Tag "Agnelli Andrea"

 

Non solo sport. Arrigo e Mancio, tra cilicio e gloria. Serie A: stecca Conte, vola Lotito e scappa Agnelli.

Non solo sport. Arrigo e Mancio, tra cilicio e gloria. Serie A: stecca Conte, vola Lotito e scappa Agnelli. Stecca il buon Conte Dracula. Che dona, come d'uso lacrimando, un punticino al suo Lecce, e consente alla Signora di spiccare il suo primo volo. Aquila, permettendo, visto che ( anche volendo) non perde un colpo. Nell'ultima, ad esempio, ha rifilato ben cinque gol alla povera Samp del pur accorto Ranieri. Piomba nel buio assoluto la banda dl sor DiElle; mentre risorge, poco alla volta, sotto la spinta del provvidenziale Ibra, il Diavolo sedotto e abbandonato dal suo ex perfido padre padrone. Non male anche la Roma, d'un allenatore lusitano che si sta facendo apprezzare assai. Domenica 26, ore 18, dovrà affrontare nel derby quelli dell'Aquila del Lotito che sta volando più in alto di tutti. Gli consigliamo solo di non considerare lo 'scontro cittadino' come un altro (pur impegnativo ) impegno perchè nell'Urbe quello decide presente e futuro. Di tanti. E più di quel che si pensa. E mentre il Liverpool nel calcio dei nababbi non lo ferma più nessuno, decretando così con largo anticipo l'assegnazione di quel torneo, quaggiù, da noi, nel calcio del Belpaese, una qualche incertezza resta in piedi. Il Conte Dracula, pur lacrimando, attende rinforzi per il contrattacco; l'Aquila, se superasse vittoriosa anche l'ostacolo derby, si metterebbe sulla giusta linea per affrontare nel migliore dei modi la ( decisiva) primavera; e così la Dea, che se tenesse il ritmo ( Coppa permettendo) potrebbe essere la squadra che deciderà le sorti ( checchè ne dica il buon Arrigo da Fusignano) del nostro bello e incerto torneo. Bello, questo sì, nonostante gli stadi brutti, i 'tintinnega' e i ' bacucchi' che (altro ) non fanno che recar danno. Si allunga intanto la lunga lista degli immortali. Immortali dello sport. Dopo Vale, Federer, Fede, Ibra e Sainz ecco giungere anche la Franci, al secolo Francesca Piccinini, 41 anni, ora aggregata ai Bustocchi, con la speranza d'approdare in Olimpia. Continuano con successo i due più prestigiosi tornei di volley al mondo. Cede ( manco a dirlo) l'Armani Milano di basket in Coppa. Prosegue invece la buona annata sulle nevi, con il nostro ( e non della provincia autonoma di Bolzano) Paris a contendersi il titolo più prestigioso, quello degli uomini jet, con qualche giovanotto di buone speranze, come l'elvetico Feuz, quest'anno più in palla che mai. Continua la straordinaria stagione di Federica Brignone, regina dello slalom sulle nevi. Infine, il favoloso Dominik Fischnaller ( anche lui nostro e non della provincia autonoma di Bolzano ) ha scritto un'altra epica pagina dello slittino azzurro. Il 26 enne di Bressanone infatti ha vinto la tappa di Lillehammer della Coppa del Mondo diventando campione europeo del singolo. Un successo che porta Fischnaller in seconda posizione nella classifica generale mondiale alle spalle del russo Roman Repilov ( con 86 punti di distacco).

LA CRONACA DAL DIVANO. Stecca il buon Conte Dracula. Che dona,  come d’uso lacrimando, un punticino  al suo Lecce, e consente alla Signora di spiccare il  suo primo volo. Aquila, permettendo, visto che ( anche volendo) non perde un colpo. Nell’ultima, ad esempio, ha rifilato ben  cinque gol alla povera Samp [...]

20 gennaio 2020 I commenti sono disabilitati

Non solo sport. Pasqua: evento religioso, evento cristiano, donato nel tempo più al corpo che allo spirito.

Non solo sport. Pasqua: evento religioso, evento cristiano, donato nel tempo più al corpo che allo spirito. Esterofili ( e anglofili) sono anni che ci ammaniscono l'esempio Premier. Che sarà anche 'vincente' ( si fa per dire) sotto l'aspetto incassi, ma che su quello (propriamente) agonistico non è che esalti più di tanto. Tra l'altro la nostra (derelitta) nazionale ha strappato ( grazia al Var, su rigore) un pari ( 1-1) a Wembley. Che vale quel che vale, ma che non si può ignorare del tutto. Siamo, certo, ancora indietro, ma non dentro i campi, semmai per quei campi da costruire ( o da ristrutturare) che continuano a latitare. Quello sì che è ludibrio. Del resto che volete farci, in Albione quando si vuol costruire qualcosa difficilmente ti mettono i bastoni tra le ruote, qui, invece, ti fanno spremere fin all'ultima goccia di sangue, anche sangue buono, sempre ammesso che valga la pena di consumarlo. E' vigilia di Pasqua. Ricorrenza religiosa, evento cristiano, donato nel tempo più al corpo che allo spirito. Se n'è andato anche Fabrizio Frizzi, popolare conduttore televisivo, 60 anni, colto da improvvisa emorragia cerebrale. La gente lo piange. Giustamente. Perchè al di là dei soliti (auto)trionfalismi mediatici, rappresentava ( a suo modo) il ' volto buono e sorridente dell'Italia migliore'. Aperta, generosa, educata, sorridente. Alimentata da una fede millenaria. Come se ne vede sempre meno. In giro. O meglio, in un contesto dove manco i giovani sanno (più) trovare la forza ( e il sano orgoglio) ' di dare nella vita ( sempre e comunque) il meglio di sè'. Ultimissima:il saluto e un abbraccio affettuoso ad Emiliano Mondonico

LA CRONACA DAL DIVANO. Esterofili ( e anglofili) sono anni che ci ammaniscono l’esempio Premier. Che sarà anche ‘vincente‘ ( si fa per dire) sotto l’aspetto incassi, ma che su quello (propriamente) agonistico non è che esalti più di tanto. Quest’anno, ad esempio, gli angli sono partiti per le Coppe [...]

29 marzo 2018 0 commenti