Tag "altro di sport"

 

Non solo sport. Coronavirus o Italianvirus? Non è che sia caccia all’untore, nella leggiadra Europa?

Non solo sport. Coronavirus o Italianvirus? Non è che sia  caccia all’untore,  nella leggiadra Europa? Dai giornali. Un titolo: ' Allarme contagio per 4 valenciani tornati da Milano'. Altro: sta facendo notizia in Spagna, la presenza di un medico italiano originario di Piacenza e della consorte, in vacanza a Tenerife. Entrambi, manco a dirlo, positivi al tampone, obbligando alla quarantena le altre persone del resort. Un altro titolo: La sindaca di Lione' Qui, no agli italiani'. E altro ancora: l'Irlanda si permette di sospendere il match di rugby contro la nostra Nazionale. Non s'è capito su quali basi, su quali dati, visto che l'Italia ha solo due ' ridotti ' focolai che ( tra l'altro) sta controllando a dovere. Andiamo avanti? Non serve. Perchè chiunque può verificare. E farsi l'idea che crede. A noi, ad esempio, sovvenendoci le pagine di quel gran romanzo storico, non possiamo che estrapolare: ' La mattina seguente, un nuovo e più strano, più significante spettacolo colpì gli occhi , e le menti dei cittadini. In ogni parte della città, si videro le porte delle case e le muraglie, per lunghissimi tratti, intrise di non so che sudiceria, giallognola, biancastra, sparsavi come con delle spugne ... Il Ripamonti che spesso su questo particolare delle unzioni, deride, e più spesso deplora la credulità popolare, qui afferma di avere veduto quell'impiastramento, e lo descrive ... Il Tribunale della sanità pubblicò una grida con la quale prometteva un premio e impunità a chi mettesse in chiaro l'autore o gli autori del fatto ... Mentre il Tribunale cercava, molti nel pubblico, come accade, avevano già trovato. Coloro che credevano essere quella un'unzione velenosa, chi voleva che la fosse una vendetta don Gonzalo Fernandez de Cordova, chi un ritrovato del cardinal di Richelieu, per spopolar Milano, e impadronirsene senza fatica ... C'era anche un certo numero di persone persuase che questa peste si fosse ... Nella chiesa di Sant'Antonio, un giorno di non so di quale solennità, un vecchio più che ottuagenario, dopo aver pregato alquanto inginocchioni, volle mettersi a sedere; e prima, con la cappa, spolverò la panca. ' Quel vecchio unge le panche!' gridarono a una voce alcune donne che vider l'atto. La gente che si trovava in chiesa, fu addosso al vecchio; lo prendono per i capelli, bianchi com'erano, lo caricano di pugni e di calci: parte lo tirano, parte, lo spingon fuori; se non lo finirono fu per istrascinarlo, così semivivo, alla prigione, ai giudici, alle torture ...'. In breve: cercare un capro espiatorio, è usanza ancestrale e non da leggiadra Europa. Almeno quella che è stata (anche) maestra di civiltà. Anche perchè, assodato che non sono gli untori a spargere la peste, meglio fare quanto ragione e scioenza oggi consentono. Dippoi, che ci sia una sindaca ( qui o là che sia ) che voglia negare d' assistere ad un incontro di calcio più ad una etnia che ad un manipolo di tifosi, è cosa di cui quelle donne che chiedono ' diritti civili' dovrebbero pretendere venia senza se e senza ma. Se, viceversa, qui, ci si è ripiegati sul peggio del peggio, non possiamo che restare sorpresi. Costernati. Tanto da sperare che mal stiamo intendendo. Ma credon davvero costoro d'Oltralpe che una volta tolto di mezzo il presunto untore, ammesso che ce sia uno soltanto, il coronavirus ( e chi quanto lui) sparisca dalla faccia della terra? Continuando, tra l'altro, a provvedere a poco e niente? E comunque, questa volta, sia pur con tutta l'agitazione del caso, l'impressione è che il Belpaese sia tornato a sedersi in cattedra piuttosto che a nascondersi dietro la lavagna.

LA CRONACA DAL DIVANO. Il famigerato Coronavirus è nato nel cuore della  lontana Cina, questo è assodato, ma ( come prevedibile) si sta spargendo un po’ dappertutto sul  Pianeta. Al momento più che altro in  Corea del Nord, Iran, Europa. E in Europa, manco a dirlo, soprattutto ( con varia casistica, ovvio ) [...]

26 febbraio 2020 0 commenti

Non solo sport. Paride Dovi centra il ‘tallone’ di Achille Marc. In un duello epico. E tant’altro sul weekend.

Non solo sport. Paride Dovi centra il ‘tallone’ di Achille Marc. In un duello epico. E tant’altro sul weekend. Vediamo lo sport di questo fine settimana. Qualche risultato baluginante lo offre il calcio, ma si tratta di esperienze in fieri. Nonostante ciò la Lupa ( ai saluti con Dzeko) può permettersi di battere ai rigori ( 2-2 nei regolamentari) nientemeno che i real inguaribili spendaccioni del Real Madrid. Il Toro, intanto, superati i preliminari, s'affetta ad incontrare il South per l'ingresso ai gironi Uefa. Non sarebbe male ( per il ranking) eliminare una inglese e iniziare l'Europa con sette squadre variamente distribuite. Nella moto, è da alcuni anni che abbiamo messo fine al predominio ( assoluto ) dei centauri spagnoli. Che restano competitivi, ci mancherebbe, ma ( sempre più costretti) a fare i conti con i nostri. Nella Moto 3, abbiamo colto l'ennesima doppietta ( per un nonnulla tripletta) con Fenati ( redivivo) e Arbolino ( in crescita). Qui Della Porta ha sopravanzato in graduatoria mondiale l'ispanico di turno, Canet, con 155 punti contro 154. Nella Mot0 2 solo la precipitosa scivolata di Marini poteva portarci via ( a due passi dal traguardo) se non un'altra doppietta certamente uomo o due sul podio. Nella Moto Gp, null'altro da segnalare che l'epica lectio magistralis inferta dal buon Dovi di Frampulla al ' mostro' cataluno. Durante la tenzone s'è avuto modo di vedere riaffacciarsi nelle prime posizioni l'eterno Maestro di Tavullia, giunto poi quarto, e di nuovo il migliore tra i piloti Yamaha. il redde rationem è rinviato in quel di Silverston, 25 agosto. Nel ciclismo, Viviani s'è aggiudicato il titolo all' Europeo in Olanda. Che s'assomma ad altri bei risultati ( in tutto 8 medaglie), come l'oro di Dainese negli Under 23 e della Cecchini nella Elite donne. Nel volley, dopo le ragazze, anche i ragazzi di Blengini battendo lo spauracchio Serbia ( 3-0) si sono ritagliati il pass per Tokio 2020. Altri bei risultati sono piovuti dagli Europei a squadre d' atletica, disciplina da noi data per morta e ora risorta, come ben s'addice nel paese d'adozione dell'Araba Fenice. I nostri si sono piazzati al quarto posto finale ( miglior risultato di sempre) distanziati di (appena) mezzo punto dalla Francia, terza. Un velo pietoso resta steso sul comportamento di quelli del rugby ( solo 20 minuti, contro l'Irlanda) e del basket ( che in cinque minuti dell'ultimo tempo si sono fatti fare ben 19 punti). Sappiamo che queste squadre sono ' rimediate' cercando l'apporto di chi azzurro non è più o non lo è mai stato. Stessero, tutti costoro, americani vecchi e nuovi, ricchi e poveri, a casa loro, ci farebbero un gran piacere. E anche un gran servigio, visto che quando occorre, qui, nel Belpaese, dove tutto accade, si risorge anche dalle proprie ceneri.

LA CRONACA DAL DIVANO. I lusinghieri successi che lo sport italiano va ogni ora di più cogliendo per quel che ci riguarda non indicano un mondo migliore del paese che lo partorisce, ma semplicemente un mondo che quando s’affida ai migliori ottiene risultati che (davvero) invidiano. Anche perchè inattesi. Non [...]

12 agosto 2019 0 commenti