Tag "personaggi riminesi Novecento"

 

Rimini.Cerimonia di intitolazione a Gianni Fabbri della rotonda in via Covignano/ via Santa Cristina.

Rimini.Cerimonia di intitolazione a Gianni Fabbri della rotonda in via Covignano/ via Santa Cristina. Una cerimonia a cui hanno partecipato il semiologo Paolo Fabbri, fratello di Gianni, e l'assessore del Comune di Rimini Mattia Morolli; insieme a loro anche una folta delegazione, più di trenta, di ex soci, dipendenti e amici della discoteca Paradiso. A Gianni Fabbri il comune di Rimini ha consegnato il Sigismondo d'oro nel 2001 'per avere, con la sua attività, contribuito a creare un'immagine nuova della citta di Rimini a livello internazionale nel settore delle attività turistiche e dell'ospitalità. Per avere anticipato, con spirito di ricerca, mode e costumi che hanno segnato l'evoluzione delle abitudini dell'Italia negli ultimi trent'anni'.

RIMINI. È stata svelata  la targa di intitolazione a Gianni Fabbri, imprenditore riminese e patron della storica discoteca Paradiso, della rotonda situata nell’intersezione tra via Covignano e via Santa Cristina. Una cerimonia a cui hanno partecipato il semiologo Paolo Fabbri, fratello di Gianni, e l’assessore del comune di Rimini Mattia Morolli; [...]

17 febbraio 2018 0 commenti

Rimini. Mostra al Museo della città dedicata a Luigi Pasquini ( 1897/1977), cronista col pennello.

Rimini. Mostra al Museo della città dedicata a Luigi Pasquini ( 1897/1977), cronista col pennello. Pittore, insegnante, giornalista e elzerivista, xilografo. Per quasi sessant’anni Luigi Pasquini fu la voce delle cose d’arte a Rimini e il vedutista che fermava con la sua pittura all’acquerello i luoghi pittoreschi della città storica e della marina. Personaggio discusso, irruente, ingombrante quanto la sua statura che lo vide subito arruolato come granatiere durante la Grande Guerra, irretito in gioventù dalla corrente del Dinamismo futurista consumato in fretta nelle discussioni dei caffè riminesi e presto risolto nell’unica direzione possibile per lui cioè nella convenzionalità figurativa e retorica di una pittura lontano da ogni forma di ricerca, ma anche nella esaltazione delle tradizioni della Romagna, nella attenzione affettuosa e scrupolosa delle cose notabili, monumentali e urbane, di Rimini e dei borghi sempre nel suo mirino, del pennello o della sgorbia.

RIMINI. Fu pittore, insegnante, giornalista e elzerivista, xilografo. Per quasi sessant’anni Luigi Pasquini fu la voce delle cose d’arte a Rimini e il vedutista che fermava con la sua pittura all’acquerello i luoghi pittoreschi della città storica e della marina. Personaggio discusso, irruente, ingombrante quanto la sua statura che lo [...]

15 dicembre 2017 0 commenti