Non solo sport. Il lauro d’Olimpia a te, grande Greg! Italia: spedizione nutrita ma fin (troppo) generosa?

Non solo sport. Il lauro d’Olimpia a te, grande Greg! Italia: spedizione nutrita ma fin (troppo) generosa? Potrebbe essere la più grande rappresentativa mai spedita ai giochi d'Olimpia, con già una ventina di medaglie in sacoccia, che avrebbero potuto essere ( molte) di più se non ci fossimo messi a far ' donazioni', qua e là, in po' in tutte le discipline, basti che capiti l'occasione. Quel 'quattro in acqua' fatto partire negli ultimi metri dopo una lunga volata col freno innestato, urla ' ma perchè?': anche un cieco infatti avrebbe visto che bastava dargli ' cuore e anima' per mandarlo non a maneggiare un cucchiaio di legno ma qualcos'altro di ben più pregiato. Le ragazze del fioretto in semifinale s'erano già bevute le coetanee francesi (12 stoccate di vantaggio su 24), quand' ecco arrivare il generoso ' donare' fin a farsi 'gabbare' all'ultima stoccata. A voler contare tutte le 'donazioni' fatte non basterebbe una pagina intera. Evidentemente, oltre a sciogliersi ogni volta, in ogni circostanza, spesso a prescindere, in elogi sperticati per questo o quello, sarà meglio chiedersi quanti ( tra atleti, tecnici, dirigenti) siano in grado di emulare quel valoroso Mancio da Jesi che ( ancor di recente) a tutti noi ha ricordato quanto sia più gratificante cadere sul campo da leoni piuttosto che da pecorelle smarrite. Pur tuttavia d'esempi meritevoli non stiamo mancando. A parte la nostra Fede che di gran sport ci ha nutriti per ( circa) un ventennio, ( questa volta) a mettersi in evidenza è quel gran ragazzone di Carpi che del fondo ( mare e piscina) è il re. Un maledetto virus, a ridosso dell'appuntamento con i libri di epica sportiva, lo ha debilitato, fin a confonderlo, a smarrirlo, fin a togliergli ardire e forza, un po' come ad Achille una volta perso Patroclo. Ma è bastato un amico d'infanzia la sera appresso gli 800 sl a ricordargli quanto il Creatore che ' di lui in lui più vasta orma volle stampar' per convincerlo a gettare al vento tattiche e menate varie per ritrovare d'incanto, completamente, meravigliosamente, quant'è ancora depositato al fondo della sua grande anima umana ed agonistica. Greg, pur strabiliando, non ha vinto l'oro che avrebbe ampiamente meritato fin dalla prima bracciata, perchè un anonimo tenace americano l'ha preceduto di un nonnulla all'ultimo metro, strappandogli l'oro e lasciandogli l'argento. Un oro che all'americano aggiungerà poco o nulla; visto che ( almanacchi a parte ) la gente celebra gli eroi veri e non le loro ombre.In questi giorni di gran afa, con tempeste e disastri vari, si parla molto anche di calciomercato. Che però, con Olimpia che racconta le sue meravigliose storie ad ogni più sospinto, poco o nulla attizza. Una sola noticina: Lukaku avrebbe rispedito al mittente le avances del Chelsea, squadra di spendaccione russo che come le altre due o tre di spendaccioni del Golfo è lasciata libera di spendere e spandere al cospetto imbelle di quel Robin Hood del Ceferin, che invece di togliere danari ai ricchi per darli ai poveri, che altro ha fatto se non consegnare il calcio europeo a chi di questo men se ne fotte?

LA CRONACA DAL DIVANO. ( dal 25 al 31 luglio). Potrebbe essere la più grande rappresentativa mai spedita ai  giochi d’Olimpia, con già una ventina di medaglie in sacoccia, che avrebbero potuto essere ( molte) di più se non ci fossimo messi a far ‘ donazioni’, qua e là, in po’ [...]