Non solo sport. Al Barca sono Malmessi? Beh, per Leo il rimedio c’è: e se bussasse alla Beneamata?

Non solo sport. Al Barca sono  Malmessi? Beh, per Leo il rimedio c’è: e se bussasse alla Beneamata? Lasciamo per un attimo l'ordinario, per trattare lo straordinario, che ( anche) questa volta ( che volete farci) arriva dal pallone. Qual è lo straordinario? La sensazione che Messi si sia stancato del Barca e ( soprattutto) di quelli del Barca, ventilando una sua possibile dipartita ( a cartellino costo zero) dal luogo che è stato madre, padre e culla dei suoi anni nel mondo del calcio. Incredibile, ma possibile. Per la 'Pulce' nata in Argentina, ma d'origini marchigiane, esattamente recanatesi, come Leopardi. Che a questo punto, come tanti altri argentini di sangue italiano, potrebbe riprendere il sentiero che porta alle case dei nonni, e sistemarsi laddove hanno goduto ( tranne qualche rarissima eccezione) dei più grandi calciatori partoriti dal Pianeta. Chi potrebbe ' tentarlo' tra i nostri club? Non la Signora che ha già Cr7; non quel poveraccio del Diavolo che se non provvede Ibra rischia perfino di non arrivare a fine Campionato; non quel braccino corto del buon Lotito; non il buon Commisso, troppo novello, troppo arrabbiato, per prestarsi a far ( davvero) la parte dello ' scemo d'America'; non l'entrante nuovo miliardario stelle e strisce padrone della Lupa. E chi, allora? Il nome che ci sovviene è quello della Beneamata, che forte dei danari d'Oriente, potrebbe cominciare ad aprire fronti di guerra ai top club di questo mondo. Del resto, in Ispania, c'è già, e questo basta e avanza; in Francia, è inutile andare visto che colà governa una squadra che con lui o senza di lui lo scudetto lo vince comunque; in Germania, farebbe fatica con la lingua, il gelo e il mangiare, mentre in Premier se non si è disposti a galoppare come ad Ascot manco varcarne la soglia. La Scandinavia, lasciamola stare, e allora dove potrebbe trovare alloggio caloroso, ricco e favorevole se in quel di Milano? Che di nebbioni ne ha sempre meno, che è tornata vivace e creativa quanto e più di Berlino, che è alla vigilia ( Sala e 'tintinnega' permettendo) di rifarsi casa. Si dice, più bella di San Siro, dove per decenni si sono innalzati verso la bella Modonnina tanti di quei trofei da far ingelosire ( perfino) quelli del Bernabeu. Dimenticavamo: ioltre, in qual altro agone del mondo, può dirimere l'annosa questione dei palloni d'oro con Cr7 ? Nuovamente di fronte, come ai vecchi tempi, all'antica Università del calcio?Aggiornamento stadio San Siro. Dopo l'ulteriore ( fine gennaio) ' faccia a faccia' qualcosa dev'essersi smosso. Buon segno, probabilmente c'è ancora una qualche diversità tra Sabini e Lumbard. Tant'è che il buon Sala, sindaco di Milano e non di Pincopallino, finalmente, s'è detto 'ottimista' sulla questione stadio ( che interessa anche la negletta area San Siro). Staremo a vedere, dal momento che questa è una partita decisiva. Non solo per l'augusta e fremente Mediolanum.

LA CRONACA DAL DIVANO. Lasciamo per un attimo l’ordinario, per trattare lo straordinario, che anche questa volta ( che volete farci) arriva dal pallone. Qual è lo straordinario?  La sensazione che Messi si sia stancato del Barca e ( soprattutto) di quelli del Barca, ventilando una sua possibile dipartita ( [...]