Arte & Cultura

 

Faenza.Tutto pronto per l’estate 2020. Tanti appuntamenti per una città che non conosce soste.

Faenza.Tutto pronto per l’estate 2020. Tanti appuntamenti per una città che non conosce soste. Un calendario rivisitato per rispettare tutte le disposizioni in vigore contro il Covid-19, ma che garantirà divertimento, cultura e intrattenimento per tutti, in piena sicurezza. Gli eventi sono stati presentati in conferenza stampa mercoledì 1 luglio dal vice sindaco di Faenza e assessore alla Cultura Massimo Isola, dal presidente del Consorzio Faenza C’entro Sergio Scipi e da Federica Ferlini dell’agenzia WAP Srl. Nei quattro martedì di luglio (7; 14; 21; 28), a partire dalle 19.30, negozi aperti in centro e mercatini a tema in piazza del Popolo con 'Sapore di martedì d’estate', organizzato dal Consorzio Faenza C’entro. Nelle stesse giornate, nella cornice di piazza della Libertà, continuerà ad essere presente dalle 17 il mercato straordinario di Campagna Amica. A unire musica, enogastronomia e intrattenimento ci sarà anche “Oriolo di sera”, in programma tutti i mercoledì fino al 26 agosto alla Torre di Oriolo (per ulteriori informazioni www.torredioriolo.it). Negli ultimi quattro giovedì di luglio (9; 16; 23 e 30) la Pro Loco di Faenza propone serate estive da trascorrere in compagnia delle sue guide professionali e autorizzate alla scoperta dei tanti scorci e itinerari cittadini. Il ritrovo è nel Voltone Molinella alle 21. Maggiori informazioni sul sito www.prolocofaenza.it. Tante proposte estive anche per il teatro in piazza Nenni con il Teatro Ragazzi nella Molinella (13-20-27 luglio e 3-10-17 agosto) e spettacoli comici, stand up comedy e danza con teatro Masini Estate (15 luglio e 1-5-12-19-26 agosto). Non mancherà la musica.

FAENZA. Cultura, teatro, cinema, enogastronomia, arte, danza e musica si uniscono per accompagnare l’estate faentina tra conferme e novità. Ha già preso il via ‘Faenza Estate 2020 – Calendario di eventi nella città che non si ferma’, appuntamenti estivi che animeranno la città manfreda fino a settembre, organizzati dalle istituzioni [...]

1 luglio 2020 0 commenti

Lugo. Restaurato il ‘San Sebastiano’. L’opera, di autore ignoto, è conservata nella chiesa del Carmine.

Lugo. Restaurato il ‘San Sebastiano’. L’opera, di autore ignoto, è conservata nella chiesa del Carmine. L’opera, di autore ignoto, risale al XVII secolo ed è collocata nella cimasa superiore del primo altare a destra di Sant’Ilaro. Il dipinto ritrae le cure a San Sebastiano e raffigura il corpo del Santo, al centro, inarcato e nudo a eccezione di un drappo ai fianchi. In alto a sinistra e nel fondo appaiono due giovani donne intente a curare il Santo. L’opera, restaurata da Etra Snc, è racchiusa da una cornice di stucco decorata nella fascia da due festoni ricadenti dal ciuffo di foglie nella sommità.' Abbiamo partecipato con entusiasmo al restauro di questo bellissimo dipinto conservato a Lugo – spiega il presidente del Rotary Club di Lugo Paolo Pasquali - perché pensiamo sia importante prendersi cura della cultura e del patrimonio artistico cittadino. Un patrimonio ricco e molto prezioso che abbiamo voluto valorizzare e conservare per dare la possibilità a tutti i lughesi di goderne ancora'.

LUGO. Grazie al contributo del Rotary Club di Lugo è stato recentemente restaurato il dipinto ‘San Sebastiano curato dalle pie donne’, conservato nella chiesa del Carmine di Lugo. L’opera, di autore ignoto, risale al XVII secolo ed è collocata nella cimasa superiore del primo altare a destra di Sant’Ilaro. Il [...]

18 giugno 2020 0 commenti

Ai Musei San Domenico la ‘ maratona dantesca’. Una lettura integrale di tre Cantiche della Divina Commedia.

Ai Musei San Domenico la ‘ maratona dantesca’. Una lettura integrale di tre Cantiche della Divina Commedia. La maratona si terrà sabato 20 giugno 2020, dalle ore 8.30 alle ore 23.30, nel suggestiva cornice del chiostro interno dei Musei San Domenico, in piazza Guido da Montefeltro a Forlì. Per dar modo a tutti di assistere, l'evento sarà trasmesso in diretta Facebook sulla pagina di Direzione 21 (@direzione21) e sul Canale YouTube 'Direzione21 Ass.Culturale'.Verrà onorata inoltre la memoria e l'opera dell'amico Gianfranco Bendi con la lettura di tre Canti, uno per ogni Cantica, da lui stesso tradotti in dialetto romagnolo. A impreziosire il tutto, intorno alle ore 23.30, chiuderà la maratona una sorprendente e artistica esibizione finale del Canto XXXIII del Paradiso. Nel corso delle letture verranno proiettate a sfondo opere dell'artista Paolo Rimondi, ispirate al poema dantesco.

FORLI’. L’emergenza sanitaria ha costretto gli organizzatori della ormai classica lettura integrale della ‘Divina Commedia’ a ripensare l’evento di quest’anno in forma diversa, con cantori dal vivo e diretta online e partecipazione di pubblico contingentata e in massima sicurezza. La maratona si terrà sabato 20 giugno 2020, dalle ore 8.30 [...]

17 giugno 2020 0 commenti

Ravenna. Il recupero di porta Adriana. Diversa distribuzione degli spazi, in base alle destinazioni d’uso.

Ravenna. Il recupero di porta Adriana. Diversa distribuzione degli spazi, in base alle destinazioni d’uso. La Giunta ha approvato un progetto di fattibilità tecnico – economica (progetto preliminare) di recupero e rifunzionalizzazione del bene monumentale nel suo complesso, prevedendo una diversa distribuzione degli spazi, in base alle destinazioni d'uso ammesse (servizi culturali/ristorazione). Tale progetto, elaborato dal servizio Patrimonio d’intesa con il servizio Progettazione urbanistica, è propedeutico alla stesura di un atto, che dovrà essere votato dal Consiglio comunale nel corso dell’estate, di concessione dell’utilizzo di questi spazi da parte di privati. Dopo l’approvazione di tale delibera è prevista, in autunno, l’uscita di un bando per la gestione e la valorizzazione del bene.Il progetto, del valore di 773mila euro, sarà finanziato dal Comune per 400mila euro e dall’aggiudicatario per la restante parte. L’aggiudicatario sarà tenuto a realizzare l’intervento secondo il progetto del Comune, che ha ottenuto il parere favorevole della Soprintendenza archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì – Cesena e Rimini e del Servizio sanitario regionale. Il totale della superficie utile è di 300 metri quadri; la corte interna ne misura 36,16, la terrzza 20,03.

RAVENNA. Quale primo passo per una completa riqualificazione di porta Adriana, che la restituisca all’uso pubblico attraverso un intervento di qualità che tuteli e rivitalizzi questo importante patrimonio storico e monumentale,  la Giunta ha approvato un progetto di fattibilità tecnico – economica (progetto preliminare) di recupero e rifunzionalizzazione del bene [...]

17 giugno 2020 0 commenti

Cesena. Il Comune cede un’ area all’Alma Mater. La firma dell’atto davanti al notaio Antonella Odierna.

Cesena. Il Comune cede un’ area all’Alma Mater. La firma dell’atto davanti al notaio Antonella Odierna. La firma è avvenuta alla presenza del sindaco Enzo Lattuca, del notaio Antonella Odierna, del presidente del Campus di Cesena professor Massimo Cicognani, del dirigente del settore Patrimonio del Comune Andrea Lucchi, del dirigente Patrimonio UniBo Stefano Corazza e degli assessori Christian Castorri e Franesca Lucchi. La delibera di cessione all’Università di Bologna del diritto di superficie sulle aree poste nel comparto dell’ex Zuccherificio, che di fatto rappresenta un ulteriore tassello che ricompone il progetto del Campus cesenate, era stata approvata dalla Giunta e mercoledì 10 giugno dal Consiglio comunale. Nello specifico, si tratta della terza tappa di un percorso avviato con la realizzazione dell’insediamento universitario di Ingegneria e Architettura in via dell’Università 50 e proseguito con la cessione, del Comune, del diritto di superficie dell’area sulla quale è in corso di realizzazione lo studentato. L’edificazione della nuova sede del Dipartimento di Psicologia (unità operativa di sede di Cesena – UOS) e della amministrazione dell’Area di Campus Cesena e Forlì (ACCF) costituisce infatti il completamento del Campus cesenate nella area ex Zuccherificio anche a seguito dell’accordo di programma sottoscritto tra Università di Bologna, il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR) e il comune di Cesena.

CESENA. In comune a Cesena è stato sottoscritto l’atto formale della cessione per 99 anni all’Università di Bologna del diritto di superficie sulle aree poste nel comparto dell’ex Zuccherificio (6.371 mq complessivi) destinate alla nuova sede di Psicologia e dell’Amministrazione universitaria. La firma è avvenuta alla presenza del sindaco Enzo Lattuca, [...]

16 giugno 2020 0 commenti

Rimini. Piazzetta San Martino: tornati alla luce i resti del complesso ecclesiale San Martino ad Carceres.

Rimini. Piazzetta San Martino: tornati alla luce i resti del complesso ecclesiale San Martino ad Carceres. Le attività di scavo, finanziate da Hera Spa e condotte sotto la direzione scientifica della soprintendenza Archeologia, Bella Arti e Paesaggio di Ravenna, hanno visto il coinvolgimento di 12 archeologi e di 1 antropologa della ditta ad Arte Srl, ditta incaricata per l’esecuzione delle verifiche archeologiche relative alle attività in progetto. Gli scavi, condotti da gennaio a maggio, hanno individuato immediatamente al di sotto dell’asfalto e sotto la pavimentazione in ciottoli del XX secolo, le fondazioni murarie della chiesa medievale dedicata a San Martino vescovo, ricordata come già esistente in un atto del 996. Si sono così documentate numerose strutture ed evidenze archeologiche che ripercorrono tutta la storia dell’area a partire dall'epoca medievale fino ad arrivare all'epoca contemporanea. La chiesa fu infatti in uso fino al 1806, quando il titolo passò alla chiesa di San Francesco Saverio – il Suffragio – di cui divenne sussidiaria, e venne definitivamente chiusa nel 1809; da allora fu utilizzata come magazzino per il grano, poi come sede delle tipografia Malvolti e nel 1904 demolita per costruirvi i bagni pubblici. Luigi Tonini (1807-1874) ci parla di una chiesa di piccole dimensioni e in buono stato con ancora, nei soffitti, le pitture del Buonamici. Nella chiesa di San Francesco Saverio in piazza Ferrari si conserva, inoltre, presso la prima cappella di sinistra, la pala per l'altare di San Martino eseguita da Niccolò Frangipane sul finire del XVI secolo (post 1585) e raffigurante la Madonna in gloria con i santi Martino e Giovanni Battista.

RIMINI. Gli scavi archeologici effettuati in piazzetta San Martino nel comune di Rimini, nell’ambito del cantiere  Connessioni urbane per il IV stralcio del progetto del Museo Fellini, hanno permesso di riportare in luce i resti del complesso ecclesiale di San Martino ad Carceres. Le attività di scavo, finanziate da Hera [...]

12 giugno 2020 0 commenti

Cesena. La Rocca malatestiana riapre.Visite guidate dal lunedì alla domenica. Si consiglia di prenotare.

Cesena. La Rocca malatestiana riapre.Visite guidate dal lunedì alla domenica. Si consiglia di prenotare. A causa delle permanenti restrizioni in materia di Covid -19 e della necessità di garantire il giusto distanziamento tra i visitatori non sarà possibile visitare le torri e i camminamenti interni. Le visite guidate, attive dal lunedì alla domenica, avranno la seguente distribuzione oraria: 10,30-11,45 / 12-12,45 / 13-13,35 / 15-15,45 / 16-16,45 / 17-17,45. Si informano i visitatori che è obbligatorio l'utilizzo della mascherina all'interno della Rocca malatestiana durante il tour. In attesa dei turni di visita prenotati i visitatori potranno fruire dello spazio gourmet 'Al Mastio' (aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 22,30) o sostare opportunamente distanziati negli spazi verdi della corte interna. Inoltre, per gli amanti della natura, dalle 7 alle 20,30 sarà possibile passeggiare nel Parco della Rimembranza. Per prendere parte alle visite guidate è consigliabile la prenotazione contattando lo 0547 22409 o inviando una mail.

CESENA. Da  martedì 2 giugno, sono riprese le visite guidate alla Rocca malatestiana di Cesena. A causa delle permanenti restrizioni in materia di Covid-19 e della necessità di garantire il giusto distanziamento tra i visitatori non sarà possibile visitare le torri e i camminamenti interni. Le visite guidate, attive dal [...]

2 giugno 2020 0 commenti

Ausl Romagna. Giocare tutti, con arte, nessuno escluso. Tre mostre fotografiche sul gioco oggi.

Ausl Romagna. Giocare tutti, con arte, nessuno escluso. Tre mostre fotografiche sul gioco oggi. Le favole e il gioco sono per eccellenza le attività che i bambini spontaneamente utilizzano per conoscere e imparare, condividere e sviluppare abilità sociali: ovvero per crescere. La Quadreria in Pediatria chiude il mese, nella Giornata mondiale del gioco, tenendo saldo il filo rosso del lavoro dell’arte per il sociale con il finissage della mostra 'Arte in gioco', al reparto di Pediatria (Ausl della Romagna) Forlì, con la donazione di 10 preziosi libri di favole al Reparto dalla produzione della scrittrice Renata Franca Flamigni in collaborazione con Soroptimist International Club di Forlì. L’associazione Fantariciclando con il reparto di Pediatria guidato dal primario dott. Enrico Valletta, per il quarto biennio propone il percorso della Quadreria che in questa edizione, Giocando con la luce, è parte del progetto Metamuseo di palazzo Sassi Masini dove si è incontrata la prima tappa della corposa mostra fotografica itinerante sul 'Lifelong playing: il gioco per tutta la vita', un progetto Tank, LUnGi e Metamuseo. La strabiliante Quadreria presso Azienda USL della Romagna, reparto di Pediatria ospedale Morgagni-Pierantoni, via Forlanini, 34 – Forlì, è parte del progetto Metamuseo girovago, dell’associazione Fantariciclando, con il contributo della regione Emilia Romagna - Piano di Azione ambientale per un futuro sostenibile 2011/2013.

AUSL ROMAGNA. 28 maggio Giornata mondiale del gioco. Giocando con la luce, tre mostre fotografiche sul gioco oggi, presso l’Ausl Romagna che volgono al termine con un omaggio in libri al reparto di Pediatria. Narrare insieme ai bambini è … speranza di futuro: nella Giornata mondiale del gioco si smonta [...]

27 maggio 2020 0 commenti

Cesena. Malatestiana: una storia per immagini. Percorso virtuale dentro le stanze di Malatesta Novello.

Cesena. Malatestiana: una storia per immagini. Percorso virtuale dentro le stanze di Malatesta Novello. Le porte della Biblioteca Malatestiana tornano a riaprirsi virtualmente alla città attraverso un percorso espositivo – principalmente iconografico – all'interno di un'area di Cesena particolarmente ricca di storia e di avvenimenti. La mostra, che ha per tema il complesso malatestiano dalle origini fino ai primi anni del secolo XXI, è anche l'occasione per rendere note al grande pubblico fotografie e cartoline poco conosciute, in alcuni casi persino inedite, come le tante cartoline d'epoca del 'Giardino Bufalini', gli scatti realizzati nel sottotetto della Malatestiana e le suggestive immagini dei restauri realizzati negli anni '20. Il percorso digitale è arricchito da filmati e link che guideranno il visitatore/lettore verso alcuni approfondimenti.

CESENA. Percorrere in punta di piedi i luoghi voluti da Novello Malatesta e diventati, con il tempo, il cuore della cultura cesenate. Le porte della Biblioteca Malatestiana tornano a riaprirsi virtualmente alla città attraverso un percorso espositivo – principalmente iconografico – all’interno di un’area di Cesena particolarmente ricca di storia [...]

19 maggio 2020 0 commenti

Cesena. Manoscritto incompleto nella teca virtuale della Malatestiana. Un’ opera di due copisti d’Oltralpe.

Cesena. Manoscritto incompleto nella teca virtuale della Malatestiana. Un’ opera di due copisti d’Oltralpe. Si tratta del 'Digestum novum seu Pandectarum libri cum commento Accursii' , e databile tra il 1301-1400. Il codice, scritto da almeno due copisti, entrambi probabilmente d'Oltralpe, su tutte le carte che lo compongono presenta iniziali variamente decorate e moltissime note manoscritte. È inoltre arricchito da sette piccole miniature su fondo oro, con alcuni elementi decorativi tipicamente francesi dalle figure snelle con vesti allungate. Quello che però rende il Codice raro e prezioso è la presenza di spazi ancora vuoti, pronti ad accogliere miniature non ancora realizzate. Uno spazio ha il solo disegno preparatorio, uno ha già la foglia d'oro distesa, un altro la sola base preparatoria per l'oro e questo permette di seguire i diversi passaggi necessari ad arricchire il testo con scene illustrate. Il manoscritto dunque non è stato terminato, ma proprio questo lo rende prezioso in quanto rappresenta una importante documentazione sul lavoro dei miniatori del secolo XIV.

CESENA. Nono Codice manoscritto sfogliabile online su Cesenacultura (http://www.comune.cesena.fc.it/cesenacultura/manoscritti-online). Con l’arrivo del fine settimana la Malatestiana  ha riaperto  la sua teca virtuale e dà spazio a un nuovo ‘cimelio’ sempre riconducibile a Giustiniano. Si tratta del ‘Digestum novum seu Pandectarum libri cum commento Accursii’ , e databile tra il 1301-1400. Il codice, [...]

15 maggio 2020 0 commenti