Regione

 

Emilia Romagna. Ert festeggia il I Maggio con ‘Lavorando al futuro’ e ‘Dieci storie proprio così’.

Emilia Romagna. Ert festeggia il I Maggio con ‘Lavorando al futuro’ e  ‘Dieci storie proprio così’. La Festa dei lavoratori: nata nel 1887 in America, dopo le dure lotte degli ultimi trent’anni dell’Ottocento e in memoria, in particolare, della rivolta di Haymarket (1° Maggio 1886), viene celebrata, oggi, da oltre novanta paesi nel mondo; è un tributo alla dignità e al diritto del lavoro a partire dalla rivendicazione di condizioni di orario e di salario sostenibili per tutte le donne e gli uomini. Per celebrarla, quest’anno, in un momento di particolare difficoltà che affligge soprattutto lavoratrici e lavoratori, ERT Fondazione ha scelto, con il progetto Lavorando al futuro. Messaggi e parole sul Primo Maggio, di dare la parola ai giovani del territorio, di ascoltare una restituzione del loro immaginario, delle loro aspettative, delle loro preoccupazioni e proposte. Confermando un deciso impegno nella relazione con il mondo della scuola e grazie alla proficua collaborazione con i docenti, la struttura ha coinvolto un gruppo di studentesse e studenti delle superiori di primo e secondo grado a condividere pensieri e suggestioni intorno al tema del lavoro. Sono nate così alcune 'lettere', messe poi in dialogo, in un video di circa 50 minuti, con la forma della poesia e della ballata, alternandole a una selezione di testi di grandi voci della letteratura internazionale: dalla Ballata del lavoro di Edoardo Sanguineti a Il lavoro di una donna di Maya Angelou (tradotto da Sergio Lo Gatto) e Madre operaia di Ada Negri, da Canto dei battellieri del riso e Carbone per Mike di Bertolt Brecht alla Poesia sulle attività quotidiane degli operai e delle operaie di Questi Stati di Walt Whitman fino a Il grido di Giorgio Gaber (da Il signor G., Dialogo tra un’impiegato e un Non So).

EMILIA ROMAGNA. Emilia Romagna Teatro Fondazione festeggia il I Maggio 2020: dopo la celebrazione del 75° anniversario della Liberazione d’Italia, prosegue il calendario ‘civile’ di iniziative che l’Ente dedica, in primo luogo, alle comunità che compongono la sua geografia ma allargando, da questa prospettiva, lo sguardo a tutto il Paese, profondamente [...]

19 maggio 2020 0 commenti

Ausl Romagna. Fase 2: recupero delle prestazioni sospese. Penserà l’Ausl a richiamare i già in elenco.

Ausl Romagna. Fase 2: recupero delle prestazioni sospese. Penserà l’Ausl a richiamare i già in elenco. Procedendo con ordine: sempre secondo le Linee guida regionali, anche durante il periodo di maggior incidenza dei contagi da Covid 19 non si è mai interrotta in nessun territorio (neppure in quello più colpito del Riminese) l’erogazione delle prestazioni ed in particolare degli interventi chirurgici urgenti e non differibili, ovviamente in situazione di massima sicurezza per pazienti e professionisti ed operatori. Non appena è stato possibile sono ripresi gli interventi chirurgici e le prestazioni che, sebbene non rientranti nell’urgenza, era consigliabile non procrastinare ulteriormente per non correre alcun rischio rispetto all’evolversi della patologia e alla qualità della vita dei relativi pazienti. Questi pazienti vengono chiamati direttamente dall’Azienda per riprogrammare la prestazione. Così come saranno richiamati dall'Azienda, di qui a breve, le persone che devono recuperare le prestazioni legate agli screening oncologici. In questa ulteriore nuova fase sussistono le condizioni per iniziare a recuperare gradualmente le prestazioni di specialistica ambulatoriale (visite ed esami diagnostici) che erano stati sospesi (in quanto privi di ogni carattere di urgenza).

AUSL ROMAGNA. L’Azienda Usl della Romagna sta iniziando a recuperare le prestazioni di specialistica ambulatoriale a suo tempo prenotate dai cittadini ma la cui erogazione era stata bloccata dall’11 marzo scorso, a seguito del diffondersi dell’infezione da Coronavirus. Si tratta di 240mila prestazioni circa, tra visite specialistiche ed esami diagnostici, [...]

15 maggio 2020 0 commenti

Ravenna. Tavola rotonda: ’9 maggio 1950 – 9 maggio 2020, da Schuman alla pandemia’. Diretta streaming.

Ravenna. Tavola rotonda:  ’9 maggio 1950 – 9 maggio 2020, da Schuman alla pandemia’. Diretta streaming. Da qui l’organizzazione della tavola rotonda in diretta streaming dal titolo: '9 maggio 1950 - 9 maggio 2020: da Schuman al tempo della pandemia. Rilanciare il processo di integrazione europea'. Si potrà seguire l’evento, sabato 9 maggio, ore 11, sulla pagina Facebook EuRoPe Romagna e su YouTube EuRoPe Romagna. Ne discuteranno: Danilo Taino, inviato speciale, editorialista e a lungo corrispondente da Berlino de Il Corriere della sera, scrittore, autore del volume 'Scacco all'Europa' (Solferino - 2019); Piero Ignazi, professore di Politica comparata dell'Università di Bologna; Michele Marchi, professore di Storia contemporanea dell'Università di Bologna, Campus di Ravenna, responsabile scientifico del progetto EuRoPe. Interverranno: Ouidad Bakkali, assessore alle Politiche europee del comune di Ravenna; Luigi Canetti, direttore del Dipartimento beni culturali, Università di Bologna-Campus di Ravenna; Massimo Gaudina, capo della rappresentanza della Commissione europea a Milano. Alla tavola rotonda sarà possibile per tutti, cittadini e cittadine, ma anche studenti e alcune classi, commentare e fare domande. All’organizzazione hanno collaborato: Università di Bologna-Campus di Ravenna, Dipartimento beni culturali, e con il patrocinio della Commissione europea-rappresentanza in Italia.

RAVENNA. Le attività di divulgazione dell’assessorato alle Politiche europee del Comune non si fermano e da maggio assumono una nuova veste: e-learning per le scuole e una tavola rotonda in streaming, in collaborazione con i volontari ‘EuRoPe‘ e l’Università di Bologna. COMMENTI. “La ormai tradizionale giornata in cui oltre 100 [...]

8 maggio 2020 0 commenti

Bassa Romagna. Arrivate 46mila mascherine dalla Regione. Per le farmacie e le persone più fragili.

Bassa Romagna. Arrivate 46mila mascherine dalla Regione. Per le farmacie e le persone più fragili. Il numero, per quanto significativo, ovviamente non consente di coprire il fabbisogno di tutta la popolazione e quindi la giunta dell'Unione ha individuato dei criteri di priorità. ' Si è stabilito - precisano gli Amministratori - di distribuire la metà delle mascherine alle persone in condizioni di maggiore fragilità come anziani non autosufficienti o famiglie in difficoltà economica - dichiarano i sindaci della Bassa Romagna -. La restante metà sarà in distribuzione con il supporto della rete delle farmacie; quelle comunali hanno già espresso la loro disponibilità e abbiamo chiesto il sostegno anche di quelle private, che hanno sempre dimostrato sensibilità e senso di responsabilità nei confronti della comunità. Nei prossimi giorni informeremo puntualmente su quando e dove saranno disponibili le mascherine, nel frattempo preghiamo tutti di aspettare e non recarsi in farmacia per questo motivo. Pur essendo questa parte di dispositivi a disposizione di tutti, si raccomanda fortemente a chi ne ha la possibilità economica e chi già dispone di mascherine di lasciarle a chi ne ha più bisogno, provvedendo con senso di responsabilità a un opportuno approvvigionamento autonomo, in quanto negli ultimi giorni la disponibilità presso le stesse farmacie è aumentata'.Per poter distribuire le mascherine occorreranno alcuni giorni, in quanto è necessario compiere alcune indispensabili operazioni preliminari. Le mascherine infatti sono state consegnate in pacchi da 50 e dovranno essere suddivise in confezioni che rechino al loro interno alcuni pezzi.

BASSA ROMAGNA. Anche l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ha ricevuto dalla regione Emilia Romagna la propria quota di mascherine, rispetto al totale dei due milioni di pezzi messi a disposizione gratuitamente per la popolazione. Si tratta di circa 46mila mascherine, numero stabilito in base alla popolazione (sono 175 mila [...]

9 aprile 2020 0 commenti

Emilia Romagna. Legacoop e Federcoop Romagna in team per fare fronte ai problemi della liquidità.

Emilia Romagna. Legacoop e Federcoop Romagna in team per fare fronte ai problemi della liquidità. Infatti, se l’attività economica rallenta o si ferma, come è accaduto da noi, rallentano anche i flussi di cassa. E mentre le banche centrali possono dare un contributo riducendo i tassi d’interesse, sono soprattutto i Governi a dover assumere un ruolo di primo piano nel fornire liquidità, come sembra avere riconosciuto proprio in questi giorni la stessa Bce. ' Non a caso la richiesta che giunge a gran voce al Governo dalla Cooperazione e da gran parte del sistema imprenditoriale italiano, è quella di curarsi soprattutto di questo aspetto, all’interno dei prossimi interventi previsti', dichiarano Mario Mazzotti, presidente di Legacoop Romagna e Paolo Lucchi, amministratore delegato di Federcoop Romagna. Legacoop e Federcoop Romagna, attraverso i propri consulenti e quelli di Federazione delle Cooperative, hanno creato un team specifico, composto da consulenti finanziari, direzionali e legali- giuslavoristici, per poter abbracciare,tutti gli ambiti tecnici multidisciplinari che la complessità della situazione e delle misure messe in campo richiedono.

EMILIA ROMAGNA. (3 aprile 2020) – Ormai tutti gli analisti economici lo riconoscono: oggi e per i prossimi mesi le imprese dovranno costantemente far fronte ad un problema di liquidità. Infatti, se l’attività economica rallenta o si ferma, come è accaduto da noi, rallentano anche i flussi di cassa. E mentre [...]

4 aprile 2020 0 commenti

Emilia Romagna. Coronavirus: ridurre i contatti, lavarsi le mani, non toccare gli occhi, il naso e la bocca.

Emilia Romagna. Coronavirus: ridurre i contatti, lavarsi le mani, non toccare gli occhi, il naso e la bocca. Suggerimenti rivolti soprattutto a pazienti con patologie reumatologiche, dermatologiche e gastroenterologiche in trattamento con farmaci biologici e immunosoppressori. La regione Emilia Romagna, per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e alla conseguente necessità sia di ridurre i contatti tra le persone per contrastare e contenere il diffondersi del virus sia di garantire condizioni di sicurezza nei percorsi di cura per i pazienti, ha diramato nei giorni scorsi un documento, rivolto agli specialisti coinvolti, ai medici di Medicina generale e ai pazienti, con le indicazioni sulla gestione dell’informazione e dei comportamenti prescrittivi nei pazienti affetti da patologie dermatologiche, gastroenterologiche, reumatologiche in trattamento con farmaci immunosoppressori e biotecnologici, alla luce della attuale situazione epidemiologica ed emergenziale. Premesso che per le persone che convivono con una patologia cronica e che sono in terapia farmacologica valgono ancor di più le regole di prevenzione generale come lavarsi le mani, non toccare gli occhi, il naso o la bocca, tossire e starnutire nel gomito, mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro, e che, non esistendo al momento evidenze scientifiche sulla base delle quali poter formulare raccomandazioni ufficiali e con un grado elevato di affidabilità, si possono solo formulare suggerimenti che sono frutto dell’expertise e del buon senso clinico, ispirati ad un principio di prudenza.

Bologna, 16 marzo 2020 – 3.093 persone positive, delle quali 68 guarite e 284 decedute: sono i numeri aggiornati del contagio da Covid-19 in Emilia Romagna, la seconda regione d’Italia più colpita da questa emergenza sanitaria che interessa tutta la popolazione, ma che preoccupa soprattutto le categorie fragili, le persone [...]

16 marzo 2020 1 commento

Emilia Romagna. Gal Delta 2000. Accordi di cooperazione per lo sviluppo delle vie di pellegrinaggio.

Emilia Romagna. Gal Delta 2000. Accordi di cooperazione per lo sviluppo delle vie di pellegrinaggio. I progetti sottoscritti dai sei Gruppi di azione locale dell’Emilia Romagna mettono a disposizione oltre 1,5 mln di euro per la realizzazione di azioni comuni e locali per organizzare e promuovere i 'Cammini' dell’Emilia Romagna dagli Appennini al Delta del Po e per la valorizzazione dei 'Paesaggi rurali'. Il GAL DELTA 2000 nei progetti da realizzare insieme ai GAL dell’Emilia Romagna intende portare avanti l’obiettivo strategico del Piano di azione locale di posizionare il Delta del Po come un tesoro da svelare al Mondo , e strutturare i cammini, riconosciuti a livello regionale e nazionale, che lo attraversano, come la via Romea-Germanica e la via della Misericordia con percorsi fruibili, attrezzati e riconoscibili, oltre a condividere con gli altri GAL emiliano romagnoli un unico slogan comune 'IL PAESAGGIO … PRENDIAMOCENE CURA' ! Con riferimento al progetto dei 'Cammini', guidato dal GAL DELTA 2000 capofila del partenariato, i protagonisti del progetto, nel territorio leader del Delta del Po, saranno gli Enti pubblici che per il loro ruolo avranno il compito di attrezzare e segnalare i percorsi, sulla base di un progetto di insieme e una metodologia condivisa con gli altri GAL dell’Emilia Romagna; le aziende agricole, turistiche e di servizio al turismo che dovranno garantire per ogni punto tappa i servizi adeguati per i camminatori; i cittadini per riconoscersi in un progetto di comunità 'ospitale'.

EMILIA ROMAGNA. Il GAL DELTA 2000, è stato protagonista della sottoscrizione di due accordi di cooperazione inter-territoriali insieme a tutti gli altri GAL – Gruppi di azione locale  dell’Emilia Romagna. Un traguardo importante: per la prima volta dalla programmazione delle iniziative comunitarie leader, i 6 GAL dell’Emilia Romagna insieme per [...]

Ravennate. Protezione della costa: in corso interventi di ripascimento spiagge e ricalibratura delle scogliere.

Ravennate. Protezione della costa: in corso interventi di ripascimento spiagge e ricalibratura delle scogliere. Tra le località interessate Lido di Dante, con il primo stralcio di lavori finalizzati alla difesa, salvaguardia e fruibilità della zona sud (2 milioni 500 mila euro), dove sono inoltre in programma anche lavori di sopraelevazione dell’argine destro dei Fiumi Uniti a protezione dell’abitato (99.930 euro); Casalborsetti dove sono in corso la modifica e la ricalibratura di alcune scogliere emerse (200 mila euro) e il ripascimento e il riposizionamento di sabbia proveniente dalla pulizia degli arenili (180 mila euro); Punta Marina dove si stanno eseguendo interventi di rifacimento di alcuni pennelli in massi (180mila euro) e ha preso avvio l’esecuzione del primo stralcio relativo alla ricalibratura della difesa soffolta (1.458.000 euro); è previsto per l’autunno l’inizio dei lavori del secondo stralcio (1.200.000 euro). A Marina di Ravenna in autunno verrà eseguita la sopraelevazione del tratto terminale di alcune passerelle poste sulla duna (84.550 euro); a Lido Adriano si sta intervenendo per la salvaguardia di un tratto di duna esistente (750 mila euro); a Marina Romea è in corso il ripascimento con sabbia proveniente dalla foce del fiume Lamone (300 mila euro).

RAVENNA. Sono in corso in varie località lavori a protezione degli abitati e della Costa che prevedono ripascimenti delle spiagge, ricalibratura delle scogliere, sopraelevazioni e ripristino di argini per quasi 9 milioni di euro. Tra le località interessate Lido di Dante, con il primo stralcio di lavori finalizzati alla difesa, [...]

Emilia Romagna. Vacanze attive, bike, en plein air e per famiglie. Alle fiere di Norimberga e Friburgo

Emilia Romagna. Vacanze attive, bike, en plein air e per famiglie. Alle fiere di Norimberga e Friburgo A Norimberga - fiera dedicata al turismo all’aria aperta, che nel 2019 ha registrato 104.900 visitatori - saranno presenti, in uno stand di 54 metri quadrati, otto operatori che provengono dal Forlivese (Glamping Cesenatico Srl, Grand Hotel Terme della Fratta), Ravennate (consorzio Camping & Natura Villages), dal Riminese (Consorzio Family-Turismhotels-Bellaria Igea Marina, Visit Riccione, Costa Hotels-Riccione, Hotel Atlantic Riviera-Misano Adriatico), dal Ferrarese (I tre moschettieri camping Village-Lido di Pomposa). A fianco dell’area operatori, è stata allestita una zona animata da fondazione Verdeblu dedicata alla gastronomia romagnola e a spettacoli di ballerini folk. Venerdì 28 febbraio sarà organizzato per gli operatori regionali un workshop con tour operator tedeschi, in collaborazione con Italcam (Camera di Commercio italo-tedesca) al termine del quale sarà offerto agli intervenuti un aperitivo con prodotti tipici del territorio. A Friburgo, fiera dedica al turismo attivo, en plein air e bike con oltre 20mila visitatori nel 2019, invece, saranno presenti sei operatori turistici provenienti dal Forlivese (Glamping-Cesenatico, Consorzio Vacanza Attiva-Cesenatico), Ravennate (consorzio Camping & Natura Villages), Ferrarese (I tre moschettieri camping Village-Lido di Pomposa), Riminese (consorzio Family-Turismhotels e Active Hotels di Bellaria Igea Marina). Gli operatori saranno ospitati in uno stand di 70 metri quadrati, dove sono previste degustazioni giornaliere di prodotti tipici e animazioni con spettacoli di ballerini folk.

EMILIA ROMAGNA. Vacanza attiva, bike, en plein air e per famiglie. Con questa proposta di vacanza la Romagna si presenta alle fiere di Norimberga e Friburgo, nel sud della Germania. Tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, nelle due città tedesche si svolgono le rassegne turistiche ‘Freizeit, Touristik & [...]

25 febbraio 2020 0 commenti

Emilia Romagna. Gruppo Hera: misure di tutela dal Coronavirus. Ad oggi, servizi tutti regolari.

Emilia Romagna. Gruppo Hera: misure di tutela dal Coronavirus. Ad oggi, servizi tutti regolari. Poiché per la Multiutility le persone sono l’asset principale e la loro tutela rappresenta la priorità, sono state messe in campo misure aggiuntive cautelative per contenere la diffusione del virus. Fermo restando l’indicazione di contattare il numero 1500 per tutte le informazioni di carattere sanitario e il numero 112 per le richieste di assistenza sanitaria in caso di sintomatologia evidente, l’azienda ha dato diffusione capillare alle comunicazioni del Ministero della salute contenenti i comportamenti da seguire, affisse in tutte le bacheche e la intranet aziendale, e attivato un indirizzo mail dedicato a cui i colleghi possono scrivere al fine di ottenere informazioni e chiarimenti. In via cautelativa sta intensificando tutte le attività di pulizia delle sedi e sportelli. I dipendenti in stato di gravidanza o che soffrono di immunodepressione, così come quelli che presentano sintomatologia respiratoria o influenzale, anche lieve, o che sono entrati in contatto con persone che potrebbero avere contratto il virus sono stati invitati a contattare il medico curante per considerare l’astensione dal lavoro. Sempre in via cautelativa, tutti i dipendenti sono stati invitati a ridurre le trasferte verso le aree limitrofe alle zone interessate dai provvedimenti delle Autorità preferendo, quando possibile, riunioni in videoconferenza o telefoniche.

EMILIA ROMAGNA. Con riferimento alle misure di tutela dal Coronavirus (COVID – 2019), il Gruppo Hera rende noto che ad oggi tutti i servizi gestiti sul territorio risultano regolari, così come i servizi di pronto intervento. Gli sportelli sul territorio sono regolarmente aperti, si invitano in ogni caso i clienti [...]

25 febbraio 2020 0 commenti