Amnesty International: insieme dal 1° all’8 maggio, per la fine della repressione del dissenso in Russia.

Amnesty International: insieme dal 1° all’8 maggio, per  la fine della repressione del dissenso in Russia. Secondo l’organizzazione non governativa russa per i diritti umani OVD-Info, da allora sono stati arrestati oltre 15.000 manifestanti - molti dei quali sottoposti a pestaggi e condizioni di detenzione crudeli, inumane e degradanti - e sono state avviate decine di inchieste giudiziarie. Oltre alle norme contro la libertà di stampa, le autorità di Mosca hanno introdotto nuovi reati per criminalizzare il dissenso, in particolare quello di “discredito nei confronti delle forze armate russe”. Sono state applicate anche norme preesistenti, dal contenuto vago e generico, come quelle che vietano la 'diffusione di notizie false'. Amnesty International Italia ha indetto, dal 1° all’8 maggio, una serie di manifestazioni per chiedere la fine della repressione del dissenso in Russia. In oltre trenta città, gli attivisti e le attiviste dell’organizzazione innalzeranno cartelli con alcuni degli slogan mostrati durante le proteste nelle città russe. A Roma e Milano gli eventi si svolgeranno in contemporanea, giovedì 5 maggio, alle 17.30: a Roma, nei pressi dell’ambasciata di Russia, di fronte alla Biblioteca nazionale centrale in via di Castro Petronio; a Milano nei pressi del consolato di Russia in piazza Segesta.Alle iniziative hanno annunciato la loro partecipazione, tra gli altri, la Federazione nazionale della stampa italiana, USIGRai (Unione sindacale giornalisti Rai), Articolo 21 e Ordine dei giornalisti.

  ROMA: Dal 24 febbraio, primo giorno dell’invasione russa dell’Ucraina, migliaia di persone sono scese in piazza in molte città della Russia per manifestare il loro dissenso nei confronti della guerra. Le proteste, del tutto pacifiche, sono state disperse con una forza eccessiva e non necessaria. Secondo l’organizzazione non governativa [...]