Forlì. Conoscere per valorizzare. Monitoraggio sui beni culturali delle collezioni d’arte civiche forlivesi.

Forlì. Conoscere per valorizzare. Monitoraggio sui beni culturali delle collezioni d’arte civiche forlivesi. E’ su imput dell' assessore alla Cultura del comune di Forlì Valerio Melandri che è partita in questi giorni una vasta e complessa operazione di monitoraggio dello stato di salute dei beni culturali appartenenti alle collezioni civiche; un'azione analitica e sistematica che sta interessando contemporaneamente un numero considerevole di dipinti e di sculture e che rappresenta un risultato importante per la storia della conservazione delle opere d'arte della città e un solido punto di riferimento per il futuro. L'intervento, che si concluderà con il restauro del gruppo di opere più bisognose di attenzioni e cure, ammonta ad un totale di circa 60.000 euro ed è sostenuto dal comune di Forlì, grazie anche al contributo di 25.000 euro della regione Emilia Romagna. ' Monitorare un’opera comporta un’osservazione totale del bene, comprensiva dell'analisi della sua cornice ed in particolare del suo lato normalmente nascosto alla vista. Questo monitoraggio ha così registrato anche lo stato di salute del retro dei nostri dipinti, un'operazione a volte complessa e delicata specie per le opere di grandi dimensioni, ricordiamo ad esempio che i 'quadroni' del Cagnacci misurano cm 410x231, ma che ha permesso un’analisi completa e uno sguardo inusuale sul patrimonio culturale della città di Forlì' ha concluso l’ass.re Melandri.

Forlì, 14 gennaio. “Se i Musei Civici di San Domenico e Palazzo Romagnoli ed i luoghi della cultura cittadini sono attualmente chiusi al pubblico a causa della pandemia da Covid-19, ciò non significa che le attività ed i progetti per la conservazione e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale debbano [...]