Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due   ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro. Un weekend dove tutto ( o quasi) era concentrato sulle Finals di tennis ( con il nostro Berrettini) e sul calcio ( con il dodicesimo turno di Campionato). Il nostro non ce l'ha fatta contro Djoko, proverà contro Federer. Intanto fa esperienza, matura. Visto che a 23 anni di pagnotte per crescere ne può mangiare tante e senza abbuffarsi. Semmai Sinner, il diciottenne altoatesino, è riuscito ad incantare Milano e ad aggiudicarsi il Next Gen, il ' mondialino' giovani. Passando al calcio, al nostro torneo da più parti ridimensionato, abbiamo avuto modo di non condividere ( ancora una volta) il sacro parere di soloni, e urloni, che ci vorrebbero vedere sempre in minorità rispetto a questo o a quello. A noi, francamente, pare di vedere i nostri correre all'uopo. Con partite avvincenti quanto e più della Premier. Forse è in Champions ( e Coppe) che la differenza di 'intensità' diventa macroscopica anche perchè ( tuttora) non è stata fatta chiarezza su quel che mangiano da noi e nell'Altrove, se dolce bresaola di Valtellina o salato stoccafisso dei mari del Nord, per correre ( nei 3o' finali) come cavalli indiani all'assalto di fort Apache. E comunque, ha dovuto tribolare la Beneamata che è riuscita a strappare il bottino pieno all'Hellas Verona solo e soltanto grazie ad una prodezza del Barella. Non se la passa bene il sor Carletto, che tra presidente vulcanico e giovinastri in ammutinamento per via dei rinnovi, non è riuscito ad andare oltre ad un anonimo 0-0 contro il Genoa del buon Thiago. E' tornato finalmente alla vittoria ( incassando gol) quel piangina dell' Inzaghino; non ce l'ha fatta invece la Roma del buon Fonseca, che a Parma ha dovuto lasciare l'imbattibilità esterna. Parma,sì, una di quelle 'minori', tanto bistrattate dai soloni nei loro confronti coi tornei d'Oltralpe, e che, invece, gioca bene, con ritmo, e acutezza di soluzioni. Ancora a capo chino esce dallo Stadium il Milan del buon Pioli, battuto sul finire da una prodezza del Dybala. Per lui, ora, si fa spazio nella pagina di destra, quella da non prendere alla leggera, perchè finire inghiottiti nel vortice della retrocessione ci vuol niente. Se ben rammenta, gli è già capitato, molti anni fa. Del resto poco o nulla lo rassicurano le esternazioni di quel bravo ragazzo del Maldo che se bandiera in campo era altrettanto non sa esserlo dietro una scrivania. Dire che se vede che le cose non vanno come si aspetta in tempi ( relativamente) brevi, può telar via, non è il massimo della responsabilità. O meglio della dedizione in un frangente ( davvero) difficile di una società che vanta ' immortali'. Cattive nuove a Milano arrivano anche sul tema stadio. I 'fenomeni' della politica, sindaco Sala in testa, hanno pensato bene di dare un sì vincolato a Milan e Inter. Lor signori vorrebbero meno edifici e salvare il vecchio San Siro. Sulla questione edifici, senza chiedere la luna nel pozzo, si può discutere, anche perchè rivitalizzare quella zona di Milano sarebbe urgente e non secondario; per quel che riguarda invece la salvezza del vetusto monumento, col cuore vorremmo tanto associarci, ma con un minimo di ragionamento appare evidente che il desiderata è di quelli ( ormai) fuori dal mondo. Infatti: come, quando e con quali costi verrebbe ' salvato' ? All'esborso, eventuale, chi provvederebbe Sala e soldi pubblici o chi altri? Inoltre a che potrebbe servire un impianto di tal dimensioni, forse ad ospitare (solo) incontri di calcio femminile e giovanile ? Signor Sala, crede davvero che ciò sia la destinazione ottimale per il (restante) futuro di tale prestigioso irripetibile manufatto sportivo? Importante, però, è non tirar ora troppo la corda, da politici o politicanti qual dir si voglia, perchè se i Club dirottassero su Sesto non avrebbero di certo danno quanto invece ne avrebbe Milano, e ( nell'ispecie) la strategica, vasta e ( abbandonata?) zona San Siro.

 LA CRONACA DAL DIVANO. Un  weekend dove tutto ( o quasi)  era concentrato sulle Finals di  tennis ( con il nostro Berrettini) e sul calcio ( con il dodicesimo turno di Campionato). Il nostro non ce l’ha fatta contro Djoko, proverà contro Federer. Intanto fa esperienza, matura. Visto che a 23 [...]