Roma. La Crusca boccia la ‘ shawa’. Robustelli: ‘ Rende impossibile o confusa la comunicazione’.

Roma. La Crusca boccia la ‘ shawa’. Robustelli: ‘ Rende impossibile o confusa la comunicazione’. Per Cecilia Robustelli, ordinaria di Linguistica italiana presso l'Università degli studi di Modena e Reggio Emilia che da anni lavora con l'Accademia della Crusca, l'introduzione di un simbolo al posto delle desinenze avrebbe anche la conseguenza di impedire il riconoscimento della presenza femminile nella società, quando è invece "fondamentale nella lingua italiana nominare donne e uomini con termini maschili e femminili e usare al femminile anche i termini che indicano ruoli istituzionali e professionali di genere femminile se sono riferiti a donne". Questa, ha precisato Robustelli, che di questa tematica si occupa da tempo, "non è soltanto una posizione femminista: è una posizione da linguista, perché se non si attribuisce alle donne il titolo femminile, si trasgredisce ai principi di accordo e assegnazione di genere che invece permettono di riconoscere, disambiguare e anche valorizzare le donne, dando inoltre un'immagine della realtà conforme a quella che è ora, non 50 anni fa". Se si usano per le donne termini maschili, si usa un italiano in modo scorretto e proprio per questo "non è opportuno né permesso chiedere alla persona con cui si parla come vuole essere chiamata. Se è donna- incalza la professoressa- è ministra, avvocata, direttrice di orchestra". E se qualcuna dice di voler essere chiamata al maschile? "La risposta deve essere 'no'- conclude la professoressa Robustelli- Non lo chiedo io ma la lingua italiana. A nessuna persona si può chiedere di contravvenire alle regole della sua lingua e di esprimersi in modo non chiaro. Specialmente in campo istituzionale'. Non è vero che la lingua è creativa e può, anzi deve, cambiare? 'Certo- ci ha risposto Robustelli- e infatti la lingua cambia ogni giorno, ma impercettibilmente e in un preciso settore: quello lessicale, attraverso l'ingresso di nuove parole che cambiano, muoiono, entrano sulla spinta dei mutamenti culturali, sociali, tecnologici, basti controllare i neologismi che entrano ogni anno nei dizionari e le parole che diventano rare, desuete. Ma non cambia, o molto lentamente, per quanto riguarda la morfologia, la sintassi. Ad esempio, per rimanere in tema- ha concluso la professoressa- nel lunghissimo passaggio dal latino all'italiano il genere grammaticale neutro piano piano se ne è andato, il sistema dei casi latini è scomparso, la funzione di soggetto e oggetto non è stata più determinata dalla desinenza ma dalla posizione rispetto al verbo, eccetera. Ma tutto questo ha richiesto secoli'.

ROMA – “L’italiano si può rendere più inclusivo, ma le proposte per farlo devono rispettare le regole del sistema lingua, altrimenti la comunicazione non si realizza, e la lingua non funziona”. È netta la posizione di Cecilia Robustelli, ordinaria di Linguistica italiana presso l’Università degli studi di Modena e Reggio [...]