Regione

 

Emilia Romagna. Scarsa neve sui nostri crinali ? Che cosa succede? Le risposte al corso: ‘L’ultima neve’.

Emilia Romagna.  Scarsa neve sui nostri crinali ? Che cosa succede? Le risposte al corso: ‘L’ultima neve’. L’inverno è ormai arrivato, ma della neve sui crinali appenninici neanche l’ombra. Anche il freddo ha tardato a farsi avanti, registrandosi finora temperature di gran lunga superiori alla media stagionale. Cosa sta succedendo? Cercherà di fornire risposte il nuovo Corso di escursionismo invernale e natura ‘L’alta via dei Parchi della Romagna- L’ultima neve’, organizzato dall’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità- Romagna, attraverso il suo Centro di educazione alla sostenibilità ‘Scuola parchi Romagna’, in collaborazione con il Raggruppamento G.E.V. di Cesena.Le lezioni frontali, alternate da uscite pratiche in natura nei fine settimana, si svolgeranno in orario serale e si svilupperanno su due sedi, Forlì e Cesena, dal 22 gennaio a metà marzo 2020. Le iscrizioni sono rimaste aperte fino al 15 gennaio. Programma e modulo di iscrizione sono scaricabili dal sito www.parchiromagna.it (nella sezione notizie) e sulla pagina facebook ‘Scuola Parchi Romagna’.

ROMAGNA. Al via un nuovo corso. L’inverno è ormai arrivato, ma della neve sui crinali appenninici neanche l’ombra. Anche il freddo ha tardato a farsi avanti, registrandosi finora temperature di gran lunga superiori alla media stagionale. Cosa sta succedendo? Cercherà di fornire risposte il nuovo Corso di escursionismo invernale e [...]

7 gennaio 2020 0 commenti

Emilia Romagna.Tutto sulla grande festa di fine anno nella regione dei mille ‘Capodanni in piazza’.

Emilia Romagna.Tutto sulla grande festa di fine anno  nella regione dei mille ‘Capodanni in piazza’. Concerti e proposte musicali per tutti i gusti, martedì 31 dicembre, tra la Riviera adriatica e le Città d’arte emiliano romagnole.Tanti i big canori, da Coez a Mahmood, da Nina Zilli a Ron, da The Kolors ai Planet Funk, passando per la Europe Philharmonic Orchestra diretta da Ezio Bosso, a cui è affidata la 'colonna sonora' dei festeggiamenti che farà ballare e divertire migliaia di persone. A mezzanotte spettacolari fuochi artificiali saluteranno il nuovo anno. A Ravena il centro è in piazza del Popolo, con un evento gospel. A Cervia festa di San Silvestro ai Magazzini del sale con cenone e spettacolo di fuochi d’artificio. Quello di Cesenatico sarà un Capodanno tutto da ballare e cantare. Gatteo Mare il 1 gennaio propone un pomeriggio all’insegna dell’allegria e del divertimento. Bellaria Igea Marina ha in programma una festa 'diffusa' lungo l’intera Isola dei Platani. A Rimini, in piazzale Fellini, sarà Coez il protagonista del 'Capodanno più lungo del mondo'. Nel Capodanno di Rimini la musica incontra anche l’arte. A Ferrara la festa per salutare il nuovo anno coinvolgerà tutte le piazze del centro storico Unesco. La ducale Parma celebra il passaggio al nuovo anno con il tradizionale concerto gratuito il 31 dicembre in piazza Garibaldi. Infine, torna, per il terzo anno consecutivo a Piacenza il 'Capodanno in Cupola', evento esclusivo e a numero chiuso.

EMILIA ROMAGNA. Concerti e proposte musicali per tutti i gusti, martedì 31 dicembre, tra la Riviera adriatica e le Città d’arte emiliano romagnole. Tanti i big canori, da Coez a Mahmood, da Nina Zilli a Ron, da The Kolors ai Planet Funk, passando per la Europe Philharmonic Orchestra diretta da Ezio [...]

28 dicembre 2019 0 commenti

Cesena. Presentata la ricerca sulle Case del popolo. Con la relazione del docente di Storia Tito Menzani.

Cesena. Presentata la ricerca sulle Case del popolo. Con la relazione del docente di Storia  Tito Menzani. Menzani ha ricordato che ci si era proposti di censire tutte le Case del popolo della Romagna, obiettivo non semplice vista la frammentarietà delle fonti in circa un secolo e mezzo di storia, ovvero dalle prime esperienze tardo-ottocentesche ad oggi. Ma l’impegno profuso ha consentito di raggiungere lo scopo prefissato e la ricerca ha permesso di individuare 570 esperienze di case del popolo, nelle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, storicamente legate alle culture politiche repubblicana, socialista e comunista, in misura minore anche anarchica e cattolica, e in verità, in moltissimi casi, aperte e plurali ai diversi orientamenti, cooperative di comunità, di tutti. Si tratta di una fitta rete che rimanda non solo alla militanza politica, ma ancor più all’aggregazione sociale e alla produzione culturale del territorio, e che quindi rappresenta un tassello fondamentale della tradizione romagnola. Menzani ha illustrato anche una ricca elaborazione statistica e ha annunciato, per l’inizio del 2020, l’uscita di un libro che per la prima volta offrirà una narrazione corale del fenomeno, tra l’altro supportata da dati quantitativi. A seguire, si è avuta una tavola rotonda moderata dal giornalista Nevio Casadio con la partecipazione di Renato Lelli, responsabile territoriale dell’Agci di Forlì-Cesena-Rimini, Mario Mazzotti, presidente di Legacoop Romagna, ed Everardo Minardi, sociologo e vicepresidente del Circolo cooperatori.

CESENA. Il 16 dicembre, presso il Municipio, sono stati presentati gli esiti conclusivi della ricerca storica sulle Case del popolo, promossa dal Circolo cooperatori. Dopo i saluti istituzionali del sindaco Enzo Lattuca, la parola è passata a Tito Menzani, docente di Storia economica all’Università di Bologna e curatore scientifico del [...]

19 dicembre 2019 0 commenti

Emilia Romagna. Vongole: deroga per la ‘taglia minima’ a 22 mm. Soddisfatte le marinerie romagnole.

Emilia Romagna. Vongole: deroga per la ‘taglia minima’ a 22 mm. Soddisfatte le marinerie romagnole. Ora, circa 120 famiglie di pescatori della Riviera romagnola possono tirare un sospiro di sollievo: la 'guerra delle vongole' fra Italia e Spagna è finita, almeno per il momento. La commissione Pesca del Parlamento europeo ha dato il via libera alla pesca di esemplari del diametro di 22 millimetri nel mar Adriatico, confermando la deroga alla misura minima – fissata a 25 millimetri - per un altro anno, a partire dal 1 gennaio 2020. Le oltre 50 barche di pescatori di vongole delle marinerie romagnole potranno tornare in acqua. Almeno per altri 12 mesi. La deroga è stata confermata per tutto il 2020: ' Ma non c’è tempo da perdere – avverte Paesanti -. Occorre infatti che il Sistema-Paese si attivi subito e in tutte le sedi necessarie, di concerto con i pescatori con l’obiettivo di raccogliere altri dati ancora più completi e inequivocabili. Dobbiamo assicurarci che la deroga venga confermata ulteriormente, puntando a renderla definitiva dopo il 2020. Le nostre 54 barche e i nostri 120 pescatori di vongole sono pronti a dare il proprio contributo'.

(Bologna, 3 dicembre 2019) – Circa 120 famiglie di pescatori della Riviera romagnola possono finalmente tirare un sospiro di sollievo: la ‘guerra delle vongole’ fra Italia e Spagna è finita, almeno per il momento. La commissione Pesca del Parlamento europeo ha dato il via libera alla pesca di esemplari del diametro di [...]

4 dicembre 2019 0 commenti

Emilia Romagna. La nostra Regione sulla regina delle guide di viaggio. In libreria la Lonely Planet.

Emilia Romagna. La nostra Regione sulla regina delle guide di viaggio. In libreria la  Lonely Planet. Esce il 5 dicembre nelle librerie d’Italia la prima guida completa di Lonely Planet dedicata alla Regione. Cinque autori raccontano in circa 450 pagine i mille volti della vacanza in Emilia Romagna, tra il fascino di Città d’Arte, borghi e castelli, la natura in Appennino, Delta del Po e Riviera romagnola, l’enogastronomia e la Motor Valley uniche e tanto altro. Il presidente della Regione Stefano Bonaccini: ' L’Emilia Romagna è una terra autentica e sincera, proprio come lo sono i consigli di viaggio sui quali Lonely Planet ha costruito dagli anni ’70 la sua credibilità e fama. E, ne siamo sicuri, la guida sarà un’ottima compagna di viaggio per tutti'. Prima di entrare in dettaglio a raccontare la Regione, dedicando un capitolo ad ogni capoluogo di provincia e al suo territorio, la Guida, nel migliore stile Lonely Planet, evidenzia i 16 elementi che rendono l’Emilia Romagna una meta imperdibile.

EMILIA ROMAGNA. “Dalle montagne dell’Appennino alle spiagge infinite della Riviera, passando per le città d’arte: la varietà dell’Emilia Romagna è la sua ricchezza, l’accoglienza che riscalda il cuore è la sua anima”. Parola di Lonely Planet, la guida di viaggio più famosa al mondo (in Italia detiene il 50% del [...]

28 novembre 2019 0 commenti

Emilia Romagna. Turismo. Nuovi servizi per le persone, più sicurezza e più attenzione all’ambiente.

Emilia Romagna. Turismo. Nuovi servizi per le persone, più sicurezza e più attenzione all’ambiente. Da oggi spiagge e aree pubbliche destinate a chi pratica il naturismo dovranno dotarsi di servizi igienici accessibili ai disabili - nel caso di zone di particolare pregio naturalistico anche in accordo con stabilimenti balneari, campeggi e altre strutture aperte al pubblico in aree limitrofe - mentre negli spazi del demanio marittimo sarà indispensabile attivare un servizio di salvataggio in acqua. Qualsiasi costruzione, inoltre, dovrà essere realizzata con materiati ecocompatibili nel massimo rispetto dell’ambiente. Sono le principali novità introdotte dalla regione Emilia Romagna con un provvedimento che individua i requisiti e detta le regole per valorizzare le aree naturiste. Con l’obiettivo di renderle più sicure, più accessibili e più attrezzate a cominciare proprio spiagge storiche come la Bassona al Lido di Dante che già oggi attira turisti e visitatori dall’Italia e dall’Estero. 'Con questo provvedimento ci proponiamo di elevare la qualità dell’offerta turistica anche in questo settore, ben radicato in Emilia Romagna- ha spiegato l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini-. La nostra sfida è quella di riuscire a coniugare la realizzazione di strutture e servizi fondamentali per bagnanti, con una balneazione in sicurezza, l’accessibilità garantita a tutti nel massimo rispetto dell’ambiente e della natura. Il nostro unico obiettivo è quello di continuare a innovare l’offerta turistica del territorio regionale, in tutti i settori, per risultati sempre più in linea con gli standard e le richieste del mercato nazionale e internazionali'.

BOLOGNA . Nuovi servizi per il turismo naturista in Emilia Romagna. Da oggi spiagge e aree pubbliche destinate a chi pratica il naturismo dovranno dotarsi di servizi igienici accessibili ai disabili – nel caso di zone di particolare pregio naturalistico anche in accordo con stabilimenti balneari, campeggi e altre strutture [...]

26 novembre 2019 0 commenti

Romagna. Start up innovative: Rimini prima in Regione e quarta in Italia nel primo trimestre 2019.

Romagna. Start up innovative: Rimini prima in Regione e quarta in Italia nel primo trimestre 2019. Per essere considerata una startup innovativa deve soddisfare almeno uno tra una lista di tre requisiti in modo da poter tener fede ad un oggetto sociale che preveda 'lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico'. Nel dettaglio, il primo orbita intorno alla propensione verso la ricerca e lo sviluppo, imponendo infatti che a questo tema venga dedicato almeno il 5% del valore maggiore tra costi e produzione. I dati del primo trimestre 2019: la Lombardia è in cima alla classifica delle Regioni con oltre 2800 startup innovative registrate. Seguono poi Lazio (1175) ed Emilia Romagna (940) che, come la regione lombarda, sono anche tra le prime dal punto di vista del numero di abitanti. Milano (62,05 ogni centomila abitanti) si conferma primatista assoluta anche dal punto di vista delle province, ma la Regione più omogenea e dinamica è l'Emilia Romagna, dove compaiono due realtà come Rimini (34,15) e Bologna (32,70) che figurano tra i primissimi posti a livello nazionale, mantenendo comunque valori di interesse anche nelle altre province in cui il valore è sempre superiore alle dieci startup per centomila abitanti (fatta eccezione per Ferrara che si ferma in prossimità con 9,47).

RIMINI. Rimini, con le sue 108 startup innovative avviate  -34,15 (nel 2018 si fermavano a 32,08) ogni 100 mila abitanti -è la a provincia prima in Regione e quarta in Italia; Bologna, quinta, ne ha 32,70 ogni 100 mila  abitanti. Questi i dati riportati dal Sole 24 Ore, che ha [...]

19 novembre 2019 0 commenti

Bologna. Giro d’Italia 2020. Torna la ‘Corsa rosa’: a maggio ben tre favolose tappe in Emilia Romagna.

Bologna.  Giro d’Italia 2020. Torna la ‘Corsa rosa’: a maggio ben tre favolose  tappe in Emilia Romagna. A presentare le tappe del Giro numero 103 in Emilia Romagna e le numerose iniziative che costelleranno, nel 2020, il territorio emiliano romagnolo è stato a Bologna il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. Con lui Mauro Vegni, direttore del Giro, Davide Cassani, presidente di Apt, l’Azienda regionale per il turismo dell’Emilia Romagna e CT della nazionale di ciclismo. Interverranno anche il sottosegretario alla Presidenza, Giammaria Manghi, i sindaci di Rimini Andrea Gnassi, di Cervia Massimo Medri e di Cesenatico Matteo Gozzoli. E quest’anno il Giro sarà la punta di diamante della straordinaria programmazione, che andrà da inizio a fine anno, del progetto 'Romagna Bike', che prevede eventi e competizioni su due ruote, iniziative culturali e di valorizzazione della terra del turismo slow bike. A questo si aggiungeranno numerose competizioni sportive e amatoriali che precederanno o seguiranno il Giro. Mercoledì 20 maggio l'11ª tappa (Porto Sant'Elpidio – Rimini, 181 km). Giovedì 21 maggio 12ª tappa (Cesenatico – Cesenatico, 205 km). Venerdì 22 maggio 13ª tappa (Cervia – Monselice, 190 km).

BOLOGNA. La kermesse regina delle due ruote torna nella terra del ciclismo: anche nel 2020 in Emilia Romagna il Giro d’Italia colorerà strade e località portando la più classica delle competizioni italiane nel cuore della regione. Non si è ancora spenta l’eco della gara in rosa del 2019, a partire [...]

29 ottobre 2019 0 commenti

Emilia Romagna. La Notte di Halloween: manieri e parchi in festa per il weekend ( 31/3 novembre).

Emilia Romagna. La Notte di Halloween: manieri e parchi in festa per il weekend ( 31/3 novembre). C'è forse un luogo migliore di un antico castello per festeggiare la notte più spaventosa dell'anno? L’Emilia Romagna, terra di magici e stregati manieri, dal 31 ottobre al 3 novembre apre i misteriosi portoni di rocche e fortezze, a turisti e visitatori alla ricerca di brividi e divertimento (per tutti gli eventi la prenotazione è obbligatoria: www.castelliemiliaromagna.it - www.castellidelducato.it). Nella prima edizione di “Oh che bel Castello-Halloween Edition” il Castello di Felino (Pr) propone, il 31 ottobre, un’intera serata 'Halloween' con cena e intrattenimento musicale e, nella stessa serata, nel Castello di Rivalta (Pc) si svolgerà l’Horror Night, una notte da brividi per un terrificante tour animato nel maniero. Sarà possibile anche prenotare una 'Cena mostruosa' presso Bistrot Rivalta, mentre è previsto un avventuroso 1° novembre con l’iniziativa 'Il segreto del fantasma' con pranzo di Halloween per famiglie. Il brivido sarà di casa, il 31 ottobre, anche al Castello malatestiano di Longiano (Fc) con la 'Festa d’la nota scura': da non perdere lo spettacolare show pirotecnico “Incendio al Castello”. Se dal 31 ottobre al 3 novembre la Rocca Sanvitale di Sala Baganza (Pr) proporrà 'Una rocca di spiriti e fantasmi', alla Rocca Sanvitale di Fontanellato (Pr), nel pomeriggio del 1° novembre, sono in programma, per famiglie con bambini, visite a tema Halloween con un’animazione ispirata a 'El Dia De Los Muertos', con il tour delle 18 che terminerà con un ghiotto Aperitivo mostruoso. E altro, altro ancora ...

EMILIA ROMAGNA. L’Emilia Romagna, dal 31 ottobre al 3 novembre, fa propria la festa nordica di Halloween con tanti appuntamenti nei suoi misteriosi ed affascinanti castelli e i coinvolgenti eventi messi in campo dai Parchi divertimento della Riviera. E’ un ricco cartellone di appuntamenti all’insegna dell’horror, del mistero e del [...]

28 ottobre 2019 0 commenti

Rimini. Arrivano gli alpini in Riviera. La ‘prima volta’ delle mitiche ‘penne nere’ dall’ 8 al 10 maggio 2020.

Rimini. Arrivano gli alpini in Riviera. La ‘prima volta’ delle mitiche ‘penne nere’ dall’ 8 al 10 maggio 2020. Sarà un’edizione speciale e molto sentita del tradizionale appuntamento. Innanzitutto, perché proprio nella prossima primavera ricorrono i 100 anni dal primo raduno spontaneo degli alpini sul monte Ortigara, nel Vicentino, teatro di una sanguinosa battaglia durante la 1^ Guerra mondiale. E poi perché già oggi, a distanza di quasi sette mesi dalla data scelta per le celebrazioni, si preannuncia una partecipazione record. Sono infatti oltre 1,2 milioni, secondo gli organizzatori dell’Associazione nazionale alpini (Ana), le presenze stimate nella tre giorni di maggio, tra iscritti e affezionati, in grado di generare un fine settimana da tutto esaurito, tra prenotazioni alberghiere e ristorazione. I contenuti e le tappe di avvicinamento alla manifestazione degli alpini sono stati presentati in una conferenza stampa a Bologna dal presidente della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, insieme al presidente dell’Associazione nazionale alpini, Sebastiano Favero, e al sindaco di Rimini Andrea Gnassi.

BOLOGNA – Le penne nere arrivano per la prima volta in Riviera. Dall’8 al 10 maggio 2020 gli alpini hanno scelto infatti Rimini per il Centenario dell’adunata nazionale. Sarà un’edizione speciale e molto sentita del tradizionale appuntamento. Innanzitutto, perché proprio nella prossima primavera ricorrono i 100 anni dal primo raduno spontaneo [...]

23 ottobre 2019 0 commenti