Arte & Cultura

 

Santarcangelo d/R. Elia, cronista della sua città. Un diario voluminoso e ricco di uomini e storie.

Santarcangelo d/R. Elia, cronista della sua città. Un diario voluminoso e ricco di uomini e storie. Lo hanno chiamato ‘giornale di notizie’ o anche più semplicemente ‘diario’, il voluminoso tomo uscito dalla incredibile raccolta di ‘note’ sulla vita cittadina ( ‘ Giornale di Notizie riguardanti Santarcangelo d/R 1700/1905 ) lasciato in eredità da Elia Gallavotti, protocollista comunale, nato a Santarcangelo il 21 giugno 1820 e qui deceduto l’8 febbraio 1909. Sostenitore del sindaco Antonio Baldini, anticlericale, Elia Gallavotti si sentì ‘guardiano della cultura e della modernità’. Quanto annota non va quindi considerato come mero appunto cronachistico. Ci fu infatti in lui il tentativo di ‘sondare’ la società attorno. Nei suoi tratti salienti: il passaggio nel 1828 a città, l’approssimarsi della ferrovia che dal 1860 corre nella ‘piana romagnola’, il rapporto della città con la campagna, il dipanarsi delle innumerevoli fiere che offrivano occasione per gli scambi maggiori, il mutare delle abitudini e perfino una particolare sensibilità verso i fenomeni naturali che per lui ‘segnano’ oltre ogni normale considerazione costumi e sviluppo della città e del suo territorio. Nella Santarcangelo di Gallavotti le ‘novità arrivano a rilento’. Mentre una classe dirigente laica si formerà non prima del 1797/1799 e, comunque, di certo, dopo il passaggio napoleonico.

SANTARCANGELO d/R. Lo hanno chiamato ‘giornale di notizie’ o anche più semplicemente ‘diario’, il voluminoso tomo uscito dalla incredibile raccolta di ‘note’ sulla vita cittadina ( ‘ Giornale di Notizie riguardanti Santarcangelo d/R 1700/1905 )  lasciato in eredità da Elia Gallavotti, protocollista comunale, nato a Santarcangelo  il 21 giugno 1820 [...]

18 ottobre 2018 0 commenti

Rimini. Antico/presente. Il Festival del Mondo antico xx edizione. Dialoghi tra Oriente e Occidente.

Rimini. Antico/presente. Il Festival del Mondo antico xx edizione. Dialoghi tra Oriente e Occidente. Nel nome di Sigismondo e del rapporto tra Oriente e Occidente si sono concluse le tre giornate della XX edizione del Festival del Mondo antico. Un pubblico variegato per età, intereressi e cultura, ha dimostrato di apprezzare l’intero palinsesto, seguendo numeroso tutti gli appuntamenti: dall’anteprima del Festival, dedicata a un antesignano del dialogo interreligioso, Filone Alessandrino, alla lectio magistralis di Marta Cartabia e Luciano Violante che hanno sottolineato l’importanza dell’ascolto e della prudenza nell’esercitare la giustizia; dall’affascinante racconto dei tesori antichi, ammirati nella Turchia degli anni ’60 del Novecento, e del confronto con la realtà attuale, reso attraverso il ricordo di Valerio Massimo Manfredi e la cronaca di Marco Guidi, alla serata che ha visto Vito Mancuso, introdotto da Marco Bertozzi, argomentare un tema arduo quale quello dell’immortalità dell’anima, in un simbolico omaggio al signore di Rimini che quasi 600 anni fa aveva organizzato alla sua corte una disputa filosofico-religiosa intorno al medesimo argomento; dalla giornata di studi che ha esplorato i rapporti fra Oriente e Occidente nell’epoca di Sigismondo, all’incontro tenuto da Silvia Ronchey sulla splendida Cleopa Malatesta e i misteri che ancora avvolgono la sua breve vita e la sua morte a Mistrà; dalle influenze dell’arte ellenistica sulle prime espressioni dell’immagine di Buddha illustrate da Alberto De Simone all’influenza della moda orientale in Occidente, ben documentata lungo i secoli da Maria Giuseppina Muzzarelli in un piacevole excursus attraverso tanti capolavori pittorici; dal tutto esaurito degli 'Aperitivi con l’Autore' e delle visite guidate alla Domus del chirurgo e nelle sale del Museo della Città, agli spettacoli allestiti a Castel Sismondo e in sala Pamphili e fino alle proposte più alternative rivolte ai giovani quali il 'concerto parlato' al bar Lento e le 'letture spiritiche' che hanno segnato il congedo dal Festival.

RIMINI. Ha rispettato le attese la XX edizione del Festival del Mondo antico svoltasi lo scorso weekend (12-14 ottobre), che nel titolo, TRA ORIENTE E OCCIDENTE. DIALOGHI NEL TEMPO, preannunciava un tema di ampio respiro e dalle infinite sfaccettature; tema declinato all’insegna del dialogo e dell’ascolto intorno alla figura di [...]

17 ottobre 2018 0 commenti

Bellaria Igea Marina. Passato e futuro al ‘Pensatoio Panzini’. Il Sindaco: un ‘ grazie’ alle forze dell’Ordine.

Bellaria Igea Marina. Passato e futuro al ‘Pensatoio Panzini’. Il Sindaco: un ‘ grazie’ alle forze dell’Ordine. Con il primo workshop, sul tema ‘Come i social e la tecnologia hanno cambiato la nostra vita’, è iniziato il nuovo corso del Pensatoio. E inoltre: il ringraziamento del sindaco Ceccarelli alle forze dell'Ordine per i servizi prestati alla città nel corso dell'estate. Con la capitaneria di Porto che, proprio di recente, ha fatto gradita visita al sindaco Ceccarelli nella persona del capitano di fregata Pietro Augusto Walter Micheli, neo comandante provinciale, accompagnato nell’occasione dal comandante Giuseppe Giliberti, che guida l’Ufficio locale di Bellaria Igea Marina.

BELLARIA IGEA MARINA. Con il primo workshop, sul tema ‘Come i social e la tecnologia hanno cambiato la nostra vita’, è iniziato  il nuovo corso del Pensatoio. La storica pertinenza di Casa Panzini diviene sede di coworking e formazione su social media marketing, grafica, fotografia e, in generale, tutto ciò [...]

17 ottobre 2018 0 commenti

Ravenna. ‘GialloLuna NeroNotte’, fra giallo e fantascienza . 26 ottobre – 4 novembre: incontri con gli autori.

Ravenna. ‘GialloLuna NeroNotte’, fra giallo e fantascienza . 26 ottobre – 4 novembre: incontri con gli autori. In programma una mostra dal titolo 'Urania e gli altri mondi' dedicata a Franco Brambilla, creatore delle copertine di Urania, alla sala Muratori della Biblioteca Classense, in collaborazione con l’Istituzione Biblioteca Classense (inaugurazione il 26 ottobre alle ore 18, aperta fino all’11 di novembre). Intervengono, oltre allo stesso illustratore Brambilla: Elsa Signorino, assessore alla Cultura del comune di Ravenna, Maurizio Tarantino, direttore Biblioteca Classense, gli scrittori Maico Morellini e Dario Tonani. Da segnalare un’anteprima d’eccezione: il 27 ottobre (ore 17.30) la casa editrice Neri Pozza presenterà a 'GialloLuna NeroNotte' la prima edizione italiana della versione originale di 'Frankenstein'. Interverranno Nadia Fusini (che si è occupata dell’introduzione all’edizione) e Alessandro Fabrizi (responsabile della nuova traduzione, in uscita proprio in questi giorni). Sarà inoltre presente, per l’incontro dal titolo 'La fantascienza nasce donna', la scrittrice Francesca Bertuzzi. La giornata del 27 si aprirà alle ore 10.30 con il convegno dal titolo 'Prometeo, la creatura di Frankenstein e i robot protocollari', realizzato in collaborazione con il Dipartimento Beni culturali dell’Università di Bologna – Campus di Ravenna. Intervengono: Alessandro Iannucci, Nevio Galeati, Dario Tonani.

RAVENNA. Per il suo sedicesimo compleanno il festival ‘GialloLuna NeroNotte‘, organizzato a Ravenna dal 26 ottobre al 4 novembre 2018 dall’associazione culturale Pa.Gi.Ne., presenta molte novità e preziose collaborazioni, nel duecentesimo anno dalla prima pubblicazione di ‘Frankenstein’ di Mary Shelley, edita in forma anonima per la prima volta nel 1818. [...]

17 ottobre 2018 0 commenti

Massa Lombarda. Parte la stagione teatrale. Aperta la prevendita degli abbonamenti 2017/2018.

Massa Lombarda. Parte la stagione teatrale. Aperta la prevendita degli abbonamenti 2017/2018. Venerdì 22 febbraio sarà la volta di 'Chi ce lo ha fatto fare?', una produzione della Bottega del buonumore di e con Marco Dondarini e Davide Dalfiume. Una comicità fresca che mantiene un legame con la grande tradizione comica italiana. Non c'è situazione quotidiana che i due non riescano a trasformare in motivo di gag. Madrelingua della comicità traducono in pièce ogni situazione. Per la platea lo spettacolo inizia quando si apre il sipario, ma gli organizzatori li vedono all'opera già nei camerini. Stakanovisti della risata li possiamo incontrare nella vita quotidiana mentre ci spiano per preparare i loro prossimi sketch: il pubblico stesso è la musa ispiratrice del duo e per questo motivo gli sono sentitamente grati. Marco Dondarini e Davide Dalfiume sembrano perdere la bussola tra equivoci e fraintendimenti reciproci, ma poi riescono a impadronirsi del timone e come due capitani di lungo corso fanno navigare il pubblico in un mare di risate. Una comicità che è il punto d’incontro di percorsi e stili differenti che si intrecciano e si scontrano continuamente dando origine a un'inaspettata alchimia. In questo spettacolo cercheranno di dare una risposta alla domanda: 'Chi ce l'ha fatto fare?'. La rassegna si conclude sabato 2 marzo con Vito e lo spettacolo 'Il bar al portico', di Enrico Saccà. Ognuno di noi, prima o poi, incappa in un bar di provincia dall’arredo orribile e dalla clientela a dir poco pittoresca; ecco, 'il bar al portico' è quel tipo di locale lì. Chi lascia la via Emilia e si infila nel dedalo di viuzze che si perdono nella bassa, gira che ti rigira prima o poi lo troverà. Da quarantacinque anni resiste a ogni sorta di moda e di crisi, per la gioia dei suoi affezionati avventori e per lo stupore dei pochissimi forestieri che vi capitano.

MASSA LOMBARDA. Ritornano gli spettacoli nella sala del Carmine di Massa Lombarda, in via Rustici 2. La stagione teatrale 2018/2019, che inizierà il 10 novembre e proseguirà fino a marzo, è composta da cinque appuntamenti dedicati alla comicità con qualche incursione musicale. Si comincia sabato 10 novembre con lo spettacolo [...]

17 ottobre 2018 0 commenti

Giovecca di Lugo. In ‘Autunno letterario’ diventano protagonisti due libri di Eraldo Baldini.

Giovecca di Lugo. In ‘Autunno letterario’ diventano protagonisti due libri di Eraldo Baldini. Nel primo libro, Eraldo Baldini, l’antropologo culturale che più di ogni altro ha indagato la cultura popolare della Romagna, conduce con questo libro in un viaggio fra diverse occasioni del festivo, portando il lettore a scoprirne le vecchie forme e i reconditi significati. Un viaggio nel passato per meglio comprendere un substrato culturale che ancora oggi ci definisce e ci influenza. Il secondo titolo è invece dedicato al rapporto della popolazione romagnola con l’ambiente, le sue risorse e le sue espressioni più problematiche o catastrofiche. Eraldo Baldini e Aurora Bedeschi ricostruiscono questo quadro per la Romagna, relativo agli oltre 1.200 anni che vanno dall’alba del Medioevo all’ultima epidemia di peste che interessò l’Italia settentrionale, nella seconda metà del Seicento. La rassegna 'Autunno letterario' continua fino al 30 ottobre con nuovi interessanti appuntamenti letterari.

LUGO. Gli appuntamenti con l’Autunno letterario di Giovecca di Lugo continuano martedì 16 ottobre alle 21 con una doppia presentazione. Nel centro civico di via Ferrara 7, Eraldo Baldini presenta infatti due suoi libri. Protagonisti della serata saranno i volumi I giorni del sacro e del magico. Tradizioni ‘dimenticate’ del ciclo [...]

15 ottobre 2018 0 commenti

Ravenna. Celebrazioni, 20 ottobre – 4 novembre, della Grande guerra.Mostra a palazzo Rasponi.

Ravenna. Celebrazioni,   20 ottobre – 4 novembre, della Grande guerra.Mostra a palazzo Rasponi. 'L’Amministrazione – afferma l’assessore alla Cultura Elsa Signorino – ha voluto sottolineare la ricorrenza del centenario della fine della Grande guerra con una serie di importanti iniziative culturali focalizzate sul tema della guerra in generale per stimolare una profonda riflessione sulla opportunità e sul valore della pace. Per questo sosteniamo volentieri gli eventi proposti dai Lions che con l’autorevolezza dei relatori, delle immagini, dei contenuti e di altre importanti produzioni culturali concorre a rafforzare la nostra azione rievocativa intesa a tenere viva la memoria perché ciò che è accaduto non accada mai più e compiere un dovere informativo/formativo nei confronti delle nuove generazioni'. Si comincia sabato 20 ottobre, alle 10.30, con l’inaugurazione, a palazzo Rasponi dalle Teste, della mostra dal titolo 'Memorie della Grande guerra a 100 anni dalla fine del conflitto'.

RAVENNA. Sabato 20 ottobre verrà inaugurato ufficialmente un periodo di celebrazioni, che durerà sino a domenica 4 novembre, per onorare la fine della Grande guerra, dalla quale la nostra nazione uscì vincitrice ma a prezzo di molte vite umane: giovani e adulti che, in ossequio all’amor di Patria, da ogni [...]

12 ottobre 2018 0 commenti

Cesena. Ermanno Olmi con ‘ Terra madre’ inaugura la rassegna ‘Al cinema con le Associazioni’.

Cesena.  Ermanno Olmi con ‘ Terra madre’ inaugura la rassegna ‘Al cinema con le Associazioni’. Il maestro del cinema mondiale Olmi ha costruito questo documentario prendendo spunto dalla seconda edizione del meeting 'Terra madre', che riunisce agricoltori, distributori, promotori e studiosi di agricoltura e allevamento a misura d'uomo e progetti di decrescita. 'Terra madre' si rivela un film d’inchiesta limpidamente autoriale, che fa i conti con il destino del pianeta, proponendo il proprio punto di vista sul tema del cibo e delle implicazioni economiche, ecologiche e sociali ad esso correlate. Associando le riprese e le interviste fatte durante la conferenza ad immagini di repertorio e altre storie, Olmi costruisce la vicenda di un uomo che si è ritirato a vivere in un piccolo podere isolato dal mondo, pur essendo a pochi passi dalla città industrializzata. Nel film si ritrova una poetica riconoscibile e riconducibile a tutta la sua opera precedente ma sorprendente per la sua unicità formale nel panorama del genere documentario.

CESENA. Sabato 13 ottobre iniziano gli appuntamenti di ‘Al cinema con le Associazioni‘, ciclo organizzato dal Coordinamento comunale del Volontariato. Appuntamento alle 15.30 al Cinema San Biagio per la proiezione di ‘Terra madre’ di Ermanno Olmi. Il maestro del cinema mondiale Olmi ha costruito questo documentario prendendo spunto dalla seconda [...]

12 ottobre 2018 0 commenti

Gatteo. ‘ Buon compleanno Ceccarelli!’. La Biblioteca festeggia il decennale. Bilancio positivo.

Gatteo. ‘ Buon compleanno Ceccarelli!’. La Biblioteca festeggia il decennale. Bilancio positivo. Per festeggiare il compleanno e il successo della Biblioteca per tre giorni il Comune di Gatteo organizza spettacoli teatrali, notte in biblioteca, colazione in compagnia, visite guidate al centro storico, laboratori didattici per bambini e di arte-terapia per adulti, reading di poesia e la presentazione del libro di Roberto Mercadini 'Storia perfetta dell’errore'. La festa si apre all’oratorio San Rocco, venerdì 12 ottobre alle 21, in occasione della Giornata nazionale per le persone con la Sindrome di Down, con lo spettacolo “Mio fratello rincorre i dinosauri” con Christian Di Domenico. Con lo spettacolo, tratto dal libro omonimo di Giacomo Mazzariol, Di Domenico porta sul palco la storia di due fratelli, Giacomo e Giovanni. Uno dei due è Down. E’ dunque il racconto di come Giacomo impara a convivere con il cromosoma in più di Giovanni, e nel farlo gli spettatori sono trascinati dentro una vicenda umana complessa ma meravigliosa. Si prosegue sabato 13 ottobre con 'Una notte….in Biblioteca'. Come nel famoso film Notte al Museo la Biblioteca apre i battenti 'fuori orario' per far vivere una esperienza unica e divertente ai bambini delle elementari. Dalle 20, la Biblioteca si animerà grazie ad un laboratorio con spettacolo di narrazione e… alle 23 tutti a nanna in Biblioteca. Al mattino poi un dolce risveglio per tutti grazie ad una golosa colazione.

GATTEO.  Grande festa per il decennale della biblioteca comunale ‘Giuseppe Ceccarelli’ di Gatteo. Da venerdì 12 a domenica 14 ottobre si svolgeranno le celebrazioni per festeggiare il decimo compleanno dell’attivissima Biblioteca, che in dieci anni è diventata la terza Biblioteca più frequentata della Valle del Rubicone  dopo le biblioteche di Savignano [...]

11 ottobre 2018 0 commenti

Ravenna. Museo ‘Classis’: domenica 14 ottobre anteprima per circa 300 visitatori. La legio I Italica.

Ravenna. Museo ‘Classis’: domenica 14 ottobre anteprima per circa  300 visitatori. La legio  I Italica. Scene di vita dal passato, domenica 14 ottobre al Classis Ravenna - Museo della Città e del Territorio, grazie alla Legio I Italica si potrà rivivere l'atmosfera di un accampamento militare romano e scoprirne le consuetudini accedendo liberamente agli spazi esterni che circondano il Museo, per l'occasione trasformati in un castrum ravennate. Nell'occasione, per 300 persone, dalle ore 14 alle ore 17, sarà possibile accedere alla sala proiezioni del Classis per assistere in anteprima esclusiva al video Ravenna Capitale, che diventerà parte integrante dell'apparato multimediale del Museo. Il filmato ripercorre le principali fasi storiche che portarono Ravenna a diventare una grande capitale. Ingresso gratuito, su prenotazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

RAVENNA. Nell’ambito dell’iniziativa Pace e guerra. Mare e terra. Scene di vita dal passato,  domenica 14 ottobre al Classis Ravenna – Museo della Città e del Territorio, grazie alla Legio I Italica si potrà rivivere l’atmosfera di un accampamento militare romano e scoprirne le consuetudini accedendo liberamente agli spazi esterni [...]

11 ottobre 2018 0 commenti