Arte & Cultura

 

Cesenatico. Bicia Dj (per una notte) profeta in patria. Per capodanno, la dj più amata dai Versace.

Cesenatico. Bicia Dj (per una notte) profeta  in patria. Per capodanno, la dj più amata dai Versace. Malgrado il curriculum di altissimo profilo, per la notte più lunga dell'anno, Bicia Dj ha preferito rinunciare infatti ad estenuanti trasferte e, una volta tanto, esibirsi a casa sua: 'L'unico modo per trascorrere il Capodanno tra amici - spiega - era quello di esibirmi in un locale della zona. E così, quando è arrivata la proposta del Rifugio Belvedere, ho subito accettato con entusiasmo. Anche perché si tratta di una situazione nuova, in un contesto decisamente originale, che si presta molto bene, con il mare sullo sfondo, ad uno show musicale'. Anche per la Notte di Capodanno, Bicia Dj resterà fedele al suo canovaccio artistico, proponendo musica ricercata e spigolando tra generi diversi ma uniti tra di loro dal 'fil rouge' della qualità. Una play-list che, in fondo, è una sorta di percorso autobiografico, un cammino lungo 20 anni che - dai banchi dell'istituto 'Caimmi' alla consolle del Gilda - l'hanno portata ad esibirsi nei templi più esclusivi della notte. Quella notte che, lunedì prossimo, finalmente anche a Cesenatico, ballerà al ritmo del suo sound.

CESENATICO. Dopo il brindisi in piazza, per la notte di Capodanno, Cesenatico una piccante novità: disco music con ingresso libero fino all’alba in riva al mare. E’ l’originale proposta del Rifugio Belvedere che, dopo la tradizionale cena di San Silvestro (tavoli già da tempo sold out), organizza la serata musicale [...]

31 dicembre 2018 0 commenti

Lugo. Prende forma il museo ‘Rossini’. Inaugurata la ‘Sala del prodigio’, prima di cinque.

Lugo. Prende forma il museo ‘Rossini’. Inaugurata la ‘Sala del prodigio’, prima di cinque. La 'Sala del prodigio' è incentrata sul periodo lughese di Rossini, in particolare sulle sei sonate a quattro che il compositore scrisse nel 1804 in soli tre giorni, all’età di 12 anni. In questa sala il pubblico potrà ascoltare i quattro strumenti separatamente: 'Ho preso il primo movimento della prima sonata e ho fatto suonare a ciascuno dei quattro archi la propria parte - ha spiegato Claudio Ballestracci -. Ho quindi separato quattro strumenti che solitamente vengono interpretati come uno strumento unico: questo consente all’ascoltatore di capire meglio come ragionasse Rossini, quasi come a svelare il mistero del funzionamento di una composizione. Ringrazio i musicisti che hanno collaborato con me, rendendo possibile questo progetto: Matteo Salerno, direttore scuola di musica Malerbi di Lugo, il compositore Marco Mantovani e i quattro musicisti che hanno eseguito la sonata, Antonio Lubiani (primo violino), Aldo Capicchioni (secondo violino), Anselmo Pelliccioni (violoncello) e Raniero Sampaoli (contrabbasso)'.

LUGO. Venerdì 28 dicembre è stata inaugurata la prima stanza del museo ‘Rossini’ di Lugo, allestito all’interno di Casa Rossini (via Giacomo Rocca 14). Presenti al taglio del nastro il sindaco di Lugo Davide Ranalli, l’assessore alla Cultura Anna Giulia Gallegati e Claudio Ballestracci, l’artista che ha curato l’allestimento della [...]

31 dicembre 2018 0 commenti

Misano Adriatico. Dall’Australia per una full immersion nella lingua e nella cultura del nostro Paese.

Misano Adriatico. Dall’Australia  per una full immersion nella lingua e nella cultura del nostro Paese. Sono 17 gli studenti australiani che in questi giorni sono stati ospiti del liceo linguistico 'San Pellegrino' di Misano. Un soggiorno studio che nasce dalla collaborazione internazionale rinnovata anche quest’anno tra la fondazione Unicampus San Pellegrino (FUSP) e il College servito di Perth, Australia. Ogni mattina, gli studenti australiani hanno l'opportunità di partecipare a un programma linguistico intensivo offerto dal liceo linguistico 'San Pellegrino'. Queste lezioni consentono di osservare e condividere l'esperienza scolastica italiana, per un’autentica full immersion nella lingua e nella cultura del nostro Paese.

MISANO ADRIATICO.  Sono 17 gli studenti australiani che in questi giorni sono stati  ospiti del liceo linguistico ‘San Pellegrino‘ di Misano. Un soggiorno studio che nasce dalla collaborazione internazionale rinnovata anche quest’anno tra la fondazione Unicampus San Pellegrino (FUSP) e il College servito di Perth, Australia. COMMENTO. “È sempre un [...]

27 dicembre 2018 0 commenti

Cesenatico: disposizioni comunali per la sicurezza su festività e concerto con i Moka Club di Capodanno.

Cesenatico: disposizioni comunali per la sicurezza su festività e concerto con i Moka Club  di Capodanno. Con apposita ordinanza sindacale viene vietata su tutto il territorio comunale nel periodo compreso (in modo discontinuo) fra la vigilia di Natale 2018 fino all’Epifania 2018 in orari notturni ai detentori di materiale pirotecnico non titolari di licenza, né autorizzati appositamente per manifestazioni pirotecniche, di usare nei luoghi pubblici, oppure, aperti al pubblico, materiale esplodente, far esplodere petardi, castagnole e simili artifici esplodenti e rumorosi; il divieto è esteso anche ai luoghi privati che si trovano all’interno di centri abitati e nelle adiacenze delle carreggiate stradali, marciapiedi aree verdi e viali alberati. È dunque fatto divieto di utilizzare materiale esplodente, fare esplodere petardi, castagnole e simili artifici esplodenti e fortemente rumorosi dalle ore 18:00 del 31 dicembre 2018 fino alle ore 06:00 del 1 gennaio 2019, e dalle ore 18:00 del 05 gennaio 2019 fino alle ore 06:00 del 07 gennaio 2019, in: - zona Levante, a mare della ferrovia, nelle vie comprese fra viale Trento e l’asta del porto canale, compresa la parte di Ponente e quella dei Giardini al mare; -zona Valverde, sul lungomare Carducci e le vie adiacenti fino alla ferrovia; -lungo via Cesenatico, via Campone Sala e via Canale Bonificazione ( in centro abitato di Sala) e in prossimità di uffici pubblici , luoghi di culto, luoghi di cura e di assistenza.

CESENATICO. Il 31 dicembre 2018, a partire dalle ore 20:00 fino alle ore 3 circa del 1° gennaio 2018, si terrà a Cesenatico un concerto musicale dell’orchestra spettacolo dei Moka Club in piazza Ciceruacchio, ad ingresso libero e gratuito per il pubblico. Per evidenti ragioni di sicurezza e tutela dell’incolumità [...]

27 dicembre 2018 0 commenti

La storia controversa di papa Ganganelli. Avvelenato o no? Che dire a distanza di molti anni?

La storia controversa di papa Ganganelli. Avvelenato o no? Che dire a distanza di molti anni? Giovanni Vincenzo Antonio Ganganelli , nato il 31 ottobre 1705 a Santarcangelo di Romagna, da Lorenzo Ganganelli, medico condotto, e Angela Serafina della famiglia Macci o Mazza di Montecerignone” scrive Massimo Moretti in ’ Clemente XIV Ganganelli’ ( Maggioli editore), restò orfano di padre abbastanza presto, esattamente nel 1708. La perdita del capofamiglia costrinse la famiglia a numerosi spostamenti: dapprima a Santarcangelo, appunto, e in seguito a Montegridolfo, Montecerignone e Verucchio. Dopo la morte nel 1715 del primogenito Tommaso, Giovanni Vincenzo Antonio si trasferì a Rimini per iniziare ‘il suo corso di studi presso il collegio dei Gesuiti’. Che abbandonò però nel 1720, passando nelle scuole degli Scolopi di Urbino. Il 16 maggio 1723, Giovanni Vincenzo Antonio matura definitivamente la sua vocazione religiosa abbracciando l’ordine francescano, con il nome ( assunto dal padre) di Lorenzo.Nel 1729, frate Lorenzo approdò a Roma. Dove, nonostante il coinvolgimento indiretto in un grave episodio di cronaca occorso ad un suo cugino, fece rapidamente carriera: lettore di Filosofia presso il convento S.Francesco di Ascoli, reggente di Teologia a Osimo, lettore di Filosofia a Bologna, e altro ancora, da un capo all’altro dello Stato pontificio. Un curriculum dunque intenso e prestigioso, il suo, che toccò l’apice nel 1759 con l’attribuzione della porpora cardinalizia. Divenne, quindi, consultore del Santo Uffizio. Un curriculum dunque intenso e prestigioso, il suo, che toccò l’apice nel 1759 con l’attribuzione della porpora cardinalizia.

SANTARCANGELO d/(R. Sulla ariosa piazza Ganganelli  poco o nulla c’è ormai da aggiornare. Semmai questa può essere l’occasione per completare un prezioso  ‘ recupero storico-culturale’  già avviato, qualche numero fa, su questo giornale,  con   Planco, Ruggeri e Amaduzzi . Alle loro persone, tramite una valutazione complessiva, il comune di Santarcangelo ha [...]

24 dicembre 2018 0 commenti

Rimini. Natale e festività profumate di cacao. Per celebrare il 40° anno di San Patrignano. Il menù.

Rimini. Natale e festività  profumate di cacao. Per  celebrare il 40° anno di San Patrignano. Il menù. Autore del menù dal titolo evocativo 'Le mille e un cacao' Gianluca Franzoni di Domori che ha voluto celebrare il 40° anno di San Patrignano regalando alla comunità una cena pre-natalizia in cui il cacao è stato il filo che ha unito diverse mete: Ecuador, Venezuela, Perù, Madagascar e Costa D’Avorio. Numerose le associazioni satellite di San Patrignano che, puntuali, hanno risposto all’invito a partecipare alla serata da Lazio e Veneto oltre che dalle vicine Marche e Abruzzo. Alle origini del legame tra Gianluca Franzoni e San Patrignano c’è un’assoluta sintonia su tutto quello che si definisce buona cucina, un legame nato durante l’evento Squisito e proseguito nella declinazione del panettone al cioccolato presentato in occasione di EXPO 2015. Attualmente Franzoni sta lavorando a una collezione di oggetti monogram realizzati dal laboratorio di pelletteria di San Patrignano.Il menù.

RIMINI. Il profumo di cioccolato ha inondato il grande salone di San Patrignano. Con la sua fragranza dolce, aromatica e forte ha conquistato i 300 ospiti e i 1300 ragazzi della comunità in un crescendo di gusto. Autore del menù dal titolo evocativo ‘Le mille e un cacao’ Gianluca Franzoni di [...]

24 dicembre 2018 0 commenti

Rimini. Natale e Santo Stefano: feste, iniziative e spettacoli. Per giornate uniche e indimenticabili.

Rimini. Natale e Santo Stefano: feste, iniziative e spettacoli. Per giornate uniche e  indimenticabili. Visite guidate alla scoperta della storia e degli spazi del teatro Galli Sono previste visite guidate al rinato teatro riminese per tutto il mese di dicembre nelle giornate di martedì, giovedì, sabato e domenica sia la mattina (alle 10.30 e alle 12), sia il pomeriggio (alle 15.30 e alle 17), con aperture eccezionali dal 26 dicembre al 6 gennaio. Fino al 6 gennaio- Natale a Castel Sismondo apre le porte ad un inedito Flower Market dedicato al Natale, firmato Giardini d’autore. Il pubblico può vivere un’esperienza magica, con suggestioni e colori unici, dove i materiali naturali si mescoleranno agli oggetti di arredo, alle luci e ai sapori delle feste natalizie trasformando il Castello in una fiaba moderna e romantica. La residenza di Sigismondo, allestita a festa, diventa luogo di incontri, corsi e laboratori, toccando diverse arti, dalla decorazione alla pittura, dall’arte del ricevere ai corsi di giardinaggio, tante idee e ispirazioni all’insegna della bellezza e del verde. Non mancano attività per i più piccoli con uno spazio bimbi dedicato al mondo delle fiabe. Il Castello sarà aperto nei weekend: giovedì e venerdì dalle ore 15 alle ore 19; sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 19. Ingresso libero.

RIMINI. Natale e Santo Stefano a Rimini, tutte le feste, le manifestazioni, le iniziative gli spettacoli di giornate indimenticabili . Visite guidate alla scoperta della storia e degli spazi del teatro Galli. Sono previste visite guidate al rinato teatro riminese per tutto il mese di dicembre nelle giornate di martedì, giovedì, [...]

24 dicembre 2018 0 commenti

Ravenna. Il Natale di RavennAntica: con le visite guidate a Sant’Apollinare in Classe e gli orari dei siti.

Ravenna. Il Natale di RavennAntica: con le visite guidate a Sant’Apollinare in Classe e gli orari dei siti. Da mercoledì 26 e domenica 30 dicembre 2018 e dal 2 al 6 gennaio 2019, alle ore 12 e alle ore 16, sono previste visite guidate alla scoperta della basilica di Sant’Apollinare in Classe , considerata una delle più importanti basiliche paleocristiane. CLASSIS RAVENNA. MUSEO DELLA CITTA’ E DEL TERRITORIO: Fino al 7 gennaio 2019: tutti in giorni 10 - 18 24 dicembre: 10 - 14 25 dicembre: chiuso 31 dicembre: 10 - 14 1 e 6 gennaio 2019: 10 - 18; dal 7 gennaio 2019: martedì a domenica 10 - 17 (chiuso il lunedì).

RAVENNA. Durante il periodo natalizio, da mercoledì 26 e domenica 30 dicembre 2018 e dal 2 al 6 gennaio 2019, alle ore 12 e alle ore 16 sono previste visite guidate alla scoperta della basilica di Sant’Apollinare in Classe , considerata una delle più importanti basiliche paleocristiane. Tariffe: € 3 a persona [...]

24 dicembre 2018 0 commenti

Cesena. Orari alla Malatestiana e nei Musei durante le festività. Aperture extra fino all’Epifania.

Cesena. Orari alla Malatestiana e nei Musei durante le festività. Aperture extra fino all’Epifania. La Malatestiana antica sarà visitabile dalle 10.00 alle 16.00 nelle giornate di lunedì 24, mercoledì 26, lunedì 31 dicembre e domenica 6 gennaio, mentre rimarrà chiusa nei giorni di Natale e di Capodanno. Nel restante periodo festivo, l’ orario di apertura sarà quello ordinario, ovvero dal martedì al sabato 9-16, domenica e festivi: 10-16. Si ricorda che le visite guidate si svolgono ogni 40 minuti, con ultima visita alle 15.40 nei feriali e alle 15.20 nei festivi. La Biblioteca Moderna rimarrà chiusa al pubblico lunedì 24, martedì 25, lunedì 31 dicembre e martedì 1 gennaio. Mercoledì 26 dicembre e domenica 6 gennaio sarà aperta dalle 15.00 alle 19.00. Nel restante periodo festivo, verrà adottato il consueto orario di apertura. Il servizio Fondi storici sarà chiuso il 24, 25, 26 e 31 dicembre, il 1 e 6 gennaio.

CESENA. Anche durante le festività sarà possibile visitare la Biblioteca malatestiana, la Pinacoteca, la Galleria del Ridotto e la Galleria Pescheria, anche grazie alle aperture straordinarie in programma fino all’Epifania. Questo il calendario delle aperture e delle chiusure. La Malatestiana antica sarà visitabile dalle 10.00 alle 16.00 nelle giornate di lunedì [...]

24 dicembre 2018 0 commenti

Cesena. Targhe di bronzo a tutela: ‘Fontana Masini, 1583, è un’opera d’arte, non un gioco’.

Cesena. Targhe di bronzo a tutela: ‘Fontana Masini, 1583, è un’opera d’arte, non un gioco’. ' Come si ricorderà, – spiegano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi – avevamo preso questa decisione nei mesi scorsi, dopo alcuni gravi episodi di mancanza di rispetto nei confronti della fontana, culminati con il suo imbrattamento durante una festa di laurea. Il primo passo era stato di cartoline che invitavano a rispettare il prezioso monumento e distribuirle in tutti i locali affacciati sulla piazza, chiedendo la loro collaborazione per sensibilizzare gli avventori. La collocazione delle targhe rappresenta la seconda fase di questa campagna e auspichiamo che la loro presenza spinga cesenati e turisti a trattare la fontana Masini con la massima cura, per contribuire alla sua conservazione a favore anche delle generazioni future'.

CESENA. “Fontana Masini, 1583. E’ un’opera d’arte, non un gioco”: è questo il messaggio che compare nelle  quattro targhe di bronzo – una per lato -  installate questa mattina ai piedi del monumento.  L’obiettivo è quello di sensibilizzare il pubblico, cesenate e non, a fruire in maniera consapevole e responsabile [...]

24 dicembre 2018 0 commenti