Gusto & Cucina

 

Cesena. Romagna Wine Festival: un podio per quattro nel quinto Derby del Sangiovese.

Cesena. Romagna Wine Festival: un podio per quattro nel quinto Derby del Sangiovese. Sul podio, valutato da tecnici e pubblico, sono finiti il Romagna Sangiovese Superiore della Cantina Zavalloni di Cesena, il Sangiovese di Tre monti di Imola, il Sangiovese Superiore Tre Miracoli de Le Rocche Malatestiane di Rimini e il Sangiovese Principe della Tenuta Nasana di Riolo Terme. Questo l’esito del derby che al Teatro Verdi ha messo a confronto dodici campioni di Romagna Sangiovese Doc 2016. A giudicarli alla cieca una commissione tecnica paritetica composta da enologi e sommelier, a cui si è aggiunto il voto popolare dei partecipanti, nella kermesse svoltasi domenica 9 dicembre. Ai vincitori, premiati dal presidente Ais Romagna Roberto Giorgini, dall’enologo Marco Lucchi, dall’assessora Francesca Lucchi e da Marco Gasperoni, direttore del Consorzio Rilegno, è stata consegnato il premio Rilegno, un originale trofeo realizzato con legno riciclato e stecche di barrique stampato dall’azienda Laser Services di Cesena.

CESENA. Svelati  i vincitori dell’atteso Derby del Sangiovese che, con una sfida tutta in casa, quest’anno vedeva competere i sei territorio della Romagna. Sul podio, valutato da tecnici e pubblico, sono finiti il Romagna Sangiovese Superiore della Cantina Zavalloni di Cesena, il Sangiovese di Tre monti di Imola, il Sangiovese Superiore Tre Miracoli de Le Rocche Malatestiane di Rimini e il Sangiovese Principe della Tenuta Nasana di [...]

11 dicembre 2017 0 commenti

Forlimpopoli. Artusi protagonista nella Settimana della cucina italiana in Polonia, Olanda, Albania

Forlimpopoli. Artusi protagonista nella Settimana della cucina italiana in Polonia, Olanda, Albania A Varsavia è stato presentato il Manuale artusiano tradotto in lingua polacca alla presenza dell’Ambasciatore italiano nella capitale, Alessandro De Pedys. La traduzione del Manuale è stata realizzata da Tessa Capponi Borawska, fiorentina di nascita, docente di italianistica, e Małgorzata Jankowska-Buttitta, mentre la pubblicazione è stata possibile grazie alla collaborazione degli Istituti Italiani di Cultura di Varsavia, diretto da Roberto Cincotta e dal predecessore Angelo Cappello, e Cracovia diretto da Ugo Rufino. Il volume in polacco rientra nel progetto di marketing territoriale Romagna terra del Buon vivere. A rappresentare Casa Artusi era presente Andrea Severi Segretario della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. Artusi protagonista anche ad Amsterdam insieme a Giovanna Frosini dell’Accademia della Crusca, membro del Comitato Scientifico di Casa Artusi. L’occasione è stata la presentazione del gastronomo nell’ambito del ciclo di incontri 'Turismo letterario: viaggio in Italia attraverso le case ove hanno dimorato illustri italiani'.

 Forlimpopoli – Casa Artusi globetrotter in giro per l’Europa nella Settimana della cucina italiana nel Mondo. Tre le città che hanno ospitato altrettante iniziative culturali dedicate al padre della cucina italiana: Varsavia, Amsterdam e Lezhe in Albania. Il tutto in collaborazione con l’Uuicio di Promozione culturale all’Estero della regione Emilia [...]

28 novembre 2017 0 commenti

Bellaria Igea Marina. Scegli il tuo cibo! Con cena degli auguri di Condotta ( giovedì 14 dicembre).

Bellaria Igea Marina. Scegli il tuo cibo! Con cena degli auguri di Condotta ( giovedì 14 dicembre). Un menù per far conoscere il nuovo impegno di Slow Food dopo il congresso internazionale svoltosi in Cina: ‘MENU FOR CHANGE’, Il pianeta si scalda. Ferma il cambiamento climatico, scegli il tuo cibo. Gabriele, cuoco dell’Alleanza dei cuochi di Slow Food, prima di cena ci dirà due parole sulla sostenibilità della pesca e spiegherà due ricette amiche del clima, la ricetta dei passatelli in brodo di Paganelli e il pancotto al pesce povero, come riutilizzare il pesce usato per fare il brodo: sono ricette semplicissime, due ricette di recupero tramandate dalla nonna Alba. I nostri nonni rispettando la stagionalità e la territorialità aiutavano di conseguenza l’ambiente e il clima.

BELLARIA IGEA MARINA. Giovedì 14 dicembre ore 20.00, presso il ristorante Sirocco di Igea Marina – Menù for change e cena di Natale di Condotta. Dal pancotto alla cantarella, tra ricette di recupero e di tradizione viaggio in un menù natalizio della riviera romagnola. “Sirocco è sempre stata la casa [...]

23 novembre 2017 0 commenti

Rimini. Anche la capitale del turismo a FICO, il parco agroalimentare più grande del Mondo.

Rimini. Anche la capitale del turismo a FICO, il parco agroalimentare più grande del Mondo. Nei 100.000 metri quadratiche la Fabbrica italiana COntadina dedica alla biodiversità e all’eccellenza del cibo italiano, non poteva mancare un desk informativo dedicato alla più grande piattaforma dell’ospitalità della Riviera, con l’obiettivo di integrare FICO nell’ offerta turistica del territorio riminese valorizzando, insieme alle opportunità di tour, eventi, pacchetti legati all’agroalimentare, le tante offerte e servizi che rendono Rimini una meta ancora più fruibile, ricca di opportunità, viva e attraente per i visitatori di tutto il mondo. Situato nell’area eventi della zona Isola Centrale, il desk informativo di Rimini è stato realizzato nell’ambito di un accordo di collaborazione che il comune di Rimini, il comune di Bologna e la fondazione Fico hanno sottoscritto nel marzo scorso e che punta a realizzare attività congiunte negli ambiti legati a cibo, turismo, cultura e - in generale - ambiente e stili di vita, anche tramite una serie di azioni di reciproca visibilità in termini di comunicazione, con l’obiettivo di favorire il turismo ‘incoming’, soprattutto nell’ambito dei prodotti enogastronomici lungo la Via Emilia.

RIMINI. Rimini con la sua offerta turistica sarà presente a FICO, il parco dell’agroalimentare più grande del mondo che aprirà domani, 15 novembre, a Bologna. Nei 100.000 metri quadratiche la Fabbrica italiana COntadina dedica alla biodiversità e all’eccellenza del cibo italiano, non poteva mancare un desk informativo dedicato alla più [...]

16 novembre 2017 0 commenti

Santarcangelo d/R. Fiera di San Martino, sabato 11, cantastorie con ‘La Rumâgna l’è fata’.

Santarcangelo d/R. Fiera di San Martino, sabato 11, cantastorie con ‘La Rumâgna l’è fata’. Dalle valli bergamasche ritorna Sandra Boninelli con le sue storie appassionate e la sua voce potente ed evocativa. Felice Pantone è ormai un veterano della Sagra: un cantastorie swing che propone storie surreali accompagnate da strumenti curiosi e accattivanti, mentre Otello Pedrazzoli da Verona ci porta le ballate tipiche della pianura veneta. Completa il programma Paolo Sgallini, un busker riminese che rispolvera storie vecchie e nuove con lo stile dei suonatori di strada d’oggi. La Sagra è organizzata in collaborazione con AICA-Lorenzo De Antiquis e la rivista Il cantastorie On line, con il contributo della Banca Malatestiana. Accanto allo spazio eventi dove si esibiscono i Cantastorie sarà presente la Tipografia Faentina, editrice del famoso Lunêri de Smémbar, il tradizionale calendario dei contadini romagnoli che viene pubblicato dal lontano 1844. Contiene zirudele, illustrazioni naifs, proverbi popolari e previsioni meteo per tutto l’anno. Nel giorno di San Martino proseguono anche le iniziative sul dialetto: dopo la serata dedicata al poeta Nino Pedretti, sabato 11 alle ore 21 è in programma il recital in lingua romagnola 'La Rumâgna l’è fata' con Denis Campitelli e Andrea Branchetti.

SANTARCANGELO d/R. Per la Festa di San Martino, a Santarcangelo tornano i Cantastorie. Sabato 11 novembre doppio appuntamento in piazza Ganganelli (ore 10 e 14,30) per la tradizionale sagra nazionale dei Cantastorie, che con i loro racconti riportano gli spettatori agli spettacoli di strada di un tempo. Per la 49a [...]

10 novembre 2017 0 commenti

Santarcangelo d/R. Ma com’erano le Fiere di San Martino d’una volta? Vediamo questa, del ’31.

Santarcangelo d/R. Ma com’erano le Fiere di San Martino  d’una volta? Vediamo questa, del ’31. Tanto ben di Dio – prosegue il cronista - appariva, già nella Fiera antecedente del 1931, come una sorta di ‘gran pavese’ ritagliato a bella posta dalla natura e dagli uomini ' attorno a quel grande terrazzo ( il colle di Santarcangelo, ndr) che, a metà novembre, per pedana sottostante, tornava a mostrare ancora una volta lo spettacolo unico di quel tappeto dispiegato e candido della Fiera'. La Fiera di San Martino, dunque, quella d’una volta, che esibiva quale suo principale protagonista il mare ondeggiante d’animali, polveroso e assordante, mal odoroso e agitato, che s’andava a formare ora dopo ora fin dalla vigilia dell’evento nella sperduta vastità del Foro Boario. ' Eccolo là – esulta il cronista - il bel colosso niveo, statuario, ieratico, ben appiombato sui quattro arti brevi e robusti; eccolo là, sempre in posizione fotografica, campione della razza bovina romagnola derivante dall’incrocio dei bovini podalici con quelli esistenti più anticamente nella Regione'.

SANTARCANGELO d/R. Le ‘fiere’ novembrine santarcangiolesi d’una volta sono rimaste nell’immaginario collettivo. Ciascuno – e sono ancora in tanti quelli che le hanno vissute –   le ‘racconta’ o le ‘tramanda’ come meglio crede. Per cui non è raro imbattersi in versioni contrastanti,  talvolta fantasiose e comunque non adeguatamente dettagliate e [...]

9 novembre 2017 0 commenti

Santarcangelo d/R. Fiera di San Martino: tutte le misure di prevenzione e controllo agli ingressi.

Santarcangelo d/R. Fiera di San Martino:  tutte le misure di prevenzione e controllo agli ingressi. In particolare, per assicurare un controllo mirato delle persone, il Comitato ha disposto che l’accesso alla Fiera avvenga attraverso sei varchi presidiati da rappresentanti delle forze dell’ordine e steward, mentre altri cinque varchi saranno utilizzati unicamente per il deflusso del pubblico. I sei accessi – da dove si potrà comunque uscire – sono quelli di viale Marini (all’incrocio con via Righi nella zona del luna park), via Dante di Nanni (all’incrocio con via G. Da Serravalle), via Pascoli (all’incrocio con via Pedrignone), viale Mazzini (all’incrocio con via Cabina), via Montevecchi (all’altezza del porticato di Palazzo Francolini) e via Andrea Costa (all’altezza dell’ingresso al parco Francolini). I varchi utilizzati solamente per il deflusso, quindi per uscire dalla Fiera, saranno invece quelli di via Togliatti, via Daniele Felici, via Giordano Bruno/via Verdi, via Porta Cervese e rotatoria Cappuccini, mentre gli accessi al centro storico alto potranno essere utilizzati solo dai residenti. L’accesso di via Arrigo Faini all’altezza di via Cupa non sarà utilizzabile né in entrata né in uscita in quanto sbarrato.

SANTARCANGELO d/R. Massimo impegno per le attività di prevenzione e filtraggio mirato del pubblico per la Fiera di San Martino, in programma dal 10 al 12 novembre. Il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto di Rimini Gabriella Tramonti nella mattinata di (martedì 7 novembre) alla presenza [...]

9 novembre 2017 0 commenti

Forlì. Il Mercatino regionale piemontese. Con le eccellenze eno gastronomiche piemontesi.

Forlì. Il Mercatino regionale piemontese. Con le eccellenze eno gastronomiche piemontesi. Sabato 4 e domenica 5 novembre 2017, in piazza Saffi. fiera itinerante di qualità, viene proposto in eleganti pagode espositive, che ospitano al loro interno produttori accuratamente selezionati, specializzati nel proporre i propri prodotti tipici dell’enogastronomia piemontese. Avventurandovi tra gli stand potrete trovare formaggi d’eccellenza, con riconoscimenti DOP quali Castelmagno, Bra, Testun e moltissimi altri. I palati più raffinati troveranno i preziosi tartufi di Alba. Gli appassionati dell’enologia, invece, potranno degustare ottimi vini come dolcetto, nebbiolo, moscato d’Asti e tanti altri vini DOC. Potrete trovare salumi delle langhe, salame al barolo e salame al tartufo bianco di Alba. Vi è inoltre un vasto assortimento di pasta fresca, dolci tipici piemontesi, nocciole, cioccolato artigianale, miele, funghi freschi, frutta, riso, marroni di Cuneo e confetture. Una vera e propria 'esplosione' di sapori piemontesi a Vostra disposizione.

FORLI’. Il Mercatino regionale piemontese è una fiera itinerante di qualità, viene proposto in eleganti pagode espositive, che ospitano al loro interno produttori accuratamente selezionati, specializzati nel proporre i propri prodotti tipici dell’enogastronomia piemontese. Avventurandovi tra gli stand potrete trovare formaggi d’eccellenza, con riconoscimenti DOP quali Castelmagno, Bra, Testun e [...]

30 ottobre 2017 0 commenti

Lugo. Bancarelle e negozi aperti per la ‘Fiera d’autunno’. Saranno circa 150 gli espositori.

Lugo. Bancarelle e negozi aperti per la ‘Fiera d’autunno’. Saranno circa 150 gli espositori. CIRCOLAZIONE. Per permettere lo svolgimento dell’evento la circolazione subirà alcune modifiche. Dal 6 alle 21 del 29 ottobre in piazza I Maggio ci sarà il divieto di sosta con rimozione limitatamente alla prima fila degli stalli di sosta della parte rialzata e l’istituzione del senso vietato all’incrocio con via Mariotti; in piazza Garibaldi divieto di circolazione, eccetto per i residenti di via Mariotti; in piazza Cavour e piazza Trisi divieto di sosta con rimozione e divieto di circolazione; in via Mazzini istituzione dell’obbligo di voltare a sinistra all’incrocio con piazza I Maggio; in corso Garibaldi divieto di circolazione da via Codazzi a piazza Trisi e in largo Balilla Pratella inversione del senso di marcia con direzione verso piazza Trisi - via Emaldi.

LUGO. Domenica 29 ottobre nelle piazze di Lugo si festeggia la Fiera d’autunno. Dalle 8 alle 20 il centro storico si riempirà infatti da mattina a sera con circa 150 bancarelle che creeranno un suggestivo centro commerciale all’aperto. Per l’occasione ci sarà anche l’apertura straordinaria dei negozi. CIRCOLAZIONE. Per permettere [...]

28 ottobre 2017 0 commenti

Cesenatico. Arriva il ‘Pesce fa festa’. Dove il pesce utilizzato è solo del mare Adriatico.

Cesenatico. Arriva il ‘Pesce fa festa’. Dove il pesce utilizzato è solo del mare Adriatico. Nella zona portuale di Ponente, nei pressi del vecchio Squero, la cooperativa Casa del Pescatore, all’interno di una tensostruttura molto capiente, elaborerà antipasti a base di cozze e vongole, primi succulenti e le classiche 'rustide'. E poi ancora la cucina marinara a bordo delle motonavi turistiche ormeggiate sulla banchina del porto canale disegnato da Leonardo da Vinci e le proposte dell’associazione Chef to Chef con le preziose ricette degli chef stellati di Cesenatico nel cortile del Museo della marineria. Nella piazzetta della Pescheria, lungo il corso Garibaldi, si potranno assaggiare 'I dolci della festa' preparati dagli chef di A.RI.CE. mentre in piazza Pisacane saranno presenti gli stand di A.RI.CE. i Giovani, specializzato in 'street food' a base di pesce nostrano e dell’ associazione 'Pescatori a casa vostra'. Infine in via Saffi, all’angolo con largo Cappuccini, nel secondo punto di ristoro di A.R.T.E. in cucina si potranno degustare altri sfiziosi piatti al sapore di mare.

CESENATICO . Cesenatico si trasforma in un grande ristorante per la manifestazione gastronomica ‘Il pesce fa festa’. Dal pranzo di mercoledì 1° novembre alla cena di domenica 5 novembre 2017, lungo il porto canale, nelle piazze e nelle vie del centro storico, trionfano grigliate di pesce, fritture e piatti della tradizione [...]

25 ottobre 2017 0 commenti