Non solo sport. Mondiale: Var, dove sei? Messi piange, Cr7 ride. Una ‘rossa’ alla Fantozzi che non ci piace.

Non solo sport. Mondiale: Var, dove sei? Messi piange, Cr7 ride. Una ‘rossa’ alla Fantozzi che non ci piace. Fatto è che, Lewis, in Francia, ha vinto per la prima volta, e s'è ripreso il bastone del comando con 14 punti ( se non abbiamo calcolato male) di vantaggio sul suo avversario, il nostro Seb , partito coi soliti 'coinvolgimenti' alla Fantozzi, e poi costretto a realizzare dal fondo un eroico inseguimento concluso in quinta posizione. Non è certo questa la 'rossa' che sogniamo. Altre di sport. Veleggia il Mondiale di Russia, che ce le sta facendo vedere di tutti i colori. Che dire? Favoriti? Tutti e nessuno. Anche perchè ci avevano promesso ' regolarita' di trattamento assoluta eppoi le cose ( sul campo) restano come sempre. Nella partita chiave Germania-Svezia, sì la Svezia che ci ha ( meritatamente) eliminato, al 13' il difensore Boateng ha steso l'attaccante Berg: rigore netto, con possibile espulsione del tedesco, eppure l'arbitrucolo in campo non s'è manco preoccupato di chiedere l'assistenza. A tempo esaurito, infine, è stata concessa una punizione dal limite, sfruttata da Kross per inventarsi un prodigio balistico. A questo punto gli alemanni tornano in gioco e se passano il turno saranno 'fischi duri' per tutti. Si avvicina il Tour, con Nibali ancora segretato. Baluginano quelli del volley. Altro appello: lasciate in pace Filippo Tortu, 19 anni, già sotto i dieci nei cento. Gran tempo per noi, ma non ancora l'eccellenza mondiale, per cui lasciatelo crescere come si deve. Che, questo, le ali ce le ha, eccome!

LA CRONACA DAL DIVANO. A star sentire Hamilton sarebbe toccato alla ‘rossa’ l’alloro di Le Castellet e, invece, se l’è preso lui. Candidato a diventare però il vittorioso più noioso della storia della F1, con un soprannome che ormai si merita, ovvero: ‘partito-arrivato’, nel senso che dal momento in cui [...]