Tag "luoghi abbandonati"

 

Spazi abbandonati: Discoteca Melody Mecca

Spazi abbandonati: Discoteca Melody Mecca La discoteca è stata uno dei locali storici della Riviera e meta delle notti più pazze dei giovani nottambuli.

Il Melody Mecca è stato uno dei locali storici della Riviera e meta delle notti più pazze dei giovani nottambuli da più di 20 anni. Nacque nel 1980, si è subito portato ai vertici della classifica dei locali più frequentati nel cuore della night life di Rimini, diventando il tempio [...]

6 dicembre 2016 1 commento

Spazi abbandonati: Ex Zuccherificio Eridania Forlì

Spazi abbandonati: Ex Zuccherificio Eridania Forlì L'ex zuccherificio Eridania è diventato meta di extracomunitari e tossicodipendenti.

La storia dell’industria saccarifera in Italia ha origini antiche. Nei 1872 viene costituita a Genova la “Società anonima per la raffineria degli zuccheri” che, dopo dieci anni, inizia ad impegnarsi anche nella coltivazione della bietola e nella produzione saccarifera e riesce ad ottenere dallo Stato 1′emanazione di provvedimenti protezionistici. Fra [...]

4 dicembre 2016 0 commenti

La Rimini che non c’è più.La corderia di Viserba, complesso industriale ora in disuso.

La Rimini che non c’è più.La corderia di Viserba, complesso industriale ora in disuso. ' Uno sguardo all'immagine satellitare permette di comprenderne l'estensione e lo stato attuale. Per noi della zona, la corderia è stato un luogo di scoperte e avventure, dove in gioventù si trascorrevano interi pomeriggi alla ricerca di cunicoli ed anfratti.Si dice che l'area lato mare, quella cioè più impervia ed isolata, debba essere tuttora bonificata dagli ordigni bellici alleati lanciati fino al 43'.

RIMINI  STORIA E  LEGGENDA. La corderia di Viserba è un complesso industriale in disuso dalla guerra utilizzato durante il conflitto come supporto logistico militare prima dai tedeschi poi dagli americani. Una stupenda macchina a vapore, serbatoi di aerei P51, una gigantesca caldaia e alcuni dipinti murali sono solo alcuni dei tesori custoditi [...]

3 dicembre 2016 0 commenti