Tag "rimini"

 

Rimini. Lampioni ‘intelligenti’ per risparmiare energia. Parte il progetto ‘Life-Diademe’ su 90 lampioni.

Rimini. Lampioni ‘intelligenti’ per risparmiare energia. Parte il progetto ‘Life-Diademe’ su 90 lampioni. La sperimentazione, totalmente a titolo gratuito da parte del comune di Rimini, ha l’obiettivo di contribuire all’implementazione, all’aggiornamento e allo sviluppo ambientale dell’EU, nonché, promuovere e divulgare le soluzioni migliori e le buone pratiche per raggiungere gli obiettivi ambientali e climatici, incoraggiare tecnologie innovative in materia di ambiente e cambiamento climatico. Si tratta di un nuovo sistema di dimmerazione/regolazione dell'illuminazione stradale, economicamente efficiente e progettato per ridurre il consumo energetico del 30% rispetto ai sistemi di regolazione di tipo 'statistico', ovvero tramite l’ausilio di cicli di riduzione del flusso luminoso pre-programmati. La sperimentazione, che oltre a Rimini, in Italia stanno facendo i comuni di Roma e Piacenza, sta dando risultati molto positivi che potrebbero cambiare il sistema d’illuminazione della città nella direzione delle smart city, cioè luoghi cui, grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali e più in generale dell’innovazione tecnologica, sia possibile ottimizzare e migliorare le infrastrutture e i servizi ai cittadini rendendoli più efficienti e in questo caso anche più sostenibili.

RIMINI. E’ iniziata da qualche giorno l’installazione, da parte di ‘Enel-X’ in qualità di gestore degli impianti di pubblica illuminazione nella città di Rimini, dei 90 dispositivi denominati ‘Diademe Device‘, che consentiranno un uso intelligente dell’illuminazione pubblica e un risparmio economico fino al 30%. Il progetto ‘DIADEME‘ si sviluppa nell’ambito [...]

2 luglio 2020 0 commenti

Rimini. Ztl nelle ore serali per borgo San Giovanni. Pedonalizzazione in prova per tre giorni la settimana.

Rimini. Ztl nelle ore serali per borgo San Giovanni. Pedonalizzazione in prova per tre giorni la settimana. E’ una iniziativa che, da un lato, si inserisce nel quadro delle attività di Rimini Open Space, lanciato quest’anno dall’Amministrazione comunale e, dall’altro, fa parte di un progetto di mobilità sostenibile più ampio che vede la via XX Settembre come area centrale interessata ad un cambiamento importante. Borgo San Giovanni fa infatti parte di un progetto esteso, che rientra nel finanziamento del 'Collegato ambientale', ottenuto dal Ministero dell’Ambiente e finalizzato alla: riqualificazione, separazione dei flussi pedonali e ciclabili e al miglioramento degli arredi e del contesto urbano. Un progetto che si connette al resto degli interventi che saranno effettuati a breve lungo la ciclabile della via Flaminia fino al Centro Studi. L’isola pedonale istituita, e’ un primo tassello di innesco del processo di riqualificazione, ed è prevista per tre giorni a settimana: il mercoledì, il giovedì e il venerdì, dalle ore 19,30 fino a mezzanotte. L’area della pedonalizzazione riguarda il viale XX Settembre, compreso tra l’incrocio con le vie Gueritti e Tripoli e l’arco D’Augusto.

RIMINI. L’istituzione della Zona a traffico limitato nel borgo San Giovanni, da mercoledì 1 luglio,  dalle 19,30 alle 24 in fase sperimentale, parte per accompagnare l’iniziativa lanciata dai commercianti del borgo San Giovanni che hanno aderito alla Rimini Shopping Night e si stanno adoperando per rendere il borgo più vivo, più [...]

1 luglio 2020 0 commenti

Bellaria Igea Marina. Riaperti la Torre saracena, il Museo radio d’epoca e il Museo della memoria.

Bellaria Igea Marina. Riaperti la Torre saracena, il  Museo radio d’epoca e il  Museo della memoria. Sul fronte museale, si comincia sabato 27 con la riapertura di tre location. Anzitutto la Torre saracena, il monumento integro più antico di Bellaria Igea Marina, che ospita lo straordinario patrimonio naturale rappresentato dal Museo delle conchiglie. Da sabato 27 fino a giovedì 10 settembre, sarà aperta nei seguenti orari: lunedì dalle 20.30 alle 23.00, martedì dalle 20.30 alle 23.00, mercoledì dalle 20.30 alle 23.00, giovedì dalle 16.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 23.00, venerdì dalle 20.30 alle 23.00 e sabato dalle 16.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 23.00. Venerdì 11 e sabato 12 settembre apertura prevista dalle 16.30 alle 19.00. Aperto sempre da sabato 27 anche il Museo delle radio d’epoca, dal 2013 esposizione permanente delle oltre 140 esclusive radio anni ’20 e anni ’30 proprietà del comune di Bellaria Igea Marina. Questo museo sarà aperto dal lunedì al sabato, dalle 20.30 alle 23.00, fino al 10 settembre. Anche in questo caso, apertura dalle 16.30 alle 19.00 programmata per venerdì 11 e domenica 12 settembre. 'Noi', Museo della storia e della memoria di Bellaria Igea Marina è il più giovane tra i musei della città e trova spazio presso il Vecchio macello di via Ferrarin: due le sezioni aperte al pubblico, una dedicata al popolamento antico della costa, la cui eredità sono numerose tracce a livello archeologico, e una ispirata alle trasformazioni sociali della comunità locale negli ultimi due secoli.

BELLARIA IGEA MARINA. La cultura a Bellaria Igea Marina torna  ad arricchirsi con l’apertura estiva dei poli museali cittadini. Un’offerta a beneficio di residenti e turisti, che va ad integrare il ricco programma definito per la versione estiva di ‘Cultura sul web’; rubriche e interessanti approfondimenti fruibili su Facebook, sia [...]

26 giugno 2020 0 commenti

Rimini. Il teatro ‘Galli’ riapre al pubblico dopo il lockdown. Al lancio il doppio Cd ‘E la chiamano Rimini’.

Rimini. Il teatro ‘Galli’ riapre al pubblico dopo il lockdown. Al lancio il doppio Cd ‘E la chiamano Rimini’. Per tutta la giornata - dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 23 – sarà possibile tornare a riempirsi gli occhi con la meraviglia del Teatro Galli, chiuso al pubblico da fine febbraio. Quasi quasi quattro mesi di silenzio che saranno interrotti grazie alle note di Fabrizio de Andrè e Massimo Bubola e grazie al talento degli artisti riminesi: sullo schermo allestito in sala infatti sarà proiettato in loop il video realizzato dal fotografo Chico de Luigi del brano Rimini, nella straordinaria interpretazione corale realizzata da 36 musicisti e cantautori della città. Una versione inedita – con l’aggiunta al testo originario di due strofe – che fa parte del doppio cd E la chiamano Rimini, curato da Massimo Roccaforte e Aldo Maria Zangheri e prodotto dall’associazione culturale Interno 4.Chi acquisterà il cd, oltre a garantirsi due ore e mezza di musica che rappresenta un unicum per la scena musicale riminese, potrà dare un contributo alla vita artistica della città: il ricavato della vendita infatti servirà a sostenere il palinsesto estivo di spettacoli, che per questa stagione si svilupperà attraverso un circuito di spazi all’aperto con schermi per proiezioni cinematografiche e palchi per spettacoli musicali e performance teatrali.

RIMINI. Il Teatro Galli riapre per la prima volta al pubblico dopo il lockdown sulle note di De Andrè. Sabato 20 giugno si spalancano le porte dello spazio polettiano per una giornata speciale dedicata alla presentazione alla città di E la chiamano Rimini, artisti uniti per la città il progetto [...]

17 giugno 2020 0 commenti

Rimini. Piazzetta San Martino: tornati alla luce i resti del complesso ecclesiale San Martino ad Carceres.

Rimini. Piazzetta San Martino: tornati alla luce i resti del complesso ecclesiale San Martino ad Carceres. Le attività di scavo, finanziate da Hera Spa e condotte sotto la direzione scientifica della soprintendenza Archeologia, Bella Arti e Paesaggio di Ravenna, hanno visto il coinvolgimento di 12 archeologi e di 1 antropologa della ditta ad Arte Srl, ditta incaricata per l’esecuzione delle verifiche archeologiche relative alle attività in progetto. Gli scavi, condotti da gennaio a maggio, hanno individuato immediatamente al di sotto dell’asfalto e sotto la pavimentazione in ciottoli del XX secolo, le fondazioni murarie della chiesa medievale dedicata a San Martino vescovo, ricordata come già esistente in un atto del 996. Si sono così documentate numerose strutture ed evidenze archeologiche che ripercorrono tutta la storia dell’area a partire dall'epoca medievale fino ad arrivare all'epoca contemporanea. La chiesa fu infatti in uso fino al 1806, quando il titolo passò alla chiesa di San Francesco Saverio – il Suffragio – di cui divenne sussidiaria, e venne definitivamente chiusa nel 1809; da allora fu utilizzata come magazzino per il grano, poi come sede delle tipografia Malvolti e nel 1904 demolita per costruirvi i bagni pubblici. Luigi Tonini (1807-1874) ci parla di una chiesa di piccole dimensioni e in buono stato con ancora, nei soffitti, le pitture del Buonamici. Nella chiesa di San Francesco Saverio in piazza Ferrari si conserva, inoltre, presso la prima cappella di sinistra, la pala per l'altare di San Martino eseguita da Niccolò Frangipane sul finire del XVI secolo (post 1585) e raffigurante la Madonna in gloria con i santi Martino e Giovanni Battista.

RIMINI. Gli scavi archeologici effettuati in piazzetta San Martino nel comune di Rimini, nell’ambito del cantiere  Connessioni urbane per il IV stralcio del progetto del Museo Fellini, hanno permesso di riportare in luce i resti del complesso ecclesiale di San Martino ad Carceres. Le attività di scavo, finanziate da Hera [...]

12 giugno 2020 0 commenti

Rimini. Rateizzazioni con agevolazioni. In commissione le modifiche al regolamento Entrate.

Rimini. Rateizzazioni con agevolazioni. In commissione le modifiche al regolamento Entrate. Si tratta di un’opportunità contenuta nella legge di Bilancio 2020 che amplia gli strumenti a disposizione dell’Amministrazione nella prospettiva di fornire un supporto ai contribuenti, ancor più rilevante nell’attuale contesto post emergeziale. Un percorso già intrapreso dall’Amministrazione comunale con il regolamento per la gestione entrate tributarie, al quale ora vanno a coordinarsi anche le entrate di altra natura. Nello specifico le modifiche prevedono l’aumento delle rate concedibili fino a 72 mesi (rispetto ai 24 mesi attuali) e la richiesta delle fideiussioni solo oltre le 36 rate (mentre oggi sono richieste indipendentemente dalla durata per importi superiori ai 10.000 euro). Sul fronte del contenimento degli oneri per il debitore, questi sono richiesti nella misura del 3% e 6% dell’importo, fissando una soglia massima di 300 euro e 600 euro, solo se non il debitore non versa nei termini di 60 giorni. Prima di tale modifica, a Rimini l’importo era 4,20% (a fronte dell’8% definito da Equitalia) e non era determinata alcuna soglia massima. Inoltre è stato ridotto l’importo minimo per chiedere la rateizzazione, che passa da 300 a 100 euro. Unica condizione posta dalla legge di Bilancio riguarda il minimo di 36 mesi per rateizzazioni per importi superiori a 6.000 euro.

RIMINI. La V e I Commissione in seduta congiunta hanno espresso parere favorevole alle proposte di modifica del Regolamento generale entrate e del Regolamento entrate tributarie, che consente l’ampliamento delle rateizzazioni per gli atti di accertamento erariale emessi dal 1° gennaio 2020. Si tratta di un’opportunità contenuta nella legge di [...]

10 giugno 2020 0 commenti

Rimini, Verso la chiusura dei lavori per il nuovo parcheggio di Torre Pedrera. Con cento altri posti auto.

Rimini, Verso la chiusura dei lavori per il nuovo parcheggio di Torre Pedrera. Con cento altri posti auto. Si tratta di un’infrastruttura realizzata a monte del tracciato ferroviario, tra via Apollonia e via Gaza, che oltre a dare un’adeguata risposta ai bisogni di posteggio presenti nell’area, rappresenta anche un’opera di riqualificazione di un’area da tempo non valorizzata. Il parcheggio, che metterà a disposizione 100 nuovi posti auto, rappresenta una dotazione importante soprattutto in previsione dell’aumento della domanda legata alle nuove funzioni e alla riqualificazione dei lungomari attualmente in corso di realizzazione nell’ambito del progetto Parco del mare. Anche quest’opera rientra nel Bando periferie, un insieme di progetti sinergici che uniscono alla riqualificazione urbana e ambientale, il potenziamento della mobilità e dell’accessibilità dell’intero quadrante di Rimini Nord.

RIMINI. Sono in dirittura d’arrivo i lavori per la realizzazione del nuovo parcheggio a Torre Pedrera, un’infrastruttura realizzata a monte del tracciato ferroviario, tra via Apollonia e via Gaza, che oltre a dare un’adeguata risposta ai bisogni di posteggio presenti nell’area, rappresenta anche un’opera di riqualificazione di un’area da tempo [...]

3 giugno 2020 0 commenti

Rimini. Il racconto sui media tedeschi della ripartenza turistica.Qui i corrispondenti di Faz e di Sat.1

Rimini. Il racconto sui media tedeschi della ripartenza turistica.Qui i corrispondenti di Faz e di Sat.1 Dopo la Bild, continua ad essere alta l’attenzione dei media tedeschi per la ripartenza di Rimini, scelto quale luogo simbolo delle vacanze in Italia. Negli ultimi giorni a documentare come la città si stia organizzando per accogliere i turisti dopo l’emergenza Covid sono arrivati il giornalista Helmut Luther, corrispondente del quotidiano Faz (Frankfurter Allgemeine Zeitung) e Lisa Braito, giornalista del gruppo ProSiebenSat.1 Media SE, secondo gruppo radio televisivo europeo per numero di famiglie raggiunte, con sede in Baviera e oltre alla Germania presente in vari stati tra cui Austria e Svizzera. Entrambe le testate hanno approfondito il doppio binario su cui si snoda lo sviluppo di Rimini: la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale – toccando il Castello, il teatro Galli, il ponte di Tiberio e ancora il cinema Fulgor, nel racconto del progetto del Museo internazionale Federico Fellini – e la riqualificazione del waterfront, con il piano di risanamento ambientale che si incrocia con la rigenerazione urbana e che nel Belvedere di piazzale Kennedy il simbolo più rappresentativo.

RIMINI. Dopo la Bild, continua ad essere alta l’attenzione dei media tedeschi per la ripartenza di Rimini, scelto quale luogo simbolo delle vacanze in Italia. Negli ultimi giorni a documentare come la città si stia organizzando per accogliere i turisti dopo l’emergenza Covid sono arrivati il giornalista Helmut Luther, corrispondente [...]

27 maggio 2020 0 commenti

Rimini. Nuova spiaggia. Dilatati spazi e tempi di utilizzo. Servizi aperti fino alle 22. E anche cene in spiaggia.

Rimini. Nuova spiaggia. Dilatati spazi e tempi di utilizzo. Servizi aperti fino alle 22. E anche cene in spiaggia. Rimini infatti prosegue inoltre il suo impegno per una spiaggia plastic free: sulle spiagge del Comune è confermato il divieto di vendita di bevande in bicchieri di plastica usa e getta così come la distribuzione ai clienti di bicchieri e cannucce in plastica usa e getta. Si potranno utilizzare invece bicchieri di carta e di materiale compostabile monouso o di materiale plastico lavabile in lavastoviglie e riutilizzabile. A seconda della tipologia di bicchieri e cannucce monouso utilizzati, i concessionari dovranno dotare gli spazi comuni di contenitori per la raccolta differenziata e comunicare la clientela sulle modalità per il corretto conferimento dei rifiuti. E’ previsto inoltre un aggiornamento delle linee guida per il servizio di somministrazione dei bar di spiaggia e dei chiringuito, che sarà al centro di uno specifico provvedimento e che servirà per allineare il servizio alle indicazioni igienico sanitarie a prevenzione del contagio da Covid-19. Salute e tutela dell’ambiente sono alla base della riconferma del divieto di fumare sulla battigia, già introdotto nella passata stagione. Un provvedimento studiato per garantire il benessere dei non fumatori e allo stesso tempo ridurre la presenza di mozziconi sulla battigia.Così come lo scorso anno, anche l’ordinanza 2020 prevede l’obbligo di illuminazione notturna delle spiagge, allo scopo di aumentarne la sicurezza e la fruibilità.

RIMINI. Più spazio, più tempo e più servizi per una spiaggia da vivere in sicurezza e nel pieno delle proprie potenzialità. Al termine del confronto sull’Ordinanza balneare comunale è stato definito il quadro normativo per la stagione estiva 2020. COMMENTO. “Un testo che contempla numerose novità – commenta l’assessore al [...]

26 maggio 2020 0 commenti

Rimini. Infrazioni agli incroci semaforici: oltre 900 le infrazioni registrate tra marzo e aprile scorsi.

Rimini. Infrazioni agli incroci semaforici: oltre 900 le infrazioni registrate tra marzo e aprile scorsi. Solo nel mese di marzo sono state 300 le infrazioni: un numero certamente inferiore alla media mensile pre-emergenza, ma che conferma un fenomeno preoccupante. E con l’allentamento delle misure è tornata a salire la 'curva' delle infrazioni: ben 617 quelle registrate dalle apparecchiature nel solo mese di aprile. Intensa l’attività di monitoraggio degli impianti posizionati all’incrocio di via Regina Margherita/via Catania, uno degli ultimi in ordine di tempo ad essere installato: da gennaio (mese di attivazione del sistema) ad aprile sono state mille le infrazioni registrate, più di un terzo del totale delle violazioni dei primi quattro mesi del 2020. Si ricorda che il passaggio con semaforo rosso prevede una sanzione di 167 euro (ridotta del 30% se pagata entro 5 giorni) e la decurtazione di 6 punti sulla patente. L’importo della sanzione prevede anche un aumento del 30% se la violazione è commessa in orario notturno (dalle 22 alle 6 del mattino) e la sospensione della patente, nel caso di recidiva entro i 2 anni successivi.

RIMINI. Nemmeno il ‘lockdown‘ blocca i trasgressori del semaforo. Sono state oltre novecento infatti le infrazioni registrate tra marzo e aprile dai tredici impianti di rilevamento posizionati su sette incroci semaforici del territorio comunale. Un numero considerevole se si considera la ridotta circolazione di mezzi a causa delle misure messe [...]

15 maggio 2020 0 commenti