Rimini. 68a Sagra musicale malatestiana. Giovedì 31, inizio concerti sinfonici, con Daniel Hope.

Rimini. 68a Sagra musicale malatestiana. Giovedì 31, inizio concerti sinfonici, con Daniel Hope. Apprezzato in tutto il mondo per il suo eclettico virtuosismo, Daniel Hope affronta nella duplice veste di direttore e solista il Concerto in mi minore per violino e orchestra che Mendelssohn scrisse per il violinista Ferdinand David, precoce talento musicale incontrato dal compositore in giovanissima età. Mendelssohn chiamerà il musicista a collaborare con lui quando gli sarà affidata la guida del Gewandhaus di Lipsia nel 1836 e gli annuncerà l’intenzione di dedicargli un concerto. Passeranno anni prima che il progetto prenda forma definitiva: al 1845 risale il debutto di un concerto destinato ad entrare nel repertorio dei più grandi violinisti per l’ineguagliabile slancio melodico che lo attraversa dalla prima all’ultima battuta. Altrettanto straordinaria la fortuna toccata alla sinfonia in fa maggiore di Ludvig van Beethoven. Il sottotitolo originale della composizione presentata per la prima volta a Vienna nel 1808, Sinfonia Pastorale, intendeva collocare l'opera nel genere della musica a programma, forma di cui il genio di Bonn fornisce un memorabile sviluppo e dove l’evocazione della natura diventa un vincolo per far evolvere l’invenzione musicale.

RIMINI. Il ciclo dei concerti sinfonici della Sagra musicale malatestiana si apre giovedì 31 agosto  – ore 21- con il primo appuntamento affidato alla famosa Academy of St Martin in the Fields e alla presenza sul podio del violinista Daniel Hope.  Due capolavori indiscussi -  il Concerto per violino e [...]