Non solo sport. Trionfo Roma, cilecca Juve e tonfo Napoli. Le ambasce del ( sempre più) povero Diavolo.

Non solo sport. Trionfo Roma, cilecca Juve e tonfo Napoli. Le ambasce del ( sempre più) povero Diavolo. Una grande non può accontentarsi di balbettare. E comunque se trionfo è stato per l'imponderabile Roma di Di Francesco capace di rispedire ( con tre gol sul groppone) i campioni inglesi nella loro dorata tana d'Albione , disastro ( a tutti gli effetti) va considerato quello ottenuto dal Napoli di Sarri. Dapprima unto e celebrato dall'astuto Guardiola, e poi ( sempre da lui) travolto in casa ( 2-4) sotto una coltre di gol, tanti, troppi, sette in due incontri, tali comunque da estrometterlo ( in pratica) dal passaggio del turno. E così mentre il 'guardiolismo' s'aggira ora come spettro per l'Europa, il 'sarrismo' è stato ricondotto alla sua dimensione domestica. Ammonisce il proverbio: di se e ma son piene le fosse. Altre note dolorose giungono dalla solita, anonima, prestazione milanista. Il Berlusca che del declino rossonero è il principale demiurgo, sta infatti mettendo mani e piedi in avanti. ' Tutto sbagliato, tutto da rifare' dice, ripescando il toscanaccio di ponte Ema.

LA CRONACA DAL DIVANO. Esaurito il turno di Coppe. Dove, in Champions, stiamo per traghettare agli ottavi  Juventus ( seconda nel suo Girone) e Roma ( prima o seconda). Difficile invece rimane  il passaggio per il Napoli, sconfitto pesantemente in casa ( 2-4). In Uefa, s’è già qualificata la bella [...]