Tag "Baku"

 

Non solo sport. Moto3: Antonelli-Suzuki,’doppia’ per il Sic. Il 70° della scomparsa del Toro degli Immortali.

Non solo sport. Moto3: Antonelli-Suzuki,’doppia’ per il Sic. Il 70° della scomparsa del Toro degli Immortali. In questo frangente assai emblematico, a due storie ci par d'obbligo riferirsi: quella del Grande Airone di Castellania ( scomparso il 2 gennaio 1960) e il Grande Toro ' distrutto' in un incidente aereo sul colle di Superga il 4 maggio di sett'anni fa. Del primo basta rifarsi alla penna d'Orio Vergani; del secondo alla lettura fatta a voce limpida dal suo giovane odierno capitano Andrea Bellotti della lapide in cui restano marchiati ad imperitura memoria giocatori, dirigenti, tecnici e componenti dell'equipaggio. Gli adolescenti, ai quali bisognerebbe rammentare più e più volte le radici sulle quale affondano i lori piedi in in un contesto tanto disperso, non impiegano tanto a cogliere nessi e valori e sottintesi. Anzi. Sono proprio loro che davanti a cotal passato possono (ri)assumere linfa vera, benefica e duratura per evitare di'disperdersi' tra i falsi miti, valori e maestri d'un epoca ( non soltanto) social. Venendo invece al weekend, ci spiace dire che se c'è uno che ( checchè ne dicano i suoi ammiratori) non esalta l'esaltante disciplina delle moto da corsa, quello è proprio il Marc Marquez, 26 anni, cataluno , passato dopo eremitica cavalcata in testa alla graduatoria di categoria prenotando l'ennesimo ( ottavo?) titolo mondiale. Dietro lui galleggia una picciol folla di talenti vecchi e nuovi, mentre quello che potrebbe metterlo davvero in riga parte ( quasi) sempre dalle retrovie nella ( sempre più) vana speranza di cogliere il suo decimo sigillo iridato. E tuttavia lo sport , questa volta, a Jerez, s'è arricchito di un'altra incredibile pagina: in Moto3, infatti, il rispettoso Antonelli del team di Paolo Simoncelli, coraggioso padre del sempre caro Sic, è riuscito nell'impresa di rammentare a tutti che proprio sulla bella pista spagnola il compianto campione italiano aveva aveva colto ( qualche anno fa) il suo primo lauro in Moto Gp. Dietro a lui il giovin Suzuki, compagno di squadra che del Sol Levante conserva di certo il taglio degli occhi ma non la loquela chiara e vivace con cadenze da ' motor valley machigiano-romagnola'. Balzando dalle moto al calcio, 35a giornata, dopo il 'crudele' 1-1 nel derby di Torino non si può non notare che la vittoria dell'Empoli ( 1-0 sulla Viola) complica di molto la lotta per la Champions e (soprattutto) per la salvezza. Tanto più che la banda Gasp sbancato l'Olimpico ( 1-3) sì è portata ( salvo errori) a 62 punti, uno dietro alla Beneamata e ( almeno) tre sul Milan ( che dovrà giocare lunedì sera contro quell'osso duro del Bologna del Sinisa). L'Empoli a 32 punti raschia infatti le terga di Udinese ( 0-0 con l'Inter ), ma anche di Genoa e perfino di Parma e Bologna. Al contempo la Spal, 0-4 al Chievo, s'è assicurata la permanenza in Serie A. Mentre il Frosinone è retrocesso in Serie B.

LA CRONACA DAL DIVANO. Di sport non si finirebbe mai di parlare.Anche perchè  ’invade’ oramai ogni momento dell’attività odierna. Giusta quindi la proposta d’inserirlo nelle ore di storia scolastiche quale momento, o momenti, importante della vita di un popolo. Del nostro popolo, che allo sport deve tanto. In particolare in [...]

5 maggio 2019 0 commenti

Non solo calcio. Signora, sono otto, e Cr7 resta. Un meraviglioso Fabio ora nuovo ‘principe’ di Montecarlo.

Non solo calcio. Signora, sono otto, e Cr7 resta. Un meraviglioso  Fabio  ora nuovo ‘principe’ di Montecarlo. Non fanno notizia manco gli altri campionati top del Vecchio continente anche questi per la più parte assegnati o quasi.Tranne che in Premier e in Bundes. Il primo con duello 'vero' a due, il secondo con duello 'artificioso' a due. Fa invece vera notizia la dichiarazione di CR7 che annuncia non solo di restare in bianconero, ma di puntare ad una prossima stagione tutta da delineare attraverso obiettivi diversi, Champions, ovviamente, compresa. Ha fatto scalpore l'impresa del nostro Fabio sul campo rosso di Montecarlo. Qui, se l'interessato non vorrà ancora una volta illudersi e illuderci, dovrebbe essere ' rinato' un 'talento' che ha pochi eguali nel circus del tennis internazionale. Avere battuto, anzi ribattuto ( per la terza volta), in semifinale, forse, il più grande di sempre sui campi in terra rossa, la dice lunga. I mezzi tecnici-agonistici ( notevoli) ci sono, la testa ( maturata) sembra. Grazie alla dolce Flavia e al picciolo Fogna 1, due anni appena. Speriamo solo che non si stato un semplice foco di fine carriera, ma l'inizio di una nuova carriera. Magari anche per un paio d'anni ancora. E comunque quella che avrebbe dovuto essere e non è mai stata. Sarebbe ( di certo) gran spettacolo. A fine settimana tornano le auto. A Baku, dove lo scorso GP quel ' furbone' di Lewis riuscì a far uscire il 'fragile' Seba dai gangheri, 'rubandogli' un titolo già a mezzo in tasca. Chissà che escogiterà (anche) questa volta? Intanto nelle semifinali di Coppa Italia, la Lazio s'è sbarazzata ( 0-1) in quel di San Siro d'un povero Diavolo, involuto e smorto. Problemi ancora per lo stadio della Roma. E ti pareva... mentre a Milano le cose van peggiorando: le due società vorrebbero uno stadio nuovo ( e all'altezza dei migliori al Mondo) in zona San Siro, il Comune punta invece sul romantico ma poco adeguato e futuribile restyling del glorioso esistente. Intanto stanno dando spettacolo i ragazzi e le ragazze della pallavolo. E così lo squadrone Pro Recco ( vittorioso anche contro Brescia) nella pallanuoto. Come dire: la meglio gioventù di questi due sport, sui parquet e nelle piscine del mondo.

LA CRONACA DAL DIVANO. Fa notizia fino ad un certo punto l’ottavo scudetto della Signora. Già assegnato da tempo. Non fanno notizia manco gli altri campionati top del Vecchio continente anche questi per la più parte assegnati o quasi.   Tranne che in Premier e in Bundes. Il primo con duello [...]

23 aprile 2019 0 commenti

Non solo sport. Juve e Roma: mancò la buona sorte, ma non l’onore. Parte da Israele il Giro 2018.

Non solo sport. Juve e Roma: mancò la buona sorte, ma non l’onore. Parte da Israele il Giro 2018. I Blancos, di riffe e di raffe, tornano a disputare l'ennesima finale (15a?) contro i 'Reds', che da undici anni mancano all'appuntamento con la Coppa dalle grandi orecchie. Anche loro lo fanno, guarda un po', dopo aver battuto una 'italiana', la solita italiana, a causa delle già citate ' grazie' arbitrali, che se non fossero 'selezionate' da un italiano al comando apparirebbero 'alibi' da ' popol piagnone'.E' incredibile come quei fischietti trovino sempre il ' giusto lume' per ' frenare' noi e per ' mandare avanti gli altri'. Col plauso della leggiadra Europa del pallone. Che non batte ciglio. Ma tant'è. Cominciamo anche noi a farci una idea non idealizzata del Vecchio continente. Peccato. L'importante è che ( sul campo) ci siamo. Tosti, irriducibili. A testa alta, per guardare gli altri dall'alto e non dal basso. Bello il titolo d'un quotidiano a sintesi del match della Roma contro il Liverpool : 'Mancò la fortuna, ma non l'onore'. Parte da Israele il Giro 2018. Una sede inedita, con tante incognite, ma certamente suggestiva. Del resto la più bella corsa a tappe del Mondo ha bisogno di (re)inverntarsi, ogni tanto, anche per non farsi oscurare dalla grancassa mediatica di chi punta sui danari più che sulla sostanza dell'impresa sportiva. In Israele al caro indimenticabile Gino verrà concessa la cittadinanza onoraria. In tempi non sospetti salvò 800 ebrei italiani, rischiando in proprio, e mai reclamizzando il suo generoso gesto rimasto sconosciuto ai più per molti anni.

LA CRONACA DAL DIVANO.  Dopo l’1-2 a Monaco, il 2-2 a Madrid. I Blancos, di riffe e di raffe, tornano a disputare l’ennesima finale (15?) contro  i ‘Reds‘, che da undici anni mancano all’appuntamento con la Coppa dalle grandi orecchie. Anche loro lo fanno, guarda un po’, dopo aver battuto [...]

4 maggio 2018 0 commenti

Non solo sport. Prima sull’altare, poi nella polvere e ora nuovamente sull’altare. Under 21: chi sei?

Non solo sport. Prima sull’altare, poi nella polvere e ora nuovamente sull’altare. Under 21: chi sei? Queste le semifinali dell'Europeo: Germania-Inghilterra e Spagna-Italia. Intanto, nell'attesa, del rombo dei motori, moto ( Assen) e auto( Baku), segnaliamo il solito, crudele, sgarbo ad una squadra italiana: infatti stavan le ( brave) ragazze del basket per portare a casa un' insperata qualificazione ai prossimi Mondiali quand'ecco sbucar fuori dal nulla il solito 'pirla' ad inventarsi un fantomatico ' fallo antisportivo' che ha permesso alle lituane di procedere e alle nostre di fermarsi. Li vogliamo tutelare o no, questi nostri ( spesso) bistrattati azzurri? Signor Petrucci, se non erriamo ( tuttora) presidente Fed, donde sta? Se c'è, se esiste in qualche anfratto di mondo, perchè non si degna di battere un colpo? Dove conta, ovviamente, e non più a vanvera? Di patire umiliazioni basta, basta davvero.

LA CRONACA DAL DIVANO. Erano scomparsi con la Cechia, sono riapparsi con la Germania. Prima speme primaria, poi bluff, e adesso di nuovo speme primaria. Una volta sull’altare, la successiva nella polvere, la terza di nuovo sull’altare. Certo è che se i ragazzotti cechi non avessero smarrito la trebisonda contro [...]

25 giugno 2017 0 commenti