Emilia Romagna. McDonald’s | Qualivita | Origin Italia. Giovani e transizione ecologica nell’ agroalimentare.

Emilia Romagna. McDonald’s | Qualivita | Origin Italia. Giovani e transizione ecologica nell’ agroalimentare. Cosa vuol dire impatto ambientale della filiera? Dallo studio emerge che, quando si parla di sostenibilità nell’agroalimentare, la maggior parte della popolazione emiliano-romagnola la associa in primo luogo a tematiche ambientali (56% degli intervistati e ben il 60% della GenZ locale), seguita da tematiche sociali (23%, per la GenZ emiliano-romagnola 20%) ed economiche (21%, per i più giovani della regione 20%). L’Emilia Romagna si discosta dalla media nazionale quando si parla di impatto negativo delle diverse fasi della filiera, mettendo al primo posto il packaging (48% - quinto a livello nazionale), seguito da spreco alimentare (47%), trasporto (45%) e lavorazione industriale (44%). La GenZ emiliana, invece, resta più fedele al trend nazionale, indicando come primo aspetto lo spreco alimentare al (58%), seguito da trasporto (45%) e packaging (32%). Da qualche anno la ristorazione è entrata a far parte della filiera dell’agroalimentare, di cui rappresenta l’anello di congiunzione tra produzione e consumo. In questo scenario la ristorazione in Italia ha un’immagine molto positiva: è considerata parte fondamentale dell’economia (76.3%), in grado di dare lavoro (72.8% - percentuale che in Emilia Romagna sale al 77%) e con un forte e positivo impatto sull’alimentazione nel nostro Paese. Ha reso possibile l’accesso a prodotti alimentari speciali (per qualità, tipicità, …: 64.0%) e a cibo di alta qualità a prezzi ragionevoli (61.0%).

Milano, 14 maggio 2021 – Sensibilità per le tematiche sociali, attenzione all’impatto ambientale della filiera e forte orgoglio per le DOP e IGP regionali sono gli elementi su cui costruire la filiera agroalimentare del domani: è quanto emerge dallo studio condotto da AstraRicerche per McDonald’s sulle aspettative e i comportamenti [...]