Ultim’ora

 

Ausl Romagna. Oltre 25.000 gli over 85 vaccinati, compresi i degenti RSA e gli assistiti al domicilio.

Ausl Romagna. Oltre 25.000 gli over 85 vaccinati, compresi i degenti  RSA e gli assistiti al domicilio. 'Dal 16 febbraio sono stati vaccinati oltre 25.000 over 85enni. Ciò ha permesso di mettere al riparo una fascia di popolazione altamente a rischio, per condizioni di fragilità. Stanno cominciando anche le prime somministrazioni al personale scolastico e sono iniziate ieri le prenotazioni delle persone di fra gli ottanta e gli ottantaquattro anni di età. Contestualmente, partirà a breve la vaccinazione nei confronti delle Forze dell’Ordine. Proseguono le prenotazioni delle persone con età compresa fra gli ottanta e 84 anni, arrivate ad oggi a 30.189. Tutto bene quindi? Nessuno vuole nascondere qualche intoppo occorso legato ai sistemi informatici, che in alcuni casi hanno reso più lungo l’accesso alla prenotazione. Ma ciò può accadere quando sono tante le persone che contemporaneamente cercano di prendere l’appuntamento. Ma il vero problema è legato alla carenza dei vaccini che ci costringe ad allungare i tempi di somministrazione, come le lettere e dichiarazioni dei cittadini testimoniano. Ovvero l’impossibilità di somministrare a tutti il vaccino in tempi rapidi, nei 25 punti vaccinali organizzati dall’Azienda, che come è stato dimostrato, garantirebbero un accesso di elevata prossimità ai cittadini della Romagna. Siamo costretti in questa fase, con le attuali scorte vaccinali, a dover tener conto oltreché degli appuntamenti già prenotati in precedenza, anche della necessità di completare con la seconda dose il ciclo vaccinale di tutti gli over85'.

AUSL ROMAGNA. ( riceviamo e pubblichiamo). ” Prosegue a ritmo incessante la campagna vaccinale in Romagna. Dal 16 febbraio sono stati vaccinati oltre 25.000 over 85enni. Ciò ha permesso di mettere al riparo una fascia di popolazione altamente a rischio, per condizioni di fragilità. Stanno cominciando anche le prime somministrazioni [...]

Rimini. Metromare: l’accesso ai finanziamenti per il prolungamento del tracciato fino a Viserba.

Rimini. Metromare: l’accesso ai finanziamenti per il prolungamento del tracciato fino a Viserba. Uno dei due progetti che il comune di Rimini ha candidato alle risorse statali interessa la 'deviazione' del Metromare a Viserba, opera complementare alla realizzazione del secondo stralcio del prolungamento del metrò fino alla Fiera (già finanziato dal Ministero delle Infrastrutture per 49 milioni di euro). Il tracciato, per cui investimento presentato al ministero di 38 milioni di euro, consentirà di collegare la zona delle Celle al centro sportivo Rivabella, alla zona residenziale di Viserba Monte, al polo scolastico di Viserba, fino all’area dove è in progetto la nuova piscina comunale, servendo anche il nuovo lungomare nord riqualificato. La diramazione si svilupperà per circa 4,5 chilometri in sede propria, con capolinea vicino alla Stazione di Viserba, snodo di scambio intermodale. Il secondo progetto candidato ai finanziamenti riguarda invece la riqualificazione della ‘filoviaria del mare’, lungo i viali delle Regine, che andrà così a completare l’offerta di servizi di mobilità green e sostenibili a servizio della zona a mare.

RIMINI. C’è anche Rimini tra le città che concorrono ai finanziamenti messi a bando dal Ministero per le infrastrutture e destinati ad interventi sulle metropolitane e tranvie. Come riporta l’edizione odierna del Sole 24 Ore, alla scadenza del 15 gennaio scorso sono stati presentati progetti per un valore di 11 miliardi [...]

Misano Adriatico. Una spiaggia più pulita grazie ai ‘Lupetti’ del gruppo Scout. Piccoli grandi gesti.

Misano Adriatico. Una spiaggia più pulita grazie ai ‘Lupetti’ del gruppo Scout. Piccoli grandi gesti. A volte bastano dei piccoli gesti per rendere il mondo migliore di come lo si è trovato. Ce lo insegnano i giovani 'Lupetti' del gruppo Scout di Misano coordinati da Chiara Giannini, che sabato, approfittando del tiepido sole, si sono dedicati ad una giornata ecologica di pulizia della spiaggia. Una piccola impresa, ma di grande utilità per la comunità. Li ha incontrati e ringraziati per il loro impegno l’assessore all’Ambiente Nicola Schivardi. 'I bimbi ci insegnano che qualsiasi cosa fatta con gioia e allegria diventa leggera e speciale – il commento di Schivardi – e che, allo stesso tempo, un piccolo gesto può diventare una grande impresa. Vederli dedicarsi con tanto impegno ma anche spensieratezza ad un’azione così nobile ci fa guardare con maggiore ottimismo al futuro. Un grazie a questi piccoli ma grandi bambini: se la spiaggia di Misano oggi è un po’ più pulita lo dobbiamo a loro'.

Misano Adriatico, 2 marzo 2021 – A volte bastano dei piccoli gesti per rendere il mondo migliore di come lo si è trovato. Ce lo insegnano i giovani ‘Lupetti’ del gruppo Scout di Misano coordinati da Chiara Giannini, che sabato, approfittando del tiepido sole, si sono dedicati ad una giornata [...]

Ravennate. Segnalato un lupo nella parte di Parco del Delta che si estende a sud di Ravenna.

Ravennate. Segnalato un lupo nella parte di Parco del Delta che si estende a sud di Ravenna. In tale fase di nuovo 'incontro' tra uomo e lupo, occorre ritrovare comportamenti che rendono la convivenza non solo possibile, ma più facile di quanto si potrebbe pensare. Come positivamente verificato in questi anni nel nostro Appennino. Occorre innanzitutto considerare il lupo per quello che è: un animale selvatico, che tale deve rimanere. Semplicemente, una specie che fa naturalmente parte dell’ecosistema del nostro territorio e, come tale, da rispettare, con razionale distacco, evitando ogni interferenza, positiva o negativa. In altre parole, il lupo non va assolutamente avvicinato, alimentato, aiutato. Non ne ha bisogno. D’altro canto, non va molestato, allontanato, minacciato. Solo le condizioni naturali dell’ecosistema ci diranno se in questo territorio può o meno sopravvivere, in equilibrio con le aree naturali del Parco del Delta. Per evitare che il lupo trovi fonti di cibo 'non naturali', quindi, occorre non abbandonare mai resti di alimenti ed è molto importante ricoverare durante la notte tutti gli animali domestici (ovini, polli e altri avicoli, cani e gatti); l’attacco ad animali più grandi, come equini e bovini, è altamente improbabile. Si tratta di un predatore particolarmente schivo, che teme l’uomo.

RAVENNATE. Recentemente nella parte di Parco del Delta che si estende a sud di Ravenna è stata riscontrata la presenza di un lupo. Si tratta di ‘Ginevra’, giovane lupa investita nelle Marche, recuperata dal Centro recupero animali selvatici Marche, affidata al Centro di recupero della fauna selvatica di monte Adone [...]

Ravenna. Vaccinazioni anticovid: predisposti i servizi per l’accompagnamento di utenti impossibilitati.

Ravenna. Vaccinazioni anticovid: predisposti i servizi per l’accompagnamento di utenti impossibilitati. Il primo riguarda l'accompagnamento degli utenti con i mezzi di trasporto delle associazioni che si sono rese disponibili e che storicamente si occupano del trasporto di anziani. A tal fine da lunedì 1 marzo, dalle 9 alle 15, è attivo un centralino rispondente ai numeri 351.0516641 e 351.0262915 a cui gli anziani dei comuni di Ravenna, Russi e Cervia potranno fare riferimento per prenotare il servizio di trasporto verso le sedi vaccinali oppure scrivendo alla mail accompagnamentivaccini@gmail.com Il centralino verrà gestito da Auser volontariato Ravenna che è alla testa di un coordinamento di otto associazioni aderenti (Pubblica assistenza Russi, Pubblica assistenza Ravenna, Pubblica assistenza Cervia, Croce giallo blu Cervia, Croce Rossa Ravenna, Ada Ravenna, Anteas Ravenna). Grazie al coordinamento delle associazioni e alla prenotazione attraverso i numeri dedicati, sarà possibile un uso razionale dei mezzi e dei volontari presenti sul territorio con l'applicazione di una tariffa di servizio uguale per tutti, che ammonta a 10 euro sul territorio comunale e a 0,40 centesimi al chilometro per accompagnamenti fuori dal comune. Il personale si recherà sul luogo indicato dagli utenti per essere prelevati, accompagnati al punto vaccinale e poi riportati alla propria abitazione. Inoltre, secondo l’accordo, i volontari, all’interno del centro vaccinale, resteranno con l’utente tutto il tempo dando una mano anche nel disbrigo delle operazioni preliminari alla vaccinazione. Ovviamente il trasporto si svolgerà nel rispetto di tutte le misure anti-Covid e, dopo ogni viaggio, i mezzi verranno sanificati.

RAVENNA. Sono stati predisposti dal Comune in collaborazione con le associazioni di volontariato e quelle di categoria di taxisti e noleggiatori con conducente due servizi per il trasporto delle persone impossibilitate a raggiungere in autonomia le sedi vaccinali.   Trasporto con mezzi delle associazioni di volontariato Il primo riguarda l’accompagnamento [...]

Rimini. Scuole chiuse, tranne per i bambini da 0 a 6 anni. Ancora in presenza e senza la mascherina.

Rimini. Scuole chiuse, tranne per i bambini da 0 a 6 anni. Ancora  in presenza e senza la mascherina. Com’è accaduto già in precedenza questo obbligo non riguarderà i nidi e le scuole di infanzia in quanto i bambini da 0 a 6 anni potranno continuare - anche per le scuole comunali - in presenza e senza la mascherina. Una scelta che però viene fatta mantenendo alta la guarda come accaduto finora. Tutto l’apparto organizzativo del Comune continuerà a garantire - com’è accaduto in questi mesi - un funzionamento costante, degli obblighi e dei protocolli di sicurezza che le circostanze impongono, con ancora maggiore scrupolo e attenzione. Si confermano in pratica tutti i protocolli messi in campo finora: igienizzazione e pulizie ogni giorno; chiusura delle sezioni, nell’eventualità di un contagio, seguendo le indicazioni dell’ASL; tempestiva sanificazione specifica nei luoghi dove si sviluppava un contagio; informative alle famiglie per tenerle aggiornate su tutte le decisioni che man mano si evolvono; attuazione di tutte le regole previste per l’apertura dei plessi scolastici. Un impegno davvero importante diversificato in diversi ambiti d’intervento con l’elaborazione di precisi protocolli di sicurezza per i flussi di ingresso, le mense, i trasporti scolastici ecc. allo scopo di adattare i servizi alle esigenze normative anti-contagio. Funzioni necessarie, come noto, messe in campo senza mai perdere di vista le finalità di indirizzo politico che l’amministrazione aveva intrapreso prima del Covid.

RIMINI. Con l’inizio della zona arancione scuro – previsto da domani 2 marzo, per 15 giorni – i Comuni, la Ausl e la Regione hanno disposto la chiusura delle scuole a causa della crescita dei contagi riscontrata negli ultimi giorni. Com’è accaduto già in precedenza questo obbligo non riguarderà i nidi e le scuole [...]

Bassa Romagna. Unione dei Comuni: calano le polveri sottili nell’aria, stop alle misure emergenziali.

Bassa Romagna. Unione dei Comuni: calano le polveri sottili nell’aria, stop alle misure emergenziali. All’interno del Circondario lughese dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 18.30 non possono comunque circolare: autoveicoli a benzina fino a Euro 2 compreso, autoveicoli e veicolo commerciali diesel fino a Euro 3 compreso, cicli e motocicli pre Euro 1 e veicoli bifuel Gpl/benzina e metano/benzina fino a Euro 1 compreso. Inoltre, tutte le domeniche (a esclusione del 4 aprile 2021) e tutte le volte che entreranno in vigore le misure emergenziali, dalle 08.30 alle 18.30, nel comune di Lugo sarà vietata la circolazione in centro alle seguenti categorie di veicoli: autoveicoli a benzina fino a Euro 2 (compreso), autoveicoli e veicoli commerciali diesel fino a Euro 4 (compreso), cicli e motocicli pre Euro 1, veicoli bifuel Gpl/benzina e metano/benzina fino a Euro 1 (compreso). In tutti gli altri comuni della Bassa Romagna non possono circolare i veicoli privati euro 0 ed euro 1 nei centri abitati dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30. Sono esentati dai limiti i possessori di un solo veicolo - regolarmente immatricolato e assicurato - per nucleo familiare, con Isee inferiore a 19mila euro, muniti di autocertificazione.

BASSA ROMAGNA. Il bollettino regionale della qualità dell’aria emesso lunedì 1 marzo, prevede nei prossimi giorni il rientro entro i valori limite delle polveri sottili. Sono quindi revocate da martedì 2 marzo le misure emergenziali, mentre restano in vigore le misure ordinarie in tutti i comuni della Bassa Romagna fino [...]

Non solo sport. Draghi: fare presto e bene? Vaccini: chi fa da sè fa per tre? Calcio: s’invola la Beneamata ?

Non solo sport. Draghi: fare presto e bene? Vaccini: chi fa da sè fa per tre? Calcio: s’invola la Beneamata ? Per la politica, o meglio, per il nostro Draghi, entrato da qualche giorno nell'agone politico, non c'è tanto tempo per sbrigare faccende lasciate in sospeso nell'anno Conte. In breve: un vaccino certo e abbondante, magari di nostra produzione come auspicabile; una riorganizzazione del sistema ospedaliero o sanitario che dir si voglia, con la creazione di reparti ( finalmente) adeguati ( e finalizzati) a fronteggiare pandemie che s'annunciano in arrivo anche nei prossimi anni; l'apertura delle scuole, soprattutto quelle dell'infanzia e primarie, dove i più piccoli sono chiamati a 'subire' senza ' potersi difendere', come invece tentano di fare i ragazzi delle superiori e universitari; eliminare quella confusione di colori che messe in mano ai mille e mille media in azione sul territorio sono diventati veri e propri labirinti da cui nessuno sa più come uscire. Provvedimenti importanti, vitali, d'emergenza. Per riportare il sereno, quale premessa ( indispensabile) al rilancio economico. Che sarà arduo, anche per via di quella coltre burocratica, spesso insulsa e dannosa, che opprime quanti vogliono fare impresa nel nostro Paese. Sarebbe bello riuscire a dimostrare all'Europa che (ri)credere nel Belpaese come nei primi, brevi, decenni post risorgimento, non è esercizio illusorio, ma redditizio, indispensabile per porre le basi d'una prossima, grande Nazione. Senza dubbio l'Italia va da troppi anni pagando gli effetti non tanto bellici ma morali, d'immagine come s'usa dire oggi, d'una guerra che ' non s'aveva da fare' soprattutto con un alleato che peggiore di quello non è mai esistito nella storia della leggiadra Europa. L'occasione per riscattarsi c'è. Speriamo che uomini alla Cavour, rari, rarissimi, alla Draghi però, contornati dal meglio possibile, riescano nell'impresa. Per rivedere i nostri colori riconosciuti, accettati e applauditi, apertamente, con affetto, come per quelli issati sulle vele di Luna Rossa, la barca Ufo con equipaggio Ufo, che come quella di Giasone sta cercando di riportare nel suo Continente non un 'vello' ma una ' brocca d'argento' qui forgiata.

LA CRONACA DAL DIVANO. Non è stato un gran fine settimana, quest’ultimo, con news sparse, qua e là, tra politica, economia, cronaca varia e attività sportive. Per la politica, o meglio, per il nostro Draghi, entrato da qualche giorno nell’agone politico, non c’è tanto tempo per sbrigare faccende lasciate in [...]

Cesenate. La campagna di crowdfunding di Wait4Call, nuova startup incubata a Cesenalab.

Cesenate. La campagna di crowdfunding di Wait4Call, nuova startup incubata a Cesenalab. L’obiettivo è di sfruttare tutti quei secondi persi nell’attesa di ricevere una risposta dall’altra parte della cornetta. Solo in Italia, al giorno, parliamo di milioni di telefonate e miliardi di secondi persi nell’attesa di chiamata. Il vantaggio per l’utente? Non solo rimane aggiornato sulle novità riguardo i brand e i prodotti a cui è interessato ma, soprattutto, per ogni spot ascoltato o video visualizzato all’interno dell’app, viene remunerato non con crediti o coins, ma con denaro reale che può essere incassato o donato in beneficenza agli enti partners. Attualmente l’app Wait4call ha raggiunto quota 2.500 download, mentre sono circa 40 gli spot attivi in diversi settori merceologici. Ma non basta. Convinti del valore imprenditoriale e tecnologico della loro idea, il team di Wait4Call ha appena lanciato la sua prima campagna di crowdfunding sulla piattaforma WeAreStarting, con l’obiettivo di raccogliere fino a 150.000 euro per lo sviluppo di nuove soluzioni dell’app e per le attività di marketing e commerciale legate alla crescita degli utenti e delle aziende partners.

CESENATE. Partita  la campagna di crowdfunding di Wait4Call, startup incubata a Cesenalab, che ha sviluppato la prima app di digital audio advertising che permette di guadagnare soldi semplicemente ascoltando pubblicità targetizzata. Il team di Wait4Call, fondata dal cesenate Luca Legni, ha sviluppato un applicativo Android che permette alle aziende di [...]

26 febbraio 2021 0 commenti

Non solo sport. Calcio: disastro Champions. Caos vaccini: visto che possiamo, perchè non farli in casa?

Non solo sport. Calcio: disastro Champions. Caos vaccini: visto che possiamo, perchè non farli  in casa? Non sono andate bene le nostre. Con una Signora incompiuta che altro non sa fare ( agli ottavi) che brutte figure. Aspirare alla Coppa con tali atteggiamenti è illusorio se non ingannevole. Soprattutto nei riguardi dei tifosi. Altra figuraccia va assegnata alla Lazio, che su quattro gol concessi al Bayern se n'è fatti tre. Spesso e volentieri ci vien da chiedere che ci vanno a fare certe squadre in contesti tanto selezionati e ardui. A nostro favore, se tal si può definire, è il solito ritornello dei rigori evidenti e non concessi da arbitri che sembrano mandati apposta per 'sputtanare' l'Uefa sempre e comunque indifferente verso i ' nobili decaduti', alla qual categoria apparteniamo. Ha cercato di vender cara la pelle la Dea del Gasp contro Panda Real, ma il solito arbitro ( la nazionalità non conta) ha pensato bene di 'falsare' la partita con una espulsione già al 18' di un giocatore atalantino, con provvidenziale ricaduta su una formazione merengues che meno merengues di così non poteva essere. Sul comportamento degli arbitri i nostri non si soffermano più di tanto, sospinti dalla folla di universali esterofili che ( su carta, tivù o social poco conta) trova massimamente gustoso sputar nel piatto in cui mangia. I risultati di questo atteggiamento li vediamo. Basta andar a vedere quel rigore negato ( in extremis) alla Signora incompiuta; o l'altro al Milan; o l'espulsione (si diceva sopra ) dell'atalantino, impegnato più a contrastare che a fallare. Ma tant'è. Nessuno protegge ( più di tanto) il nostro patrimonio anche nello sport, lo si sa, pur con tutti suoi difetti( dirigenziali), e le sue carenze ( stadi e impianti); nel calcio, ad esempio, lo sloveno portato ai vertici Uefa ( soprattutto) da noi, del tutto fa orecchie da mercante, lasciando gestire le sorti d'una squadra ( società) ai soliti 'poteri forti' , che davanti a Panda, Sceicchi e Oligarchi stanno col cappello in mano come ( una volta) il 'povero' al cospetto del 'padrone'. Non sarà che il mitico prestigio di cui hanno goduto le Coppe europee sia arrivato alla frutta? Altro argomento del giorno riguarda il ( cosiddetto) caos vaccini. Prenotati, non consegnati, insufficienti, validi e non ( soprattutto davanti alle famigerate varianti). Che dire? Poco o nulla. Se non aspettare ( fidenti) la mano della Provvidenza, più che della scienza, che peggio 'manipolata' di così non potrebbe essere. Una domanda però serpeggia dall'Alpi a Pantelleria. Un Paese come il nostro, con una industria farmaceutica ai vertici mondiali, perchè invece di andare ad implorare altri non se li produce in casa, sti benedetti vaccini? E, ancora una volta, invece d'essere stati al sole durante l'ultima estate, perchè non s'è provveduto per tempo a dar corpo a tal progetto, magari reperendo (tempestivamente) quei ( delicati) macchinari che lo rendono possibile? A ben pensarci, non è che sia stato qui che il buon Conte s'è giocato il posto?

LA CRONACA DAL DIVANO. Martedì 23 e mercoledì 24 è riapparsa la Champions, per gli ottavi, secondo turno. Non sono andate bene le nostre. Con una Signora incompiuta che altro non sa fare ( agli ottavi) che brutte figure. Aspirare alla Coppa con tali atteggiamenti è illusorio se non ingannevole. [...]

25 febbraio 2021 0 commenti