Non solo sport. Vola il Carletto della ‘rossa’. Monza aspetta. Signora, che fai con il Ciuccio e la Beneamata?

Non solo sport. Vola il Carletto della ‘rossa’. Monza aspetta. Signora, che fai con il Ciuccio e la Beneamata? Avevamo giurato che non avremmo speso più un rigo per un Mondiale deciso a prescindere da qualche bacucco in alto sito. Ma è bastato un sorriso della ' rossa' per farci recedere dal broncio della protesta. La 'rossa' si sa che da quando è al mondo non fa la caccia a titoli e vittorie ma soprattutto a imprese e storie di uomini. Grandi uomini ( non solo) di sport. Capaci di scrivere di storia e non di cronaca. Il Giles, ad esempio ( per quel che che sappiamo) di titoli non ne ha vinti mai, eppure nella graduatoria degli uomini che recano stampigliato quel cavallino rampante nero su campo giallo, lui, sta nel girone più alto. Una graduatoria speciale che ( per quel che ci riguarda) vale assai più di quella a cui si rivolgono statistici e autori d'almanacchi. Ebbene, il Carletto nato nel feudo dei liguri Grimaldi, scoperto, cresciuto ed allevato dalla 'rossa' come Giove dalla madre Gea nelle caverne del monte Ida, ad appena ventuno anni, con il dolore nel cuore per la scomparsa dell'amico Tonio, ha saputo imporsi ad un penta campione del mondo. E portare, dopo un decennio, di nuovo la 'rossa' sulla cattedra di Spa nel Gp del Belgio. Per l'occasione il magnifico Toto s'è tolto la candida camiciola fresca di bucato adatta più in una corsia d'ospedale, per indossare un giacchetto nero. Già meglio , ma un poco lugubre. Più da giornate di lutto che di gioia, come ben gli starebbe una camicetta d'altro colore una volta che decidesse di scendere sotto l'Alpe e di accasarsi ( una volta per tutte) nella calda, generosa ed accogliente terra emiliana. Aspettiamo Monza. Il mitico regno del dio della velocità. Che ha rinnovato per un altro lustro. Strabocchevole di passione. Con quel suo gigantesco cuore che a fine gara andrà a dispiegarsi sotto il podio per porgere lauro ( e gloria) al vincitore. Che resterà nella memoria ( e negli affetti) più e meglio di tante altre vittorie e di tanti altri titoli e titolati in altre situazioni premiati.

LA CRONACA DAL DIVANO.Avevamo giurato che non avremmo speso più un rigo per un Mondiale di già deciso a prescindere da qualche bacucco in alto sito. Ma è bastato un sorriso della ‘ rossa’ per farci recedere dal broncio della protesta. La ‘rossa’ si sa da quando è al mondo [...]