Arte & Cultura

 

Santarcangelo d/R. ‘Ricordi e amnesie’ (1999), per ritrovare il bizzarro mondo di Federico Moroni.

Santarcangelo d/R.  ‘Ricordi e amnesie’ (1999), per ritrovare il bizzarro mondo di Federico Moroni. Cogliere l’attività e il mondo di Federico Moroni non è semplice. Ci ha provato con grande sensibilità e acume Luca Cesari, l’autore della prefazione di ‘Ricordi e amnesie’, un testo uscito nel maggio 1999, poco noto al grande pubblico, ma per molti aspetti indispensabile per definire la complessiva dimensione del personaggio ( soprattutto ) in campo grafico - pittorico.' Moroni - avverte Luca Cesari, in ‘Ricordi e amnesie’ - ha tirato fuori di dentro tutto quello che, nella vita, gli è stato più caro, ovvero, da Armstrong allo spiritello Gni fin al giardino di Bob. Oltre ad ambienti, figure, affetti, capaci di raccontare in modo giocondo ed arguto, la sua amicizia per gli uomini e per gli oggetti'. Senza dimenticare, non sia mai, la straordinaria esperienza didattico-artistica-pedagogica realizzata (con prestigioso riconoscimento internazionale) nel corso d’un decennio alla scuola del Bornaccino. E ben esplorata in ‘Arte per nulla’ ( 1964). In cui l’autore indugia su quell’ eterno e inesauribile ‘zibaldone’ dove lo ‘strampalato’ mondo di Federico ‘gorgoglia appieno come fonte di sorgente per sue tele ’. Con i suoi rottami, le sue ferraglie, i cocci di bottiglia, i panni stesi ad asciugare, le giostre, le fiere, i cortili, il manifesto stinto del Circo, le corse ciclistiche e gli ex Voto dei pittori. Il tutto integrato da osservazioni, riflessioni, intuizioni sul mestiere di pittore, sul significato dei colori, sul gioco della linea e della forma.

 Federico Moroni ( 1914-2000), santarcangiolese, è uno dei personaggi più prolifici e originali della cultura, dell’arte e della didattica della  Romagna del Dopoguerra. Attratto ( in gioventù ) dal neorealismo, poi abbandonato  non senza qualche titubanza, è andato ( negli anni) via via cercando  altri riferimenti e interessi: scoprendo Kafka, [...]

26 marzo 2020 0 commenti

Forlì. La cultura non si ferma: riaprono i musei San Domenico, palazzo Romagnoli e la ‘Saffi’.

Forlì. La cultura non si ferma: riaprono i musei San Domenico, palazzo Romagnoli e la ‘Saffi’. Dopo lo stop obbligato, riaprono con misure precauzionali per il contenimento del contagio le sedi museali del San Domenico, palazzo Romagnoli e della biblioteca Saffi. A darne notizia sono il sindaco Gian Luca Zattini e l’ass.re alla Cultura Valerio Melandri. Il messaggio che vogl' Il messaggio che vogiamo dare- sottolinea il Sindaco - è quello di un progressivo ritorno alla normalità, seppur in maniera graduale e contingentata. La cultura non si ferma; c'è bisogno di fiducia e con la riapertura dei musei e delle grandi mostre, ci poniamo proprio questo obiettivo'. Per la biblioteca Saffi l'accesso sarà garantito a 20 persone contemporaneamente sedute ai tavoli di consultazioni e studio, ad almeno un metro di distanza l'uno dall'altra. La consegna e il ritiro dei libri alla reception sarà possibile una persona alla volta. Infine, per le sedi bibliotecarie decentrate, sarà possibile solo la consegna e il ritiro dei libri alla reception, una persona alla volta.

Forlì, 2 marzo. Dopo lo stop obbligato della scorsa settimana, riaprono con misure precauzionali per il contenimento del contagio le sedi museali del San Domenico, palazzo Romagnoli e della biblioteca Saffi. A darne notizia sono il sindaco Gian Luca Zattini e l’ass.re alla Cultura Valerio Melandri. COMMENTO. “In accordo con la Fondazione [...]

17 marzo 2020 1 commento

Cesena. Le bellezze cesenati protagoniste su Tv2000 e Radio vaticana. Sabato 21, canale 28.

Cesena. Le bellezze cesenati protagoniste su Tv2000 e Radio vaticana. Sabato 21, canale 28. La città di Cesena sabato 21 marzo alle 14,25 verrà raccontata su Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre). Dai misteri della Rocca Malatestiana agli angoli più nascosti dell’Abbazia di Santa Maria del Monte, le telecamere di 'Capoluoghi d’Italia' di Tv2000 raccontano gli angoli storici del Comune malatestiano che, sorvegliato dal fiume Savio, sorge ai piedi dei colli Garampo e Spaziano. Con la diciassettesima puntata della trasmissione condotta dal giornalista Mario Placidini il tradizionale appuntamento dedicato ai Borghi italiani diventa Capoluoghi approdando a Cesena. Con la diciassettesima puntata della trasmissione condotta dal giornalista Mario Placidini il tradizionale appuntamento dedicato ai Borghi italiani diventa Capoluoghi approdando nella bella città romagnola.

CESENA. Si accendono i riflettori sulle bellezze della città di Cesena che sabato 21 marzo alle 14,25 verrà raccontata su Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre). Dai misteri della Rocca Malatestiana agli angoli più nascosti dell’Abbazia di Santa Maria del Monte, le telecamere di ‘Capoluoghi d’Italia‘ di Tv2000 raccontano gli [...]

16 marzo 2020 0 commenti

Mura storiche: approvato intervento di consolidamento e di restauro nel tratto di via Zagarelli alle Mura.

Mura storiche: approvato intervento di consolidamento e di restauro nel tratto di via Zagarelli alle Mura. Si tratta del percorso murario di via Zagarelli alle Mura tra le vie Giovanni Pascoli e Giuseppe Mazzini; tali mura risalgono al periodo dell’imperatore Valentiniano III. Sono previsti lavori di rimozione delle erbe infestanti, arbusti e alberi e di consolidamento delle mura che presentano lesioni e cedimenti con la ricostruzione dei tratti crollati attraverso chiodature e tiranti e il ripristino dei riempimenti con iniezioni di resina epossidica a bassa viscosità miscelata con inerte dello stesso tipo di materiale di cui è costituita la muratura per la sigillatura sia delle fratture superficiali sia di quelle profonde. Una volta eseguito l’intervento strutturale di consolidamento si potrà quindi procedere al restauro degli elementi decorativi con l’impiego di materiali idonei a garantirne la conservazione senza eliminare la patina del tempo.

RAVENNA. E’ stato approvato dalla Giunta un intervento di consolidamento delle mura cittadine, di restauro degli elementi decorativi e messa in sicurezza. Si tratta del percorso murario di via Zagarelli alle Mura tra le vie Giovanni Pascoli e Giuseppe Mazzini; tali mura risalgono al periodo dell’imperatore Valentiniano III. Sono previsti [...]

12 marzo 2020 0 commenti

Forlimpopoli. Segavecchia (per ora) rimandata al dopo Pasqua. Ma senza sminuire la sua anima secolare.

Forlimpopoli. Segavecchia (per ora) rimandata al dopo Pasqua. Ma senza sminuire la sua anima secolare. Mirco Campri, presidente dall'Ente folkloristico che da anni organizza la manifestazione ha dichiarato: 'L'emergenza dovuta al Coronavirus non ci lascia certamente indifferenti e siamo consapevoli delle difficoltà che la sua gestione comporta a livello locale e nazionale. A Forlimpopoli però non abbiamo perso la speranza che la Segavecchia si possa svolgere comunque, ovviamente non appena l'emergenza si sarà risolta. Questo perché crediamo che, anche se si svolgerà in un altro periodo dell'anno, la Segavecchia se non altro potrà ritrovare il suo significato primario, ovvero quello di una festa che segna la rinascita, l'inizio della bella stagione, la voglia di stare insieme e di recuperare uno spirito positivo. Mai come ora c'è bisogno di ritrovare uno spirito positivo che faccia pensare allo stare bene insieme e a ritrovare il significato di comunità, quello vero, quello più intenso, di cui in questi giorni stiamo sentendo la profonda mancanza. Insieme all'Amministrazione comunale - conclude Mirco Campri - e ai protagonisti di questa manifestazione, gli esercenti del Luna Park, per non perdere la possibilità di tenere le sfilate, abbiamo ipotizzato un secondo periodo per lo svolgimento della festa, dal 13 al 19 aprile, un periodo inusuale, fuori dalla Quaresima in cui solitamente la Segavecchia si tiene ogni anno. E' chiaro che questa seconda data sarà resa definitiva e ufficializzata solo qualche giorno prima, compatibilmente con quelle che saranno le indicazioni delle autorità. Per ciò che attiene al programma questo si articolerà nelle modalità originali. Tutto ciò che è stato previsto sarà semplicemente spostato di periodo, ma le attività e gli eventi sono tutti confermati'.

FORLIMPOPOLI. Come già comunicato dal sindaco di Forlimpopoli, Milena Garavini, come tutte le manifestazioni pubbliche sul territorio regionale anche la Segavecchia non potrà tenersi nel periodo precedentemente indicato. Gli organizzatori, insieme con l’Amministrazione comunale hanno però concordato un possibile slittamento della festa, a metà di aprile, dopo la Pasqua. Mirco Campri, [...]

10 marzo 2020 0 commenti

Ravenna. Video doc sugli itinerari danteschi. In 11 capitoli il racconto dei luoghi storici vissuti dal Poeta.

Ravenna. Video doc sugli itinerari danteschi. In 11 capitoli il racconto dei luoghi storici vissuti dal Poeta. Scritto e diretto da Giacomo Banchelli e Vitaliana Pantini, si pone come visita guidata di circa 20 minuti che attraverso una sequenza di undici capitoli, raccontando di Dante Alighieri a Ravenna, conduce ai luoghi storici vissuti forse dal Poeta o citati nella Divina Commedia.Nel susseguirsi delle immagini si può godere inoltre di una visione complessiva del centro storico, dei monumenti Unesco e della pineta di Classe (la pineta di Dante) presentando quindi un territorio ricco di bellezze culturali e artistiche da scoprire. Visibili anche i bellissimi otto monumenti Unesco, durante il soggiorno di Dante a Ravenna già esistenti, con gli splendidi mosaici da lui ammirati e che hanno probabilmente ispirato tanti versi nella sua grande opera: le basiliche di San Vitale, Sant’Apollinare in Classe, Sant’Apollinare Nuovo, i battisteri Neoniano e degli Ariani, il Mausoleo di Galla Placidia e quello di Teodorico. Non manca una breve sosta alla prestigiosa Collezione dei 21 mosaici moderni a soggetto dantesco 'Inferno e Paradiso' esposti al museo TAMO. Questi i capitoli: La tomba di Dante, Il Quadrarco di Braccioforte; La basilica di San Francesco, Gli antichi chiostri francescani, Il Museo dantesco, Il Centro dantesco, La vicenda delle ossa, La biblioteca Classense, Gli affreschi di Santa Chiara, La basilica di Santa Maria in Porto, Le case, La pineta di Classe, La Divina Commedia e i Mosaici.

Ravenna, 5 marzo 2020. Scritto e diretto da Giacomo Banchelli e Vitaliana Pantini, si pone come visita guidata di circa 20 minuti che attraverso una sequenza di undici capitoli, raccontando di Dante Alighieri a Ravenna, conduce ai luoghi storici vissuti forse dal Poeta o citati nella Divina Commedia.Nel susseguirsi delle immagini [...]

Rimini. Riaperti i luoghi della cultura. Visitatori a Castel Sismondo, operativi i Musei e la Gambalunga.

Rimini. Riaperti i luoghi della cultura. Visitatori a Castel Sismondo, operativi i Musei e la  Gambalunga. Una decina le persone che nelle prime due ore di apertura hanno varcato la soglia di Castel Sismondo per visitare la mostra Fellini 100. Genio Immortale, che alle dieci di questa mattina ha riaperto al pubblico dopo lo stop forzato della scorsa settimana previsto dalla precedente ordinanza ministeriale. Diverse anche le telefonate arrivate alla sede espositiva per avere informazioni circa l’apertura della mostra, che è tornata ad essere visitabile in virtù delle nuove misure contenute nel Dpcm e in vigore fino all’8 marzo. Oltre al Castello si sono riaperte le porte del Museo della città, della Domus del chirurgo e della biblioteca Gambalunga: tutti spazi culturali nuovamente a disposizione della città nelle modalità previste dal decreto della presidenza del Consiglio, cioè assicurando una fruizione contingentata o comunque tale da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico.

RIMINI. Sono state una decina le persone che nelle prime due ore di apertura hanno varcato la soglia di Castel Sismondo per visitare la mostra Fellini 100. Genio Immortale, che alle dieci di questa mattina ha riaperto al pubblico dopo lo stop forzato della scorsa settimana previsto dalla precedente ordinanza [...]

Faenza. Al Voltone della Molinella, dal 4 al 16 marzo, mostra su Tonino Guerra. Il centenario della nascita.

Faenza. Al Voltone della Molinella, dal 4 al 16 marzo, mostra su Tonino Guerra. Il centenario della nascita. Tonino Guerra, poeta, scrittore e sceneggiatore di fama internazionale, è nato il 16 marzo 1920 a Santarcangelo di Romagna, dove è scomparso il 21 marzo 2012. Vissuto per trent’anni a Roma, con lunghe soste in Russia, divenuta sua seconda patria, alla fine degli anni ’80 si è trasferito a Pennabilli, dove era solito trascorrere lunghi periodi estivi e nella quale è sepolto. Figlio di genitori contadini (alla madre analfabeta insegnerà a scrivere), durante la Seconda guerra mondiale viene deportato in Germania e rinchiuso in un campo d’internamento dove inizia a comporre i primi versi in lingua romagnola. Nell’immediato dopoguerra pubblica la sua prima raccolta di poesie in dialetto, I scarabócc. A questa ne seguono altre, fra le quali I bu (1972. Pubblica cinquanta libri fra racconti e poesie, vincendo numerosi premi: il Pirandello, il Pasolini, il Gozzano, il Nonino, il Carducci e il Comisso. Dai primi anni ’50 si è dedicato alla sceneggiatura e ha scritto per i più grandi registi dell’epoca,compresi Vittorio De Sica, Michelangelo Antonioni, Federico Fellini, i fratelli Taviani, Elio Petri, Mario Monicelli, Francesco Rosi, Theo Anghelopulos e Andrej Tarkovskij. Oltre 120 i film da lui sceneggiati, da L’avventura di Antonioni ad Amarcord di Fellini, vincitore del premio Oscar. Ma alla Romagna, come documenta la mostra, il Maestro santarcangiolese ha dato qualcosa di più: un segno tangibile del suo passaggio.

FAENZA. In relazione a quanto riportato nel DCPM del 1 marzo 2020, all’ articolo 2 paragrafo f), allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi  del  virus SARS-COV2-2019/2020: “apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’art. 101 del codice dei beni culturali e [...]

Forlì. Teatro Diego Fabbri: sospesi gli spettacoli fino all’8 marzo prossimo. Aggiornata la programmazione.

Forlì. Teatro Diego Fabbri: sospesi gli spettacoli fino all’8 marzo prossimo. Aggiornata la programmazione. In seguito al Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2020 che sospende 'tutte le manifestazioni organizzate, di carattere non ordinario, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d'esempio, grandi eventi, cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose', gli spettacoli programmati al teatro Diego Fabbri di Forlì sono annullati fino a domenica 8 marzo compresa. Di seguito la situazione aggiornata delle nuove date di spettacolo. Il comunicato sarà aggiornato sulla base di ulteriori, eventuali Decreti e/o Ordinanze.

FORLI’. In seguito al Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2020 che sospende ‘tutte le manifestazioni organizzate, di carattere non ordinario, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma [...]

Faenza. Gli acquarellisti del ‘Drei’ rinviano le attività previste durante la primavera al periodo estivo.

Faenza. Gli acquarellisti del ‘Drei’ rinviano le attività previste durante la primavera  al periodo estivo. Modifiche. L’evento del 3 marzo in associazione Acquerellisti (c/o Centro sociale Corbari, via Canal Grande 46 a Faenza), che prevedeva l’intervento del prof. Pietro Lenzini, all’interno delle Serate artistiche degli Acquerellisti, è quindi rinviato, così come tutto il calendario delle Serate artistiche e di approfondimento, nonché l’inaugurazione già annunciata per sabato 7 marzo alle 17.30 della mostra dei soci Acquerellisti al Molinella Café di Faenza. La mostra sarà comunque allestita e visitabile da sabato 7 marzo come da programma. Le attività di tesseramento del martedì in Associazione sono comunque aperte.

FAENZA. Tenendo conto del protocollo di contenimento rischi per Coronavirus, l’associazione Acquerellisti faentini ‘Silvano Drei’ rinvia tutte le attività programmate del periodo primaverile al periodo post estivo con una nuova programmazione che verrà opportunamente diffusa. L’evento del 3 marzo in associazione Acquerellisti (c/o Centro sociale Corbari, via Canal Grande 46 a [...]