Benessere

 

Santarcangelo d/R. Cammino di San Francesco: ok al tratto di ciclabile in via Trasversale Marecchia.

Santarcangelo d/R. Cammino di San Francesco: ok  al tratto di ciclabile in via Trasversale Marecchia. L’intervento, che sarà realizzato nei primi mesi del 2022, prevede la messa in sicurezza di un tratto di circa 130 metri con il consolidamento della scarpata stradale attraverso la realizzazione di una palizzata con pali di castagno, mentre la fondazione del percorso ciclopedonale sarà costituita da stabilizzato rivestito di calcestre. Sul lato della SP49, la pista ciclabile sarà separata dal traffico veicolare dal guard-rail già presente. Questo intervento rappresenta la costruzione di un primo tratto della pista ciclopedonale di collegamento tra la frazione di San Martino e il capoluogo, che verrà poi completata con successivi stralci. Segue invece la donazione ricevuta da Città Viva a fine 2020 l’installazione di due nuovi moduli di arredo urbano in via don Minzoni, per rendere ancora più accogliente lo spazio pubblico del centro commerciale naturale. Con uno stanziamento di 30.000 euro, l’Amministrazione comunale posizionerà dunque altre composizioni con sedute, spazi verdi alberati e portabici, uno all’inizio e uno alla fine della via. I moduli – composti da elementi indipendenti assemblati e raggruppati in modo da creare uno spazio verde vivibile – garantiscono il passaggio dei mezzi di soccorso e di quelli adibiti al rifornimento delle merci.

SANTARCANGELO d/R. Nella mattinata di giovedì 25 novembre la Giunta comunale clementina ha approvato due delibere che portano avanti altrettante progettualità avviate negli scorsi mesi. Dopo l’affidamento dell’incarico di progettazione la scorsa estate, infatti, con l’approvazione del progetto definitivo-esecutivo prosegue l’iter per la messa in sicurezza di un tratto del cammino religioso [...]

25 novembre 2021 0 commenti

Rimini. Il Parco del mare, la più grande area naturale dedicata al benessere. Ciclabili oltre 130 km.

Rimini. Il Parco del mare, la più grande area naturale dedicata al benessere. Ciclabili oltre 130 km. Sempre più verde, più spazi per lo sport all’aria aperta, più piste ciclabili e servizi per la mobilità sostenibile. Rimini ha scelto, insieme all’arte e alla cultura, la via della sostenibilità per ripensare se stessa. Dalla tutela del mare e della spiaggia, con il Piano di salvaguardia della balneazione e la realizzazione del nuovo Parco del mare, sino alla creazione di una rete sempre più ampia di piste ciclabili che in dieci anni sono aumentate di 50 chilometri raggiungendo oltre 130 chilometri complessivi di percorsi ciclabili e ciclo-pedonali di ambito urbano con caratteristiche di brevità, continuità, attrattività, riconoscibilità e sicurezza, in continuo ampliamento, che permettono di muoversi agevolmente su tutto il territorio. Senza dimenticare i servizi di mobilità sostenibile che il Comune ha sviluppato in questi anni, arrivando ad una offerta plurale e variegata di mezzi, servizi e formule di utilizzo.Parallelamente alla pedonalizzazione dei lungomari, prosegue il complessivo ridisegno del sistema di mobilità della città, che ha tra gli obiettivi quello di allontanare dalla fascia del lungomare il traffico delle auto, per dare priorità alla mobilità sostenibile. Il Parco del mare, costeggiando da nord a sud l’intero litorale riminese, è anche la nuova arteria di mobilità lenta, percorribile sia a piedi che in bici o su monopattino elettrico. Un asse costiero che permette di spostarsi in sicurezza in tutta la città grazie al sistema di trasporti pubblici, integrato a una rete continua di percorsi ciclabili e pedonali e ad un sistema di sharing mobility.

RIMINI. Rimini destinazione per una vacanza sempre più verde e sostenibile. Come attesta anche la classifica 2021 di Legambiente che vede Rimini salire all’11esimo posto fra le città più Green d’Italia (dal 50esimo posto del 2010), Rimini è una città che negli ultimi anni si è trasformata, seguendo le coordinate [...]

8 novembre 2021 0 commenti

Ausl Romagna. Terza dose ‘booster’ per sanitari non dipendenti Ausl. A partire da lunedì 25 ottobre.

Ausl Romagna. Terza dose ‘booster’ per sanitari non dipendenti Ausl. A partire da lunedì 25 ottobre. A partire da lunedì 25 ottobre la somministrazione della dose booster di vaccino anti Covid -19 è estesa anche al personale sanitario che svolge attività al di fuori dell’Azienda USL della Romagna. Tutti gli esercenti le professioni sanitarie e tutti gli operatori di interesse sanitario che hanno completato il ciclo vaccinale primario possono effettuarla presentandosi a uno dei Centri vaccinali hub provinciali dell’Azienda, senza appuntamento, dalle 13 alle 18,30. La terza dose deve essere somministrata dopo almeno 6 mesi dal completamento del ciclo primario e sarà effettuata con il vaccino Comirnaty di BioNTech/Pfizer indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario. In occasione della somministrazione della terza dose di vaccino COVID è possibile, per chi lo desidera, effettuare anche la vaccinazione antinfluenzale (vaccino Flucelvax tetra). Si precisa che l’accesso senza prenotazione viene garantito per questa settimana, al termine della quale, sulla base dell'affluenza complessiva che si sarà presentata agli hub vaccinali, l'Azienda valuterà se introdurre la prenotazione anche per questa categoria di utenza.

AUSL ROMAGNA. Sabato 23 ottobre in Romagna sono partite le somministrazioni della terza dose di vaccino ai sanitari in forza all’AUSL: tra sabato e domenica ne sono state effettuate 1.207 così suddivise: 462 a Ravenna, 251 a Cesena, 284 a Rimini e 210 a Forlì.   A partire da lunedì [...]

26 ottobre 2021 0 commenti

Ravenna. Ricerca medica, docenti di Medicina e Chirurgia e medici Ausl Romagna a confronto.

Ravenna. Ricerca medica, docenti di Medicina e Chirurgia e  medici Ausl Romagna a confronto. 'Questa giornata – ha spiegato Mirella Falconi, presidente del corso di laurea in Medicina e Chirurgia a Ravenna – si inserisce nell’ambito di una serie di incontri per facilitare e avviare collaborazioni sempre più strette tra docenti del corso di laurea e i medici che operano nell’Ospedale di Ravenna'. 'L’avvio di questa collaborazione scientifica – ha proseguito la Falconi – è per il corso di Medicina e Chirurgia molto positivo perché un insediamento universitario si può definire tale se oltre alla didattica e assistenza svolge anche ricerca scientifica. Le comunicazioni presentate venerdì 15 ci permettono di affermare che a Ravenna esistono tutti presupposti per la realizzazione di un eccellente corso di laurea in Medicina e Chirurgia. Questi presupposti avranno anche importanti ricadute sulla qualità dell’assistenza con i risvolti sociali legati alla buona salute”.

  RAVENNA. Si è svolta venerdì 15 ottobre  la prima Giornata della Ricerca per la Salute organizzata dal corso di laurea in Medicina e Chirurgia sede di Ravenna e Ausl della Romagna in collaborazione con la Fondazione Flaminia. In questa occasione i medici dell’ospedale Santa Maria delle Croci e i docenti universitari delle [...]

15 ottobre 2021 0 commenti

Rimini &Romagna. Oltre 130 chilometri di piste ciclabili. Dal mare alle terre tra Malatesta e Montefeltro.

Rimini &Romagna. Oltre 130 chilometri di piste ciclabili. Dal mare alle terre tra Malatesta e Montefeltro. I tre percorsi da non perdere Il percorso 'vista mare', che si dipana lungo tutto il lungomare nord, da Torre Pedrera a Rivabella con passaggio d’obbligo lungo il romantico e pittoresco Lungofiume degli Artisti, e sud di Rimini, dal porto canale al confine con Riccione, per diventare parte integrante del Parco del mare, il grande progetto di riqualificazione del waterfront, la più grande area naturale dedicata al benessere. Il percorso 'Anello verde', che dal mare (piazzale Kennedy) conduce al Palacongressi e al parco Giovanni Paolo II, dove si costeggia il suggestivo lago abitato da anatre e cigni, fino a raggiungere, attraverso l'argine del torrente Ausa, il polmone verde di Rimini, il parco Marecchia. Da qui si arriva al bimillenario ponte di Tiberio e si può proseguire o alla scoperta della città antica, quasi completamente pedonalizzata, fra itinerari alla scoperta dei segni della romanità, itinerari medioevali e rinascimentali, ammirando il nuovo polo museale dedicato al genio di Federico Fellini che ha contribuito a portare la città ad affermarsi come centro d’arte di caratura nazionale. Oppure, per gli amanti della natura, si può scegliere la Ciclabile del Marecchia, il percorso che si snoda lungo l'alveo del fiume Marecchia, che unisce le bellezze naturalistiche a quelle storiche permettendo di raggiungere gli antichi borghi come Verucchio, Torriana, Montebello e San Leo, sulle colline dello splendido entroterra riminese, che in autunno cambia aspetto grazie alla magia dei suoi colori. Eppoi ...

RIMINI E ROMAGNA. L’autunno è la stagione ideale per muoversi in bicicletta nella città di Rimini, premiata non a caso dalla Federazione italiana ambiente e bicicletta come Comune ciclabile per il quarto anno consecutivo. A Rimini, con oltre 130 chilometri di piste ciclabili, ci sono percorsi adatti a tutti: dalle [...]

28 settembre 2021 0 commenti

Rimini. Grande successo per ‘ Tieni in forma il tuo cuore’. Preziosa due giorni dedicata alla prevenzione.

Rimini. Grande successo per ‘ Tieni in forma il tuo cuore’. Preziosa due giorni dedicata alla prevenzione. Il programma prevede giornate di screening e consulenze gratuiti per la valutazione del rischio effettuati da cardiologi e infermieri in vere e proprie cliniche mobili che fino al 10 ottobre toccheranno per un totale di 12 appuntamenti le piazze più importanti di tutti i Comuni capoluogo della Regione.Le malattie cardiovascolari sono ancora la prima causa di morte in Italia, nonostante i rilevanti progressi medici degli ultimi anni: l’Emilia Romagna è stata una delle prime regioni in Italia a dotarsi, a inizio anni 2000, di una rete per l’assistenza all’infarto, consentendo una drastica riduzione della mortalità cardiaca, e l’obiettivo è ora avviare un progetto regionale di prevenzione cardiovascolare rivolto ai cittadini che possa diventare un appuntamento annuale in linea anche con il World Heart Day, che cade il 29 settembre.

RIMINI. Grande successo di pubblico accorso per la due giorni dedicata alla prevenzione delle malattie cardiovascolari che si è aperta ieri a Rimini con il convegno pubblico ‘La prevenzione cardiovascolare: una sfida con molti attori’ organizzato dalla Cardiologia di Rimini e dall’associazione ASCOR con la partecipazione della Medicina dello sport di [...]

27 settembre 2021 0 commenti

Rimini. Mense scolastiche. Da lunedì 20 un servizio per oltre 2000 pasti. Biologico, attento e ambientale.

Rimini. Mense scolastiche. Da lunedì 20 un servizio per oltre 2000 pasti. Biologico, attento e ambientale. Tante le novità apportate per il rispetto delle normative sanitarie e comportamentali di contrasto al Covid 19. Su tutte, la scelta riminese di servire il pasto direttamente in classe, su un unico piatto di porcellana appositamente preparato per ospitare tutte le pietanze, invece della plastica. Un servizio più complesso e costoso, ma con alcune importanti annotazioni. Primo, il costo aggiuntivo non ricadrà sulle tasche delle famiglie ma sarà coperto dal comune di Rimini. Secondo, si tratta di risorse che avranno importanti ricadute occupazionali ed ambientali, in quanto prevede più personale impiegato per portare le pietanze direttamente in classe e per il lavoro di preparazione e pulizia, evitando il più possibile l’utilizzo della plastica. Nello specifico si tratta di una quindicina di assunzioni in più da parte delle ditte appaltatrici per svolgere il servizio nelle nostre scuole, e dell’aumento del monte orario a disposizione per svolgere le mansioni previste. La scelta di investire in lavoro e ambiente, piuttosto che in plastica, ha ovviamente ripercussioni sui costi del servizio mense. Costi che non incideranno sulle tasche delle famiglie, visto che rimane inalterata anche per quest’anno scolastico la retta scolastica.

RIMINI. Dopo quelle delle scuole materne (dove il servizio mensa è partito già il primo giorno di scuola) lunedì 20 sarà il turno, gradualmente, delle mense scolastiche delle scuole elementari riminesi. Un servizio per oltre  2000 pasti. Biologico, attento e ambientale. Più costi, ma non per le famiglie. Qualità e [...]

15 settembre 2021 0 commenti

Forlì. Nuovo progetto Ior. Quattro pazienti oncologici ‘insuperabili’ alla conquista della via Francigena.

Forlì. Nuovo progetto Ior. Quattro pazienti oncologici ‘insuperabili’ alla conquista della via Francigena. Saranno 137 i km da percorrere a piedi in sei giorni, immersi nella suggestiva cornice del tratto toscano della via Francigena, con partenza da Lucca e arrivo a Siena. A raccogliere la sfida di questa avventura quattro pazienti oncologiche romagnole: Monica Giunta, di Riccione; Ilenia Marinelli, residente a Verucchio; Antonella Donati e Annalisa Ghetti, entrambe originarie di Faenza. Insieme riceveranno il testimone dal gruppo che le precede il 25 agosto a Lucca, per poi consegnarlo nelle mani delle persone che dovranno continuare il viaggio il 30 agosto a Siena. 137 km di infinita bellezza tra due dei capoluoghi più belli della Toscana, risalendo lo splendido borgo arroccato di San Miniato, attraversando le torri di San Gimignano e ammirando la maestosa fortificazione di Monteriggioni. Il tutto per perseguire la causa del 'movimento utile', corretto e supervisionato, quale mezzo per prevenire e rallentare i sintomi di numerose patologie, come supporto psicologico insostituibile in persone con diversi gradi di fragilità e, perché no, come esempio anche per le persone sane, spesso imprigionate in stili di vita troppo sedentari.

FORLI’. 137 km da percorrere a piedi in 6 giorni, immersi nella suggestiva cornice del tratto toscano della via Francigena, con partenza da Lucca e arrivo a Siena: è questa la sfida che l’Istituto oncologico romagnolo, in collaborazione con Rosa associati e LAMU – Libera accademia del movimento utile, ha proposto [...]

20 agosto 2021 0 commenti

Ravennate. Prosciugamento eccezionale alla Valle delle Mandriole per la prevenzione del botulismo.

Ravennate. Prosciugamento eccezionale alla Valle delle Mandriole per la prevenzione del botulismo. Pertanto, in definitiva, ora si è provveduto ad aprire la paratoia di scarico di Valle Mandriole nello scolo Rivalone e, assieme ai volontari delle Associazioni venatorie e dell’associazione Ornitologi dell’Emilia Romagna, al recupero degli uccelli morti o in difficoltà e si procederà con le stesse modalità di intervento fino al completo disseccamento. Questo permetterà di evitare che altri uccelli acquatici, durante la migrazione di ritorno verso i quartieri di svernamento, vengano attirati dalle acque contaminate dal botulino presenti in Valle Mandriole, finendo per intossicarsi; del resto, il circostante comprensorio di zone umide garantisce ampie possibilità di sosta ed alimentazione in condizioni sicure, nella vicina Punte Alberete, nella Bassa del Pirottolo, nella Pialassa della Baiona (in particolare nelle porzioni con acque dolci a ridosso della pineta di San Vitale). Si prevede, poi, di ricaricare la valle a partire dal 15 settembre, una volta completati i processi ossidativi che dovrebbero aiutare a prevenire, in futuro, il ripetersi di situazioni analoghe. Successivamente, dall’autunno 2021 sarà finalmente disponibile il nuovo manufatto di presa dell’acqua dal fiume Lamone, attraverso il doppio sifone in corso di completamento da parte di Romagna Acque.

RAVENNATE. Il comune di Ravenna, in accordo con l’ente Parco Delta del Po, monitora costantemente l’andamento dei livelli idrici e l’eventuale presenza di animali in difficoltà in Valle Mandriole. Nella primavera/estate 2021 il Comune ha richiesto già tre volte a Ravenna servizi industriali di effettuare ricariche idriche ogni qualvolta il [...]

18 agosto 2021 0 commenti

Riccione. Week end di Feragosto al ‘Perle d’acqua park’. Un’esperienza di relax a due passi dal mare.

Riccione. Week end di Feragosto al ‘Perle d’acqua park’. Un’esperienza di relax a due passi dal mare. Bando anche alle diete in queste due giornate speciali ! GiòMula, al bar Ristorantino del Parco proporrà un menù da leccarsi i baffi! Tra le proposte: lasagne al forno, piadine farcite e cassoni artigianali e il giorno di Ferragosto la mitica porchetta romagnola. Tutti piatti che si potranno degustare nell’ampia terrazza ombreggiata, e a fine pasto non potrà mancare una dolce e succosa fetta di cocomero. Perle d’acqua è un parco del benessere con piscine all’aperto e tutti i servizi sono open air; non è necessario esibire Green Pass. Aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 18,30 fino al 5 settembre. Perle d’acqua park è un’isola dove riconquistare il proprio equilibrio senza dimenticare il divertimento, un parco in cui le piscine sono arricchite con le preziose acque termali di Riccione Terme. Cascate d’acqua, piscine, inebrianti idromassaggi, Idropercorsi termali rivitalizzanti a temperature differenziate più lunghi d’Europa: Perle d’acqua park è tutto questo e molto altro ancora. Un parco unico nel suo genere che propone infinite occasioni di relax, fitness e divertimento, tra dune sabbiose e piante profumate, in grado di offrire attenzioni speciali per i bambini di tutte le età, con le profondità ridotte della Grande piscina, i castelli su cui arrampicarsi e l’area Bimbi ...

RICCIONE.  Sabato 14 e domenica 15 agosto: la proposta per il Capodanno dell’estate in relax e divertimento nelle piscine all’aperto di Riccione Terme. Un ricco programma di eventi per passare in spensieratezza il week end di Ferragosto. Nel week end di festa, gli appuntamenti nella grande piscina con il movimento [...]

10 agosto 2021 0 commenti