giganti vecchi ed emergenti il ruolo svolto nei secoli passati.
Quando guardiamo gli investimenti per la difesa dei singoli Paesi europei  vien rabbia nel constatare che se fossero ammucchiati ( oltre 200 mld) sarebbe un bel gruzzolo che consentirebbe  tante cose, e innanzitutto la difesa di un modello di vita con valori connessi che se perdesse l’Europa  andrebbe a farsi benedire da un momento all’altro.

Dice il filosofo ucraino Mikhail Minakov: ’ La debolezza dell’Occidente è la Cina. Se Russia e Cina sono insieme, come potere economico e militare, possono creare le condizioni per la ‘ westlessness’, in cui l’Occidente è solo uno dei tanti centri. .. Putin sta creando un nuovo modello di comportamento: di solito gli opportunisti non sono strategici ma tattici. Lui è nello stesso tempo imperialista, nazionalista, capitalista, a seconda di come gli fa comodo. Per lui conta solo il rafforzamento del potere in Russia. .. Credo che tra dieci anni la Russia perderà tutto. Con gli intellettuali che scappano, resteranno solo burocrati sempre più anziani. Il Paese va desertificandosi, e frantumandosi …’.

( dal 21  febbraio 2022). Mentre il Campionato ancora una volta  stupisce lasciando le prime tutte ( o quasi) a bocca asciutta ( o quasi), la Champions non è che esalti. Anzi. La Beneamata dopo il solito frullare per 7o minuti circa è stata amenamente sbeffeggiata da quei ‘facoglioni‘  del Liverpool che come tutte squadre di Sua Maestà   ( non si sa se  per lungimirante preparazione o  opportuno  nutrimento) galoppano più alla fine che all’inizio.
Il commentatore abituale da Miami d’ un network lombardo distribuito seralmente lungo la Penisola e che vaticina non dentro un antro come la Sibilla ma con alle spalle  spiagge infinite ombreggiate dal cemento dei grattacieli, sostiene che qui a non funzionare è ( soprattutto) la preparazione.
Quella della Signora, poi, amministrata Allegri, arriva a far comparcite e poco più. Infatti, come volevasi dimostrare, è andata ( subito) in vantaggio con quei ( tardoni) del Villareal per poi farsi raggiungere nel finale di partita dal solito subentrato che per cambiare le carte in tavola con le nostre non manca mai.

L’oracolo di Miami, che come tutti gli oracoli a volte ci azzecca a volte no, potendo, moltiplicherebbe l’amico Dracula ora al Tottenham, all’infinito.
Quel pelandra del Kulusewski, infatti,  macedone, 22 anni, trasferito qualche settimana fa alla corte del Dracula, se con Maxa sul campo passeggiava come al Valentino ora col Dracula vola come un destriero ad Ascot. Una metamorfosi, questa, così repentina che  di certo avrebbe messo in difficoltà anche il nostro  Ovidio.
Repentina e arcana, ad esser sinceri, come  gran parte di  quel che accade sui campi d’Albione.  Tanto più che ( se memoria non inganna)  qual gran trofeo trofeo europeo portò  il Dracula  alla Beneamata   tra quelli  ambiti  anche  da quel ‘ piangina’ dell’ Inzaghino?

CHAMPIONS. Qualche risultato  andata ottavi: Inter-Liverpool 0-2; Villareal- Juventus 1-1.

CHAMPIONS. Qualche risultato  andata ottavi: Inter-Liverpool 0-2; Villareal- Juventus 1-1.
EUROPA LEAGUE. Un disastro, su tre passa solo la Dea. Una volta di più vien da chiedersi chi autorizza le nostre squadre a partecipare ad un torneo dove il più che possono fare è la comparsa? Per un calcio che sta raggiungendo i livelli degli azzurri  del rugby, costretti a battersi in un torneo ( 6 Nazioni) dove ( ben che vada) chiudono la fila. Ovvio che in cotal situazione i Moggi e gli Oracoli  vicini e lontani sguazzino felici nel vaticinare  che il nostro è destinato a  ritrovo parrocchiale.
Dove si corre la metà degli altri e che si vende al Mondo per quattro volte meno di quel di Premier donde corsa e resistenza la fanno da padrone;  dove non si riesce a dotarsi di  un governo ( Lega) duraturo e dignitoso;  dove gli impianti nuovi ed adeguati si contano sulle dita di una mano; dove chi può sputa nel piatto, che per quanto sia povero e mal fornito di ‘ganassa‘ ne ha cresciuti tanti, troppi, oltre misura, tanto che se ( anche una sol parte)  decidesse d’imbarcarsi per i sognati lidi annunceremmo una settimana di festa nazionale.

I CARRI ARMATI DEL PUTIN. E chi l’avrebbe mai detto che in un’ Europa ancora a frammenti, nonostante  due ecatombi come quelle della prima e seconda guerra mondiale, è sopravvissuto un Tizio  che  ha  in testa la voglia di rifarne un’ altra,  di guerra, una terza, magari usando  qualche invisibile glinker ipersonico nucleare per cancellare dalla faccia della terra generazioni di degenerati ?  Che dicevano i vecchi?  O giovani,  ricordate,  che del peggio non c’è mai il fondo.
E comunque il Tizio, figlio d’una polizia ( politica )tra le più feroci e odiate del secolo scorso, finito ( non si sa come) sul trono che fu degli Zar ( Cesari),  di ragionar non intende. E’, il suo, un desiderio un po’ anacronistico, fuor del senno, come si dice,  anche perchè se c’è qualcosa che il tempo insegna,  riguarda proprio quelle  guerre che cercando di resuscitare la storia   oltre a riprodurre  ecatombi di innocenti, con tanto di ( sanguinanti) vincitori e vinti, non modificano più di tanto la sorte degli uomini.

Due Europe che sembravano essersi riavvicinate tornano  invece ad allontanarsi. Come è stato per secoli. Con la  Gran Madre Russia  di nuovo lassù,  o colà, solitaria nelle sue   steppe imbiancate, e  la Leggiadra Europa ancora  quaggiù, o colà,  tra spettacolari fiordi artici e  calde acque mediterranee.

” La Russia - scrive Ugo Tramballi sul Sole - è sempre stata un impero al di sopra delle sue possibilità: era la sua sconfinata geografia a farne una potenza naturale, non l’economia e la demografia stagnanti, l’arretratezza sociale, l’incapacità di fare riforme e rigenerare la sua forza.
La prerogativa dei suoi eserciti era il numero e la resistenza dei suoi soldati, non la 1ualità delle armi e la professionalità. Putin ha rimodernato arsenali nucleari e convenzionali, ha dato alla Russia un bene costruito sull’industria energetica ( ma solo su quella). Tuttavia resta al comando di una potenza dalle ambizioni più da Ottocento che da Duemila. Il  suo discorso alla nazione dimostra quanto sia uno statista antiquato. Senza risultare, con questo,  meno pericoloso”.

Anche perchè non ha opposizione. Gli oligarchi attorno non hanno potere di contrasto, visto che  devono tutto a lui. Lasciamo perdere chi loro circonda quotidianamente, in gran parte reclude del Kgb come lui. Neppure in Cina le cose stanno così. Dove  Xi Janping vuole ottenere il terzo mandato, ma la lotta è incerta.
Mosca, no, non esiste alcuna lotta, tutto è  confermato: lo Zar infatti non avrà manco lo sputo di  un partito a cui rispondere, nulla di nulla, e continuerà a decidere le sorti della Russia finchè vivrà. In quale arretratezza non si sa. Su di lui incombe, come ai suoi solitari predecessori, il peso della storia. Per lui il passato conta più del presente. ” Nel suo discorso – chiude Tramballi - Putin non ha fatto altro che dimostrare quanto sia pericolosa la storia quando si tenta di resuscitarla”.

SANZIONI. L’Occidente tenta di indurre  l’interlocutore al dialogo ‘ toccando‘ il tasto dell’economia. Che, si sa, funziona e non funziona. Precedenti illustri e dolorosi lo confermano. L’economia della nuova Grande Madre Russia è inferiore ( perfino) a quella nostrana: pil 1.700 mld  contro 2.004 mld dollari.
Su 424 mld dollari d’esportazioni  264 ( 41,3%) mld  sono dovuti a entrate energetiche. Se si guarda la spesa militare la cifra prevista per il 2024 è di 52 mld dollari.
Un po’ più della nostra ( 33, 8 mld dollari), più o meno quanto la Francia ( 55 mld dollari) e la Germania ( 51 mld dollari), meno del Regno Unito ( 61,5 mld dollari)  e molto meno di Cina ( 194 mld dollari) e Stati Uniti ( 738 mld dollari). Praticamente un nano con ambizioni da  gigante.
Le sue forze armate, scrupolosamente ricostruite in questi ultimi anni, ammontano a 900 mila uomini, più 550 mila paramilitari e 2 milioni di riservisti. E se è vero che possono disporre di 4,5 soldati in più dell’Ucraina ( superficie 603 mila kmqpil 154 mld, abitanti 44 mln), a confronto di quel che può mettere in campo la sola Ue è roba da poco.
Qui, a far paura, è più la  inimmaginabile  capacità di auto controllo dello Zar piuttosto che le forze armate che sta mettendo in  campo. Con ( eventuale) dispendio di risorse che dovesse dar corso ad una profonda  e protratta invasione chissà quanto potrà recuperare.

Putin,  uomo dal passato controverso. Figlio di un operaio e di una lavandaia, a tredici anni partorisce l’idea di arruolarsi nel Kgb. L’ambizione lo spinge ad impegnarsi come pochi altri coetanei nello studio. Entra nell’ambita facoltà di Giurisprudenza dell’università di Leningrado.  Ma Vladimir  ( Putin) Vladirimovic  è un ragazzo dalla doppia personalità. Teppista di strada, sempre più edotto in arti marziali, ma anche studiosissimo, e lettore vorace di storia e di diritto.
Che cresce in una nazione passata in poco più di un  secolo dall’assolutismo monarchico-zarista a quello bolscevico-comunista. Il susseguente esperimento liberale finì in breve e miseramente. Praticamente bocciato da un Paese che qualcuno definì una ‘ Nigeria con la neve’, con riferimento alla corruzione e alla mafiosità di quella stagione . ( da Gennaro Sangiuliano)

( dal  16 al 20  febbraio 2022). Stanno per spegnersi le fatue luci  sull’Olimpiade cinese. Bella da vedere, men bella da vivere.
Tra limitazioni Covid, controlli antidoping che lasciano il tempo che trovano, squadra azzurra con qualche luce e tante ombre. Ora il Malagò, appena uscito dal cunicolo Covid, parlerà del gran successo della spedizione vestita ( non bene ) Armani. E in effetti qualche eroina ( ed eroe) ce lo porteremo in serbo. La Sofia e la Stefi, di certo, e volendo anche la Arianna , la Michela, la Francesca e  la Federica, che ( al 17/2) delle 16 medaglie totali hanno raccolto il bottino maggiore.

E tuttavia, senza voler dare dolori al nostro gioviale  presidente Coni, nel suo insieme, con il medagliere  inferiore solo a Lillehammer (1994, 20 medaglie totali), non si può ( sinceramente)  parlare di ‘ spedizione’ esaltante. Infatti, a occhio e croce, le ombre sono parse tante ed importanti.
Ad esempio nello sci alpino maschile dove la partecipazione di qualche nostro vetusto rappresentante non ha fatto altro che spalancare il vuoto che s’è creato nella settore.  Ci hanno tolto dalle ambasce qualche ( straordinaria) ragazza dello sci alpino femminile, i ( coraggiosi) ragazzi dello short track , quella ( fulgida ) stella del curling, e qualche altro omarino, qua e là distribuito, lodevolmente, si sa, ma senza eccellere nelle loro discipline come l’Olimpiade estiva ci aveva (  inaspettatamente ) abituato.

Siamo un Paese di 61 mln di abitanti. Stiamo portando  a casa ( dati 17/2)  da Pechino: 2 ori, 7 argenti, 7 bronzi ( 16 totale).
Il confronto con Paesi ben meno popolosi del nostro lascia a chi crede o vuole il suo personale  commento: Norvegia, medaglie 13,7 e 8 ( popolazione 5,4 mln), Austria, medaglie 6,7 e 4 ( popolazione 9 mln); Paesi Bassi, medaglie 6,4 e 4( popolazione 17 mln); Svezia, medaglie 6,4 e 4( popolazione 10 mln); Svizzera, medaglie 6,1 e 5 ( popolazione 8,6 mln).

SI SVELA LA ‘ROSSA‘. Si svela ‘rossa‘, quella che Fia permettendo, e tiranno  Toto non ingerendosi, potrà ridare lustro ad un campionato più per tivù che per fans dell’auto.

LA CRISI DELL’EUROPA. I media parlano di crisi russo-ucraina. Quando invece sarebbe meglio parlare di crisi dell’impotente Europa, con i due big del mondo odierno, Usa e Cina, più alla finestra che in campo. Per fortuna. E se quel figlio di Kgb del Putin , magari impazzendo, vorrà attaccare, che altro sarà se non  l’alba di una terza guerra mondiale?
Cui prodest ? si chiederebbero gli antichi? Ma non sono bastate due spaventose  ecatombi come quelle del secolo scorso per  rinsavire i circa settecento mln di abitanti ( Russia compresa)  del Vecchio Continente? Ne cercano un’altra, certamente più spaventosa delle precedenti.
E anche se l’infinita Madre Russia potrebbe trovare uomini e risorse per sopravvivere con chi poi andrà a relazionarsi? Con quel che resterà degli orientali, o meglio, dei cinesi? Sono certi che li accoglieranno a braccia aperte? Eppoi per far cosa, tra di loro? Forse Olimpiadi dove il doping scorrerà  a go go, tanto da dover assegnare medaglie non più (solo) agli atleti ma (anche) ai responsabili di quei laboratori che dell’essere uomini poco frega?
A questo punto, qual altra speranza ( per il bene del Mondo) si può nutrire se non quella che l’Europa diventi Europa? Non dispersa, ma una unica, grande Nazione?

VATICINI DEL  TEOTINO. Si cala impietoso su quel che sopravvive del  calcio italiano ( anche) il vaticinio di quel novello Cassandra  del  Gianfranco Teotino.  Il qual rivela che da  quando i proventi tivù sono diventati le fonti primarie di ricavo per i club pedatori, per  i nostri più d’altri, la Premier non fa altro che battere record su record. Infatti, in Albione, per il prossimo triennio,  i diritti esteri supereranno  i domestici: oltre 2 mld  contro i 2mld domestici annui.
Il confronto con gli altri club europei è sconsolante: solo in Liga riescono a strappare  ( per via dei due Panda)  1,4 mld , non male;  mentre in Bundes ,  solo 360 mln;  al fondo del barile stiamo  noi  che  come a  Pollicino restano soli pochi sassolini  ( 200 mln),  giusti giusti per  tornare in  una casa sempre più marginale e povera.

Chiaro è che in tal contesto i Moggi ( e i suoi fedeli)  esultino a ruota libera. Peggiorando, è ovvio, quello che già è un disastro ( forse) irreversibile. Anche perchè in quanto a diritti domestici non è che siamo messi  benissimo: appena 927 mln,  affidati a  tal Dazn che sta praticando un servizio più lagunoso della laguna  veneta . Nel frattempo, laddove si dovrebbe decidere, in Lega, ovvio, uno s’invola in America;  altri si lavano le mani come Ponzio Pilato; solo uno, forse,  tal Bonomi, bocconiano, 56 anni, accetterà. Ma per  far  cosa non si  sa.
Infatti tornare a far quadrare i conti   di una famiglia che, da anni,  con  l’andazzo  di certe decadenti corti orientali,  s’è affollata di ‘mangiapane a tradimento‘ , non è impresa normale.
Un peccato perchè il calcio va così  demolendo una sua storica culla, tra l’altro sempre men amata anche dov’ è nata, e  che  (  negli anni 80/90 fin al 2011)  aveva saputo   accendere  la meraviglia negli occhi   del Mondo. Un peccato anche per quel  presidente Gravina che intende proporre la candidatura dell’Italia agli Europei di calcio 2028.  Se non altro per mettere ( finalmente) mano a stadi che più che rendere  costano assai. E purtroppo come capiterà a quei malati che  ‘vedranno‘ arrivare il medico quando già traghettati a miglior vita.

Solo qualche parola su una Champions sempre più anglofila , e quindi più per altri che per noi: dicono che dove è passato il Dracula i polli diventino leoni.
Il Dracula è passato dalla Beneamata che però pollo era e pollo è rimasta. Infatti lo hanno lasciato starnazzare per una settantina di minuti per poi infilarlo due volte col sorriso sulle labbra, quasi irridenti, quei furbastri britannici con la maglia rossa. Che con i polli sono talmente esperti che sperare possano, al ritorno, trasformarli in leoni, è solo un tenero gioco dell’immaginazione.

Sbatte contro il picciolo scoglio del Salisburgo la corazzata Bayern, che però avrà modo e tempo per rifarsi. Mentre quei ( presunti) fenomeni parigini al soldo d’uno spendaccione del Golfo non sono andati oltre il golletto contro  i tosti del Florentino, che sulle coppe  ‘ la sanno lunga’.  Sporting Lisboa e United ? Nulla da dichiarare.

RISULTATI TURNO ( 16/2 ). QUARTI FINALE CHAMPIONS: Psg-Real Madrid 1-0, Sporting Lisboa- Manchester United 0-5; Inter- Liverpool 0-2, Salisburgo- Bayern 1-1.

SI SVELA LA ‘ROSSA’. Si svela ‘rossa‘, quella vera, quella  che Fia permettendo, e tiranno  Toto non ingerendosi, potrà ridare lustro ad un campionato più per tivù che per fans dell’auto.

( dal  9 al 16  febbraio 2022). Vanno senza clamori scemando le Olimpiadi di Pechino. Illustrate da  tante immagini che faranno scuola. Anche a Cortina, che però ( speriamo) sappia dosarle al punto giusto per non far apparire un epocale  evento di sport una virtuale  galleria di eventi.
Per noi il bottino non è male, al momento 13 medaglia ( due 0ri, sei argenti, cinque bronzi), anche se le recriminazioni non son nè poche nè poco dolorose.
Pensiamo allo sci alpino uomini, che è sembrato imitare più che le donne quelli del rugby, che oltre a farsi imboccare da  cucchiai di legno non sanno fare.
Ancora una volta si può dire che la spedizione è stata salvata dalle donne, nell’ispecie, da una mitica Sofia e da una fantastica Stefania. L’una nella discesa libera nonostante  un recente e grave infortunio al ginocchio, l’altra   quale  planetaria sorpresa nel gioco delle pietre scivolanti sul ghiaccio nato cinquecento anni fa in Scozia e che da noi vanta poco più di quattrocento praticanti.
E se a Sofia dovranno dedicarle qualche monumento, piazza o via, alla Stefi   ( i professionisti del Nord)  dovranno sequestrarla per carpirle quella sua  visione di gioco e quei suoi  magistrali colpi  sul campo che ( loro) manco nei sogni  realizzano. Praticamente, due Maradona. Entrambe azzurre. Entrambe senza eguali.

CHI CREA E CHI DISTRUGGE. E mentre la ‘rosea‘ si fa in quattro per promuovere con  il più bel quotidiano sportivo al Mondo il nostro Campionato di calcio , già vessato da liti interne, spietati e cinici manipolatori d’orticelli locali, stadi nuovi che restano sulla carta, ci  segnalano  loci o cubicoli mediatici in cui il discredito è una goduria infinita.
In particolare è stato notato un network che distribuito in più regioni ospita in prima serata un manipolo di chiacchieroni che degli altri campionati ( Premier in testa) ‘dicon bene di tutti  fuorchè del nostro’  senza però scusarsi ( come faceva l’Aretino)  ‘ col dir non lo conosco‘. Il manipolo è spesso assortito.
Tra gli altri, c’è un urlatore d’antico pelo  che ad ogni gol dei prediletti  suoi rischia d’essere trasportato d’urgenza in casa di cura; ci sono anche  qualche emulo imberbe , e un altro,  più tardo, bello e abbronzato, ex calciatore, che preferisce dispiegare  le sue fascinose verità  sullo sfondo  non di qualche meraviglioso scorcio dell‘Amalfitana e/o della Sardegna ma  di remote e  interminabili strisce  di sabbia  ombreggiate dal cemento.
E c’è ( sovra ognuno )   un tal Luciano, o Lucianone, che non sempre c’è, ma c’è. Dicono  sia stato protagonista in un tempo in cui ne faceva di cotte e di crude.
Quando viene in studio gli è riservato lo scranno del magister,  intonso fin quando non lo occupa, anche a trasmissione iniziata. Dal quale  il magister è libero di pronunciare  sentenze. Con  flatus vocis inesauribile.  Sul Campionato, ad esempio, e  su tutto quanto  lo riguarda, non solo sotto l’aspetto tecnico-agonistico, ben che dica, è che è poco più di un   oratorio.
Ascoltandolo   assale il riferimento a quella ‘ rosea’ che  gli oracoli  del magister  rendono un  inutile foglio  con le sue  magnifiche pagine strappate al vento.
Unitamente ad  una domanda: come potranno i nostri eroi del rettangolo verde a ritrovar la gloria antica se, a monte,  quel che uno tanto ben costruisce  altri tanto ben demoliscono?

SERIE A  IL CAMPIONATO. Dicevano che la Beneamata avesse appuntato al petto la seconda stella, invece, a sorpresa, in un Campionato esente da fisicità e intensità ma ancora amante di genialità e maraviglia, all’angolo della via, è ( sorprendentemente) spuntata la ‘ prima squadra di Milano’ per contendere un alloro che, nonostante gli esterofili da noi a fiumi, e gli sfigati a da noi a frotte, resta uno dei tre o quattro più prestigiosi nel mondo del pallone. Ora spazio alle Coppe e a Klopp. 
In attesa degli stadi. In attesa dellEuropeo 2028, forse un tantino troppo in là per chi ha urgenza di costruire quanto prima quegli stadi.

( dal  31 gennaio all’8 febbraio 2022). Di notevole in quest’ultimo tempo, non c’è stato molto. Il Festival di Sanremo che ha ripreso a riunire attorno al focolare generazioni diverse,  i  settant’anni del Vasco, la sconfitta della Beneamata nel derby più titolato al Mondo  e che ha rilanciato il  Diavolo e con lui un Campionato che se ha  nemici li coltiva  in casa sua, l’avvio dei giochi olimpici invernali in quel di Pechino.

Che la neve ha sempre visto in cartolina, onde per cui ha pensato bene di ricavarla in virtuale, con l’utilizzo sfrenato di marchingegni video-grafici mai utilizzati per la bisogna, e che comunque consentono l’illusione che trattasi davvero di olimpiadi  sulla neve.
Diversa, ovviamente, da quella vera, ma pur sempre accettabile  agli occhi di un mondo che se non si sveglia  rischia davvero di perdere ( per sempre) quel miracolo bianco che si ripresenta ad ogni stagione fredda  per grazia del suo   fantastico  Creatore.
I primi risultati non sono stati malvagi. Due argenti e un bronzo. Dopodichè hanno fatto seguito cinque medaglie, due ori, due argenti e un bronzo. Gli ori li dobbiamo ( principalmente ) alle nostre ragazze: Arianna Fontana alla decima medaglia olimpica in short track  ( 2 ori, 6 argenti, 5 bronzi in cinque  Olimpiadi consecutive) e alla coppia mista di curling Stefania Costantini, 22 anni,  e Amos Mosaner, 27.
Imprese straordinarie compiute da giovani straordinari. Con un’Arianna che sembra evocare quella del mito; Stefania e Amos, che delle dieci coppie finaliste non hanno risparmiato nessuna, vincendo con tutte, compresi i maestri di Scozia che il curling praticano dal 1511, e i norvegesi, validi professionisti  abituati da decenni a scalare podi, ma qui domati dai nostri con autorevole fair play ( 8-5), dopo una gara palpitante come poche altre. E se la stella di Arianna brilla da anni, quella di Stefania e Amos inizia ora la sua salita verso un firmamento senza tempo.
Sui discesisti uomini meglio tirare un velo pietoso. Il sesto posto in libera del buon Paris non  salva  la faccia ad un reparto senza leader che vive ( ormai) più d’ombre che  di luci.
Quasi quanto quei poveracci del rugby costretti dagli Dei a maneggiar cucchiai ( manco)  di legno. Non bene manco il reparto rosa dello sci che salvo l’argento della Brignone sta deludendo in ogni gara. Si aspetta la Sofia che però non garantisce, ovvio, tanto il super G quanto la discesa libera
Malagò,
 presidente Coni, segregato dal Covid, aspetta di tornare  da questa Olimpiade con un nuovo record di medaglie. Che come quelle del curling stanno mutando di molto i pregiudizi  in giro qua e là pel Mondo sugli abitanti dell’ancestrale Enotria. Dove sarà bene non perdere il senso della misura.
Con questi nostri giovani ( attesi e  inattesi ) campioni che, per  confermarsi e affermarsi , vedi la portabandiera Moioli uscita con scivolata ai quarti di snowboard , hanno e avranno bisogno di non sentirsi sulle spalle un peso più grande di quel che possono sopportare.

CAMPIONATO. Alla Beneamata stava andato tutto bene. Passata in vantaggio con quel Perisic incapace d’ afferrar che meglio che sullo ( sgangherato) prato di San Siro per lui non c’è  più gloria, ha poi cercato di contenere, finendo mazziata nel secondo tempo da due gol d’un goleador  datato che sembrava svanito nella nebbia padana.
Con questa vittoria il Diablo si porta ad un punto della ‘ seconda squadra di Milano’ ( con  partita in meno) ma rifacendo sotto anche Napoli, Atalanta e ( guarda un po’) pure la Signora che con l’Araba Fenice deve avere stipulato un segreto patto per tornar più bella che pria   quando gli altri men se l’aspettano.

Nei quarti di Coppa Italia 2022 si sono già qualificate Juventus e Inter.

La Lega calcio deve trovare un nuovo presidente, visto che il Dal Pino è volato Oltreoceano. Speriamo con giudizio, come quello ha riportato ai loro posti Presidente e Premier, per finire di condurre in porto una vetusta navicella finita in gran tempesta e  che ( in questa)  di buoni nocchieri  e gran marinai ne conta  davvero pochi.

L’Armani del basket vince  e perde in Coppa  senza preavviso. Il rugby azzurro invece perde solo e soltanto, al punto che qualcuno comincia a pensare d’ingaggiare una decina di maori australiani per vedere se almeno una volta il cucchiaio di legno se possono tenere quelli d’Albione.
Il ciclismo riassapora il ritorno d’un altra  primavera tra le dune del ricco deserto sul Golfo. Mentre l’atletica sta riportando  in pista i suoi allori.

( dal  26 al 31 gennaio 2022). Dov’eravamo rimasti? Ah, sì, al nostro Presidente che stava traslocando dal bel palazzo un tempo dei Papi dopo i sette anni da lui trascorsi al timone  di una vetusta navicella finita in un mar in gran tempesta.
Di certo, fosse stato per lui, il negletto Cincinnato avrebbe avuto un emulo anche ai giorni nostri. Ma visto che in Parlamento non hanno tirato fuori un ragno dal buco, qualcuno è corso sul Colle, a convincere il nostro Presidente a riportare indietro gli scatoloni zeppi di cose sue raccolte nel settennato, e  riporle di nuovo donde avevano trovato sistemazione.
Naturalmente, almeno per noi, la soddisfazione è grande. In tempi non sospetti avevamo intravisto in quell’uomo dallo sguardo chiaro velato d’un inguaribile dolore , parco nell’ esposizione personale  e nelle parole, atteggiamenti mirabolanti tra i  pochi omini e i tanti ominicchi e quaquaraquà che dominano le scene,  eppure sempre al  posto giusto nel momento giusto con ‘ serena autorevolezza ’ , come dire un provvidenziale ossimoro adatto a  condurre in porto non solo le confuse genti di Enotria ma ( con lei) anche quelle della declinante  Europa.

Che adesso possono ( entrambe) respirare. Riorganizzarsi. Velocissimamente. Davanti a sfide planetarie che non consentono più di essere affrontate in ordine sparso. Anglosassoni, Franchi, Germani, Ungari, Slavi e Latini. Tra l’altro, i pericoli incombenti sono mortali. Come   quei venti di guerra che spirano da Est, e che per sopirli non si dovrà fare  più  conto su  quei nipoti e figli ormai lontani d’ America che di combattere per i loro avi ‘ non hanno  ormai alcuna  intenzione‘.
Ricalcando un poco, forse senza rendersene conto,   quanto capitò non al più esteso ma al più grande  impero mai realizzato.
Il quale, ad un certo punto, eliminato quel Cesare atteso dalle sue truppe in Siria non  per emulare il grande Alessandro o per vendicare l’incauto Crasso ma per mettere riparo al mortale pericolo che s’annunciava  a partire dal Medio ed Estremo Oriente, ha finito col racchiudersi  sempre più entro i suoi ( inutili)  ‘ limes‘, per finire poi con l’essere preso d’assalto da ogni dove.
Forse pochi lo notano. Ma, a parte la colpevole adesione a quella guerra che non s’aveva fare ( soprattutto) con un alleato che peggiore di così non è mai stato di vedere, e che non pochi  al Mondo ( senza distinguere)  ci rammentano,  tanto  che quando vuole zittire un Italoi gli si confeziona addosso il titolo di mafioso.
Pregiudizi, si sa, che di  questo vetusto Paese  leggono  solo qualche ( invereconda ) paginetta , tanto che,  se andiamo a ben vedere,  non sarebbe meglio per costoro badare più alle mafie proprie piuttosto che a quelle altrui?  E comunque, chi meglio d’altri ha  sgretolato in questi sette anni  il pregiudizio dell’Italoi mafioso meglio del nostro Presidente, che la mafia ha contrastato laddove la mafia ( tuttora) c’è (  per davvero)  e non ( solo) nella fantasia, con quel suo eroico fratello magistrato colpito ( proprio) dalle mafie e spirato ( dicono)  tra le braccia sue?

Grazie Presidente d’aver ripreso il timone della nostra vetusta navicella in questi anni  di gran tempesta. Se riesce, la (ri)conduca in porto. Noi confidiamo in Lei,  in quell’Altro e in quanti intendono mostrare buona volontà, quanto i profughi di Ilio verso il l provvidenziale Enea; e questa volta  per  (ri)fondare Roma ma la grande Nazione che ( da  tempo) aspetta.

Nella ph repertorio Mattarella in una vecchia foto di famiglia.

I BASTIAN CONTRARI. Di frasi da ‘bastian contrari’ ne abbiamo sentire diverse nel post rielezione Mattarella. Tra  le altre  una come questa ‘ Qualcuno prima o poi chiederà a Mattarella dove è finita la sua coerenza, visto che dopo aver detto più volte che non voleva rinnovare ha poi finito per farlo’. Non s’offendano i ‘ bastian contrari’, se ci esentiamo dal commento.

ALTRO. E’ partita la spedizione per le Olimpiadi invernali a Pechino. Tra le nostre partenti anche  Sofia, che chiede clemenza agli dei per consentirle di mostrare quel talento che le hanno donato e che se risultasse dorato dovrebbe aprirle porte dell‘Olimpo. Nel basket riscenderà in campo l’Olimpia Milano per i vertici della Superlega.
Nel calcio si chiude la finestra di mercato di gennaio. A risultare la più rafforzata è la Signora, che con quel po’ po’ di centrattacco può ora sperare di raggiungere il quarto posto in Campionato e sforacchiare le reti delle grandi d’Europa. Dovesse vincere la terza Coppa dalla grandi orecchie, a questo punto, chissà perchè, non ci meraviglierebbe più di tanto.

( dal 18 al 25 gennaio 2022). Fosse per noi, attingendo allo sport, tra l’altro con un azzurro mai  così vincente quanto in questi ultimi anni, ‘ squadra che vince non si cambia’. Riferito, ovviamente, a quanto si va facendo per l’elezione del nuovo capo dello Stato con tanto di annessi e connessi.
La squadra che vince è quella capitanata da Mattarella/Draghi, che in un periodo tra i più imprevedibili e complessi della storia di questa nostra  giovane Repubblica tricolore, mostrano, e continuano a mostrare, quanto di meglio si poteva ( e si può) fare.
In tanti, anche quelli che van cianciando d’essere piombati in una dittatura per qualche green pass o tampone da fare, doverosi più verso il prossimo che per se stessi,  van proponendo altre formazioni, altre squadre, altri capitani. Ovviamente tutte e tutti meglio, anche se di dittature mal s’intendono così come di star  al timone d’una barca in gran tempesta e semmai, meteo permettendo, sul ponte della stessa a prendere il sole tra  nuvoli plumbei  e candidi.
Camillo Benso conte di Cavour ( Torino 1810-ivi 1861) fu l’ abile architetto che inventò una Nazione  giocando con perizia tra le  tessere  d’un puzzle di mille realtà locali che poco o nulla avevano più da dire alla storia. Morì giovane,  a 51 anni, forse ( sostiene qualcuno) non di morte naturale ma avvelenato, così premiato per quanto aveva saputo fare . Una fine non rara per quei figli migliori di questa  Nazione che più danno senza nulla estorcere.
Così è il mondo, o meglio, questa nostra Nazione, fatta,  diceva Sciascia, di ’ omini, ominicchi e quaquaraquaà’.  Dove  i secondi e i terzi sono di gran lunga più numerosi dei primi. Quindi, non ci sorprende che dobbiamo da  convivere con  soggetti qua e là sparsi e che della ‘squadra che vince’ vogliono fare ( a prescindere) polvere da spargere per l’ aere loro.

Dunque, al momento, dopo due fumate nere, difficile dire in che mani finirà il Governo e presidenza della Repubblica. Che congeda un gran Presidente. Certamente irreprensibile come pochi altri della nostra storia. Dotato di quella ‘ serena autorevolezza ’ che, senza amar troppo il timone,  ha tolto  più volte la ( nostra)  barca dal mare in gran tempesta.
A noi, in questa,  non sovvengono altri personaggi  simili a  lui . Se non  quel tal negletto Lucio Quinzio Cincinnato ( 520/430 a.C.)  della cui carriera politica parla  ( soprattutto) Tito Livio, con visione neutrale, definendolo ‘Spes unica imperii populi romani’ ( ‘ Ultima speranza per l’autorità del popolo romano’) (III,26). Lucio Quinzio era un  contadino che divenne console e ( due volte) dittatore; ma  che, una volta sconfitti gli Equi nemici di Roma, lasciò  cariche ed onori ad altritornando ( senza rimpianti  ) all’ occupazione privata.

 

DALLA CRONACA. La prima è sta una giornata convulsa. Con le idee annebbiate. O si va verso l’opzione Draghi al Quirinale oppure tutto è possibile. Di fatto l’ipotesi Draghi continua a prendere quota, anche per via di alternative condivise. Conte però preferirebbe  Draghi restasse alla guida del Governo. Avviando tuttavia ( sue)  trattative per una successione indolore.
Che Salvini non chiuda più del tutto all’ipotesi Draghi, non sgradita peraltro dall’alleata Meloni, sta alzando però il ( suo)  prezzo sul Governo: se non un governo dei leader, dice il Lombardo, almeno un Governo con forte caratura politica e con molti ministri nuovi.
Se si dovesse continuare muro contro muro, il leader della Lega non esclude la candidatura Casellati, non gradita a sinistra. Alla fine della giornata l’avvitamento generale fa lanciare a un Letta preoccupato un vero e proprio alert su Draghi: ‘ Così rischiamo di perdere una figura come Mario sia a palazzo Ghigi  che al Quirinale.
Qui non è a rischio l’elezione del Presidente, ma della prossima Legislatura.  Contro l’interesse delle imprese e dei cittadini. Se si prosegue su questa strada si va di certo al voto’. Al di là di tutto, e tutti, c’è anche chi non ha abbandonato la speranza per un Mattarella bis. 

( dal 13 al 18 gennaio 2022). In breve: stanno diventando ‘strutturali’ i successi dello sport azzurro, che sembrano più segnali d’una novella rinascenza per un Paese che dell’antica rinascenza è strato centro e motore. L‘Armani del basket batte la capolista Barca, portandosi in zona finaliste del massimo torneo europeo;
non demordono in vasca, Brescia e Pro Recco; continuano a sfrecciare sulle piste innevate le nostre terribili ancelle ( libera e super G son domini loro) mentre, tra gli uomini, sembra essere rispuntata  la speranza di ben figurare a breve anche con gli uomini in quel di Pechino: nella libera ( Paris) ? Nello slalom ( Vinatzer)?
Per la pallavolo, femminile e maschile, sempre ai vertici mondiali dei rispettivi movimenti, attendiam i Mondiali, se non erriamo, da disputarsi in Polonia. Sperando nel contempo di non vedere la nostra amatissima Paoletta volar sul Bosforo per ragioni più sue che nostre. Sarebbe un peccato perderla, anche perchè non è detto che  chi lascia il certo per l’incerto possa poi ritornare come pria o meglio di pria.
Si van ridestando anche quelli della scherma: Alice Volpi in Coppa del Mondo dopo il successo nella prima prova si è ripetuta a Poznam, battendo in finale la canadese Harvey. Terza la predestinata Martina Favaretto. Doppio podio azzurro anche a Parigi nell’apertura maschile: oro al cinese di Hong Kong  Ka Long e argento a Edo Luperi. Terzo gradino del podio per Alessio Foconi. In pratica anche qui tanti giovani, tanti ( validi) ricambi azzurri.
Possiamo chiudere le nostre note d’aggiornamento con il pattinaggio su ghiaccio, dove Marco Fabbri-Charlene Guignard sono di nuovo saliti sul podio europeo della danza, terzi, con ulteriore conferma d’essersi assisi nell’Olimpo mondiale della specialità. Nel medagliere, dietro i mostri sacri, c’è l’Italia. L’Uci contro il doping. Servono ( continue) indagini. Auspicabili, perchè no?, anche in sport che sembrano intoccabili, come il calcio, ad esempio, ( soprattutto) quello che  all’estro  sostituisce corsa e resistenza.

 CALCIO E  MAXI PROVVIGIONI. Anche nella sessione invernale di gennaio 2022 – richiama il Sole24Ore - nel calcio mercato tengono banco prestiti e operazioni low coast. Per dirla semplice: nonostante i danni  causati dalla pandemia, con stadi aperti solo in pochi  paesi al 100%, e introiti abbassati a livelli d’emergenza, c’è chi  di tutto questo se ne sbatte altamente, come tanti giocatori e altrettanti agenti, che invece  di ragionar come conviene altro non sanno che chiedere aumenti.
Alcuni incredibili a dirsi. Tanto son fuor di senno, quasi spie insospettabili d’un mondo che, nel suo complesso, anche se cerca di non farlo vedere,  sembra perdere ogni giorno di più la  bussola. Il Kessie che per qualche corsetta in più chiede non il doppio ma il triplo o il  quadruplo;
o il Dybala che nonostante i suoi ci sono non ci sono come le luci dell’albero di Natale di ( soli) 7 mln non ne vuol sapere; o il Brozovich che per quanto utile davanti a 7 mln netti manco sorride; o il Perisic che allo scadere della sua avventura sui verdi campi da gioco ha ripreso a trotterellare esigendo però per continuare un triennale di sostanza  spiccioli compresi.
Senza guardare fuori della  finestra, donde  giungono ( perfin) patetiche quelle alzate d’orgoglio di gloriosi ex Panda come Barca e Real  oberati di debiti che, in questa, tutto possono fuorchè calare o sparire;  o irritanti, quanto le elargizioni a fondo perduto concesse dalla Uefa ad una manciata di spendaccioni che per procurarsi introiti non fanno altro che tirar ( spensieratamente) nei cassetti degli Stati, Starelli o Accoliti loro.

E comunque, soffermiamoci  ancora su quanto documenta il prestigioso quotidiano economico. Sempre in breve: a non conoscere ribassi sono le commissioni versate dalle società ad agenti e procuratori. Provvigioni che ormai, alla faccia di chi furbo si crede, sono diventate fardello, pesante fardello, che ad altro non serve che a drenare risorse alle società di calcio, chi più chi meno, alla cannetta del gas.
” Le somme assegnate agli intermediari – si legge – dalla deregulation del 2014, sono schizzate in alto, accompagnandosi a ‘fenomeni’  sempre più patologici, dalle plusvalenze ‘fittizie‘, ai cosiddetti ‘parametri zero‘, che zavorrano e indeboliscono l’intero sistema. Basti pensare che , tra 2016 e 2020, è finita nelle tasche di procuratori ed agenti che hanno intermediato cessioni o acquisti di atleti professionisti, la somma di 2,5 mld di dollari, pari all’8% del valore complessivo dei trasferimenti realizzati nel quinquennio (  circa 31 mld di dollari).

Ogni anno, al netto della pandemia, si può stimare un giro d’affari nazionali e internazionali di 1 mld di dollari. Il peso eccessivo è evidente se si pensa al fenomeno dei ‘parametri zero’ e dei giocatori ‘ d’alta fascia’ che portano volontariamente a scadenza il contratto per firmare con altri club, ottenendo ingaggi elevati grazie al fatto che colui che  acquista non deve pagare il costi del cartellino.
Quel furbacchione dell‘Insigne, ad esempio, ha firmato con il misconosciuto Toronto un contratto per oltre 10mln di dollari, senza che il club che l’ha cresciuto becchi un centesimo. Dicasi un centesimo. Stesso discorso si può fare per i due furbacchioni del Messi e del Gigio trasferiti al Psg degli spendaccioni da svincolati.
A questo punto che altro fare se non  lasciare perdere l’elenco delle  ‘ sombreri‘ calcistici, citando  a mo’ di chiusa  anche  il solo caso Vlahovic che sta per ‘liberarsi‘ dalla tutela dell’ infastidito   Commisso a ’parametro zero’ e  nonostante che manchino due anni alla scadenza del contratto.  Bravo il club viola che ha proposto un decalogo per riformare il sistema delle procure. Bravo, certo,  e finalmente, ma ci sarà qualcuno all’Uefa ( e dintorni) che troverà  voglia e tempo per ascoltarlo e mettere nero su bianco ?
Nel 2021 si sono svincolati a ‘parametro zero‘ 5 mila giocatori. Considerato che il livello medio dei trasferimenti a titolo oneroso è stato dal 2016 al 2021 di poco superiore ai 300 mila euro, se ne può dedurre che nel solo 2021 la prassi dei ‘parametri zero’ ha sottratto alla (  agonizzante ) industria del calcio ( più o meno ) un miliardo. Cui prodest?

( dal 12 gennaio 2022). E così ce l’abbiamo fatta ad abbandonare un 2021 che se per lo sport azzurro è stato esaltante, non inimitabile, di certo esaltante, per il resto, tutto o quasi, non ha donato grandi sicurezze.
Fatica assai quel drago del Draghi ,  pur assomigliando al Cavour piuttosto  che a quella  folla indefessa di mosche, tafani, zanzare, che gli ronza attorno  giorno e notte, cercando di pungerlo il più dolorosamente possibile. E pensare che, pur con tutto il rispetto per gli insetti che qualcuno oggi finiti perfino nel menù,  con tutto quanto balla sull’Europa e sull’Italia,  che altro occorre fare se non dar corpo ( quanto prima) ad una nuova Nazione  per meglio  difenderla da pericoli che non sono più pericoli ma già realtà, ben oltre all’ interminabile pandemia?

Facciam finta che sia in esaurimento l’assalto dei continenti poveri o in affanno alle frontiere della leggiadra Europa;  chiudiamoci gli occhi sul quel che si va ammassando sul fronte orientale, con quel tenero Putin più pericoloso del duro  Breznev; ignoriamo inoltre  quanti ( e quante) con   foga da Erinni vorrebbero strappare le nostre invidiabili radici di storia e valori per annacquare un presente che più annacquato di così non potrebbe essere.
Diritti, accoglimento, inclusione. Parole, belle, molto belle, peraltro note da due millenni ma che se  realizzate con scarso senno (  cioè senza abbinarle a doveri, regole, radici) possono creare più danni che utili. E soprattutto decadenza, che non sembra ma c’è, per un ex grande Continente che sulle questioni  del Pianeta decide ormai poco o nulla. Pur cercando di rimandare in scena quella  patetica  Global Britain o  l’altra utopistica  Grandeur, rintracciabili  ormai, l’una e l’altra,  sui libri di storia piuttosto che nelle cronache dei  giorni nostri.

IL NOSTRO CORDOGLIO. In questa ci coglie il dovere di porgere il nostro cordoglio per la perdita improvvisa e prematura di Davide Sassoli, presidente della Commissione europea, persona mirabile, grande italiano, sincero europeo.

LO SPORT AZZURRO. Dopo i botti del 2021 occorrerà un po’ di pazienza per tornare ad ascoltarne altrettanti. Intanto però ci stiam rimettendo in moto, anche perchè in questo tempo di pandemia a ciclo infinito i tempi sembrano essersi accorciati. A breve speriam d’intonare  inni per le Olimpiadi della neve a Pechino; eppoi, più in là o più in qua, per i mondiali della  pallavolo maschile e femminile, e altro ancora, ma quanta roba c’è?, compreso quello spareggio marzolino che ci consentirebbe di andare ai Mondiali natalizi di calcio negli stadi sul Golfo.

Più volte l’Italia ha gettato al vento la possibilità della Pentastella, che se non fosse stato ( anche solo) per quel calcione del Baggio sarebbe appuntata su una maglia azzurra piuttosto che verdeoro. Con un capitano di ventura come il Mancio da Jesi anche gli altri sanno che l’impresa sarebbe possibile.
Il problema però è che in fatto di spareggi i nostri non sono proprio a loro agio. Le avventure impossibili ci esaltano, le cose da fare  ad ogni costo ci deprimono. Sarà pertanto molto, molto, molt0  difficile superare dapprima la Macedonia, eppoi, prevedibilmente, il Portogallo. L’infortunio di Chiesa non ci voleva,   e così il protrarsi del ritorno del Pellegrini, ma non son manco presagi di maldestra fortuna. Compagnie di ventura come quella allestita dal Mancio da Jesi, se stan salde attorno al loro comandante, dei La Motte di turno se ne sbattono assai.

IL CAMPIONATO. Procede tra un Covid e l’altro, tra una Ausl e l’altra, tra un green pass e l’altro, il Campionato. Che ha superato la ventunesima giornata. Con i ganassa della Beneamata gioiosi e festanti, quasi quasi certi di doversi appuntare ( dopo la Signora) la doppia stella sul petto. Ad opporsi, per il momento, c’è , soprattutto, il vecchio Diavolo, che di tornare ( senza farsi derubare) in Europa muore dalla voglia.

( dal 27 dicembre 2021 primi gennaio 2022 ). Non c’è  molto sport da segnalare in questo ultimo scorcio di 2021. Doloroso e gioioso insieme. Con i colori azzurri saliti nell’Olimpo dello sport mondiale come e quanto  ( per quel che ci riguarda) non è mai accaduto.
A breve ci saluterà il nostro grande Presidente, che nel corso del suo mandato ha registrato successi sportivi  infiniti ed esaltanti. Qualcuno direbbe, che è  ( o è stato)  un ineguagliabile  ‘portafortuna’. Per lo sport  azzurro certamente, così come in altri ambiti, dove ha saputo con ‘dolce fermezza’ tener salda la barra del timone d’un Paese impegnato in  uno dei periodi più travagliati e difficili della sua giovane repubblica.  E se The Economist  ( grazie anche a lui) ci dedica la copertina, di certo non  sarà facile sostituirlo.

A proposito di Paese, un libro di Maurizio Molinari ( Il campo di battaglia, ed. La nave di Teseo, 2021) ci sta mettendo in guardia per via del ‘ grande gioco’ planetario che è tornato a disputare nel Bel Paese alcune delle sue ( decisive) battaglie. Speriamo non con  l’irriverenza di  alcuni secoli fa, dove una Nazione  smembrata ha dovuto faticare qualche secolo in più per trovare identità, unità e forza  per non più essere marginalizzato sulla scena del mondo.

Vediamo qualche passaggio del libro. Intanto le ‘ grandi crisi globali’ stanno passando sull’Italia, assegnandogli un ruolo di ‘ Paese di frontiera nelle trasformazioni del XXI secolo’. Come accennato, non è la prima volta che  gli capita.
Quindi  poco o nulla da meravigliarsi, perchè lo Stivale allungato nel bel mezzo del Mediterraneo, da sempre spazio cruciale per i destini del Mondo, non può che restare ( o tornare) ‘ epicentro di contese strategiche e rivalità economiche di vasta portata’ con l’aggiunta di quando va accadendo sul resto Continente che gravita  alle sue spalle, segnato ( in breve)  dall’urgenza della ricostruzione, dal populismo, dall’affermazione di nuovi diritti, dalle conseguenze del duello  Usa e Cina e  dal ritorno ( non remoto) della minaccia jihadista.
Facendo tesoro del passato, tanto dovremo fare per non farci  trasformare in un altro inutile ‘ campo di battaglia’. Molto dipenderà dalla nostra classe dirigente, sempre che sia ( questa volta ) all’altezza di quel che la storia va chiedendo. Non ‘ campo di battaglia’, quindi, assolutamente no, ma l’incipit  di qualcosa di grande che  si va faticosamente gestendo.
Del resto l’Ue ha nel nostro ( famigerato) Pil un ‘tassello’ indispensabile. Ciò significa però cominciare a superare le nostre ‘fragilità strutturali‘ ( fisco, giustizia, concorrenza e infrastrutture ) riscattando lo  Stato-Nazione ’ da corruzione, carenza di rappresentatività democratica e diseguaglianze economiche’.

Per approfondire le riflessioni di Molinari non sarà male andarsi a leggere il libro. Quel che però importa  qui è registrare una  inedita sensibilità nei confronti d’un Paese, spesso frainteso, diciamo pure non di rado anche sbeffeggiato, come dice il nostro Presidente, ma pur sempre chiamato a dar il suo contributo in momenti salienti della storia europea e mondiale.
Un contributo la più parte straordinario, in alcuni casi addirittura senza eguali, eppure talvolta deludente. Speriamo di essere capitati bene. Non (solo) per noi, ma per il bene di una grande Nazione nei giorni del travaglio e  di quello che potrebbe dare del suo meglio  al Mondo, una volta venuta alla luce

L’ATTIVITA’ SPORTIVA. Per gran parte in pausa. Più impegnata a superare gli agguati del Covid ( versione Omicron) che altro. Nel mondo extraterrestre del calcio si passa il tempo parlando di mercato. Che incurante del virus, degli stadi vuoti o quasi, delle entrate che calano non poco, continuano ad ingegnarsi per ‘costringere’ qualche società ‘pollastra’ a  concedere rinnovi al doppio, il triplo, il quadruplo e oltre.
Dicono ci sia uno al Milan che da 2,2 mln vorrebbe ( per qualche buon calcetto in più )   almeno il quadruplo di quanto fino percepito. Certi soggetti che ci stanno a fare nel calcio? Dove è proprio vero che i soldi rendono ricchi i poveri, ma non signori i poveracci.

( dal 14 al 24 dicembre 2021). ‘ Il est formidable, rien a faire’ esclamò Raphael Geminiani dopo una delle tante incredibili  imprese del Grande airone ( 1919-1960) nato sulla collina di Castellania , scomparso il 2 gennaio 1960, e per quel che ci riguarda il più grande e completo pedalatore che, nonostante la guerra, la prigionia, le dolorose vicissitudini personali e gli anni duri della ricostruzione,   al pari di pochi altri personaggi sportivi planetari, resta l’esempio ineguagliato ( ma non sempre adeguatamente celebrato ) del nostro  sport.

Uno sport che, al pari di quell‘Araba Fenice che da tempo deve avere messo il nido in qualche anfratto del Belpaese,  risorge ( ogni volta ) quando men lo si aspetta.
In questo ultimo  biennio, infatti, segnato da una ( ineffabile) pandemia che sta inginocchiando  il Pianeta nonostante l’apporto d’una scienza mai così tanto evoluta, lo sport italiano continua a sfornare performances che lasciano stupiti un po’ tutti.
L’inglese della staffetta olimpica 4×100 che sollevò  l’infelice  sospetto che i nostri non fossero nutriti da dieta mediterranea, non solo s’è visto,  lui, sì, fraudolento  manducatore di stoccafisso, ritirare l’argento, ma ha dovuto pure convenire che di qui in avanti non sarà improbabile vedere  (proprio) un  azzurro diventare l’uomo più veloce della Terra.
Miracoli che, dove non c’è manco più un briciolo di fede, sono incomprensibili.
E che qui, invece, nel Paese dell’uccello che risorge sulle proprie ceneri, possono diventare ‘normali‘. Incredibili a dirsi, eppure basta scorrere l’interminabile lista di trionfi azzurri 2020-2021, perfino in discipline come il  polo femminile, la pesca sportiva e la discesa in apnea, per toccare con mano il  trarsversal prodigio.

In breve.

Vela: Luna rossa vincitore Prada Cup e sfidante America’s Cup.
Calcio: nazionale campione d‘Europa.
Atletica: 
cinque medaglie d’oro a Tokio. Dalla velocità, al fondo, al salto.
Nuoto: medaglie numerose   a Tokio, Europei e Mondiali in vasca lunga, corta e fondo.
Pallanuoto, Mondiale maschile; Pro Recco,  Champions e Supercoppa;
Volley: campioni europei  nazionali maschile e femminile

 

Ciclismo: in strada Colbrelli vincitore Parigi-Rubaix.
Ciclismo:  in pista ori olimpici, maglie iridate ed europee.

Auto. Ruote coperte, i trionfi della ‘ rossa’:  488 Gt3 prima nelle due categorie Pro e Am; prima 24ore Le Mans e Spa; mondiale di durata; Wcc piloti costruttori
e team  con AF CorseWorl Challenge  Gt3 ( il più importante a livello Gt3), European Le Mans series Cat Gte e trofeo Michelin. 

Tutto in breve. Tralasciando discipline come quelle sulle nevi ( varie ) dove gli azzurri/e sono protagonisti di primo piano ( Goggia, al momento, è prima in discesa, superG e classifica generale) ; o motorististici, dove di recente il più grande di questi ultimi decenni ha lasciato il posto in pista a pattuglie di giovani molto competitivi e su marchi nostrani ; automobilistici, dove basta citare la ‘rossa’ per avere l’idea di qual ruolo possono esercitare piloti, tecnici e mezzi italici in quell’ambiente ultimamente condizionato più da legulei che altro.
E altri ancora. Infatti, oltre agli uomini, ai successi agonistici singoli e di squadra, il Belpaese può vantare tecnici, mezzi e perfino servizi all’avanguardia, come la pista olimpica di Tokio realizzata da una sua azienda . Tutto questo non per celebrarla, ma per  dire a quanti vorrebbero sottovalutarla  che il Belpaese, dopo l’infausta parentesi d’un regime e di una guerra che non s’avevan da fare, è tornato. O meglio, risorto.  Più arzillo  che pria. Sulla ribalta europea e mondiale. Come sottolinea Malagò, presidente Coni : ’ Oggi siamo secondi al Mondo!’.

CAMPIONATO DI CALCIO SERIE AInter, campione d’inverno. Milan in ambasce, Napoli che stringe i denti e si salva come può, Mou Mou che travolge il Gasp, la Signora che si barcamena a non tanti punti di distanza dal quarto posto, nell’attesa di un girone di ritorno che ( a star sentire il Max)  dovrebbe spazzar via ogni nube foriera di tempesta.

( dal 12 dicembre 2021). Il golpe è avvenuto, con successo e con un grosso sospiro di sollievo per tutto il mondo della F1; un golpe che ha ( finalmente)   spodestato dal suo trono d’argento il tiranno Toto, che  in questi ultimi anni, sorretto da  schiere di legulei, ha fatto il buono e cattivo tempo attorno ad un team di cui ( si dice) che partecipi al 33%.
Il tutto legalmente, è ovvio, e  tra alto e basso sempre in sintonia  con qualcosa e qualcuno  che , da un lato, gli ha consentito di recar danno e beffa  alla ‘rossa‘ relegandola da regina ad ancella, e dall’altro, di calare nell’oblio un pò tutta la concorrenza. Quest’anno ha cercato di   ripetere l’operazione con giovane irriverente tulipano  ‘pilotato’ e ‘protetto’ da da un ravveduto e avveduto  general manager. Che ha saputo far giuocare ai suoi tutte le carte del mazzo, fin all’ultima, insperata, ma vincente.
E così il tulipano, altrimenti finora noto tra i fans di Maranello come ‘ sfascia rosse’, s’è preso un titolo meritato, applaudito da tutti, riconosciuto anche dallo sportivissimo avversario, eppur  tuttora sub judice per ricorsi e controricorsi ( e ti pareva)  presentati da chi perdere non sa e non vuole.
Sinceramente, in molti s’erano allontanati da una competizione indirizzata su un unico binario; senza lotta, scontata, arrogante, e con la ’rossa‘, che di questo sport è il sole e la luna, relegata ad un ruolo marginale, da non credere, dopo tutto quello che ha fatto e che può fare. A lei infatti  gli dei hanno concesso  di scrivere pagine leggendarie sulle corde di un aedo antico, e che mentre celebrano l’uno  esaltano altro. Generosamente. Come in quella guerra sotto le mura di Ilio  che pari ha posto  tanto gli eroi che le difendevano quanto quelli che l’assalivano.
A parte i ricorsi e controricorsi Mercedes, o del Toto che dir si voglia, il ragazzo figlio di pilota, nato e cresciuto tra i tulipani, è il nuovo campione del mondo di F1. Sembra di buon auspicio il terzo posto della ‘rossa‘ condotta da un insperato, coraggioso e combattivo Sainz.
Sempre che non ci sia qualche leguleio  che voglia ancor  ‘ metter becco‘ a quanto a Maranello vanno ingegnandosi di fare come  lor tradizione e sangue comanda. Detta anche così, sinteticamente, allora sì che  dal prossimo anno potremmo avere un lotto di contendenti in pista , nobili e meno nobili,  grandi e piccoli, che potrebbero tornare a scrivere altre  autentiche favolose  pagine su questo planetario  agone sportivo.

SERIE A. CAMPIONATO.  Salda è  in vetta la Beneamata che, nonostante i cinesi vicini e lontani, Conte Dracula  e non , sa ancora farsi rispettare quando scende in campo. Con una certa continuità.
Ora guida il gruppone  della Serie A con 43 punti, quattro  in più sul Napoli e il Diavolo  del Pioli che, disponibilità a parte, continua a mostrar  di saper  fare più trenta che trentuno. Quasi quasi quanto la Dea del Gasp, vittoriosa ( a fatica) sul Verona del terribile Igor ma sconfitta da Mou Mou. Rivince   la Lazio  contro il  Sheva, senza più attenuanti.

Qualcosa da dire ci sarebbe sulla situazione rinnovi. Qualcosa. In una situazione come questa  che fatica a risollevarsi dopo le sanguinose perdite di budget dovute ( principalmente) al Covid, vedere tanti grandi, medi, piccioli attori pilotati da procuratori- consulenti-addetti  più voraci dei  pirana e ormai  padroni ( quasi) assoluti del giochino calcio, chiedere doppio, triplo, quadruplo di quanto oggi percepito fa assaporare  tante amare  verità.
E’ forse per questo che non pochi appassionati, o ex appassionati, quando sentono un ‘ingrato‘ pretendere di mettere mano all’ingaggio anche dopo una o due partite giocate al meglio, si chiedono:  ma perchè non comprargli dei biglietti di sola andata per le destinazioni da lor agognate , con tanto di saluti, baci e abbracci? Il nostro massimo torneo che di nobiltà ne porta come pochi altri al mondo,  bisognoso solo  di qualche buon dirigente in più e  di nuovi stadi, è davvero ( così ) indissolubilmente condizionato da cotali soggetti?

SORTEGGIO annullato OTTAVI CHAMPIONS 2021-2022. Benfica-Real, Villareal- Manchester City, Atletico Madrid-Bayern, Liverpool-Salisburgo, Inter-Ajax, Sporting Lisbona- Juventus, Chelsea-Lille, Psg- Manchester United.
SORTEGGIO annullato  PLAY OFF EUROPA LEAGUE. Atalanta-OlimpyacosBarca-Napoli, Porto-Lazio.

SORTEGGIO valido  OTTAVI CHAMPIONS. Psg-Real Madrid ( 15/2), Salisburgo-Bayern, Chelsea-Lilla, Sporting Lisbona- Manchester City, Inter-Liverpool ( 16/2 ), Villareal-Juventus ( 22/2).
SORTEGGIUO valido PLAY OFF EUROPA LEAGUE. Barcellona-Napoli( 17/2, ore 18,45), Porto-Lazio ( 17/2, ore 21).

Commento? Nulla da aggiungere sulla Uefa del Cefferin, burocratizzata, ceduta  e pasticciona. Mentre sulla questione sorteggio qualche possibilità ce l’ha la Juve, sempre che sia una Signora e non una donzelletta che vien dalla campagna. Le nostre altre invece devono compiere solo prodigi. Sperando inoltre che gli arbitri istruiti Uefa non replichino trattamenti come quelli riservati da qualche anno in qua al vecchio, glorioso, impotente  Milan.

ALTRI SPORT. Dopo la  mademoiselle  Sofia che ha fatto man bassa per ben  tre volte di seguito in Canada, nel Super G di S.Moritz è stata la volta di mademoiselle Brignone, 31 anni, ora con 17 vittorie in Coppa, una più della mitica Debora, davanti ad una squadra di azzurre,  cinque nelle prime dieci.
Francesca Lollobrigida, 30 anni, 4 medaglie europee, vince i 3000 in Coppa del Mondo in pista lunga su ghiaccio a Calgary. L’Armani Milano è tornata alla vittoria in Eurlega contro il Monaco. Quelle quattro sconfitte di seguito ci avevano spaventato. Ax Armani Milano guida anche la classifica del nostro campionato.
Non abbiamo capito la sconfitta della Lube contro i brasiliani al Mondiale per club; speriamo di non dovere fare altrettanto con le ragazze, che proprio in questa settimana scendono sul parquet per difendere  un titolo che dovrebbe alloggiare fisso nel più bel torneo di volley femminile al mondo.

FRASI A VANVERA?  Un certo Guillen della Vuelta di ciclismo, che non conosciamo e che manco vogliamo conoscere visto che dopo quanto detto ad una tivù  basta e avanza, per difendere casa sua, s’è tuffato in spericolate considerazioni varie sul ciclismo e sui grandi giri.
Tra l’altro avrebbe sostenuto che la Vuelta ha superato il Giro, e che (al momento) è seconda solo al Tour de France. Oggi si sa, tutto possono dire tutto di tutti e ( all’occorrenza) anche di più. Al punto che a mettersi a rincorrere tutti non solo è impossibile ma anche fatica sprecata. Tuttavia il senor Guillen una rispostina non può evitarla. Ognuno vede e provvede alle sue cose come meglio aggrada. E tuttavia, qualche elemento d’oggettività esiste, sennò come faremmo a dar contenuto alla scienza?

Comunque, senor Guillen non le hanno detto  che per entrare nella nobiltà d’una qualsiasi realtà umana non basta sbandierare danari o opinioni o interessi. Occorre, semmai, tempo, tanto tempo, con l’avvallo, ovvio, di ‘ pezze d’appoggio‘ che manco s’immaginano.
Per farla breve,  in questo senso, il Giro non essere secondo a nessuna corsa a tappe al Mondo, manco al Tour che in questa è riuscito a raggranellare qualche danaro in più in cassa, che gli consente  di manovrare qualche specchietto per allodole  tra media e social, ma null’altro.
Il Giro per storia, paesaggi, tracciati e campioni senza eguali cresciuti lungo le strade che percorre da oltre un secolo, sinceramente, come può aver rivali?  Allora, che altro è se non l’Alma Mater di un movimento sportivo ormai planetario? Lasciamo perdere il primo o il secondo, perchè se uno vuol entrare nella leggenda del ciclismo qui deve transitare. A primavera, con la stagione bella, piuttosto  che in autunno, con la stagione che volge al tramonto.

( dal 6 al 12 dicembre 2021).  Come anticipato, se al  Gasp è dato di  arrivare  a 30 e mai a 31, al Villareal , invece, che nel suo campionato è poco più d’una una comparsa,  è stato dato modo e tempo per spegnere (  da subito) le velleitarie ambizioni dei bergamaschi di passaggio agli ottavi di Champions .

Che poveri erano e poveri restano, nel senso che per essere accettati  nella nobiltà d‘Europa occorrono ben altri titoli e prestazioni e raccomandazioni. Come volevasi dimostrare. Ora, delle nostre, tra le ( cosiddette) big o nobili d’elevata genia calcistica, restano la Signora e la Beneamata.
La prima più per grazia ricevuta che altro, la seconda per avere finalmente saltato un ostacolo che la bloccava dai tempi mitici del Triplete. Cosa possano fare nel proseguo del torneo, ovviamente, non è dato a sapere; si può però presumere che, sorteggio a parte, possano risultare più  paggi che cavalieri. Ruoli questi da tempo assunti dalla piccola folla di spendaccioni che i soldi se li fanno arrivare ( a go go ) sui loro conti correnti ( più o meno direttamente) dai loro stati o dai loro sodali.

Davvero fastidioso  è ancora notare la sapienza infinita delle pletore di commentatori nostrani , a vari livelli e mezzi mediatici, che continuano a celebrare le squadre d’Albione, superfavorite,  ‘ 0 meglio, d’un altro pianeta’  assicurano, rispetto ( è ovvio) alle nostre e ( non solo)  alle nostre.
Il segreto dei loro prodigi starebbe nella corsa e nella tecnica mostrata in corsa. Senza però chiedersi che quando c’è uno che corre ( e smista) più assiduamente d’un altro per ben oltre i 90′ minuti di gara,  a parte la preparazione spesso ( curiosamente) svolta da tecnici  nostrani, qualcosa dovrà pur mangiare, o deglutire, per mantenere  inaccessibili  i suoi standard.
Eppoi siamo proprio sicuri che del coriaceo Bayern o dell’imberbe  Ajax o del sempiterno Real possano esse far un sol boccone? Tra le nostre, anche se non entrate nell’Olimpo, qualcuna potrebbe ( sul tema)  dir la sua, non per giustificarsi ma per capire la differenza tra noi e quegli gli esseri giunti da altri mondi.
Il Milan, ad esempio, contro quegli imbattibili Reeds , sia all’andata che al ritorno, se non erriamo, almeno per buona parte del duplice confronto, avanti erano o no? E come ma al cospetto di cotanti mostri? Contro i quali, poi, i nostri non hanno retto. E del resto come avrebbero potuto contro chi fatica  e affanno non sente ?

A proposito di Milan, forse qualcuno ha notato che grazie alla sua sconfitta abbinata alla vittoria  del mai defunto  Atletico, e della Dea contro il Villareal , abbiamo  salvato il bilancio delle ispaniche che,  naufragio del  Barca a parte, avrebbe ( probabilmente) resuscitato in loro  se non  la sorte  dell’Invincibile Armada? 

QUALFICATE: OTTAVI CHAMPIONS: Inter e Juve; OTTAVI EUROPA LEAGUE: ( spareggi) Napoli, Lazio; OTTAVI CONFERENCE, ( diretta) Roma.

( dal 5 dicembre 2021). La signorina Sofia è salita per tre volte di seguito  in tre  discese sul più altro gradino del podio a Lake Placid ( Canada). Ora, con 315 punti, insegue nella generale  di Coppa del Mondo la Shiffrin ( 4o5 punti).
A breve sono annunciate, questa volta in Europa, quattro gare di velocità, la prima in val d’Isere, con la nostra fasciata da due pettorali rossi, in libera e in superG. Per Isolde Kostner, 46 anni, vincitrice di 12 discese  libere e 3 super G, la nostra Sofia , 29 anni, ha tutto le carte in regola per aggiudicarsi non solo le classifiche di specialità ma anche la  generale.

Continuano intanto  a pastrocchiare in F1, questa volta anche tra i muretti della pista miliardaria di Gedda. Horner, team principal Red Bull, ha sbottatto: ‘ Ho rimpianto la direzione gara di Charlie Whiting‘. Difficile dargli torto. Anzi, sono pochi a dargli torto. Al contempo il Max ex ‘sfascia rosse’, ha aggiunto: ‘ Non condivido tutte le decisioni prese dai commissari …
Nel caso specifico ( tamponamento da parte di Hamilton, ndr) sono andato lungo in frenata, ma tutti e due abbiamo mancato la curva, perciò non credo siano stati giusti i secondi di penalità che mi sono stati comminati… La tendenza ormai è questa, si puniscono certi episodi, ma non è la F1 che ero abituato a guidare da quand’ero ragazzo’.
Fatto è che al campione di tutti tempi di penalità ne vengono date poche o niente; ricordiamo un tamponamento di Vettel allo stesso Hamilton, con punizione del tedesco in rosso piuttosto che dell’anglo in argento. Insomma, una storia vecchia, tanto che trai  molti ex appassionati di F1 serpeggia questa domanda ‘ Ma a chi deve andare il titolo: al pilota, o a quell’Azzeccagarbugli che gli sta al tergo con  rotoli di  grida sempre  pronte alla bisogna per salvare il suo e condannare l’altro ?’.
Storia simile, questa,  curiosamente, a quella del  povero Tramaglino che, nonostante i capponi di Agnese,  da vittima era finito colpevole,  ricercato in ogni dove. Horner, team principal e  genio delle auto  del venditore di bibite, un tempo sprezzante contro la ‘rossa‘, oggi, che ha esperimentato  cosa significa  scontrarsi col  dominio del Toto,  ha  fatto una giravolta di 360 gradi. Con ben altra visione delle cose. Esatto?
Comunque l’ardua sentenza per questo Mondiale , dopo 21 gare finite con lo stesso punteggio per i due galli del pollaio, sarà data  ad Abu Dhabi. Dove si spera di dover assistere non  ad un duello  rusticano ma da cavalieri della Tavola rotonda. Dove il giovane ( se meritevole) non debba prostrarsi  al ( solito) vecchietto sol per via d’ una folla di legulei.
Commenti dei piloti a caldo.  Lewis:’ Ho cercato di stare calmo’. Max‘Non è più F1. Ingiusta la penalità‘. Per completare la panoramica delle opinioni, la squadra di Race Anatomy ha espresso una previsione di minimo vantaggio a favore del tulipano. Ci scusino lor signori, forse per gufare?  Visto che si va dicendo in giro che il collegato Vanzini ha pronto un progetto di Mausoleo per il già sette volte campione del mondo?

La Paoletta del volley sta per volare in Anatolia, anche per sfuggire alla fame alla quale l’hanno costretta  fino ad oggi a Conegliano. Anche il Quantorena vuol scappare dal Belpaese, per lui non il campionato più prestigioso al mondo ma troppo stressante per  chi vuol godersi la pensione in santa pace.
Cosa dire? Che non sono i primi e nè saranno gli ultimi a desiderar cotanto; salvo tornar , poi, lesti lesti, laddove sono diventati qualcuno. Basta non si perdano per strada. Baci, abbracci e buon viaggio ad entrambi.

BREVI  SULL’ULTIMO TURNO DEI  DEI GIRONI CHAMPIONS.

Milan dalla festa al lutto. Visto che è stato estromesso ( un anno ancora)  dal tutto in Europa. Inter velleitaria al Bernabeu in fase di restauro, dove lascia il passo ad uno dei Real più ‘normali’  di questi ultimi anni. Tuttavia aggiudicandosi  gli ottavi.
Ora tocca alla Dea del Gasp che finora ha fatto trenta e mai trentuno contro un Villareal che il veleno porta in coda; nessun commento per la Signora che la qualificazione ha in tasca da tempo. Qualificazione, punto e basta? Nel frattempo tra le folle di commentari tivù e non solo si è tornati a cantar il ritornello ‘ gli altri corrono, noi passeggiamo’.
Ancora una volta senza chiedersi per qual ragione, o qual foraggio, loro tengono e noi molliamo. Forse bisognerebbe chiedere lumi a quello staffettista inglese che battuto dai nostri ha messo in dubbio l’onestà dei nostri?  Finendo, ma questo nessuno lo evidenzia, tra i dopati ai quali è stata tolta la medaglia d’argento che, da gentleman, e senza che nessuno glielo imponesse, avrebbe dovuto sfilarsi  dal collo?

Milan-Liverpool 1-2; Real Madrid -Inter 2-0; Juve-Malmoe 1-0; Atalanta-Villareal 2-3

IL MONDO IN CIFRE- Edizione internazionale a cura The Economist.
ANNI 2020/2022

Uno sguardo aggiornato ai PilStati Uniti ( 329 mln abitanti), 21.443 mld dollari; Cina ( 1.433 mln abitanti), 14.343 mld dollari; Giappone ( 127  mln abitanti), 5.082 mld dollari; Germania ( 83,5 mln abitanti), 3.861 mld dollari; India ( 1.364 mln abitanti), 2.869mld dollari; Regno Unito ( 67,5 mln abitanti), 2.829 mld dollari; Francia ( 65 mln abitanti), 2.716 mld; Italia ( 60,6 mln abitanti), 2.004  mld dollari.

Quanto si dice che la Cina è il primo colosso  economico al mondo si sbaglia: infatti, se questi dati non sono esibiti a vanvera, il divario tra le due superpotenze economiche planetarie è ancora piuttosto ampio a favore del paese con la bandiera stelle e strisce ( oltre 7mila mld, più o meno quanto i pil di Germania e Francia assommati).
Precisando inoltre che sui dati cinesi resta il sospeso sulla loro effettiva attendibilità, che se in realtà risultasse al ribasso non meraviglierebbe nessuno. Simil discorso si potrebbe fare sugli investimenti militari effettuati dai due Paesi, ma con ( eventuale)  revisione inversa.

Qui gli americani dichiarano 738 mld d’investimenti, i cinesi ( solo) 193 mld.

Che non sembrano tanti a fronte dei notevoli impegni in tutti i settori della difesa della Cina in questi ultimi anni.  Per raggiungere e superare i cinesi ( 2.035 mln di uomini in divisa, contro 1.388 degli Usa), tanto per svelare una curiosità, ci vorrebbe un’ Europa  tutta d’un pezzo che invece di spendere e spandere a vanvera ciascun stato pro domo sua, mettesse dentro un’unica cassa i suoi ( tanti) investimenti. Che  ( limitatamente ai primi) sono  questi:  Regno Unito 61,5 mld, Francia 55 mld, Germania 51 mld, Italia 30 mld.

Ti potrebbe interessare anche...