Personaggi

 

Roma. Dante: l’amore, le guerre e la Commedia nei dialetti italiani. Un fumetto sulla vita del Sommo Poeta.

Roma. Dante: l’amore, le guerre e la Commedia nei dialetti italiani. Un fumetto sulla vita del Sommo Poeta. Conferenze e laboratori, un fumetto per bambini e la Divina Commedia letta nei vari dialetti d’Italia: oltre 20 eventi, in presenza e radiofonici, che restituiranno al grande pubblico il Poeta come un uomo che ha amato, che ha conosciuto la guerra e l’onta dell’esilio. E come l’autore più fantasioso che la letteratura italiana abbia mai conosciuto. In collaborazione con la Rete italiana di cultura popolare, la maratona di lettura della Divina Commedia nei diversi dialetti coinvolgerà tutta la penisola. I testi verranno forniti dal Fondo Tullio De Mauro ai comitati provinciali di AiCS e alle scuole del territorio nazionale. Ogni 25 del mese, a partire dal DanteDì (25 marzo) e durante tutto il 2021, fino a novembre quando inizierà il Festival della cultura popolare a Torino, sarà trasmessa su Tradiradio.org una rubrica dedicata alle parlate che arriveranno al Fondo da ogni territorio italiano. Le registrazioni potranno essere effettuate da chiunque anche tramite il portale della Rete nella sezione 'Dona la voce' https://www.reteitalianaculturapopolare.org/dona-la-voce.html. Scritto e disegnato da Francesco D’Onofrio e Raffaele Posulu, il fumetto della vita di Dante è diviso in quattro 'fasi' fondamentali: l’amore per Beatrice, l’amicizia con altri poeti del Dolce stil novo, lo scontro politico tra Guelfi bianchi e neri, l’esilio lontano da Firenze.

Roma, 18 marzo 2021 – Dante per tutti, anziani e bambini, come non si studia sui libri di scuola: in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, l’Associazione Italiana Cultura Sport – tra i maggiori enti di promozione sportiva e sociale del Paese – omaggia il Sommo Poeta [...]

18 marzo 2021 0 commenti

Rimini. Partita l’America’s Cup. La città segue palpitando il ‘suo’ Max, ‘mente’ di Luna rossa.

Rimini. Partita l’America’s Cup. La città segue  palpitando il ‘suo’ Max,  ‘mente’ di Luna rossa. In una pausa dai sopralluoghi sui cantieri in corso del parco del Mare, la Giunta comunale ha voluto fare l’in bocca al lupo allo skipper riminese e all’equipaggio italiano alla vigilia della partenza della più prestigiosa sfida velistica al mondo, occasione per portare alla ribalta il talento e l’eccellenza del made in Italy. Un gesto simbolico dalla palata del porto di Rimini, ad unire idealmente il nostro mare alle acque neozelandesi, al quale hanno partecipato anche i rappresentanti del mondo del mare riminese: Marco Valcamonici per il Club nautico, Leonardo Bernardini per il Circolo velico e Andrea Musone per la Federazione italiana vela.

RIMINI. “Max, dal nostro mare che ti arrivi un buon vento”. Da Rimini arriva forte e caloroso l’incoraggiamento a Max Sirena, il timoniere di Luna rossa che da mercoledì (alle 4 ore italiane) nella baia di Auckland contenderà al team New Zealand la 36esima Coppa America.   In una pausa dai [...]

10 marzo 2021 0 commenti

San Clemente. La Sindaca: ‘ La nostre più sentite condoglianze per la scomparsa di Fausto Gresini’.

San Clemente. La Sindaca: ‘ La nostre più sentite condoglianze per la scomparsa di Fausto Gresini’. 'La notizia della morte improvvisa di Fausto Gresini, ex pilota motociclistico, già due volte Campione del Mondo nella Classe 125 e poi team manager del Gresini Racing, mi addolora profondamente. Il 21 dicembre 2010, all’epoca ricoprivo il ruolo di assessore alla Pubblica istruzione, Gresini fu ospite della Sala polivalente di Sant’Andrea in Casale in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria di San Clemente consegnatagli dall’allora sindaco Christian D’Andrea. Un riconoscimento che l’intero Consiglio comunale volle tributargli con parere favorevole unanime. In virtù dei grandi meriti sportivi raggiunti, per i numerosi titoli ottenuti alla guida del suo team e per la grande umanità e generosità che Gresini ha sempre dimostrato come autentico artefice del motociclismo tricolore, anche accanto a campioni della nostra terra quali Marco Melandri e Marco Simoncelli. Oggi, purtroppo, San Clemente, tutta l’Italia e tutto il Mondo ne piangono la prematura scomparsa dopo due mesi di strenua lotta contro il Covid-19. Una notizia che non avremmo mai voluto ricevere e commentare. A nome mio personale, dell’intera Amministrazione e di tutta la comunità sanclementese voglio esprimere le più sentite condoglianze e il più alto senso di vicinanza alla famiglia'.

SAN CLEMENTE. ( riceviamo e pubblichiamo) ” La notizia della morte improvvisa di Fausto Gresini, ex pilota motociclistico, già due volte Campione del Mondo nella Classe 125 e poi team manager del Gresini Racing, mi addolora profondamente. Il 21 dicembre 2010, all’epoca ricoprivo il ruolo di assessore alla Pubblica istruzione, [...]

23 febbraio 2021 0 commenti

Roma. Personaggi della nostra storia. Il 19 febbraio 2021 Massimo Troisi avrebbe compiuto 68 anni.

Roma. Personaggi della nostra storia. Il 19 febbraio 2021 Massimo Troisi avrebbe compiuto 68 anni. Nel film 'Il postino' emerge il desiderio di evolversi attraverso l'arte e la poesia che permettono di acquisire dignità e coscienza civile. Mario Ruoppolo da inconsapevole lavoratore attraverso il contatto con la conoscenza poetica matura una serie di risvolti umani, civili e sociali che lo conducono perfino a lottare per rivendicare i propri diritti. La cultura di cui parlava Vittorini, quella che cambia la vita delle persone, dà una possibilità al futuro, parte anche da artisti straordinari come Troisi. Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani reputa 'Il postino' dall’alto contenuto estetico ed ideologico, la cui complessità si presta a molteplici letture e utilizzazioni didattiche: può insegnare molto ai giovani e diventare momento di riflessione sul rapporto cultura / impegno civile nella società. “Quando la spieghi la poesia diventa banale, meglio di ogni spiegazione è l'esperienza diretta delle emozioni che può svelare la poesia a un animo predisposto a comprenderla” (Pablo Neruda, 'Il postino')

ROMA. ( Riceviamo e pubblichiamo) Il 19 febbraio 2021 Massimo Troisi avrebbe compiuto 68 anni. Attraverso la sua arte ha messo in scena i conflitti e le bizzarrie della società, nonché la sottile linea di confine tra la povertà e l’umiltà, che nelle sue rappresentazioni traspaiono anche per la totale [...]

19 febbraio 2021 0 commenti

Lugo. Museo ‘Baracca’: prorogata la mostra ‘ Il Pittore e l’Eroe’. Resterà aperta fino al 26 febbraio.

Lugo. Museo ‘Baracca’: prorogata la mostra ‘ Il Pittore e l’Eroe’. Resterà aperta fino al 26 febbraio. Elemento centrale dell’esposizione è la riproduzione del dipinto, realizzato da Anacleto Margotti nel 1974, raffigurante il Battesimo di Cristo, conservato nella chiesa di Santa Maria ad Alfonsine. Il quadro ha una storia molto particolare e significativa, risalente al 1914. Durante i disordini scoppiati in occasione della 'Settimana rossa', gli insorti diedero fuoco alla chiesa di Alfonsine e alle opere custodite al suo interno. Fra queste c’era pure una tela raffigurante il 'Battesimo' della scuola di Guido Reni. Il parroco, don Tellarini, decise di commissionare il rifacimento del dipinto a un giovane pittore locale, Anacleto Margotti. Appena diciottenne e di umili origini contadine, Margotti abitava a San Potito, in una modesta casa di proprietà della famiglia Baracca. L’artista propose proprio a Francesco Baracca, già affermato tenente aviatore ed ufficiale di cavalleria, di impersonificare il Cristo. Baracca accettò di buon grado e insieme a un contadino, nel ruolo del Battista, posò come modello nei pressi del fiume Senio nel luglio del 1914. Margotti dipinse l’opera su una parete della chiesa in piazza Monti.

LUGO. Resterà aperta fino al 26 febbraio la mostra ‘Il Pittore e l’Eroe‘ al museo ‘Francesco Baracca‘ di Lugo. L’esposizione che riporta alla luce la storia che ha unito il pittore lughese Anacleto Margotti e l’Asso degli Assi dell’aviazione italiana, inaugurata lo scorso ottobre, resterà infatti aperta fino alla fine [...]

8 febbraio 2021 0 commenti

Cesena. Presentato il progetto #neoma, concorso per il nuovo ‘Maurizio Bufalini’. Altra sfida.

Cesena. Presentato il progetto #neoma, concorso per il nuovo  ‘Maurizio Bufalini’. Altra sfida. Ora il progetto è stato presentato alla stampa dal mentor Michele Di Giacomo, da Neera Pieri, entrambi della compagnia Alchemico tre, da Eleonora Sette di ART-ER Area S3 Forlì-Cesena, dagli assessori ai Progetti europei e alla Cultura Francesca Lucchi e Carlo Verona, e da alcuni istituti superiori della città (Liceo linguistico, Liceo classico, e Iris-Versari) che collaborano alla realizzazione del progetto interamente finanziato dal comune di Cesena. A distanza di 142 anni lanciamo con #Neoma una nuova sfida. Se nel 1879 furono realizzati dei bozzetti in gesso, oggi chiediamo a tre classi degli Istituti superiori di Cesena di creare nuovi bozzetti utilizzando con creatività e innovazione i mezzi e linguaggi con cui hanno dimestichezza, quelli digitali. Un percorso che inizia il 18 gennaio e termina il 22 febbraio e che si realizzerà interamente on line e nel mondo digitale. Gli studenti saranno guidati in un percorso che parte dalla conoscenza della figura di Maurizio Bufalini e dei temi legati alla sua vita e che prosegue con la formazione su tre tecniche di produzione artistica in video: stop-motion, videomaking, rotoscope. I partecipanti, divisi in gruppi e in contatto con il proprio team attraverso piattaforma digitale, realizzeranno in una giornata di Hackathon i propri progetti per la #neostatua dedicata a Maurizio Bufalini, che verranno resi pubblici e votati dalla cittadinanza. Il gruppo ideatore del bozzetto digitale vincitore verrà premiato con lo sviluppo del proprio progetto da parte del team di artisti digitali, inaugurato in futuro come #neostatua.Come nel 1979 i 25 bozzetti in gesso raffiguranti Bufalini furono esposti nel Municipio per essere valutati dalla cittadinanza, così le 9 rielaborazioni artistiche dei 9 gruppi di studenti saranno esposte al giudizio della città, non più in un luogo fisico ma sul web. I progetti per la #neostatua verranno pubblicati sul sito e sul canale YouTube del comune di Cesena, e verranno aperte le votazioni online che si chiuderanno il 21 febbraio. Il 22 febbraio verrà proclamato il bozzetto vincitore, che sarà in futuro sviluppato dal team di artisti digitali per essere inaugurato come la #neostatua dedicata a Maurizio Bufalini.

CESENA. ( riceviamo e pubblichiamo) #NEOMA sta per neo Maurizio: una nuova statua per Maurizio Bufalini. È il 1879, Maurizio Bufalini è morto da 4 anni e il comune di Cesena decide di dedicargli una statua. L’11 agosto viene aperto un concorso nazionale e l’anno successivo 25 bozzetti in gesso [...]

15 gennaio 2021 0 commenti

Rimini. Parte la Coppa America. Con Massimiliano Sirena, velista riminese. Gnassi:’Buon vento, Max!’.

Rimini. Parte la Coppa America. Con Massimiliano Sirena, velista riminese. Gnassi:’Buon vento, Max!’. Massimiliano ‘Max’ Sirena, velista riminese classe ’71 e Sigismondo d’oro 2017, ha già vinto due Coppa America: l’ultima nel 2017 con New Zealand, l’altra nel 2010 con Bmw Oracle. Oggi, nel ruolo di skipper e team director, è alla vigilia della 36esima edizione della America’s Cup che, nella notte fra giovedì 14 e venerdì 15 gennaio, lo vedrà salpare alla guida del team Luna Rossa verso Auckland 2021. Venerdì cominciano infatti le sfide della Prada Cup, il trofeo preliminare che selezionerà lo sfidante dei campioni in carica neozelandesi. insindaco Gnassi: 'Oggi Max è leader non solo di una 'barca'. Ma di un progetto. Un progetto che sì, lo vediamo come una barca, che farà l’America’s Cup, la più prestigiosa sfida velistica al mondo. Ma che è un concentrato di lavoro, manifattura, tecnologia, e ricerca italiana. I pezzi della barca, gli scafi, i sistemi di bordo, l’elettronica, il software, la tecnologia è italiana. Ed è straordinario Max, nostro Sigismondo d’oro, quando afferma che: ' Il nostro obiettivo è far capire al mondo che cosa è l’eccellenza del nostro Paese. Siamo sempre negativi su noi stessi e il nostro Paese. Invece ci sono campi in cui siamo l’eccellenza'.

RIMINI. Massimiliano ‘Max’ Sirena, velista riminese classe ’71 e Sigismondo d’oro 2017, ha già vinto due Coppa America: l’ultima nel 2017 con New Zealand, l’altra nel 2010 con Bmw Oracle. Oggi, nel ruolo di skipper e team director, è alla vigilia della 36esima edizione della America’s Cup che, nella notte fra giovedì 14 [...]

13 gennaio 2021 0 commenti

Cesena. La ‘Ruota umana’ di Amedeo Masacci restaurata e nuovamente collocata in luogo pubblico.

Cesena. La ‘Ruota umana’ di Amedeo Masacci restaurata e nuovamente collocata in luogo pubblico. 'Artista cesenate lungimirante – lo presenta l’assessore alla Cultura Carlo Verona – il maestro Masacci merita di essere conosciuto dalle giovani generazioni e da tutti i cesenati che fino ad oggi non hanno avuto modo di familiarizzare con la sua arte. L’artista vide nell’innovazione e nella sperimentazione la chiave di interpretazione del secondo dopo guerra. Erano anni duri, di rinascita, e sicuramente dobbiamo alle arti e alle diverse espressioni culturali uno dei canali principali del ‘racconto storico’ tramandato fino ai nostri giorni. Grazie alla sua arte, in pochi anni Masacci si è garantito una fama nazionale ottenendo ambiti riconoscimenti, come il premio del Ministero della Pubblica Istruzione e quello del Presidente della Repubblica. Per queste ragioni intendiamo riportare all’attenzione della nostra città questo maestro dell’arte e della scultura locale avviando il restauro di una delle sue opere, la Ruota umana, a suo tempo acquisita dal Comune, poi collocata nel 2007 nella rotonda di piazzale Trieste e più tardi conservata in un deposito comunale'.

CESENA. Il 2021 si aprirà all’insegna dell’arte per Cesena. L’Amministrazione comunale infatti per celebrare l’ingegno e il ricordo dello scultore cesenate Amedeo Masacci, di cui quest’anno ricorre il 50esimo anniversario dalla morte e il 90esimo dalla sua nascita, ha deciso di restaurare la sua scultura ‘Ruota umana’ e di collocarla [...]

30 dicembre 2020 0 commenti

Ravenna. Mostra ‘Le arti al tempo dell’esilio’. Quanto il Poeta ammirò nel suo sofferto peregrinare.

Ravenna. Mostra ‘Le arti al tempo dell’esilio’. Quanto il Poeta ammirò nel suo sofferto peregrinare. Ecco la mostra 'Le arti al tempo dell’esilio', secondo grande appuntamento del ciclo espositivo 'Dante. Gli occhi e la mente', promosso dal comune di Ravenna - assessorato alla Cultura e dal MAR Museo d’arte della città di Ravenna, a cura di Massimo Medica. A promuovere congiuntamente il ciclo, manifestazione ufficiale del VII Centenario della morte di Dante, si sono trovati accanto al comune di Ravenna, i Musei degli Uffizi, per effetto di un accordo pluriennale di collaborazione che idealmente sancisce il gemellaggio tra la città dove il Poeta nacque e quella in cui morì e riposa. Questa, annunciata alla presenza del Presidente della Repubblica, è una mostra di autentici capolavori. Quantitativamente concentrata, essenziale, precisa: la scelta curatoriale è stata quella di riunire solo testimonianze di assoluta eccezione, precisamente aderenti al tema, realmente emblematiche delle tappe dell’esilio dantesco. Proponendo ciò che il Poeta ebbe occasione di ammirare nel suo lungo peregrinare per l’Italia, opere la cui eco influenzò la sua Commedia, straordinario 'poema per immagini'. Ad accogliere questo percorso espositivo d’eccezione è un luogo altrettanto significativo: la chiesa monastica di San Romualdo, di origine camaldolese, attigua alla Biblioteca Classense, nel cuore storico di Ravenna.

RAVENNA. Dal 6 marzo al 4 luglio 2021, in San Romualdo a Ravenna, si potrà ammirare la preziosa mostra ‘Le arti al tempo dell’esilio‘, secondo grande appuntamento del ciclo espositivo ‘Dante. Gli occhi e la mente’, promosso dal comune di Ravenna – assessorato alla Cultura e dal MAR Museo d’arte della [...]

9 dicembre 2020 0 commenti

Ravenna. Muti e l’orchestra giovanile ‘Cherubini’. Concerto in streaming dal teatro comunale ‘Alighieri’.

Ravenna. Muti e l’orchestra giovanile ‘Cherubini’. Concerto in streaming dal teatro comunale ‘Alighieri’. Nei programmi scelti da Muti sono incise le coordinate che da sempre ne guidano l’attività, ovvero l’attenzione per la nuova generazione e l’amore per quello che può e deve continuare a essere il Paese della musica: è interamente dedicato a Schubert il programma del 22 novembre, con la Sinfonia n. 3 e l’Incompiuta eseguita per il primissimo concerto della Cherubini nel 2005; mentre domenica 29 si colora d’Italia con il Notturno di Martucci, il Preludio sinfonico di Puccini e pagine di Verdi, dalla sinfonia del Nabucco ai ballabili del Macbeth e alle sinfonie da La forza del destino e I vespri siciliani. I giovani musicisti della Cherubini restituiscono alla città di Ravenna, sempre più loro 'casa', quel cuore culturale che è il Teatro, attraverso due domeniche di musica che ne riaprono virtualmente le porte a spettatori di tutto il mondo. Chi sceglie cuffie o auricolari potrà apprezzare al meglio l’esperienza audio immersiva che ricrea l’acustica unica del teatro Alighieri, uno dei soli otto luoghi al mondo (e il solo teatro in Italia) a cui sia stata applicata l’innovativa tecnologia d&b Soundscape En-space. L’iscrizione alle newsletter di Ravenna Festival e RMMUSIC regalerà invece l’accesso a contenuti esclusivi dalle prove di questi giorni.

RAVENNA. Il maestro, la sua orchestra e il teatro: quanto basta per riprendersi la gioia del fare musica insieme e condividerla con tutti, ovunque. Riccardo Muti dirige l’orchestra giovanile Luigi Cherubini al teatro Alighieri di Ravenna per due concerti in streaming gratuito il 22 e 29 novembre, alle 11 del [...]

18 novembre 2020 0 commenti