Scuola & Università

 

Rimini. Scuole chiuse, tranne per i bambini da 0 a 6 anni. Ancora in presenza e senza la mascherina.

Rimini. Scuole chiuse, tranne per i bambini da 0 a 6 anni. Ancora  in presenza e senza la mascherina. Com’è accaduto già in precedenza questo obbligo non riguarderà i nidi e le scuole di infanzia in quanto i bambini da 0 a 6 anni potranno continuare - anche per le scuole comunali - in presenza e senza la mascherina. Una scelta che però viene fatta mantenendo alta la guarda come accaduto finora. Tutto l’apparto organizzativo del Comune continuerà a garantire - com’è accaduto in questi mesi - un funzionamento costante, degli obblighi e dei protocolli di sicurezza che le circostanze impongono, con ancora maggiore scrupolo e attenzione. Si confermano in pratica tutti i protocolli messi in campo finora: igienizzazione e pulizie ogni giorno; chiusura delle sezioni, nell’eventualità di un contagio, seguendo le indicazioni dell’ASL; tempestiva sanificazione specifica nei luoghi dove si sviluppava un contagio; informative alle famiglie per tenerle aggiornate su tutte le decisioni che man mano si evolvono; attuazione di tutte le regole previste per l’apertura dei plessi scolastici. Un impegno davvero importante diversificato in diversi ambiti d’intervento con l’elaborazione di precisi protocolli di sicurezza per i flussi di ingresso, le mense, i trasporti scolastici ecc. allo scopo di adattare i servizi alle esigenze normative anti-contagio. Funzioni necessarie, come noto, messe in campo senza mai perdere di vista le finalità di indirizzo politico che l’amministrazione aveva intrapreso prima del Covid.

RIMINI. Con l’inizio della zona arancione scuro – previsto da domani 2 marzo, per 15 giorni – i Comuni, la Ausl e la Regione hanno disposto la chiusura delle scuole a causa della crescita dei contagi riscontrata negli ultimi giorni. Com’è accaduto già in precedenza questo obbligo non riguarderà i nidi e le scuole [...]

Forlì. Mobilità. ‘Primavera in bus’: dal 1° marzo autobus gratuiti ( a partire dalle ore 15).

Forlì. Mobilità. ‘Primavera in bus’: dal 1° marzo autobus gratuiti ( a partire  dalle ore 15). 'L’idea di incentivare gli spostamenti in autobus nasce dalla volontà di questa Amministrazione di favorire la mobilità dei cittadini nel periodo primaverile, rendendo gratuiti gli autobus delle linee urbane tutti i giorni dalle ore 15.00 a partire dal 1° marzo e fino al 31 maggio 2021' spiega l’ass.re alla Mobilità Giuseppe Petetta, che aggiunge: “L’iniziativa, frutto di una costante partnership con Start Romagna nell'ambito di un più ampio ventaglio di azioni volte all'ottimizzazione del trasporto pubblico, ricalca quella adottata durante il periodo natalizio e ancora volta intende far conoscere ai forlivesi i benefici e le opportunità dei mezzi pubblici, coniugando l'aspetto incentivante della mobilità urbana, a discapito di quella privata, con quello altrettanto importante della sostenibilità ambientale. In questo modo, andremo a ridurre il numero di autoveicoli in circolazione nel perimetro forlivese andando ad incentivare non solo i collegamenti da e per il centro storico con i mezzi pubblici, ma anche quelli con le zone del forese'.

Forlì, 26 febbraio. Si chiama ‘Primavera in bus’ l’iniziativa di promozione della mobilità in autobus promossa dal comune di Forlì d’intesa con Start Romagna. “L’idea di incentivare gli spostamenti in autobus nasce dalla volontà di quest’Amministrazione di favorire la mobilità dei cittadini nel periodo primaverile, rendendo gratuiti gli autobus delle [...]

26 febbraio 2021 0 commenti

Faenza. Il Liceo scientifico non si ferma. Portato a termine il progetto di robotica ‘Device Around Us’.

Faenza. Il Liceo scientifico non si ferma. Portato a termine il progetto di robotica ‘Device Around Us’. A tenere le lezioni è stata la prof.ssa Maria Perconte mentre i tutor che hanno accompagnato il percorso dei ragazzi sono stati i proff. Seganti e Unibosi per la 4DS, Bezzi e Cavallari per la 4ES. Gli studenti si sono cimentati nell’ideazione e nella realizzazione di progetti robotici basati sulla tecnologia open source Arduino, impiegando diversi tipi di sensori e di dispositivi attuatori. I progetti hanno spaziato da un ambito ludico e ricreativo, come la riproduzione di brani musicali o la realizzazione di videogiochi, per arrivare alla simulazione di apparati antifurto o antincendio basati sui sensori di luce, movimento e temperatura. I ragazzi sono stati impegnati per 60 ore complessive di attività che, a causa del difficile momento che stiamo attraversando, sono state svolte in gran parte a distanza. Il video che racconta l'esperienza vissuta dai giovani e i procedimenti messi in atto durante il progetto è disponibile sul canale YouTube dell'Unione della Romagna faentina.

FAENZA. Si sono appena concluse le attività del progetto di robotica ‘Device around us’, finanziato dai fondi del programma operativo complementare ‘Per la scuola competenze e ambienti per l’apprendimento 2014-2020 ‘, finalizzati allo sviluppo del pensiero logico, computazionale, della creatività digitale e delle competenze di cittadinanza digitale. Il progetto era [...]

19 febbraio 2021 0 commenti

Cesena. Effetto da ‘Acalasia esofagea’, attua una ricerca premiata quale miglior tesi di laurea.

Cesena. Effetto da ‘Acalasia esofagea’, attua una ricerca  premiata quale miglior tesi di laurea. Si è conclusa proprio in questi giorni infatti la valutazione delle domande di partecipazione ai premi per le migliori tesi di laurea magistrale e di dottorato banditi nel 2020 dalla Conferenza dei presidenti e dei direttori delle strutture universitarie di Scienze e Tecnologie (Con.Scienze, http://www.conscienze.it/default.asp). Fra le domande pervenute da tutta Italia, è risultata vincitrice la tesi magistrale del dottore Giacomo Frisoni dal titolo 'A new unsupervised methodology of descriptive text mining for knowledge graph learning', seguita dai docenti relatori Gianluca Moro e Antonella Carbonaro.'Ho scoperto di essere affetto da una malattia genetica – spiega Frisoni – mentre frequentavo la triennale. Il punto è che quando ricevi una diagnosi di una malattia rara i medici ti parlano di patologie i cui nomi sono del tutto sconosciuti. La prima cosa che fai è googlare e proprio navigando ho scoperto l’esistenza di una community Acalasia esofagea: i malati rari non sono soli’ molto attiva dal 2009. Entrando in contatto con i membri di questo gruppo ho scoperto che i pazienti condividono tra loro molti contenuti preziosi relativi ai trattamenti e alle singole esperienze. Dato che mi occupo di ‘Intelligenza artificiale applicata al testo scritto’ ho pensato che applicarla a questo ambito potesse essere utile. In questo modo ho cercato di catturare la voce dei pazienti sempre più trascurata'.

 CESENA. “Sei affetto da Acalasia esofagea”. Non tutti conoscono questa malattia rara e lo stesso Giacomo Frisoni, laureato in Ingegneria e Scienze informatiche presso il Campus di Cesena dell’Università di Bologna e ora dottorando del dipartimento di Informatica – Scienze e Ingegneria, non aveva ben chiara la natura di questa [...]

11 febbraio 2021 0 commenti

Cesena. Punto di riferimento per lavoratori e universitari, il bar ‘Intervallo’ ha compiuto vent’anni.

Cesena. Punto di riferimento per lavoratori e universitari, il bar ‘Intervallo’ ha compiuto vent’anni. Era il 3 febbraio del 2001 quando due fratelli, Giuseppina e Mirco, poco più che ventenni, diedero avvio a questa attività che nel corso degli anni è diventata un vero e proprio punto di riferimento del quartiere e degli studenti universitari, che spesso hanno trasformato la saletta privata al piano superiore in aula studio. 'Eravamo giovanissimi – raccontano i due titolari – e in pochi scommettevano sul successo della nostra caffetteria a causa della posizione defilata. Nel tempo però siamo diventati un punto di riferimento per gli uffici e per gli studenti che nel corso della giornata scelgono noi per una breve pausa. Individuare il nome di un’attività commerciale non è così banale, per questa ragione abbiamo pensato allo ‘intervallo’: uno dei momenti più importanti della giornata lavorativa e di studio è infatti rappresentato dalla pausa, nel corso della quale incontriamo gli amici distraendoci da ogni altra preoccupazione'.

CESENA. Evoluzione, adeguamento e passione. Sono queste le parole chiave del  bar ‘Intervallo‘, in via Riccardo Brusi, che proprio in questi giorni festeggia i suoi primi vent’anni. Era il 3 febbraio del 2001 quando due fratelli, Giuseppina e Mirco, poco più che ventenni, diedero avvio a questa attività che nel [...]

5 febbraio 2021 0 commenti

Università. Bonus Inps di 2000 euro per studenti universitari. I requisiti per ottenerlo.

Università. Bonus Inps di 2000 euro per studenti universitari. I requisiti per ottenerlo. Bonus INPS per gli studenti è un contributo che prevede un importo massimo di 2.000 euro per gli studenti iscritti a università italiane, conservatori, istituti musicali, accademie di belle arti. Potranno beneficiarne anche gli iscritti ai corsi Post Laurea per cui il bonus potrà avere un importo massimo di 1.000 euro. Il bonus è riferito a studenti universitari iscritti in un istituto sopracitato nell’anno universitario 2018/19. Come ottenerlo? Call center: contattare il numero verde INPS chiamando il 803 164 (gratuito per telefoni fissi), o lo 06 164164 (a pagamento in base al proprio piano tariffario per telefoni cellulari).

UNIVERSITA’. Bonus INPS per gli studenti è un contributo che prevede un importo massimo di 2.000 euro per gli studenti iscritti a università italiane, conservatori, istituti musicali, accademie di belle arti. Potranno beneficiarne anche gli iscritti ai corsi Post Laurea per cui il bonus potrà avere un importo massimo di 1.000 [...]

29 gennaio 2021 0 commenti

Rimini. Il Comune premia le mense: Istituto ‘Maestre Pie’ e Scuola d’infanzia paritaria ‘Maria Bambina’.

Rimini. Il Comune premia le mense: Istituto  ‘Maestre Pie’ e Scuola d’infanzia paritaria ‘Maria Bambina’. Promozione dei prodotti biologici, educazione alimentare, laboratori di cucina, coinvolgimento delle famiglie. Sono questi alcuni dei punti forti degli innovativi progetti di educazione alimentare e promozione delle mense biologiche dell’Istituto Maestre Pie e della Scuola d'infanzia paritaria Maria Bambina di Rimini. Si tratta dei due Istituti scolastici privati che, posizionandosi ai primi due posti, si sono aggiudicati il riconoscimento e il finanziamento del comune di Rimini per lo sviluppo del biologico nelle mense scolastiche. Nella valutazione sono state valorizzate la sostenibilità e l’attenzione ai prodotti del territorio, alla tradizione e centralità del cibo, alla sperimentazione e l’innovazione con esperti, alla cultura alimentare in generale. Un vasto programma che coinvolge anche le famiglie e permette ai bimbi più di sperimentare e cucinare i prodotti tipici romagnoli, come la piadina. Proprio così, ancora con le mani ricoperte di farina, i piccoli alunni dei due Istituti hanno ricevuto Mattia Morolli assessore ai Servizi educativi e Jamil Saedegholvaad assessore alle Attività economiche -. Sono stati loro a consegnare nelle mani delle responsabili dei due Istituti la pergamena e l’assegno per lo sviluppo delle loro mense scolastiche.

RIMINI. Promozione dei prodotti biologici, educazione alimentare, laboratori di cucina, coinvolgimento delle famiglie. Sono questi alcuni dei punti forti degli innovativi progetti di educazione alimentare e promozione delle mense biologiche dell’Istituto Maestre Pie e della Scuola d’infanzia paritaria Maria Bambina di Rimini. Si tratta dei due Istituti scolastici privati che, [...]

29 gennaio 2021 0 commenti

Forlì. Giorno della memoria. Lo sterminio del popolo ebraico, dei deportati militari e politici italiani.

Forlì. Giorno della memoria. Lo sterminio del popolo ebraico, dei deportati militari e politici italiani. Il comune di Forlì, in collaborazione con istituzioni, associazioni culturali e con il mondo della scuola, ha coordinato un programma di eventi che quest'anno, a causa dell'emergenza, ha visto ancor di più gli studenti assumere un ruolo da protagonisti nella divulgazione dei contenuti. Da alcuni mesi infatti, gruppi di studio hanno approfondito le tematiche e diventeranno loro stessi relatori rispetto ai coetanei e a tutti i cittadini interessati. La videoconferenza dal titolo 'Il Giorno della memoria visto attraverso gli occhi dei ragazzi' si svolgerà alle ore 11 di mercoledì 27 gennaio e potrà essere seguita dal sito Internet www.comune.forli.fc.it nonché dai canali Facebook e Youtube del comune di Forlì. Gli interventi saranno proposti da studenti del liceo classico 'Morgagni' e dell'istituto tecnico commerciale 'Matteucci' di Forlì, impegnati in un lavoro di ricerca e testimonianza sulla shoah insieme ai rispettivi insegnanti. Apriranno l'incontro il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e l'assessore alle Politiche educative Paola Casara. Sempre al mattino, presso il Parco della Resistenza, si svolgerà la cerimonia che quest'anno si terrà in forma simbolica e statica. Nel pomeriggio, con il patrocinio dell'assessorato alla Cultura, è in programma sempre nella modalità online, dalle ore 15:45 alle 17:45, l'incontro con il professor Francesco Maria Feltri dal titolo 'Con gli occhi di Vasilij Grossman' sulla shoah e la guerra sul fronte orientale.

FORLI’. Rispettando una forma simbolica nella cerimonia e adottando modalità online sul web per condividere i contenuti, la città Forlì ricorderà le vittime dello sterminio del popolo ebraico e i sacrifici dei deportati militari e politici, adeguando le modalità di svolgimento delle iniziative alle necessità imposte dall’emergenza per la pandemia [...]

26 gennaio 2021 0 commenti

Cesena. Presentato ‘Terzo tempo’, progetto Livio Neri e Aidoru. Per un percorso di teatro-basket.

Cesena. Presentato ‘Terzo tempo’, progetto Livio Neri e Aidoru. Per un percorso di teatro-basket. 'Terzo tempo: passi di teatro partecipato' è nato nell’estate 2020 dall’incontro fra Livio Neri e Aidoru, all’interno del Centro estivo ideato dall’associazione sportiva e dedicato ai bambini e alle bambine dai 6 agli 11 anni. Qui, Aidoru ha tenuto percorsi di teatro e arti sceniche incontrando numerosi gruppi di bambini. Nell’osservare il loro entusiasmo, nell'alternare le pratiche di BASKET e TEATRO, le due realtà hanno iniziato a condividere riflessioni circa le loro modalità pedagogiche e i desideri per il futuro, prestando attenzione verso ciò che poteva essere una proposta inedita e multidisciplinare per la città di Cesena. Da queste premesse prende forma 'Terzo tempo', un sogno condiviso fatto di studio e messa in gioco di competenze e esperienze, di scambi di materiali e visioni; di un costruttivo dialogo con il comune di Cesena per la definizione degli obiettivi e per la ricerca di uno spazio, da condividere, per accogliere al meglio uni piccoli partecipanti all’esperienza. Spazio che si è individuato potendo contare sulla fiducia dimostrata fin dall’inizio del progetto da parte del vice sindaco e assessore allo Sport Christian Castorri e della Fiera di Cesena.

CESENA. L’idea per la progettazione e attuazione del percorso di teatro-basket ‘Terzo tempo: passi di teatro partecipato’ nasce nell’estate 2020 dall’incontro fra Livio Neri e Aidoru, all’interno del Centro estivo ideato dall’associazione sportiva e dedicato ai bambini e alle bambine dai 6 agli 11 anni. Qui, Aidoru ha tenuto percorsi di [...]

15 gennaio 2021 0 commenti

Faenza. Mobilità sostenibile: autonomia ed emancipazione i vantaggi del servizio Piedibus.

Faenza. Mobilità sostenibile: autonomia ed emancipazione i vantaggi del servizio Piedibus. Partito da tanti anni in città, il servizio permette agli scolari delle elementari di raggiungere i plessi a piedi, evitando la creazione di ingorghi in prossimità di edifici scolastici. Se in alcune scuole del faentino il servizio è più che consolidato, pensiamo alle tante linee delle Carchidio in Borgo, a quelle delle don Milani, nella zona del Peep, e delle San Rocco, tra via Ravegnana e via Granarolo, per altri plessi, in particolar modo quelli situate in centro, come ad esempio le Gulli, Sant’Umiltà e Pirazzini, con un numero minore di studenti, il Piedibus è ancora in una fase embrionale e non al massimo della sua potenzialità. La modifica dei giorni scorsi in via Castellani, decisa con i rappresentanti del comitato dei genitori delle materne ed elementari delle Gulli, con l’obiettivo di realizzare una zona sicura per le famiglie e gli scolari che devono recarsi o uscire dall’edificio, ha portato a deviare il traffico prima di arrivare in prossimità della scuola stessa. Il Piedibus delle Gulli in particolare può contare su due comodi parcheggi scambiatori. Il servizio inizia partendo, alle 8.05, dall’area sosta del Conad Arena alla volta del parcheggio di via Cavour, dove fa una prima tappa. Da qui, alle 8.15, ci si dirige verso corso Mazzini, attraversando via Cavour fino all’incrocio dove si trova la ‘Rosa dei venti’, nei pressi della loggia degli Infantini. In quel punto, alle 8.20, è prevista una ulteriore tappa. Dopo aver percorso corso Mazzini il Piedibus, attraversando la Galleria Gessi, arriva a scuola alle 8.25. I genitori degli alunni che abitano distanti dalla scuola possono quindi raggiungere comodamente in auto una delle fermate e lì lasciare i bambini ai volontari che hanno a disposizione pettorine ad alta visibilità per la loro sicurezza e un carrello nel quale riporre gli zaini così da non pesare sulle spalle.

FAENZA . La modifica alla viabilità introdotta in via sperimentale nei giorni scorsi in via Castellani, per la creazione di una zona protetta dove far transitare bambini e genitori in sicurezza evitando di dover condividere la carreggiata con le auto, punto qualificante del piano urbano per la mobilità sostenibile, riaccende i [...]

12 gennaio 2021 0 commenti