Tag "emilia romagna"

 

Faenza. Il Comune mette a disposizione p.le Tambini. Tamponi Covid da via Zaccagnini alla Graziola.

Faenza. Il Comune mette a disposizione p.le Tambini. Tamponi Covid da via Zaccagnini alla Graziola. Sin dall’inizio della pandemia da Coronavirus l’Ausl aveva messo a punto un’attività per sottoporre la popolazione al tampone naso-faringeo per verificare la positività al virus. In primavera il luogo individuato fu quello di via Zaccagnini, nella zona dell’ex Omsa dove l’Azienda sanitaria ha diversi locali a disposizione. Quella sede però, a causa dell’aumento delle persone da sottoporre alle analisi modalità drive through ha iniziato a mostrare alcune criticità sul fronte della circolazione stradale e per la presenza di alcune attività commerciali, spingendo Comune e Ausl a cercare una soluzione alternativa. Dopo una verifica delle possibili soluzioni, il comune di Faenza ha concesso all’Ausl l’uso di piazzale Tambini, il grande parcheggio che si trova in via Graziola in area impianti sportivi, che permetterà di contenere molte auto senza creare intralci al traffico e, al contempo, una maggiore privacy per gli utenti. Qui è stata montata una tensostruttura che ospiterà il personale dell’Azienda sanitaria incaricato del prelievo.

FAENZA . È attiva  presso piazzale Tambini, in area Graziola, la nuova postazione di drive through a servizio del Distretto faentino.  Sin dall’inizio della pandemia da Coronavirus l’Ausl aveva messo a punto un’attività per sottoporre la popolazione al tampone naso-faringeo per verificare la positività al virus. In primavera il luogo individuato fu quello di via Zaccagnini, nella zona [...]

17 novembre 2020 0 commenti

Bologna. ll CdA Hera approva i risultati del terzo trimestre. In linea con il Piano industriale al 2023,

Bologna. ll CdA Hera approva i risultati del terzo trimestre. In linea con il Piano industriale al 2023, Il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Hera, presieduto da Tomaso Tommasi di Vignano, ha approvato oggi all’unanimità la relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2020. La relazione presenta i principali indicatori economici in miglioramento rispetto all’equivalente periodo dello scorso anno, a conferma dell’andamento positivo della Multiutility e della solidità dei suoi fondamentali, che le hanno consentito di superare anche gli inevitabili impatti legati all’emergenza sanitaria che ha colpito il Paese. In particolare, tra i principali risultati dei primi nove mesi del 2020 – in linea con la crescita attesa nel Piano industriale al 2023 – si evidenziano un aumento del MOL di oltre 20 milioni di euro e il miglioramento del rapporto PFN/MOL, nonché la continua creazione di valore per gli stakeholder, a partire dagli azionisti a cui sono stati distribuiti come previsto dividendi per oltre 150 milioni di euro. Come di consueto le operazioni di M&A, insieme a una crescita organica sostenuta da efficientamenti e investimenti, hanno rappresentato il principale volano dei risultati del Gruppo. Prima fra tutte, la recente partnership con Ascopiave, consolidata a inizio anno, che attraverso EstEnergy ha dato vita al maggior operatore energy del Nord-Est e ha portato al superamento di oltre 3,3 milioni di clienti complessivi nei settori energetici. Questi risultati presentano, inoltre, un elevato profilo ESG, con una forte attenzione all’ambiente, alla sostenibilità e alla governance, prevista stabile anche per i prossimi tre anni a valle della riconferma dei vertici aziendali da parte dell’Assemblea dei soci dello scorso 29 aprile.

BOLOGNA. La Multiutility consolida i primi nove mesi dell’anno migliorando i principali indicatori economici rispetto allo stesso periodo del 2019, superando gli impatti dell’emergenza Coronavirus. Risultati positivi, in linea con la crescita prevista nel Piano industriale al 2023, anche grazie alle operazioni di allargamento del perimetro e agli investimenti per [...]

12 novembre 2020 0 commenti

Cesena. Biblioteche che sappiano riformulare spazi e servizi. Tutto nel ‘Patto per la lettura di Bologna’.

Cesena. Biblioteche che sappiano riformulare spazi e servizi. Tutto nel ‘Patto per la lettura di Bologna’. Abbiamo bisogno di biblioteche che sappiano riformulare spazi e servizi per venire incontro alla propria comunità. Partirà da questo presupposto la riflessione sulle biblioteche del futuro di Luca Ferrieri e Claudio Leombroni che, venerdì 13 novembre, alle ore 17, tramite collegamento telematico a Google Meet, converseranno sul nuovo modello di riferimento di open library, ovvero di una biblioteca pubblica, aperta, sociale. La conversazione infatti sarà incentrata sul tema della crisi della public library e dei modelli bibliotecari, il cambio di paradigma all'orizzonte, l'acceleratore pandemico tra rischi, incertezze, opportunità e la speranza per il futuro. L'iniziativa è un contributo della sezione AIB (Associazione italiana biblioteche) Emilia Romagna nell'ambito del ‘Patto per la lettura di Bologna’, a cui ha aderito dal 2019, e un omaggio di benaugurio di avvio al ‘Patto per la lettura di Cesena’. I patti per la lettura intendono infatti facilitare il radicamento della lettura individuale e sociale diffusa e portare la lettura nelle periferie e nei luoghi inconsueti (mercati, piazze, parchi) coinvolgendo anche le persone in difficoltà e le comunità di stranieri.

CESENA. Per una società in continuo cambiamento, abbiamo bisogno di biblioteche che sappiano riformulare spazi e servizi per venire incontro alla propria comunità. Partirà da questo presupposto la riflessione sulle biblioteche del futuro di Luca Ferrieri e Claudio Leombroni che, venerdì 13 novembre, alle ore 17, tramite collegamento telematico a [...]

10 novembre 2020 0 commenti

Cesenate. Un corso sul monte Fumaiolo per diventare testimonial della bellezza dell’Appennino.

Cesenate. Un corso sul monte Fumaiolo per diventare testimonial della bellezza dell’Appennino. Conoscere l'Appennino cesenate diventandone testimonial. È questo lo scopo del 'ParkLab Monte Fumaiolo' (7° Corso di escursionismo e natura) organizzato dall'Ente di gestione per i parchi e la biodiversità Romagna in collaborazione con il Museo dell’ecologia di Cesena, attraverso il suo centro di educazione alla sostenibilità 'Scuola parchi Romagna'. Il corso, al quale è ancora possibile iscriversi scaricando e compilando il modulo pubblicato sul sito del comune di Cesena, avrà inizio giovedì 8 ottobre alle 20,45 con una lezione al Museo dell’ecologia a cura del biologo e funzionario responsabile del Centro di educazione alla sostenibilità Fiorenzo Rossetti. Al centro delle diverse lezioni e delle uscite didattiche/escursionistiche, che si terranno fino al 20 novembre prossimo, ci sono le scienze dei parchi in escursione.

CESENATE. Scoprire da vicino il monte Fumaiolo e il paesaggio naturalistico e ambientale dell’Appennino cesenate diventandone testimonial. È questo lo scopo del ‘ParkLab Monte Fumaiolo‘ (7° Corso di escursionismo e natura) organizzato dall’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità Romagna in collaborazione con il Museo dell’ecologia di Cesena, [...]

5 ottobre 2020 0 commenti

Tre bicchieri per 15 vini dell’Emilia Romagna.Orgoglio per i riconoscimenti del ‘Gambero rosso’

Tre bicchieri per 15 vini dell’Emilia Romagna.Orgoglio per i riconoscimenti del ‘Gambero rosso’ Tra conferme, rinnovamenti e novità, l’Emilia Romagna ha ben figurato sulla guida, facendo registrare ben 15 'Tre bicchieri', di altrettante aziende, tutte socie di Enoteca regionale Emilia Romagna. 'È con grande soddisfazione e orgoglio che abbiamo appreso questo risultato raggiunto dai nostri soci – sottolinea Giordano Zinzani, presidente di Enoteca regionale, l’associazione che riunisce oltre 200 cantine da Rimini a Piacenza -. Le nostre aziende, premiate e non, sono impegnate quotidianamente nell’elevare il valore e la qualità dei propri prodotti e questo si ripercuote positivamente sull’intero territorio. Il vino è un ambasciatore eccellente della nostra regione e il fatto che una nutrita rappresentanza delle nostre aziende, distribuite praticamente su tutto il territorio regionale, abbia ottenuto questo importante premio è sicuramente una buona leva sulla quale continuare a promuovere i nostri vini in Italia e nel Mondo'. L’elenco completo dei vini e delle aziende che hanno ottenuto i 'Tre bicchieri'.

BOLOGNA. Sono stati appena diffusi i ‘Tre bicchieri‘ 2021 del Gambero Rosso, uno dei riconoscimenti più ambiti per tutti i produttori di vino in Italia. Tra conferme, rinnovamenti e novità, l’Emilia Romagna ha ben figurato sulla guida, facendo registrare ben 15 ‘Tre bicchieri’, di altrettante aziende, tutte socie di Enoteca regionale [...]

30 settembre 2020 0 commenti

Santarcangelo d/R. Ciclabile sulla via Emilia, a buon punto il collegamento di Santa Giustina con il centro.

Santarcangelo d/R. Ciclabile sulla via Emilia, a buon punto il collegamento di Santa Giustina con il centro. partire dalla frazione, e più precisamente da via Pedrizzo, dopo il tombinamento del fosso, lunghi tratti paralleli alla via Emilia sono già delineati, mentre anche interventi come lo svincolo con via della Quercia stanno prendendo forma. Il tracciato di 900 metri del secondo lotto di lavori è ben definito anche grazie agli accordi bonari raggiunti con i privati frontisti. A partire dalla casa cantoniera, la ciclabile costeggerà la via Emilia e sarà protetta con new jersey fino all’incrocio con via Tosi, dove sarà presente un attraversamento ciclopedonale dotato di impianto semaforico a chiamata. Anche l’ampio spazio verde al servizio della frazione per far fronte alle criticità idrogeologiche – già funzionante in caso di piogge eccezionali – sta per essere ultimato per quanto riguarda gli arredi. Delimitato da una staccionata e dalle piante messe a dimora, sarà dotato di panchine e di una fontana, mentre nelle prossime settimane è prevista la posa del prato. Dopo la realizzazione dei primi 500 metri che hanno interessato via Pasquale Tosi, con il completamento del secondo stralcio, a inizio novembre, salvo imprevisti, sarà ultimato il collegamento ciclabile fra Santa Giustina e la stazione, e di qui fino a piazza Ganganelli percorrendo viale Mazzini.

SANTARCANGELO d/R. Sono a buon punto i lavori per la realizzazione del secondo tratto della pista ciclabile di collegamento fra la stazione ferroviaria e Santa Giustina. A partire dalla frazione, e più precisamente da via Pedrizzo, dopo il tombinamento del fosso, lunghi tratti paralleli alla via Emilia sono già delineati, [...]

18 settembre 2020 0 commenti

Emilia Romagna. ‘Una volta, c’era…’. Lo strappo del tempo. In partenza la stagione teatrale 2020-21.

Emilia Romagna. ‘Una volta, c’era…’. Lo strappo del tempo. In partenza  la stagione teatrale 2020-21. Una volta, c’era…: nella primavera di quest’anno, per effetto della pandemia che ha paralizzato l’intero pianeta, si è generato un improvviso strappo nel tempo, una ferita profonda si è aperta nella storia dell’umanità. Un mondo, il nostro, come eravamo abituati a percepirlo ogni giorno, c’era e ora non c’è più. Dentro questa emergenza generale, la comunità teatrale, fatta di artisti, spettatori e lavoratori, ha subito un vero e proprio shock perché ciò che è venuta meno a causa delle necessarie restrizioni in atto è l’essenza stessa di questa forma artistica: la presenza, la relazione.Il Teatro nazionale dell’Emilia Romagna si prepara ora a inaugurare la stagione invernale: insieme agli artisti con cui in questi anni ha intessuto relazioni e condiviso visioni e ai cittadini di Modena, Castelfranco Emilia, Vignola, Bologna e Cesena, dando segno tangibile della sua presenza e della sua funzione pubblica. Tuttavia rimarranno chiuse per lavori di ristrutturazione le sale del Teatro delle Passioni di Modena (ma sono in fase conclusiva i lavori per ultimare la nuova sede delle Passioni), e del Teatro Bonci di Cesena, che riprenderà la programmazione in sede a gennaio 2021.

EMILIA ROMAGNA. Una volta, c’era…: nella primavera di quest’anno, per effetto della pandemia che ha paralizzato l’intero pianeta, si è generato un improvviso strappo nel tempo, una ferita profonda si è aperta nella storia dell’umanità. Un mondo, il nostro, come eravamo abituati a percepirlo ogni giorno, c’era e ora non [...]

17 settembre 2020 0 commenti

Emilia Romagna. Parte l’appello per la ripartenza piena degli spettacoli dal vivo. Una situazione gravissima.

Emilia Romagna. Parte l’appello per la ripartenza piena degli spettacoli dal vivo. Una situazione gravissima. Resta però, nonostante tutto, ancora gravissima la crisi, soprattutto nel settore del live. La filiera italiana degli artisti e operatori delle piccole, medie e micro imprese e delle associazioni culturali, dopo mesi di sacrifici immani, stenta a sopravvivere. Oltre la metà del comparto rischia la congestione entro la fine dell’estate. Questo dopo la chiusura di numerosissimi spazi per gli spettacoli dal vivo in giro per l’Italia, con il gravissimo rischio di perdere ancora altri palchi per la presentazione delle produzioni culturali del nostro Paese. Gli artisti e gli operatori del settore dello spettacolo dal vivo chiedono a gran voce al Governo ulteriori sostegni in estate per recuperare il fatturato perduto e con misure che consentano concretamente e nell’immediato la realizzazione di un maggior numero di live, di spettacoli e di progetti educativo-musicali. Questo attraverso fondi integrativi che tutte le Regioni, attraverso fondi ministeriali finalizzati, devono poter mettere in campo, oltre a fondi regionali integrativi specifici per il settore, anche per la messa in sicurezza igienico-sanitaria degli eventi, per non caricarli sui costi degli artisti e degli organizzatori. Si richiede inoltre l’emanazione di nuovi bandi per produzioni musicali, festival e tour e contest anche per le produzioni emergenti, per club e teatri anche più piccoli, nonché un credito d’imposta per gli organizzatori di eventi live, con benefici a ricaduta su tutta la filiera per gli operatori e anche per i docenti del settore didattico-musicale e teatrale e una politica per il rilancio dei live di scontistica dei diritti, soprattutto per i piccoli eventi a favore di giovani talenti esordienti.

EMILIA ROMAGNA. Gli artisti e gli operatori del settore musicale esprimono il loro ringraziamento per le azioni adottate sin qui dal Governo e dal Mibact ed in particolare per il recente decreto del ministro Franceschini che supporta con 10 milioni di euro i produttori e gli editori musicali, uno dei [...]

10 agosto 2020 0 commenti

Ravenna. Le vie di Dante tra Romagna e Toscana. In cammino col Sommo Poeta tra Firenze e Ravenna.

Ravenna. Le vie di Dante tra Romagna e Toscana. In cammino col Sommo  Poeta  tra Firenze e Ravenna. Le vie di Dante tra Romagna e Toscana' è il nuovo prodotto turistico interregionale per il quale due Regioni (Emilia Romagna e Toscana) e 36 Comuni hanno firmato a Firenze il protocollo d’intesa che ne avvia la realizzazione. 'Le vie di Dante tra Romagna e Toscana' intende rappresentare una opportunità importante per l’intero territorio coinvolto, per lo sviluppo e la crescita economica, sociale e culturale della comunità coinvolta. Può costituire l’oggetto principale di una offerta turistica di qualità che, inglobando valori culturali, religiosi, storici, ambientali e del patrimonio storico e architettonico di rilevanza universale, può suscitare l’interesse e rispondere a sempre più ampi segmenti di domanda turistica che ricerca esperienze qualificate e diverse da quelle tradizionali del turismo di massa. Con la firma del protocollo prende il via un programma organico di collaborazione tra gli enti sottoscrittori che passerà attraverso il coinvolgimento di organizzazioni associative ed imprenditoriali private, enti, singoli cittadini del territorio per costituire una rete integrata e organizzata di soggetti-partner capaci di collaborare tra loro per realizzare un sistema turistico integrato che promuova la più ampia partecipazione della cittadinanza.

RAVENNA. ‘Le vie di Dante tra Romagna e Toscana’ è il nuovo prodotto turistico interregionale per il quale due Regioni (Emilia Romagna e Toscana) e 36 Comuni hanno firmato a Firenze il protocollo d’intesa che ne avvia la realizzazione. Per il comune di Ravenna c’era l’assessore al Turismo Giacomo Costantini. [...]

15 luglio 2020 0 commenti

Emilia Romagna. La Regione promuove il Rapid Test proposto da Innoliving. Uno studio svedese.

Emilia Romagna. La Regione promuove il Rapid Test proposto da Innoliving. Uno studio svedese. Da martedì 12 maggio il kit rapid prodotto dalla multinazionale cinese Zhezhiang Orient Gene Biotech Co Ltd e commercializzato dall’azienda marchigiana Innoliving, sarà ufficialmente utilizzato dai laboratori autorizzati emiliano – romagnoli per ampliare il percorso di screening ed implementare il monitoraggio della diffusione del virus. Il rapid test Cod. GCCOV-40, in fase di sperimentazione anche all’ospedale Sacco di Milano, è stato scelto dal Comitato tecnico della Regione guidata da Stefano Bonaccini, dopo un attenta valutazione. La sua attendibilità è stata anche comprovata da uno studio condotto da un team di ricercatori e scienziati della svedese Uppsala University, che ha riscontrato come 'le specificità del dosaggio sono risultate essere del 100% per le IgM e del 99,2% per le IgG', concludendo che 'il test è adatto per valutare la precedente esposizione al virus'.

EMILIA ROMAGNA. C’è anche il rapid test proposto dalla Innoliving Spa di Ancona nella ristretta cerchia di quelli riconosciuti dalla regione Emilia Romagna per rilevare la presenza nel sangue degli anticorpi da Covid – 19. Così da martedì 12 maggio il kit rapid prodotto dalla multinazionale cinese Zhezhiang Orient Gene [...]

12 maggio 2020 0 commenti